lunedì 16 maggio 2022

L'Angolo del Rockpoeta®:"N.A.T.O. Per Fare La Guerra"

Lirica ispirata a queste due notizie inquietanti QUI e QUI

 N.A.T.O. PER FARE LA GUERRA

Noi non vogliamo la guerra
Noi siamo NATO per garantire la pace 
Non cerchiamo provocazioni
Non vogliamo stuzzicare Putin
Perchè dite questo?

Noi siamo i buoni
E siamo trasparenti
We defend democracy 
Always
We protect democracy
(Almost) everywhere

E vi scandalizzate
Per queste prove in giro per il mondo
Ma noi siamo come i bravi studenti
Ci esercitiamo sempre
Si deve sempre essere preparati...

E vi infastidite solo perchè
Stiamo bloccando le spiagge sarde
Ma perchè vedete il marcio sempre?
Non meritiamo un po' di vacanza?

Ok
Vero 
Abbiamo voluto prenderci molte spiagge
Lo abbiamo fatto in gran segreto
E siamo arrivati con tanti mezzi
Tra cui aerei,
Mezzi anfibi
Ed altro ancora 
Ma la ragione è ovvia
Veniamo da distante 
E qualche bagaglio dovevamo pure averlo...

Non è colpa nostra
Se molti ci equivocano
E ci lanciano minacce di guerra
Ma noi
Noi siamo NATO per proteggere il mondo 
Almeno quello occidentale
Almeno quello che riusciamo 
A raggiungere
Ad avvicinare
A controllare.... ehm correction
Tutelare.

Noi non siamo i vostri padroni
Noi siamo per la giustizia sempre 
Come ai tempi del Cermis
Noi siamo quelli che non impongono nulla
Chiediamo solo gentilmente di ubbidirci

Quindi
Se scoppiasse una guerra più vasta
Non prendetevela con noi
Anzi ringraziateci 
Per esserci "esercitati"
E poi se le bombe arrivano 
In casa vostra 
Che colpa abbiamo noi?

Se noi ci avvantaggeremo
Dal vostro eventuale tracollo
E vi rimetteremo il collare
Con un nuovo Piano Marshall
Sarà solo un caso
Ma non accadrà
Noi vinceremo la guerra
Perchè la NATO siamo noi
Noi... americani

Noi siamo NATO per tenervi al guinzaglio
Ed oggi la Russia è il nemico
Il nostro nemico
E quindi anche il vostro
E non è importante
Se Putin non vuole davvero la guerra mondiale
Noi ci fermeremo solo quando sarà stato
Profondamente indebolito
O definitivamente neutralizzato.

E tanto per capirci
Vedete di non fare gli eroi
Di non fare gli Assange di turno
O i giornalisti seri alla Ilaria Alpi
O ancora gli artisti anticonformisti del cazzo
Perchè 
Se non l'avete ancora capito
Noi esportiamo la nostra democrazia
E non la vostra
E ricordatevi bene
Si può sparire anche da questa parte del globo
Si può sparire ovunque.

Noi siamo la NATO
E siamo venuti al mondo per conquistare il mondo
E per donarlo agli USA 
Affinchè lo tengano sotto scacco

Noi siamo la NATO
E non moriremo mai
A morire sarete voi
Per fame
Assenza di luce e gas
E magari, prima che lo si comprenda,
Bombardati nel cuore dell'Europa

Tranquilli
Presto tutto finirà per voi
In un modo o nell'altro...

DANIELE VERZETTI ROCKPOETA®

35 commenti:

Gus O. ha detto...

La NATO, ovvero l'Organizzazione del Patto dell'Atlantico del Nord (in inglese, North Atlantic Treaty Organization), è un organismo internazionale creato essenzialmente per difendere le nazioni occidentali contro la minaccia rappresentata dall'ex unione sovietica.
Mi sembra un argomento di attualità. A invadere l'Ucraina per rubare la Crimea, il Donbass, Odessa e gli sbocchi sul Mar Nero e sul Mar d'Azov, guarda caso è proprio l'ex Unione Sovietica. Le minacce dell'uso del nucleare le fa Putin e non Biden. A voler chiudere i rubinetti del metano verso l'Europa è sempre Putin. Ma di cosa stiamo parlando?

