mercoledì 22 dicembre 2021

L'Angolo del Rockpoeta®: "Non So Disegnare"

NON SO DISEGNARE

Non so respirare 
Gira la stanza
Futuro inesistente
E lo scoprirete presto
Lo scopriremo presto.

Non so mentire
Non so fingere 
Non so sorridere ad un ipocrita
Non so essere accondiscendente
Non so accettare un sopruso
E gira la stanza
Ruota la casa
Calcinacci di palazzi 
Ruderi moderni 
Saranno la copertina dei rotocalchi di domani
E si tocca la paura 
Come una coltre di nebbia salata

E non so stare fermo 
Mentre il mondo affonda
Orchestrina di cartapesta
Suona in playback
E tutti riprendono a ballare
Loro sono invincibili
Non possono essere travolti
Nè finire in un sacco nero.

Ma l'acqua sale
I calcinacci continuano a cadere
Le loro cabine affondano
Le loro case implodono
E la loro vita si scioglierà
Una nuova ondata cancellerà tutti
Anche loro
È solo questione di tempo
E vedranno che il loro Titanic
Non li salverà.

Stato di ipnosi
Impossibile svegliarli
Lavoro perfetto
Di sicari illusionisti

Calcestruzzo esce dalla mia bocca
Cadono foglie ingiallite dal pianto
Un pianto asciutto ed inaridito
Non sappiamo più lacrimare
Gocce acide si sono seccate.

Un'auto ed un treno
L'una parallela all'altro
Attraversano un viale alberato

Colori autunnali
Solleticano i suoi pensieri
E le mani sul volante
Seguono la sua mente 
Oltre al ritmo della musica che esce
Dall'autoradio.

Lei sul treno
Lo osserva
Sono pallidi
Il braccio di lei ha più buchi di un tossico
Quello di lui ne ha qualcuno di meno
Sono solo dosi.

Treno deserto
Viale vuoto
Case disabitate
Il loro sguardo 
Abbozza un sorriso forzato
Sono entrambi sofferenti
Fischiano come un treno in corsa
Il loro respiro brucia le loro viscere
Non sanno giocare a basket
Non sanno come sognare
Non sanno più relazionarsi

Non sanno volare
Non sanno cantare
Non sanno sperare
Sanno vomitare sangue
Sanno recuperare soldi e quant'altro
Da corpi distesi lungo la strada
O accasciati in altri vagoni.

Capogiri 
Il cervello sanguina
E nell'addormentarsi
Lascia cadere un disegno

Un bimbo
Un assistente sociale
Forze dell'ordine che lo trascinano via
E lei, senza più lavoro e speranze,
Nonostante le 25 dosi in sei mesi
Non ha potuto reggere oltre
Ed alla ventiseiesima ha avuto un malessere
E non ha più voluto continuare.

Prima di perdere i sensi 
Riesce a fissare con precisione
Il guidatore della Mercedes
Lui la riconosce
Perde il controllo del veicolo
E si schianta contro un albero del viale

Foglie morte
Ricoprono la sua auto
Ed il suo sguardo
Sgomento e pentito
Malato e pentito

Lei ha ancora la forza
Di guardare il suo disegno
Ed una lacrima di sangue
imbratta il volto dell'assistente sociale
Lo stesso sangue che lo sta ricoprendo ora
Lei e lui
Due vittime di quel periodo

Il treno prosegue il suo percorso solitario
Due ancora i particolari del disegno;
Anno riportato sopra 2022
E sotto le scarpe del bimbo di solo 4 anni
Un punto interrogativo

Il treno prosegue imperterrito il suo percorso solitario
Ed io non posso più sopportare tutto questo dolore
Questa assurdità 
Questo incubo e questa follia
Io che non so neanche disegnare. 

DANIELE VERZETTI ROCKPOETA®

28 commenti:

Franco Battaglia ha detto...

Non sai disegnare ma scrivi di te, di tue sensazioni. Ci sono anche tanti che non sanno respirare, come nel tuo incipit. Sono intubati e non per colpa di sicari illusionisti.
Ne faremo un'infinità di dosi, finché questo virus si aggirerà e non avremo coscienza di combatterlo coi mezzi a disposizione. Mi si stanno contagiando i nipotini ora, con le scuole aperte, io le avrei chiuse da una settimana. Sono per le chiusure, vaccini e chiusure. Mascherine, distanziamento, smartworking, dad. E basta stadi, concerti, ammucchiate gratuite.
A proposito di stadi: grazie per ieri!

