mercoledì 31 luglio 2019

L'Angolo del Rockpoeta®: "Mind BONDAGE"

Mind BONDAGE

Spaziatura
La barra della tua mente corre
Fantasmagorica allegoria del tempo
Usucapione del pensiero.

Caustico ansimare
Estrae sterpaglia vocale
Scioglie 
Da cunicoli intasati 
Radiazioni di tela rossa
Come tramonti di confuso tepore.

Incrostazioni
Sobborghi petroliferi
Trivellazioni dentro quartieri dormitorio.

Torpore cerebrale
Catena di montaggio
Corpi e menti riprodotti in serie
Clonazione legalizzata.

E votiamo tutti uguale
Votiamo come ci suggeriscono
Come ci programmano di fare.

Una volta Soldatini di latta
Ora, sguardi riprogrammati fatti di carne e nulla.

Esperimento riuscito,
Senza nessuna meta liberamente predefinita
Oggi siamo tutti
Umanità anestetizzata che cammina.

DANIELE VERZETTI ROCKPOETA®

22 commenti:

digito ergo sum ha detto...

Tutti anestetizzati, non so. Molti, certamente. Ma se guardiamo alla gente pulsante, vediamo una piazza piena di gente e, secondo me, ogni timore è qui che deve concentrarsi ché, anche tra i riottosi, c'è chi protesta non sa bene per cosa ma, per loro, l'importante è restare fuori dal coro, finendo per non credere a niente. E non credere a niente equivale, grosso modo al meno, a credere a tutto.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER DIGITO vero esiste il rischio di cui scrivi tu ma questa gente almeno è critica e forse saprà credere alla verità quando verrà loro detta.

Neutrina ha detto...

Siamo tutti influenzati da qualcosa o qualcuno. Senza alternative. L'unica scelta che abbiamo è scegliere noi da cosa farci influenzare 😅

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER NEUTRINA non sono d'accordo si può decidere se una opinione la condividiamo o no ma poi ragioniamo con la nostra testa senza lasciarci influenzare passivamente senza usare il nostro cervello

Mirtillo14 ha detto...

Io credo che, in questa società che ci vorrebbe tutti uguali e sottomessi, l'importante sia continuare a pensare e ragionare con la propria testa e agire secondo coscienza. Io, almeno, cerco di fare così. Saluti

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER MIRTILLO La penso come te

Carmine Volpe ha detto...

Siamo prevedibili e influenzabile che ci insegnano a pensare senza testa

Claudia Turchiarulo ha detto...

Sarà per questo che odio le masse e sono sempre stata fuori dal coro.
Persino in famiglia non sopporto i diktat e mi ribello.
A volte, però, penso che sarei più felice se mi omologassi. Chissà.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER CARMINE infatti ma bisogna rifiutarsi ed impedirlo.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER CLAUDIA sarebbe una felicità effimera e superficiale meglio essere ciò che siamo.

Mariella ha detto...

Eh no, mica per tutti è così. E per fortuna.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER MARIELLA lo so tu sei una piacevole eccezione.

Sari ha detto...

Siamo ancora persone libere? Siamo in grado di riflettere utilmente? L'informazione vera è possibile? Siamo un popolo immaturo e, inquinati nel profondo dalla televisione, riteniamo normale quel che non è e non può esserlo. Accettiamo l'inaccettabile e chi non lo fa viene guardato con sospetto. Tempi brutti, questi nostri. La ragione è andata in vacanza o mangia schifezze davanti allo schermo.
Ciao.

MAX ha detto...

Mha .. più che anestetizzati direi che oramai ognuno quando vota segue la sua "pancia" e non l'interesse comune.
Se fossimo meno egoisti e riuscissimo a guardare oltre il limite del proprio orticello sarebbe già un passo in avanti.
Purtroppo è più facile pensarlo che poi metterlo in pratica.
E chi ci "manovra " come un burattinaio ( ma sarebbe meglio dire che ci sono più burattinai che inscenano questo triste teatrino) sa bene come tenere i fili e conosce le nostre debolezze.
Complimenti per i versi...mi piace molto il contrasto "visivo" fra radiazioni di tela rossa e i tramonti della mente.
Ciao

Cavaliere oscuro del web ha detto...

Una società fatta di tanti cloni e omologati al pensiero della massa.
Sereno giorno.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER SARI analisi efficace dura e verissima e scritta con immagini che rendono perfettamente l'idea della realtà di oggi.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER MAX in primis grazie per le tue bellissime parole sui miei versi. Venendo al tuo commento non posso che darti ragione ma è proprio questo cieco egoismo manovrato dai burattinai che secondo me nasce da una forma iniziale di anestetizzazione etica e sociale.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER CAVALIERE Verissimo.

°°valeria°° ha detto...

i nostri nonni hanno lottato per renderci liberi...ora, spesso, non ricordiamo più il valore di quella libertà

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER VALERIA concordo

Gufo a molla ha detto...

Poesia particolarmente evocativa, in particolare il secondo e il terzo blocco. Una grande potenza visiva, complimenti.

Patricia Moll ha detto...

Credo che la cosa che conta di più sia non omologarsi mai. Oppure strappare le catene che ci hanno messo e ci tengono sottomessi