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER GUS il Donbass fu invaso dagli ucraini nel 2014 con profonde atrocità;poi se il trattato di Minsk fosse stato rispettato dall'occidente... ed ancora non sarebbe meglio che lE poi tu vorresti davvero una guerra qui su suolo italiano? E davvero pensi che la NATO curi gli interessi dell'Europa oggi? Questa guerra va fatta finire prima che succeda l'irreparabile. irreparabile che dalle notizie che ho linkato mi pare che la NATO non abbia tutta questa fretta di scongiurare

Franco Battaglia ha detto...

Io dico che un po' tutti la stanno facendo fuori dal vasetto, e offrire scuse alla Russia ammucchiando armi e uomini ai confini non è comunque una mossa astuta. E annettere ora Svezia e Finlandia alla Nato altra caxxata. Speriamo bene..

Ariano Geta ha detto...

... stai diventando filo-putiniano?
Ma domandati semmai cosa ha spinto la Svezia, tradizionalmente neutrale, a chiedere di aderire alla NATO. Forse non hai letto il documento pubblicato dal ministero degli esteri russo prima che iniziassero l'attacco in Ucraina, un documento in cui dicevano ufficialmente che dovrebbero esistere "sfere d'influenza" delle superpotenze e per loro rivendicavano non solo l'Ucraina, ma anche i paesi dell'ex patto di Varsavia... I paesi confinanti con la Russia riceverebbero costanti intimidazioni sulle scelte politiche che dovrebbero essere gradite a Mosca, altrimenti rischierebbero "operazioni militari speciali" (non "invasioni", la parola in questione è proibita).
E se mi dici che anche gli USA condizionano i loro alleati, ti ricordo l'episodio del terrorista palestinese arrestato dalle autorità italiane ai tempi del dirottamento di una nave da crociera, in cui purtroppo un passeggero americano era stato ucciso dai terroristi.
Gli USA pretendevano che il palestinese fosse consegnato a loro, e invece Craxi, per non inimicarsi troppo i paesi arabi, lo consegnò all'Egitto, dove sarebbe stato processato con meno pregiudizi. Poi venne addirittura rimesso in liberà dagli egiziani, vabbé.
Insomma, uno sgarbo di proporzioni colossali agli USA, ma non ricordo che siano seguite sanzioni nei nostri confronti, o attacchi aerei, o "operazioni militari speciali". Ci fu solo molta freddezza nei rapporti fra i due paesi per un po' di tempo.
Io non sono filoamericano, gli Stati Uniti sono l'ultimo paese al mondo che visiterei, ma se tutte le grandi democrazie occidentali hanno scelto la NATO e persino paesi tradizionalmente neutrali stanno chiedendo di entrarci perché terrorizzati dalla Russia, io un paio di domande me le farei eh, invece di ripetere in forma poetica discorsi che potrebbe fare l'Orsini di turno...

Gus O. ha detto...