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER FRANCO: io condivido la tua preoccupazione e proprio perché la condivido sono contro l'obbligo "vaccinale" per questo prodotto Pfizer. Lo stesso Fauci ed altri affermano che la variante Omicron sta dimostrando di essere superiore al "siero". Olanda lockdown per tutti qui si vuol fare ancora distinzione tra vaccinati, non vaccinati, vaccinati con una o due dosi e non tre.... Cos' ritarderemo solo il lockdown totale che sarà. più drammatico ancora di quello olandese ora e nostro un anno fa perchè quel "vaccino" è forse appena riuscito a tutelare da forme più gravi, anche se pure su questo punto sono dubbioso, ma ora non regge proprio l'urto di questa ondata. Prima capiranno e capiremo che nessuno è al sicuro anche con 5 dosi di quel siero, da questa variante, prima fermeremo questa escalation di vittime e contagi.

Stadi: prego :-))). abbiamo giocato bene e incredibile Ekuban super!!!

Gus O. ha detto...

Una poesia straordinaria di un uomo che vede chiaro quello che accade. Forse la scienza si fa contaminare dalla politica e quest'ultima dal Potere delle multinazionali. Ci sono esempi:

Con l'espressione contenzioso di Kano si fa riferimento ad un insieme di casi giudiziari che vedono coinvolta la multinazionale farmaceutica Pfizer in seguito ad alcuni eventi accaduti nel 1996, quando – nel corso di una grave epidemia nella città di Kano, in Nigeria – diversi bambini furono oggetto di una sperimentazione umana non autorizzata.

Tale sperimentazione non era stata preventivamente concordata né con le competenti autorità nigeriane, né con i genitori. Gli interventi riguardarono bambini malati di meningite da meningococco, cui fu somministrata trovafloxacina – un antibiotico sperimentale – invece della ben più documentata terapia a base di ceftriaxone. Secondo le accuse mosse alla Pfizer, i decessi e le lesioni gravi registratisi in seguito alla sperimentazione sarebbero imputabili al protocollo usato; a sua difesa, la multinazionale sostiene che il proprio farmaco è risultato efficace almeno quanto la migliore terapia disponibile all'epoca dei fatti.

L'intera vicenda venne alla ribalta dell'opinione pubblica dopo un'inchiesta del Washington Post del dicembre 2000,[1] suscitando un notevole clamore a livello internazionale. Ad oggi il caso è oggetto di due controversie legali, una negli Stati Uniti ed una in Nigeria. Agli episodi di Kano è ispirata la trama del romanzo Il giardiniere tenace di John le Carré, dal quale è stato tratto anche un adattamento cinematografico.

Giovanni ha detto...

Bellissima in tutte le sue sfaccettature di un mondo che cambia ............. Ed anch'io non so disegnare.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER GUS conosco il contenzioso di kano concordo con il tuo commento

Gus O. ha detto...

Daniele, questa notizia mi ha irritato moltissimo: terza dose anticipata da cinque a quattro mesi dopo l’ultima inoculazione. Mi sembra che emerga improvvisazione e incompetenza.

PESCARA. Negli istituti pescaresi è boom di casi positivi. Oltre 500 gli studenti, solo fra scuola dell'infanzia, primaria e scuola media attualmente a casa, tanto che da più parti stanno arrivando le richieste, all’amministrazione comunale, di chiudere i plessi in anticipo rispetto alle vacanze natalizie.
Le scuole resteranno aperte fino al 23 dicembre come da calendario. Qualcuno gioca con la vita degli studenti.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER GIOVANNI grazie per queste tue parole

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER GUS è volontà 0politica guarda lac differenza anche solo tra 9landa Inghilterra da un lato e Germania Italia ed Austria dall'altro. Cone ho detto a Feanco non è continuando a fare distinzione tra vaccinati e non che si vince questo virus


 

LaDama Bianca ha detto...

Testo davvero angosciante, descritto così bene da avere la pelle d'oca sulle braccia.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER LA DAMA BIANCA: lo so, e sono angosciato anch'io

Anonimo ha detto...

Passo per farti i migliori auguri di buon natale e un nuovo anno che ci porti qualcosa di positivo dopo tutti questi tremendi problemi. Ho letto come sempre il tuo post carico di scrittura che descrive bene il dolore e l'angoscia. Ma...sursum corda! Io non perdo la
speranza che la situazione migliori (non darmi troppo addosso per questo).

Finalmente un pareggio per il Genoa...era l'ora.
Un salutone e ci rileggiamo con il nuovo anno dopo il 7 gennaio

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER AACCAADEBIS: si rischia il lockdown temo a prescindere che i vaccinati siano tutti con terza dose somministrata questo se

Caterina ha detto...

