mercoledì 8 maggio 2019

L'Angolo del Rockpoeta®: "Il Tappabuchi"

IL TAPPABUCHI

Lavoro precario
In nero e saltuario

Feste comandate, non ne salto una
Sempre al lavoro
Giorni in cui nessuno vuole dare una mano al padrone
Ed allora io
Per fame
Con rassegnazione e spirito d'abnegazione
In qualità di perdente
Rispondo "Presente"!

Sono un tappabuchi
Tappo falle nell'imbarcazione del padrone
Ed i giorni vuoti in cui nessuno si offre
Sono i miei giorni.

Famiglia da mantenere
Moglie e due figli
Speranze per il futuro nessuna
Solo orizzonti di minima sopravvivenza.

Ed allora signore mi comprenderà
Se quel giorno ho fatto ciò che ho fatto
Se ho aperto il cassetto del negozio e l'ho presa
E con quell'arma ho attraversato il centro commerciale
Raggiunto la gioielleria e sparato al commesso per avere l'incasso.

Ora mi condannerete 
Ma questa condanna ha un sapore dolce
Sancisce la fine della mia condizione di tappabuchi

E la mia famiglia capirà
Mia moglie potrà rifarsi una vita
Incontrare un partito migliore del mio
Dimenticarmi
E risorgere dalle mie ceneri. 

Ero un tappabuchi
Ma un giorno per disperazione
Feci un buco in fronte ad un altro uomo

Di questo sono pentito
Volevo solo i soldi
Ma poco importa
Un disperato è morto, un altro ha cessato di soffrire.

DANIELE VERZETTI ROCKPOETA®

30 commenti:

iacoponivincenzo ha detto...

Troppo commovente questo tuo slancio poetico per lasciarlo depositare inutilmente senza rilevarne l'Umanità. La vita ci sta travolgendo e ci costringe a stringere il cuore in una morsa ed a vedere solamente gli interesi spiccioli personali. Anche la natura ci si mette, ma non è un caso fortuito, un accidente, "nu guaie" che può sempre capitare, come bucare un pneumatico della bici in montagna: siamo noi, quelli colpevoli e quelli innocenti, a provocarla ogni giorno, ogni momento. Vicino alle nostre coste si stanno acumulando milioni di tonnellate di elementi di plastica letale. Tutti coloro che vanno a pesca sanno che al calar della notte i pesci -tutti- si avvicinano alle coste per trovare il cibo per nutrirsi. Non soo mai andati a scuola e non sanno che inghiottono veleno. Se la pappano la plastica, poi il pescatore lo pesca e se lo mangia l'indomani strainquinato. Che fine che faremo in meno di cento anni, tanto questo materiale NON è degradabile e durerà, dicono, almeno due o tremila anni. 'n favola, Daniè.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER VINCENZO: hai ragione, la vita ci sta travolgendo ma è anche colpa nostra, solo che così facendo la vita ed il pianeta travolgono tutti, anche e per primi soprattutto gli innocenti, i più deboli. E questo dolore mi tocca particolarmente.

MAX ha detto...

Ciao come stai?

Notevole , complimenti veramente bella Daniele.
Gli ultimi versi accentuano ulteriormente il dramma di quello che descrive la tua poesia, di quello che alla fine prova quell'uomo.
Non so se c'ho visto giusto , quando parli di un disperato che è morto e uno che ha smesso di soffrire io intendo tu ti riferisca alla stessa persona che ha premuto quel grilleto!
La disperazione che porta ad uccidere per non soffrire più...dove stiamo andando , dove ci porterà questa disperata società?

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER MAX; ciao, sto bene, lieto di ritrovarti! In realtà l'ultimo verso parla di entrambi: il disperato morto è il commesso che ha ucciso mentre l'altro è lui che almeno, dal suo punto di vista, stando in carcere ha finito di avere una vita precaria. Bentornato e ti ringrazio di cuore per i tuoi complimenti che mi emozionano sempre.

Anonimo ha detto...

Impossibile non notare gli echi "de andreiani" di questi versi. Mi piace l'uso della parola tappabuchi, anche io spesso mi sento così...Sul lavoro bisogna lavorare a ritmi sostenuti, tanta quantità e poco spazio per la qualità...tappabuchi, manovali...schiavi.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER RICCARDO: tutti ci sentiamo così, tappabuchi, schiavi e tutti ci sentiamo frustrati ed amareggiati per non poter avere un futuro.

LaDama Bianca ha detto...

Mi spaventa l'epilogo di questa storia e sappiamo tutti che il problema è a monte, ma se tutti i tappabuchi imbracciassero un'arma per sparare a chi sta al di là di un bancone - anche a me, potenzialmente - la situazione farebbe ancor più schifo di quello che già fa.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER LA DAMA BIANCA: la disperazione può portare a tutto purtroppo.

