venerdì 19 luglio 2019

L'Angolo del Rockpoeta®: "Palinsesti Osceni"

Postata da me sul blog di Patricia Moll un po' di tempo fa, la pubblico anche qui per tutti coloro che non l'avranno potuta leggere.

PALINSESTI OSCENI

Talk show malati
Vomitano parole asfittiche e vuote
Come sesso asettico
Dentro un contesto cinico. 

Anche il Messo con la falce
Deve sottostare ai tempi televisivi
Rispettare gli spazi pubblicitari
E rassegnarsi agli ululati del pubblico.

E tu telespettatore fesso
Essere raggirato e soggiogato
Da quei suoni e quei colori fittizi
Ti rifugi dentro quella realtà immaginaria
Per vivere un mondo che non esiste

Guardi con occhi allampanati
Quegli squallidi programmi
Mostrando la tua totale assenza di dignità.

DANIELE VERZETTI ROCKPOETA®

mercoledì 17 luglio 2019

L'Angolo del Rockpoeta®: "No More Words"

NO MORE WORDS

Non solo parole
Non più parole
Non le vostre
Ipocrite
Cerimoniali e cerimoniose
False
Corrotte.

Non voglio più il vostro cordoglio
I vostri viscidi abbracci,
Voglio verità
Quelle verità che le vostre parole
Ed i vostri sotterfugi hanno polverizzato

Non voglio più chiacchere vuote
Voglio verità e giustizia
Ora, subito!

E senza parole.

DANIELE VERZETTI ROCKPOETA®

lunedì 15 luglio 2019

L'Angolo del Rockpoeta®: "Percorso Obbligato"

Due realtà differenti. Johnny disoccupato che cerca la bottiglia e l'altro personaggio, poeta,  che è rassegnato alla sconfitta ed i suoi versi vorrebbero fermarlo dallo scrivere ancora ma, nonostante l'amarezza del poeta, non ci riescono.

PERCORSO OBBLIGATO

Sogni svaniti all'improvviso
Occhi da bambino
Sguardo costruttivo sul futuro
Sopraggiunta rassegnazione

Le corse sulla spiaggia
Pergamena di laurea
I tuoi sogni svaniti così all'improvviso.

Versi ricurvi sulle perversioni del mondo
Versi come sferzanti carezze sull'infelicità umana
Versi indulgenti
Rabbiosi
Impietosi

Johnny si sveglia la mattina
Osserva malinconicamente la bottiglia di Whisky sul suo tavolino
Subdola consolazione per la sua disoccupazione.

E questi versi stanchi
Fissano quella bottiglia con bramosia

Vorrebbero annullarsi
Spegnersi
Ignorare almeno per una volta le ferite del mondo
Sfuggire all'ineluttabilità di quel percorso obbligato
Riuscendo a bloccare il loro creatore
Impedendogli di pensare, emozionarsi, scrivere. 

Intanto Johnny si è svegliato stamattina, 
Felice di avere ancora sul tavolino la sua bottiglia.

DANIELE VERZETTI ROCKPOETA®

venerdì 12 luglio 2019

L'Angolo del Rockpoeta®: "Caramella Avvelenata"

CARAMELLA AVVELENATA

Fruscio sospetto
Poi avverti un suono particolare
Come uno scatto di una vecchia reflex
Uno strano "click" d'altri tempi.

Se sei attento e vicino 
Puoi appena coglierlo in quel breve istante di silenzio.

Poi un devastante boato illumina il cielo
E deflagra spargendo sangue dentro un mercato.

È l'ennesima caramella avvelenata
Che travolge ed uccide vite innocenti
In questo deserto di anime chiamato Afghanistan.

Amigdala ormai guasta
Per assuefazione alla paura
Non rileva più in noi alcuna emozione 
Nè terrore
Ma insana abitudine
Scioccante rassegnazione
E profondo dolore.

Ed il nostro animo
Come un triste museo di croci
Sepolte dentro un mare di lacrime.

DANIELE VERZETTI ROCKPOETA®

mercoledì 10 luglio 2019

L'Angolo del Rockpoeta®: "Peccato Originale"

PECCATO ORIGINALE

Nasco dal peccato originale
Mondo guasto 
Riciclaggio malato 

Nasco dal peccato originale
Ma i veri peccatori siete voi
Ipocriti mercanti del tempio.

Tutto crolla
Ma il megafono del sistema
Gira le piazze
Scandendo a chiare lettere
Uno slogan figlio di una tamburellante propaganda:

"TUTTO È FANTASTICO, FUORI TUTTO È FANTASTICO!"

Tutto fuori è meraviglioso
Certo
Meraviglioso vedere il pronto soccorso senza barelle
Aspettare un futuro irraggiungibile
Dormire fuori dai cancelli della tua fabbrica
Avendo perso il lavoro e non sapendo più 
Quali prospettive ti attendono, se te ne attendono.

Ma voi state tranquilli
Non preoccupatevi
Non indignatevi
D'altronde, cos'è che vi dicono?

Ah già "Tutto è fantastico, fuori tutto è fantastico"

DANIELE VERZETTI ROCKPOETA®

lunedì 8 luglio 2019

L'Angolo del Rockpoeta®: "Dream"

DREAM

Animali sognano
Un mondo senza uomini
Pensiero inquietante
Che ci sconvolge la mente

Connessione illogica
Ribellione magica
Un mondo senza uomini
That's a new reality

Mai più parole
Soltanto suoni
I versi degli animali
Come nuove lingue

Connessione illogica
Ribellione magica
Un mondo senza uomini
That's a new reality

Pensiero preoccupante
Sconvolge la nostra mente
Un mondo senza uomini
That's a new reality.

DANIELE VERZETTI ROCKPOETA®

venerdì 5 luglio 2019

L'Angolo del Rockpoeta®: "Quando Sarete Sobri"

Postata sei anni fa, ancora attuale oggi...

QUANDO SARETE SOBRI

Sangue nero
Mondanità etico-sociale imbarazzante
Esausto ristorarsi da volgarità cerebrali

Non piangere per me
Se mi ami
Non pensarci
Lasciami morire qui

Tutto finito
Ripiegarsi accorto di verità coraggiose abbandonate
Corsa a ritroso
Cinguettii scoprono realtà drammatiche
Se ne nutrono
Le sputano dopo poche ore
Non le sorreggono.

Piazze di fuoco
Fuoco nelle piazze
Anime di lotta e libertà
Sono sole
Inascoltate
Perché è tutto finito
Tutto finito

Da Atene a Madrid
Da Stoccolma a Istanbul
Nessuno li sostiene
E soffocano stritolati
Da politicanti sordi e corrotti
Con il resto del mondo
Ubriaco fradicio di codardia.

Ed allora non cercatemi
Non ora
Non fino a quando
Sarete in preda ai fumi di una ipocrita codardia.

Venite da me solo quando capirete
Solo quando sarete sobri.

DANIELE VERZETTI ROCKPOETA®