mercoledì 8 settembre 2021

OPINIONE DEL ROCKPOETA®: "Repetita Iuvant, Declarando Expediunt"

 "REPETITA IUVANT. DECLARANDO EXPEDIUNT (SPERO)" 

Premesso che mi auguro che il latino sia corretto visto che non l'ho mai potuto studiare, veniamo al post.

Io non sono contro chi si vuole vaccinare anche se penso che non serva e che possano esserci molti più rischi per la persona a causa  degli effetti collaterali piuttosto che veri vantaggi derivanti dalla sua reale efficacia, sono invece assolutamente contro chi, e lo sono con ferocia, vuole obbligarmi a farlo o in subordine pretende di rinchiudermi in un lager, o ghetto e sono anche contro Draghi, Speranza e questo mono-esecutivo senza una reale opposizione politica, che vuole solo imporre il vaccino perchè avendone acquisito uno stock ulteriore fino al 2022 non può certo tenerlo in magazzino a marcire.

Quindi massimo rispetto per chi si vaccina, e massima e sincera contentezza se sta bene e non ha problemi, feroce accanimento difensivo invece verso chi mi vomita odio soprattutto visto che anch'io potrei rischiare seriamente la vita iniettandomi quella roba. 

Pertanto al prossimo che capiti qui (in realtà accade più su Facebook e non con voi) a farmi facile ironia sul come me la vivo male o che me la cerco perchè potrei vaccinarmi. o mi dimostra inconfutabilmente, cosa allo stato attuale impossibile, che quell'unico e solo vaccino rimasto, perchè gli altri sono misteriosamente spariti, è sicuro al 100% per tutti, è egualmente efficace contro ogni variante e può pure dimostrarmi che non ci siano report fasulli creati dalla stessa Pfizer per vendere meglio il suo veleno, o si astenga dal farla. 

Anche il sostenere che i tamponi per lavorare ce li si deve pagare (volendo così, proprio come fa il governo peraltro, surrettiziamente spingere, per il costo del tampone rapido, a vaccinarsi non rispettando una scelta sacrosanta) non lo posso accettare se non mi dimostra pure lui o lei quanto sopra richiesto per chi fa della facile ironia... 

Chiudo mostrando un altro segno di incongruenza per ora non ancora realizzato dal governo, ma di cui si sta discutendo. Si parlava, (ed uso l'imperfetto perchè ora sembra si stia tornando all'idea di tamponi gratuiti per chi lavora in generale) di concedere  i tamponi  gratis soltanto a quei lavoratori fragili che quindi non potessero vaccinarsi o fosse per loro ritenuto dal governo stesso rischioso. Tra le patologie inserite c'era la Paralisi di Bell. Curioso il fatto che , se questa cosa andasse in porto,  la Paralisi di Bell sarebbe una esimente al pagamento del tampone perchè rischioso vaccinarsi e quindi si comprenderebbe il timore di chi ha avuto o ha in corso detta patologia a fare il vaccino, ma al contempo detta malattia non è attualmente tra le patologie che automaticamente ti escludono dal vaccinarti. Ecco ho detto tutto, chiudo, perchè credo che repetita iuvant , ribadendo che io non provo astio o disprezzo o compatimento per chi si vaccina, ribadendo che non è mio nemico a prescindere chi si vaccina e che lo rispetto se è una bella persona e lo posso stimare ed essergli amico, MA non accetto più da nessuno minacce, velate speranze che mi prenda il covid, o ancora sentirmi dire cazzate come quella "Se vai al pronto soccorso per il covid e non sei vaccinato paghi le cure". Peraltro su questa cosa avevo a suo tempo su Facebook scritto un post dove dimostravo l'incostituzionalità di questo concetto, di come espresso in quel modo in sostanza non mi si impediva di entrare cmq nel pronto soccorso pubblico se pagavo e di come infine un principio in diritto non può essere ad personam e pertanto si estenderebbe paradossalmente perfino al migrante che per fame ruba un panino viene ferito e non ha il vaccino. Ridicolo.

Credo di aver detto tutto, chiedo scusa a quelli che seguendomi qui e conoscendomi bene (siccome questo post è nato ieri su Facebook e qui lo riporto nei contenuti integralmente) queste cose le sanno già, e mi stimano (spero ancora :-))) ), cosa di cui sono onorato e della quale li ringrazio, sapendo bene che anche se loro sono vaccinati e sono favorevoli al vaccino non li ho mai rincorsi con una clava per questo 🙂 e che abbiamo sempre discorso civilmente, accalorandoci talvolta ma sempre ascoltando rispettosamente ciascuno le argomentazioni  dell'altro e chiedo scusa a chi sa che la mia veemenza poetica ed anche in prosa sorgono solo quando avverto appunto ottusità, ignoranza, aggressività e desiderio di sottomettere il prossimo alla propria tesi oggi, alle sue assurde leggi un domani.  

DANIELE VERZETTI ROCKPOETA®

22 commenti:

Franco Battaglia ha detto...