Io sono contro la NATO e tutte le organizzazioni militari. Sono per un programma di smilitarizzazione totale, compreso il nucleare. Purtroppo la realtà di questo mondo non lo permette.
Pur essendo diventata indipendente dal 1991, l'ex repubblica sovietica dell'Ucraina è sempre stata percepita dalla Russia come parte della propria sfera d'influenza. Secondo lo studioso Iulian Chifu riguardo all'Ucraina, la Russia ha deciso di perseguire una versione moderna della dottrina Brežnev per una "sovranità limitata" che si rimanda ancora ai dettami del patto di Varsavia ed alla sfera d'influenza che già era presente all'epoca della repubblica sovietica russa.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER FRANCO: oh vedo che hai compreso il senso dei miei versi molto bene.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER GUS: so che non sei un guerrafondaio😊. L'Ucraina è stata terreno di "conquista" anche USA. Zelenzky è un fantoccio messo lì dagli americani. il punto è che ci vorrebbe una UE forte e compatta per convincere Putin e Biden perchè la pace si otterrà solo se parlano quei due, l'altro è un pedone, a trattare per la pace.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER ARIANO fammi capire se dico la verità affermando che la guerra nasce nel 2014 con gli ucraini che prendono il Donbass che di fatto questa guerra rischia di essere un boomerang per l'Europa e che deve essere fatta finire con una trattativa di pace, che gli USA di fare una guerra più ampia se ne fregano intanto sarebbe in Europa Italia compresa, mica da loro. e che ovviamente Putin è anche lui certo colpevole per questa guerra ma che al contempo lo stanno anche continuando a provocare per scatenare una Mega guerra, sono putiniano? Assolutamente nao. Yes ricordo bene quel fatto erano sulla Achielle Lauro e se il governo italiano allora avesse calato le braghe di fronte gli USA propirio come fa Draghi oggi, molti italiani su quella nave sarebbero stati uccisi, E cmq tu davvero ti chiedo vuoi una guerra mondiale che abbia in Europa, ripeto Italia compresa, il suo drammatico scenario? Io no.

Maria D'Asaro ha detto...

NATO per fare la guerra è una genialata espressiva. Grazie, Daniele.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER MARIA grazie!

Ariano Geta ha detto...

C'è una forzatura nel tuo discorso, quando dici "la guerra nasce nel 2014 con gli ucraini che prendono il Donbass". Non hanno preso un bel niente, il Donbass era parte integrante dell'Ucraina (come pure la Crimea), ci sono stati gruppi armati filorussi che hanno cominciato a dire "vogliamo l'indipendenza" pretendendo di rappresentare l'intera popolazione delle due regioni, e Putin ha subito mandato l'esercito russo a dargli aiuto. Quindi semmai è la Russia che si è presa Crimea e Donbass, e l'occidente all'epoca ha avuto paura di una guerra più ampia e non ha voluto eccedere nelle reazioni, solo sanzioni molto blande. Più o meno come quando Hitler invase la Cecoslovacchia e Inghilterra e Francia cedettero alle sue pretese pensando "Così sarà contento e si fermerà qui". Infatti dopo pochi mesi ha invaso la Polonia...
Cedere alla prepotenza di Putin significa solo farlo sentire più forte, se lo "lasciamo fare" in Ucraina, sicuramente fra qualche mese comincerà a dire che... la Polonia faceva parte dell'impero russo e quindi dovrebbe essere sotto l'influenza russa. Poi che facciamo, ce ne freghiamo anche lì?
La guerra non la voglio, nessuno la vuole, ci mancherebbe. Ma non voglio neppure vivere in un mondo dove una nazione-bullo impone con la prepotenza la sua volontà a chi gli pare e piace e si arroga il diritto di ridisegnare i confini, imporre scelte politiche ai paesi confinanti. Anche perché poi, sebbene distanti, toccherebbe pure a noi. In Russia ci mettono poco a arrestare cittadini di un certo paese straniero con pretesti risibili (e quindi anche italiani che si trovano in Russia per lavoro) per poi trasformarli in "ostaggi" con cui ricattare la loro nazione. Lo hanno fatto molte volte ai tempi della guerra fredda.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER ARIANO ma la Crimea è formata da popolazione quasi totalmente russa e gli Ucraini fecero orrori indicibili per forzare i russi ivi residenti ad andarsene altrove abbandonando tutto. Sono 8 anni che Putin chiede di rispettare il trattato di Minsk e a me sembra come dice Franco, che si stiano facendo operazioni e mosse che, o per stoltezza o per malafede, potrebbero portare alla guerra, una guerra più estesa. Altro punto, l'energia: curioso che da quando l'Italia ha perfezionato il modo per avere più gas dalla Russia gli USA cerchino di romperci le scatole invece che lasciarci in pace Ed infine, Putin non ha intenzione di fare una super - guerra, in primo luogo perchè non glielo permetterebbe la Cina, a meno che lui non sia con le spalle al muro come sta cercando di fare la NATO allora la Cina non credo impedirebbe a Putin di agire. La Russia non è certo una democrazia, si sta meglio per ora che da noi, ma quello che conta è che più la guerra prosegue più Putin potrà vincerla o almeno a trascinarla per tanti anni con gravi problemi per noi e l'Europa.Non vedi che questo è un trappolone messo in moto da Biden per indebolire Putin ma anche se può e già che c'è, anche l'UE che poi così forte non è nemmeno. Ribadisco che la NATO in questo momento non fa gli interessi del nostro Paese, quello che farà bene al nostro Paese è la pace, Aggiungo che a prescindere dalle nostre opinioni, mandare armi e uomini in Ucraina incostituzionale ex art. 11 Cost