MAX ha detto...

Son io che ringrazio te perché scrivi una poesia come questa che sa arrivarti al cuore.
E riconosco che a volte faccio un po’ di fatica a comprendere e a piacermi il tuo essere così tragico e pessimista in quello che scrivi.
Non so che altro dire....scusa se ho “cannato” nell’interpretazione del finale ma forse questo è il bello del tuo lavoro.
Arrivare in maniera diversa a chi ti legge ..sempre conservando comunque il messaggio di quello che vuoi dire.


Forse mi son spiegato male ma spero tu sia riuscito a capirmi lo stesso.
Grazie ...è sempre interessante leggerti.
Ciao

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER MAX: ti sei spiegato benissimo e non hai nulla da scusarti. È sempre un piacere leggere un tuo commento.

Claudia Turchiarulo ha detto...

Siamo tutti tappabuchi, è vero, ma concordo con la Dama Bianca.
Non dobbiamo assolutamente giustificare questi momenti di follia.
Voglio credere che una soluzione pacifica e legale esista sempre, senza dover ledere agli altri, o commettere atti di violenza.
Purtroppo, sono irremovibile in questo. Non ho mai pietà per chi uccide, così come non ne ho per chi maltratta o sevizia i propri figli, in preda ad una qualsivoglia forma di depressione.
Mi sforzo di non giudicarli, ma a volte non ce la faccio.

Scusami Daniele, la tua poesia è bellissima e ti fa leggere la cosa con un approccio più "romantico". Ma io non ci sto. Anche in questo caso, avrei preferito versi apocalittici. ;)

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER CLAUDIA: nessuno giustifica quella persona ma ho voluto mostrare l'aspetto drammatico della disperazione che può cmq portare a tutto senza pensare alle conseguenze proprie e verso gli altri ed ho voluto sottolineare il dolore e la frustrante impotenza del protagonista.

Cavaliere oscuro del web ha detto...

La disperazione può portare alla pura follia, ma sicuramente non giustifica la violenza.
Sereno pomeriggio.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER CAVALIERE: concordo con te ovviamente.

MikiMoz ha detto...

Forse, ripeto, il vero problema è volersi fare una famiglia, in condizioni precarie...
Lo so che così la diamo vinta, ma piuttosto che fare questa fine, preferisco vivere per conto mio...

Moz-

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER MOZ: vero ma uno deve anche avere una vita e non una "non - vita" è un diritto.

Carmine Volpe ha detto...

quando leggo uomo impazzito, cerco sempre di capire le motivazioni che conducono alla pazzia ci sono casi a casi ma persone disperate ci sono e si vedono nella quotidianità

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER CARMINE: la disperazione è compagna di vita di tante persone nella società di oggi.

Sabina_K ha detto...

Terribile nella sua disperata verità: un togliersi di mezzo (finendo in carcere) con la speranza che per gli altri dopo sia più facile cambiare e migliorare, guardare altrove

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER SABINA: la disperazione, quella che non ti fa vedere soluzioni possibili porta anche a questo.

Mirtillo14 ha detto...

Molto amara ma devo dire che, leggendola, mi sono commossa !!Credo sia una delle più toccanti poesie che hai scritto . Saluti.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER MIRTILLO: ti ringrazio sono profondamente toccato dal tuo commento.

marcaval ha detto...

Poesia toccante!! Sarei pienamente d'accordo con il tappabuchi se a pagare non fosse stato un altro precario, sembra una puntata della guerra dei poveri che stanno cercando sempre più di creare.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER MARCAVAL ti ringrazio è una poesia anche da me molto sentita. Hai ragione purtroppo sono sempre i più poveri a rimetterci

Sari ha detto...

Riesci ad essere crudo e, contemporaneamente, ad avere cuore. Non so come tu possa farlo ma riesci bene.
Ciao poeta.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER SARI: mi hai donato un bellissimo complimento, grazie.

Irene Z. ha detto...

La poesia sconvolge, ti entra dentro: siamo tutti schiavi del sistema, siamo tutti tappabuchi, ci serve per vivere, nonostante con dignità cerchiamo di rendercene conto e di lottare per i diritti nostri e degli altri. Forse per questo, Daniele, l'epilogo confido sia solo provocatorio: se tutti usassimo un'arma, invece della testa e del cuore, il mondo si tramuterebbe in una carneficina generale e terribile.
Ti abbraccio!

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

Più che provocatorio è un finale che vuole far risaltare a quali punti può portare la disperazione

digito ergo sum ha detto...

livello altissimo, daniele. altissimo. la disperazione non ha giudizio, non ha misure, non ha contenitori abili. è un pozzo senza fondo, non si può tappare

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER DIGITO hai colto il cuore della mia poesia.