venerdì 30 luglio 2021

L'Angolo del Rockpoeta®: "Dirty Agreements"

Anche questa è una poesia di alcuni anni fa ormai proposta dal vivo alla Sala dei Chierici presso la Biblioteca Berio a Genova. Un tema però, purtroppo, molto attuale anche . Vi lascio al video per scoprire di cosa si tratta...  PS: in questa circostanza mi avvalgo nella lirica  di Alberto Borgatta Chitarra e voce (canto).




mercoledì 28 luglio 2021

L'Angolo del Rockpoeta®:"Concatenazione"

CONCATENAZIONE

Pareggio 
Stato
Bilancio
Fame
Fallimenti
Reazione
Lotta
Assenza di lotta
Paura
Rassegnazione
Tristezza
Solitudine
Assenza di unità
Unità
Soluzione
Forza
Voglia
Lotta
Ideali
Amore
Sesso
Gioia
Ripresa
Giustizia
Sconfiggere ipocrisia e corruzione
Reazione
Trionfo
.....ILLUSIONE? 

DANIELE VERZETTI ROCKPOETA® 

lunedì 26 luglio 2021

L'Angolo del Rockpoeta®: "Cogito Ergo Sum...Libero!"

 COGITO ERGO SUM...LIBERO! 

La mia mente divaga
Spazia dentro pensieri che tu 
Nè accetti nè comprendi
Povero Mark Z.
E se solo il tuo cinismo 
E la tua vile istigazione alla censura
Non fossero inversamente proporzionali
Alla tua totale assenza di voglia di verità ed umanità
Saresti forse una persona decente. 

E mi scruti con quel tuo ridicolo algoritmo
Che per ingannare basta mettere un titolo 
Che non richiami i contenuti dei miei versi 
O dei miei post,
O inciti ad una vile delazione
Solo però per chi dice concetti scomodi
E non per esempio per contenuti volgari e violenti. 

E mi suggerisci cosa guardare
Come se già non lo sapessi da me
Ed hai paura che si parli di dubbi
Dubbi su rimedi che lasciano perplessi
Per debellare questa procurata e voluta
Mannaia per selezionare la popolazione mondiale
E successivamente ingabbiarla dentro
A restrizioni mondiali inaccettabili

E vado a ruota libera
Libera come io non sono
Libera come tu non vorresti che fossimo
Libera come torneremo ad essere un giorno.

Un consiglio: non chiedermi più a cosa penso
Scrivi, solo per me ti prego, la frase:
"Quali banalità stai rimuginando"?

Perchè, vedi, con me corri un grave rischio
E cioè che io davvero scriva quello che penso
Perchè io
A contrario di tanti altri
Penso
E, 
Ulteriore ed ancor più grave
Circostanza aggravante,
Lo faccio con la mia testa.

DANIELE VERZETTI ROCKPOETA®

venerdì 23 luglio 2021

L'Angolo del Rockpoeta®: "Dalì Ed I Suoi Orologi"


DALI' ED I SUOI OROLOGI

Li ho sognati stanotte
Ricordo che sudavo freddo
Una volta aperti gli occhi
Ero ancora sconvolto.

Sabbia
Mare sullo sfondo
Ed orologi molli 
Liquefatti
Segnano la fallace caducità
E la labile persistenza del tempo
Causate dalla percezione variabile del tempo stesso
Da parte dell'uomo.

La vacuità delle nostre esistenze
È inversamente proporzionale alla nostra prosopopea

Chissà forse la ragione di questa curiosa proporzione
Trova spiegazione nella nostra fragilità

Pensate che dramma sarebbe
Se prendessimo davvero atto
Della nostra pochezza 
E del nostro essere nulla di fronte all'universo
O ancora se ci rendessimo conto
Di come il tempo che ci viene concesso di vivere
Sia fugace e profondamente aleatorio.

Mi alzai
Presi la tela ed iniziai a dipingere
Sabbia
Mare
Orologi molli

E mentre dipingevo
Avvertivo sempre più
il vero significato di questi orologi liquefatti:
Essi rappresentavano noi
Le nostre debolezze
La nostra inconsistenza 
La nostra ineluttabile vigliaccheria
Ma anche il nostro saltuario coraggio
Il nostro talvolta eroico altruismo

Siamo un coacervo di istinti
Che senza amore
Si sciolgono come i miei orologi
E si liquefano sotto i raggi di un sole di morte.  

DANIELE VERZETTI ROCKPOETA®

mercoledì 21 luglio 2021

L'Angolo del Rockpoeta®: "AnimEncefaloGramma"

ANIMENCEFALOGRAMMA

Assenza
L'avverto nel tuo sguardo di oggi
La percepisco dai tuoi occhi socchiusi
Dai pensieri che insegui con la tua mente,
Misteriosi e per noi indecifrabili.

Vuoto
La paura di perderti che abbiamo
Ci lascia un vuoto dentro
E sentiamo che ogni sorriso che ci regali
Ogni momento di lucidità e reattività che ci doni
Hanno un inestimabile valore.

E non si vuole accettare questa assurdità
Questo destino saccente
Che pensa di sapere quando deve intervenire
E la cui sicumera è schifosamente disgustosa ed aberrante.

E poi c'è la mia rabbia
Quella sorda, silenziosa
E quella voglia di violenza,
il desiderio di picchiare a sangue quel fato maledetto
Lasciandolo a terra esanime e con numerose contusioni.

Ma è fantasia
È solo un momento
Poi torno a guardarti con un sorriso
Al quale spero anche questa volta risponderai.