Ti voglio un gran bene pur non essendo in accordo con te sullo specifico argomento. Spero che tutto si risolva prima della necessità di obbligo di vaccino. Direi che in quel caso tu possa sentirti tutelato in caso di insorgenza di controindicazioni future. Noi che ci siamo vaccinati finora volontariamente ci siamo presi comunque la responsabilità, ed eventualmente, in futuro, potremo fare causa al massimo a noi stessi.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER FRANCO: no, se succedesse qualcosa a voi io sarò dalla vostra parte perchè possiate fare causa in quanto è assurdo sostenere che possiate aver firmato un consenso infomato se neanche chi questo vaccino lo produce e chi ve lo somministra come un pusher malefico è informato sulle conseguenze del medesimo. Il mea culpa avrebbe senso se aveste firmato un semplice consenso perchè allora avreste firmato di accettare il vaccino a prescindere dalle conseguenze. Dichiarare di essere informati di rischi che nemmeno sono presenti nel modulo, modulo che tra l'altro avrebbero dovuto rilasciarvi in copia, è fantascienza legislativa. Il bene e l'affetto nei miei confronti sai che sono totalmente ricambiati.

Gus O. ha detto...

Repetita iuvant è una locuzione latina che, tradotta, letteralmente significa "Le cose ripetute aiutano". Ebbene, Daniele, sono sicuro che non ti servirà. Tu sei stato sempre chiaro e onesto e chi ti vuol bene ha capito subito la tua onestà. Chi appartiene alla schiera dei facinorosi che odia qualsiasi posizione diversa dalla propria seguiterà a tormentarti.
Condivido la tua ostilità verso un Governo con oppositori inesistenti e opportunisti.
L'imposizione del Green Pass è un escamotage che vuol imporre la vaccinazione calpestando il diritto di scelta dei cittadini.
Ti abbraccio.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER GUS: grazie, io ho sempre voluto essere chiaro e coerente e soprattutto sincero. Sicuramente dopo questo post chi aveva dei dubbi sulla mia posizione nella sua totalità ora non può più averne e quindi se prosegue un certo tipo di commenti soprattutto su Facebook ad essere onesto, beh o è ottuso o è In malafede. Grazie per le tue parole contraccambio il tuo abbraccio di tutto cuore.

°°valeria°° ha detto...

Ho sempre rispettato le idee di tutti, non vedo perchè dovrei accanirmi su chi non ha fatto il vaccino. Ho molti amici che hanno scelto di non farlo, non sopporto i discorsi nei bar o su fb dove si attaccano le persone. Volevano metterci tutti contro tutti e forse ci sono riusciti. Ma come tu rispetti me vaccinata, io rispetto te. Buona giornata Daniele

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PEPR VALERIA: grazie sei una grande!!!

Mirtillo14 ha detto...

Caro Daniele, io mi sono vaccinata perchè ho pensato che fosse la cosa migliore per me e per chi mi sta vicino, ma non ho nulla contro chi non si è vaccinato . Anch'io ho i miei dubbi sulla efficacia dei vaccini ma, soprattutto,spero non abbiano effetti nefasti, magari in futuro !! Ma questo lo sapremo solo più avanti...Avrei fatto volentieri a meno di vaccinarmi ma rivolevo la mia vita !! Spero di aver fatto la scelta giusta !! Per il resto, ognuno è libero di fare come meglio crede, io non ho problemi. Saluti.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER MIRTILLO: ti ringrazio è questo che con il post voglio sia sottolineato, il doveroso rispetto per chi ha scelto una strada anziché l'altra ed il sacrosanto diritto a non essere obbligato a cambiarla.

Farfalle Libere ha detto...

Ora che leggo il tuo scritto in prosa, devo dire che il tuo pensiero mi è più chiaro. Avevo frainteso il significato di alcuni versi, e mi dispiace, perchè avevo pensato che tu te la prendessi anche con chi avesse deciso di vaccinarsi. Detto questo, non è stata mai mia intenzione quella di convincerti a vaccinarti. Non sono d'accordo con la tua scelta ma la rispetto, e quando ci siamo confrontati più di una volta, io cercavo solo di spiegare perchè io non condivida non tanto quella che è la tua scelta di non vaccinarti ( comprendo le tue paure) ma piuttosto la tua idea di considerare il green pass o l'obbligo vaccinale come dittatura e ho anche spiegato il perchè, secondo me, non è una dittatura ma l'unica possibilità, almeno per ora, non di risolvere la situazione ma di limitare i danni. Forse sarà uno sbaglio, ma un tentativo andava fatto. Ognuno resta della sua idea come è giusto che sia, come è giusto che ognuno esprima la propria opinione. Si può non condividere un'idea di una persona e ci mancherebbe, sai che noia in un mondo tutto uguale. Un abbraccio a te, Daniele.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER FARFALLE LIBERE: sono contento che adesso il mio pensiero ti sia più chiaro, volevo proprio chiarire con chi come te mi segue da meno tempo e quindi non conosce il mio storico ed il mio modo di essere, il fatto che non era una caccia al vaccinato ma a chi vuole obbligarmi ad esserlo o rinchiudermi in un lager se per caso non lo faccio.