Gus O. ha detto...

L’articolo 11 della Costituzione italiana recita così: L’Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali; consente, in condizioni di parità con gli altri Stati, alle limitazioni di sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni; promuove e favorisce le organizzazioni internazionali rivolte a tale scopo.

Ma cosa significa esattamente?

In poche parole la nostra Costituzione permette l’utilizzo della guerra come strumenti di difesa.
Quindi inviare armi in Ucraina, in realtà, non va contro né alla Costituzione italiana e né tantomeno agli accordi e trattati sovranazionali, che come ben sappiamo prevalgono sulle norme costituzionali.

Inviare armi a Kiev quindi non rappresenta un atto di guerra nei confronti di Mosca.
Citando il prof. Sabino Cassese, ex Giudice della Corte Costituzionale “Tutti i paesi che hanno dichiarato la propria solidarietà all’Ucraina non hanno promesso interventi armati, ma armi a Kiev. Quindi, consentendo l’autodifesa”.

Gus O. ha detto...

https://orgoglionerd.it/legale-inviare-armi-in-ucraina-dall-italia/

Cavaliere oscuro del web ha detto...

Avevo già letto i tuoi versi sul tuo profilo. Io non riesco a capire perché esiste ancora la Nato.
Mi dispiace deludere qualcuno, ma chi alimenta la guerra, non può definirsi pacifista.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER GUS non proprio perchè se all'inizio poteva essere così ora essendo già ben armata e volendo mandare uomini e armi al confine bulgaro e rumeno (fonte CNN) non è più per difendere l'Ucraina ma per minacciare la Russia e dirimere una controversia internazionale e quindi siamo off limit.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER CAVALIERE: concordo, e poi con questo conflitto si scherza davvero col fuoco

Caterina ha detto...

Non si può di certo negare che la NATO abbia partecipato alle azioni militari in Kosovo, in Afghanistan, in Bosnia e in Libia, pur essendo nata per scopi difensivi, ovvero tutti i paesi Nato dovrebbero reagire tutto insieme come un solo corpo in caso di attacco ( per anni si è temuta la minaccia sovietica). Non si può negare che la NATO sia intervenuta in missioni di attacco. In Ucraina la NATO ha fatto esercitazioni militari, questo è uno dei tanti motivi che hanno portato a questa guerra, che per me come tutte le guerre si basa su interessi economici. L’Ucraina ha venduto ettari di terra a molte aziende americane, come Monsanto,e poi c’è la questione del gas che vede interessarsi gli Stati Uniti. Io non credo alla teoria del grande progetto di Putin conquistare l’Europa dell’Est, di ricostruire l’Unione sovietica, semplicemente America e Russia vogliono le stesse cose in Ucraina. Inoltre ho visto un servizio della Gabanelli in cui si diceva che il destino dell’Ucraina è tutto nel suo nome, significa infatti terra di confine. C’era un patto non scritto tra USA e Russia, L’Ucraina rappresentava uno spazio cuscinetto tra le due super potenze, una terra che non doveva appartenere a nessuno per garantire gli equilibri strategici. Quando l’Ucraina ha pensato di aderire alla NATO questo equilibrio si è rotto. Già in passato, mi pare nel 2008 l’Ucrains chiede di far parte della NATO, ma allora i paesi europei dissero di no a Bush, ( l’Italia con allora Prodi si oppose fermamente)perché tenevano che scoppiasse una guerra in Europa perché la Russia non sarebbe stata di certo a guardare. Beh, guardando come sono andate ora le cose, non si può dire che si fossero sbagliati, anzi.