DANIELE VERZETTI ROCKPOETA® 

lunedì 19 luglio 2021

L'Angolo Del Rockpoeta®: "Caldo Torrido"

 CALDO TORRIDO

Il caldo estivo non bastava
Quel giorno ci sarebbe stato
Un calore ancora più asfissiante
Disgustosamente avvolgente
Ed un odore acre

Temperature da calor bianco
Un attimo dopo l'avvenimento

Calma piatta
Un istante prima.

Un boato terrificante
E non è un tuono tipico di un temporale estivo
È un ordigno.

E la tua macchina salta
La tua vita esplode in mille pezzi
E come due mesi prima con Falcone
In pezzi va anche la nostra speranza 
Di sconfiggere la Cupola.

Oggi ti hanno ucciso
Ma il tuo esempio 
Quello non hanno potuto sopprimerlo
Perché puoi uccidere chi lotta contro le ingiustizie e gli abusi
Ma non la libertà e la giustizia.

DANIELE VERZETTI ROCKPOETA®
--------------------------------------------------------------------
PS:In Ricordo del Giudice Borsellino e dedicata a chi lotta a costo della sua vita per la libertà e la vittoria sulle mafie

venerdì 16 luglio 2021

L'Angolo del Rockpoeta®: "15 Days"

15 DAYS

15 giorni,
15 giorni 
O al limite
Qualcuno di più.

Inizi a contarli 
A partire dalla seconda dose fatta dello Pfizer
O se preferite
Li conteggiate "al contrario"
Come un countdown
Ma il risultato non cambia.

Marco è affetto da demenza senile
Oramai Alzheimer
Tutto a causa di un ictus di alcuni anni prima
Dove aveva perso per pochi istanti conoscenza
Svenendo per strada
Ma per fortuna cavandosela per un piccolo miracolo.

Detto questo, però,
Non è gravissimo:
Capita che straparli
Capita che non ricordi
Quello che gli è stato detto un minuto fa
O che non sappia dove ha posato le chiavi 
O che, certe volte. segua immagini e pensieri tutti suoi,
Ma cammina
Sia pure pigramente
Non per lunghi tratti 
Strisciando i piedi,
E parla 
Parla in modo comprensibile
Si fa capire.

Marco è anziano 
Fa parte della prima fascia da "proteggere"
E nonostante pareri anche contrari intorno a lui
Convinto anche dalla moglie
Si vaccina.

Seconda dose: 31 maggio 2021.

Apparentemente
Tutto sembra procedere bene:
Notte passata sereno
Non avverte nulla
Neanche il fatidico dolore al braccio
Nel punto dove è entrato l'ago.

Qualcuno 
Che era scettico
Tira un sospiro di sollievo
Ma non erano ancora trascorsi
I famigerati 15 days...

Allo scoccare di quella giornata
Marco inizia una drammatica parabola discendente
Fatica quasi a deambulare
È più stanco
E di fatto tende a dormire più a lungo.

Preoccupazione immediata 
Dei suoi familiari
Ma non ci danno troppo peso
E la moglie non collega questi fatti al vaccino.

Poi una notte cade 
In corridoio
Sembra per un capogiro
E da quel momento 
Il crollo

Difficoltà a parlare
Paura a camminare o alzarsi in piedi
Nonostante sembra, non ci sia nulla di rotto.

Notte difficile
Segue ed insegue i fantasmi del suo cervello.

Ora sta sempre male
È sempre critico 
Anche se migliora
A volte
Ed altri giorni invece
Fatica ad esprimersi
Mentre capisce tutto quello che ascolta

Di fatto, però, non è più autosufficiente
Di fatto deve essere imboccato
Di fatto era giunto il suo quindicesimo giorno. 

Potrebbe essere un caso 
Direte voi.

Forse, se ce ne fosse solo uno.

Arianna
Lei è la moglie di anni ne ha 83
Uno in meno di suo marito

Lei lo pfizer 
L'ha fatto prima 
E aveva terminato le due dosi
Già da un po'

Anche qui
O volendo seguire il percorso temporale
Per la prima volta qui
Ecco arrivare il quindicesimo giorno...

È sera
Uno strano formicolio
Ed una sensazione di soffocamento
La avvolgono
E crede di morire.

È "solo" la pressione 
La cui massima è più di 200
E che avrebbe potuto far partire un trombo
E causare un ictus

Per fortuna il peggio non accade.

Controllo al Pronto Soccorso
Ma non le danno nulla
Se non il compito di monitorare la pressione.

Passa un mese
Tra up and down
Poi tutto scompare.

Stessa cosa per  Gianni
79 anni
Lui invece ha avuto una regressione perchè
Aveva fatto direttamente lo Pfizer
Ed aveva avuto un ictus in passato
Ed anche lui ha vissuto una regressione
Ma Gianni sta meglio di Marco
E quindi regge meglio
E pertanto anche lui dopo circa un mese
Recupera quanto aveva perso
Al contrario di Marco.

Nessuno sa gli effetti a medio termine
E l'AIFA ci presenta un suo report
Dove si legge che a maggio il 2,8% dei vaccini pfizer
Che sono stati somministrati completamente
Possono provocare effetti indesiderati
Anche ben oltre i 10 giorni dalla seconda dose. 

I sospetti già c'erano in partenza
Ma ovviamente non se ne doveva parlare
Resta il rammarico di chi
Aveva cercato di avvertirli del pericolo che correvano.

Ora Marco è sempre stazionario
Riconosce i suoi familiari
Ma fatica spesso, non sempre,
A farsi capire
Non è più autosufficiente
E mantiene il terrore di camminare
E di essere spostato ed alzato

Concludo
Parafrasando Warror
Dicendovi
Che no
Io non voglio affatto i miei 15 days...

DANIELE VERZETTI ROCKPOETA®