Cavaliere oscuro del web ha detto...

Ognuno deve sentirsi libero di scegliere.
Saluti a presto.

Ariano Geta ha detto...

Da anni non bazzico facebook e quindi non conosco la bagarre alla quale ti riferisci, comunque se ti riferisci a certi commenti "estremisti" di provax, non puoi prenderli sul serio. Allo stesso modo in cui io non prendo sul serio certi commenti estremisti di novax (e ne ho letti davvero tanti deliranti, ma parto dal presupposto che quelli sono flamers o imbecilli, quindi non vanno presi sul serio).
Io mio consiglio è di prendere come riferimento esclusivamente le decisioni del governo, non le "opinioni" di sempronio56 su facebook o di cippalippa44 su twitter. Se per valutare i novax dovessi basarmi su certi commenti violentissimi che leggo su twitter, la mia opinione sarebbe decisamente poco lusinghiera. Come in tutti i casi, bisogna invece valutare il singolo interlocutore e non fare "di tutta un'erba un fascio".

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER CAVALIERE: giusto e speriamo che questa libertà non ci sia strappata via vergognosamente.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER ARIANO: parto dal fondo ed apprezzo questo tuo distinguo che ti fa onore. Se sto alle decisioni fatte e possibili a breva da parte dell'esecutivo c'è da preoccuparsi tantissimo.

Farfalle Libere ha detto...

Hai fatto bene a chiarire, ma comunque non era diminuita la mia stima per te. Più che altro non riuscivo a capire, perché vedevo la cosa come una contraddizione rispetto al tuo modo di pensare. Però, in effetti, io avevo frainteso il significato di alcuni tuoi versi. Ma è così, i versi spesso ci sfuggono perché si prestano a tante definizioni. Ciao Daniele.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER FARFALLE LIBERE: beh a volte nei versi non fai un distinguo come in prosa e presupponi che chi ti conosce sappia farlo in automatico ma non è così. Tutto è bene quel che finisce bene direi :-))) sperando che non ci siano altre sorprese brutte in arrivo.

Fabio Melis ha detto...

Concordo con te sul fatto che ogni discussione richiede sempre rispetto reciproco. Come sai non condivido il tuo pensiero su questa materia. Ti ammiro però per la passione che metti nelle cose che fai e per la tua capacità di indignarti (cosa oggi assai rara). Speriamo che questa cavolo di pandemia finisca al più presto perché siamo tutti assai provati da questa situazione. Speriamo davvero in un futuro migliore. Un caro saluto a te.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER FABIO: contraccambio il tuo saluto e speriamo davvero che si possa miracolosamente ritornare a prima, ma sembra davvero difficile.

Mariella ha detto...

Daniele, tu dai che non si prescinde dalla stima reciproca che c'è sempre stata e ci sarà. Detto questo, forse ti sembrerà eccessivo ma, per quel che mi riguarda, ho scelto di non frequentare chi non si vaccina. E lo dico chiaramente, senza timore. Credo sia un mio diritto quello di salvaguardarmi dai rischi che un non vaccinato mi farebbe correre. Che sono sicuramente più alti rispetto ai rischi che corro frequentando i vaccinati. Che poi rispetti le scelte di tutti è chiaro così come deve essere chiaro che non amo le gogne. Ho letto cose assurde sia da parte dei vaccinati che da parte dei non vaccinati con un indice di aggressività estremo. Me ne tengo fuori ma, ripeto, ho diritto a tutelarmi come meglio credo.
E speriamo di lasciarci tutto alle spalle...

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER MARIELLA: è un tuo diritto, come dovrebbe restare mio quello di non vaccinarmi. Peraltro un non vaccinato fa il tampone e quindi sai in tempo reale se ha qualcosa ossia il covid, un vaccinato può cmq contagiare altri. Peraltro la tua decisione è la prova che il vaccino. non è così efficace come dicono perchè altrimenti se fosse veramente efficace non avresti paura di incontrare un non vaccinato, mentre invece ce l'hai e parecchia. Una sola curiosità, quando vai in giro o sei in un negozio come fai a sapere che le persone con cui interagisci sono vaccinate? Concludo ribadendo anch'io nei tuoi confronti la mia totale stima.

Mariella ha detto...

Dai Daniele, la domanda sul negozio è pretestuosa. I tamponi hanno tempo 48 ore per cui non sei sicuro affatto, altro che tempi reale... e nessun vaccino può essere efficace al 100% cosa che è stata detta e stradetta, direi che possiamo fermarci qui😉

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER MARIELLA: il mio esempio era solo legato al fatto che stando in giro non puoi sapere se per esempio in tremo qualcuno dei viaggiatori è vaccinato o meno. Vero i vaccini non sono mai sicuro al 100% ma se preferisci non avere possibilmente contatti con chi sai che non è vaccinato, vuol dire che pensi che questo vaccino non sia così altamente protettivo.