Caterina ha detto...

temevano che scoppiasse*.. ho scritto dal cellulare, ho fatto degli errori di battitura.

Berica ha detto...

Noi siamo quelli che non impongono nulla
Chiediamo solo gentilmente di ubbidirci

Il totalitarismo si basa sul consenso

Concordo con il commento del @Cavaliere oscuro del web

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER CATERINA: standing ovation!!!!! Direi che propongo a tutti di leggere il tuo commento è chiaro, esatto, e le opinioni che esprimi sacrosante le guerre nascono sempre per ragioni economiche e talvolta anche geopolitiche.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER BERICA: anch'io.

Gus O. ha detto...

Putin ha anche accolto in pieno le tesi nazionaliste russe più radicali, che fin dal crollo dell’URSS rivendicano la necessità di riunire i popoli slavi dello spazio post-sovietico, dando della realtà una visione pericolosamente statica e semplicistica. Il paradosso drammatico della situazione attuale è che nel momento in cui le comunità russofone, tra tutte gli abitanti di Mariupol, resistono e si oppongono disperatamente all’invasione russa, quello che il Cremlino impone al suo esercito – e ai nazionalisti russi di sostenere – è l’uccisione di quelle stesse popolazioni che ufficialmente sarebbe stato mandato a proteggere.
La Russia si vanta di avere un arsenale missilistico nucleare superiore a quello degli USA, e secondo voi la NATO dovrebbe cessare di esistere?

Gus O. ha detto...

Le company statunitensi come Monsanto, Cargill e DuPont sono presenti da tempo in Ucraina , ma la Russia non ha fatto invasioni brutali.
La Germania ha assicurato che l'ingresso nell'Unione Europea non era in agenda e della Nato il
Presidente Ucraino aveva già dato la sua smentita.
L'attacco all'Ucraina è solo la prima mossa per ricostruire l'URSS.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER GUS: vantarsi a volte è sinonimo di millantare quindi è tutto da vedere se è vero. Peraltro io non sto dicendo che Putin è un santo è un nuovo Ghandi, certo che no, ma questo non vuol dire che dobbiamo rischiare ad avere una guerra in casa, e Biden invece continua a provocare Putin in ogni modo possibile. L'Europa deve assolutamente pensare ai propri interessi che non sono quelli USA. No io a differenza tua la penso come Caterina, non esiste nessun piano per ricostruire un nuovo URSS perchè è un'idea anacronistica. Il problema non era l'ingresso dell'Ucraina nell'UE, ma nella NATO e questo si vociferava da più parti.

Gus O. ha detto...

Daniele, io apprezzo Caterina e sono tuo amico. Abbiamo opinioni diverse, ma non è un problema.
Detesto la NATO e temo Putin che ha combinato un *macello* in Ucraina. E' un dittatore che definisce la democrazia una degenerazione occidentale. Attualmente la NATO è una necessità.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER GUS io no ho posto il problema di abolire la NATOanche se onestantamente gli USA l'hanno scavalcata ormai tante di quelle volte che non so quanto senso abbia ancora, ma ho solo detto che siccome da sempre la NATO fa in primis gli interessi degli USA e questi interessi sono chiaramente in contrasto a mio avviso con quelli dell'Italia in questa circostanza, beh dovremmo non fare i servi ma dire chiaro e tondo che non accettiamo di mandare armi, uomini e fornire basi agli USA questa volta. Temo anch'io Putin ma non è mettendolo all'angolo che otteniamo la pace anzi, casomai è iniziando a intavolare un barlume di trattativa.

Quello che di nuovo cerco di dire è quanto anche Franco ha detto nel commento non possiamo alimentare questa guerra è troppo pericoloso mentre gli USA se ne fregano tanto loro sono lontani e non hanno la stessa visione.

