mercoledì 15 maggio 2019

L'Angolo del Rockpoeta®: "Il Segno Dei Tempi"

IL SEGNO DEI TEMPI

Fermata babygang
5 quattordicenni tre dodicenni ed un diciassettenne
Sono accusati di aver stuprato una dodicenne
E picchiato a sangue un loro vicino di casa.

Io ascolto allibito
Ti guardo e mi chiedo come può accadere
E tu mi rispondi: " È il segno dei tempi baby"

Rogoredo
Parco della morte
Notte di spaccio
Supermarket della droga
Compri, consumi e crepi

È il segno dei tempi baby!

Un ubriaco strafatto 
Corre con la SLK di suo padre
Contromano sulla statale verso casa:
Investe madre e figlia di quattro anni

L'assassino appena diciannovenne
Arrestato, ride sballato e confuso.

Distrofia esistenziale
Marchia il nostro tempo
Infanga i buoni pensieri 
Ridicolizza educazione, rispetto e buonsenso.

Precarietà
Insicurezza
Frustrazione
Sono tutte verità del nostro tempo 
Ma non devono essere alibi per la follia.

E questi versi di denuncia
Resteranno lettera morta
Destinati ad essere derisi e corrosi da acidi di nuova generazione.

È il segno dei tempi baby!

DANIELE VERZETTI ROCKPOETA®

30 commenti:

Claudia Turchiarulo ha detto...

Non possiamo e non dobbiamo arrenderci al passo dei tempi.
Mio figlio ha solo tre anni, ma è generoso e dolce con animali e persone. Lo cresco nel nome dell'amore e del rispetto, e credo che riuscirò a farne un uomo onesto, proprio come suo padre.
La colpa non è mai dei ragazzi, infatti, ma di chi non ha saputo indirizzarli sulla retta via, fissando dei paletti.
Il vero dramma sono i tanti giovani abbandonati a se stessi, messi al mondo da genitori egoisti e superficiali.
Spero che i tuoi versi li portino a riflettere.
Se una coscienza ce l'hanno.

Riccardo Giannini ha detto...

Questi leoni poi diventano pecore quando sono chiamati a rispondere delle proprie responsabilità.
E' vero, c'è un'emergenza...sempre più babygang..e non è un problema di italiani e stranieri.
Problema principale è la mancata educazione, genitori sempre più assenti e "distratti" da altre cose. Poi sì, questa società che fa lavorare di più per guadagnare di meno è altrettanto responsabile.
Inoltre i genitori devono trasmettere dei valori, ma i valori si stanno perdendo..

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER CLAUDIA:il problema è anche quando crescono come crescono. Certo oggi molti genitori non sono proprio il massimo per educare i loro figli. Spero che possano essere versi di prevenzione.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER RICCARDO: i valori sembrano oramai definitivamente persi. So che non è così ma la sensazione che si percepisce è quella e quindi ne consegue che nascono queste emergenze sociali sempre più gravi.

cristiana marzocchi ha detto...

L'educazione latita, sia da parte delle famiglie che dalla scuola , certi giovanissimi sono come cani senza collare e l'istinto li porta verso azioni estreme perché così è l'istinto umano, purtroppo , un imprinting che non si è mai sopito nel nostro DNA.
Cri

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER CRISTIANA: vero, l'educazione latita e molti giovani, in una società che anch'essa non sembra avere valori etici di rilievo, si sentono, istintivamente, in "dovere" di comportarsi ed agire nei modi più assurdi e criminali.

Carmine Volpe ha detto...

certo è segni dei tempi ma anche di tanti esempi negativi, poi i risultati sono questi non c'è da stupirsi, il futuro richiede impegno e responsabilità ancora di più che in passato

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER CARMINE: concordo con te.

Pino ha detto...

Mala tempora currunt...

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER PINO: purtroppo è vero...

Moz O'Clock - nerdblog retro & pop ha detto...

Prendi questa gente e la crocchi di mazzate: ci mettiamo al loro livello?
È segno dei tempi, baby! ;)

Moz-

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER MOZ: dovrei dirti che non si fa ma la tentazione a darti ragione è forte… :-)))

Ariano Geta ha detto...