Daniele il vaccino anti-Covid serve soprattutto a proteggere dalla polmonite non dal contagio. Il virus riesce a replicarsi nel naso anche in alcuni soggetti vaccinati, ecco perché risultano contagiati. Nel 90% dei casi la malattia non diventa polmonite. Lo hanno detto e ridetto che il virus può contagiare i vaccinati per questo bisogna indossare la mascherina. Il vaccino serve per salvare vite, per evitare il long Covid e i danni che possono durare tutta la vita. È stato fatto per questo non per non contagiarsi. Stanno già studiando a vaccini che siano in grado di bloccare il virus nel naso.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER CATERINA: parole tue: "Daniele il vaccino anti-Covid serve soprattutto a proteggere dalla polmonite non dal contagio. " Allora spiegami perchè facendo un tampone non si può sia vaccinati che non vaccinati, andare dove si vuole, salvo, lockdown se necessario. Se il vaccino non è un vaccino perchè protegge dalla forma più acuta e non dal contagio, perchè volere l'obbligo quando non serve per evitare il contagio che tra l'altro, con la variante Omicron, si sente sempre più dire, aumenterà perchè la variante Omicron sarebbe in grado di non essere per niente infastidita dal siero Pfizer? Perché non essere certii invece che chi esce vaccinato o no risulti sempre negativo al tampone?

Claudia Turchiarulo ha detto...

"Le 25 dosi in sei mesi".
Ahahahah
Non sono no-vax, come ben sai, ma condivido l'iperbole.
Come ti dissi, non farò la terza finché non mi scadrà il green pass, ovvero ad aprile.
Altrimenti, fino ad allora, mi chiederanno di farne almeno altre due.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER CLAUDIA IL problema è che qui nessuno si accorge che il virus sta nuovamente spopolando e non c'è vaccino pfixer che tenga. Chissà bisognerebbe forse monitorare il novavax.

Caterina ha detto...

Volere l’obbligo per evitare l’emergenza negli ospedali, perché non si curano più le altre malattie, per evitare che tante persone finiscano in terapia intensiva, per fare in modo che si possa convivere civilmente con il virus, per fare in modo che lui diventi solo una forma influenzale, per evitare l’insorgere di nuove varianti che si sviluppano proprio dove si vaccina di meno, per evitare la Long Covid che ormai è una patologia, per non far chiudere di nuovo le attività economiche, per permettere alle scuole di proseguire senza più dad e quarantene. Se ci fossimo vaccinati tutti ci sarebbero stati i casi ma non l’emergenza, i casi di polmonite sarebbero molto pochi.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER CATERINA scusa ma se sento dire da una parte che terapie intensive ed ospedali reggono e dall'altra che sono quasi al collasso e poi se non protegge ed immunizza dal tutti e cmq siamo già coperti al 95%,, dice Figliolo, perché deve essere tutta la gente vaccinata?Guarda che alla Scsla fi Milano erano tutti vaccinati dimmi perché dovremmo vaccinare il 5% quando il focolaio alla Scala di Milano erano vaccinati

Mariella ha detto...

Ciao e buona serata.

Alligatore ha detto...

Non voglio banalizzare i tuoi versi molto complessi (ma anche semplici), ma quando ho letto del Titanic, con quelli che ballavano, mi sono venuti in mente quei tre, che non so definire, che cantavano la canzonetta pro-vaccino. Sta succedendo così... dilettanti allo sbaraglio, che non prendono le giuste misure. E scusa se sono andato fuori tema.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER ALLIGATORE: non banalizzi affatto solo che loro fanno i loro interessi quelli che restano sul. Titanic sono destinati ad essere le loro vittime.,

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER MARIELLA: contraaccambio.

Cavaliere oscuro del web ha detto...

In questa emergenza, ci sono tante lacune. Un vaccino influenzale non poteva fare miracoli, il virus continua a mutare.
Sereno giorno.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER CAVALIERE: concordo in pieno.

Arwen Elfa ha detto...

Purtroppo Daniele la questione del futuro inesistente è sempre più presente. Per alcune persone, già prima della pandemia c'era un futuro inesistente e/o molto brutto, (da molti punti di vista) ma con la pendemia il numero delle persone senza futuro purtroppo è enormemente aumentato. Quantunque tutti abbiano fatto errori, non solo in Italia e negli altri paesi europei, quasi tutti più di noi, ma anche nel resto del mondo; ha pienamente ragione Vincenzo Cavaliere quando dice che un vaccino può essere un aiuto ma non risolvere completamente anche perchè il virus, come tutti i virus continua a mutare. Certo il Vaccino è una forte protezione verso la forma di malattia peggiore, più forte, quella che porta in ospedale e poi, in alcuni casi in terapia intensiva.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER ARWEN Cavaliere Oscuro non dice così dice che un "vaccino" che è poco più forte come efficacia di un vaccino contro l'influenza non poteva e non può certo essere la soluzione per un virus che porta pandemia. Non concordo con te con tutto il rispetto, ma i dati sembrano dire proprio l'opposto se si parla di tamponi anche per i vaccinati

Berica ha detto...

I Poeti hanno il dono di vedere oltre e per fortuna, raccontano quello che vedono.
Grazie

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER BERICA; grazie a te per queste tue parole.