Gus O. ha detto...

L'Unione Europea ha deciso di inviare soldi e armi all'Ucraina e l'Italia è tenuta a farlo.
Nel momento che la Russia trova l'Ucraina incapace di difendersi, il dittatore, come ha già detto, la distrugge. Poi tocca alla Polonia. Solo quando Putin capirà che è impossibile impossessarsi dei territori ucraini, a quel momento inizierà una trattativa seria tra USA, Russia e Ucraina.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER GUS non è obbligata può votare contro e siccome per ora o il voto in UE è unanime o non passa nulla vedi ultimo pacchetto sanzioni alla Russia, se voleva Drsghi poteva dire di no

°°valeria°° ha detto...

Perchè Draghi non parla, perchè non ha ascoltato gli italiani che volevano la pace, non che lui mandasse i nostri aerei più moderni, con tanto di soldati italiani che li sanno guidare. Perchè l'America che continua a centrare qualcosa non fa trattive con Putin e mette di mezzo l'Europa. Noi siamo Nato dobbiamo decidere cosa decide la Nato e allora abbiamo mandato armi. Ma quanti interessi economici ha l'America.
E noi cosa sarà di noi, se i soldi vanno per aiutare i paesi Ucrani, se si toglie l'Iva sulle armi e non sui prodotti che mangiamo, se l'agricoltura è quasi in ginocchio, se in tutte le ditte aumenta l'elettricità aumentano i prezzi, persino la legna arrivava dalla Russia, ora arriva prezzi altissimi e con camion caricati a metà. Non si trovano più elettrodomestici, come faccio a consegnare una cucina senza, mi rimane li , ma la ditta la fattura me la fa pagare lo stesso il cliente però niente cucina niente soldi. Ma possibile che gli Italiani non vedono, non se ne accorgono dove sono stoccati gli aerei Americani. Ciao

Franco Battaglia ha detto...

A volte immagino il Trentino che si annetta all'Austria.. chissà come ci comporteremmo male con le stesse beghe a casa nostra.. (se penso solo a quello che ha combinato la Slovenia in Jugoslavia..)

Gus O. ha detto...

Io diffido di Biden. Ho l'impressione che lui non pensa minimamente all'Europa, ma vorrebbe schiacciare la Russia. Cerca una guerra di sfinimento contro Putin. Il dittatore russo è altrettanto cinico. Vuole distruggere l'Ucraina e non gli basta la Crimea e il Donbass.
Purtroppo è una guerra mascherata che nessuno vuol perdere e per questo non ci sarà mai un negoziato. La soluzione ottimale è liberare l'Ucraina dall'invasore.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER FRANCO fosse per me se l'Austria li accettasse e loro fosro d'accordo per me potrebbero andarsene è che mi pare che da un po' non ci siano più rivendicazioni in tal senso, forse i cugini austriaci non sono convinti di prenderseli? Cmq ho capito l'esempio è corretto, aggiungo che il punto è che se noi come Italia reagissimo come la Russia tu saresti d'accordo nel vedere Russia o USA intervenire a fare nel Trentino quello che fanno con gli ucraini e soprattutto pensi che lo farebbero?

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER VALERIA; infatti il punto è qui prodest? Non a noi, come hai perfettamente. evidenziato nel tuo commento, e non se non si prova ogni soluzione per ottenere la pace. Altra cosa curiosa che anch'io ho fatto notare, via l'IVA sulle armi da dare agli ucraini e non sul cibo da dare agli ucraini senza contare i prezzi da noi che stanno salendo pazzescamente

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER GUS: concordo su ogni parola del tuo ultimo commento ma non sulla conclusione che ne trai. È proprio perchè secondo me gli USA non vogliono più di Putin mollare l'osso ucraino, e quindi non mollano la presa su quei luoghi, che bisogna dare a Putin un interlocutore alternativo e che possa esssre cmq credibile, come l'UE anche se mi rendo con to che "UE credibile" è un ossimoro al momento.