L'educazione civica è ai minimi, però abbiamo un sistema giudiziario ridicolo. Se su tanti reati venisse applicata la carcerazione preventiva in attesa del processo e le condanne fossero adeguate, forse certa gente avrebbe più paura a sballarsi. Invece ci sono voluti anni e anni solo per la legge (peraltro insufficiente a mio avviso) sull'omicidio stradale.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER ARIANO: oltre alle tue proposte si potrebbe ipotizzare una maggiore certezza delle pene e magari aumentare i minimi più che i massimi. È vero, educazione civica ai minimi termini, anche questo non aiuta.

LaDama Bianca ha detto...

Gran bei tempi allora, c'è proprio da andarne fieri :(

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER LA DAMA BIANCA: fieri no, ma è la realtà attuale.

Cavaliere oscuro del web ha detto...

Una società che ha perso la bussola e i veri valori.
Sereno pomeriggio.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER CAVALIERE: è proprio così purtroppo.

iacoponivincenzo ha detto...

Hai elencato le miserie della nostra mejo gioventù.
E noi ci domandiamo se ci sia una fermata oppure si continuerà a precipitare nella melma.
Ragazzini che hanno perduto la fanciullezza prima di averla consumata, hanno una speranza che non sia quella di finire di marcire in galera oppure ammazzati in un vicolo?
E i genitori che non sanno mai nulla di quello che fanno i loro tesorini?

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER VINCENZO: speriamo ci sia uno stop ma al momento non lo percepisco né tantomeno lo vedo. I genitori hanno colpe importanti ma non solo loro. È davvero un mondo privo di etica e senso.

Patricia Moll ha detto...

E' segno dei tempi, baby! Sì, di tempi ammalati, appestati che ammorbano i meno forti.
Il problema grande è che i meno forti son troppi. Che si lasciano andare alla corrente per non essere discriminati da altri come loro.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER PATRICIA: sono tempi malati o meglio tempi con idee malate di divertimento purtroppo con tutto quello che poi comporta.

MAX ha detto...

Bei versi.
Aggiungo che per me neppure i genitori devono essere un alibi per la follia.
Se sbagliano i ragazzi i primi responsabili dei loro crimini sono loro stessi...è troppo facile far la colpa ai genitori odi esclusivamente a loro.
Cito casi estremi come Pietro Maso che uccise i suoi genitori o Erika che ha fatto fuori madre e fratellino...la di chi è la colpa , dei genitori?
Bisogna cominciare a responsabilizzare i ragazzi delle azioni che compiono.
E l’eta non può essere un attenuante ...in certi casi non lo è proprio.
Ciao

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER MAX: chiaro, i primi responsabili sono i ragazzi stessi che commettono questi crimini, poi possono esserlo anche i genitori se sono stati pessimi ed assenti, ma non è detto che sia sempre così. Responsabilizzare i ragazzi per quello che fanno è anche però compito dei loro genitori in primis e della scuola in seconda battuta.

carlos portillo - podi-. ha detto...

Quindi, dovremmo cambiare i nostri tempi perché i segni del nostro tempo siano altri. Come farlo? Secondo me, resta nelle mani delle nuove generazioni.

podi-.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER PODI secondo me anche in quelle attuali visto che sino giovani i protagonisti dei miei versi

marcaval ha detto...

Tempi pessimi! Siamo stati tutti giovani ma si è abbassata notevolmente l'asta della moralità, per non parlare del buonsenso. E poi di solito è tutto giustificato perchè in fondo sono "bravi ragazzi"!!

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER MARCAVAL: disamina perfetta, moralità e buonsenso sembrano essere sempre meno considerati e passa il messaggio che oggi tutto sia permesso ed ammissibile.

Mirtillo14 ha detto...

Cosa aggiungere ?? Anch'io rimango spesso allibita da ciò che sento . Succedono cose che mai avrei immaginato potessero accadere. Rimango allibita e sgomenta e penso che siamo precipitati in un pozzo senza fondo. Penso ai giovani di oggi che saranno gli adulti di domani , cosa ci si può aspettare da loro ? Non ho niente da aggiungere che non sia già stato detto. Non ho neanche una soluzione, qui bisogna invertire completamente la marcia ma io non credo neanche che sarà possibile: è già troppo tardi ! Saluti.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER MIRTILLO: bisogna lavorare sui giovani di oggi e domani e bisognerebbe che anche gli adulti si dessero una regolata invece di dimostrare anche loro superficialità e disinteresse verso certi valori.