venerdì 28 gennaio 2022

L'Angolo del Rockpoeta®: "Tio"

 TIO

Nella città di Potosì
Fiumi d'argento e respiri di dolore
Da secoli oramai
Questa città ha reso ricchi
Stati europei e negrieri schifosi.

Miniere d'argento
Popolo sfruttato ancora oggi
Bolivia pobre y triste

Ancora oggi 
Minatori dalla guancia gonfia
Per il masticare coca da anni
E lo sguardo scavato 
Da un sorriso triste
Usano dinamite 
Per tentare di prendere
Il poco argento che ancora rimane
Per sfamare le loro famiglie

Bambini
Uomini
Anziani
Intere famiglie 
Rischiano la vita in quelle gallerie buie
Una vita disperata e stanca

Tutto l'argento delle Chiese 
È macchiato del sangue della gente di Potosì

50° nell'inferno di quelle montagne
Ed i minatori spesso non mangiano
Il cibo in quelle cave fermenterebbe nel loro stomaco

Si affidano ad una divnità locale
La chiamano "Tio"
Una sorta di diavolo con un grande fallo

Un rituale preciso e ripetitivo
Per affidare la propria vita a Tio.
"Fuori da queste buie gallerie 
Siamo tutti cristiani, 
Qui dentro 
Siamo alleati col diavolo"

Purtroppo neanche Tio
Riesce a proteggerli tutti
Forse perchè 
Come tutti loro
È anche lui un povero diavolo

DANIELE VERZETTI ROCKPOETA®

26 commenti:

Franco Battaglia ha detto...

Lo farei leggere a Mattarella, stanco da sette anni di "rappresentanza"..

Gus O. ha detto...

Con il tempo il fallo di Tio si è rimpicciolito.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER FRANCO; concordo

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER GUS; povero

Gus O. ha detto...

La Meloni vuol far saltare il governo e cerca le elezioni per superare la Lega e diventare leader della destra. A questo punto se votano Mattarella lo costringono a restare Presidente della Repubblica. Oggi stesso se non c'è l'accordo il centro sinistra voterà Mattarella.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER GUS; e questi sono i loro problemi altro che la miseria della gente di Potosì

Ariano Geta ha detto...

Un po' come i garimpeiros brasiliani: anni e anni in mezzo alla giungla a setacciare ogni roccia con il sogno di trovare un grosso pezzo d'oro e diventare ricchi... e poi invece ritornano da dove sono partiti più poveri di primi, e con il corpo ormai stremato e ammalato.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER ARIANO: quasi, solo che in Bolivia per secoli erano sfruttati come schiavi da imprese che sfruttavano i giacimenti boliviani di Potosì. Ora invece, qualcuno folle, li potrebbe definire "liberi professionisti" ma sono solo poveri e disperati. aa

Alligatore ha detto...

... è già, oppure Tio non c'è. Chi lo sa?

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER ALLIGATORE: anche la tua ipotesi è da considerare

Giovanni ha detto...

Le tue belle rime mi portano in mente uomini,donne è bambini all'estrazioni di diamanti ....... sono occidentali i "propietari"con Tio mi porti all'estrazione dello zolfo .... anche qui Uomini,Donne e Bambini schiavizzati, questo lo aggiungo io ....... tutte quelle persone che si sono dati alla scienza di un epoca remota per una manciata di soldi che finivano alle persone a loro care.
IO la chiamo una carneficina vivente.
Scusami Daniele leggerti mi ha fatto pensare tutto un percorso ........ ho fatto qualche accenno. Magari sono fuori tema.

Caterina ha detto...

Una poesia molto toccante!! Questo è un altro orrore che ti combina questa umanità.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER GIOvANNI: io direi niente affatto anzi!

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER CATERINA: Verissimo.

Maria D'Asaro ha detto...

Vorrei fare qualcosa per non essere inconsapevolmente complice di questo orrendo sfruttamento...Grazie per alzare, con i tuoi versi poetici, l'asticella delle denunce sociali.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER MARIA: grazie a te per le tue parole bellissime.

Cavaliere oscuro del web ha detto...

Il capitalismo è sfruttamento, questo sistema ha portato alla rovina l'umanità.

Angela ha detto...

quanti danni hanno fatto (e fanno) il colonialismo, il capitalismo, questa prepotenza dell'uomo bianco, occidentale, di dominare su altri popoli e di ridurli in povertà prendendosi ciò che appartiene loro...
Questa povera gente si ritrova schiava e misera in casa propria; e alcuni da casa loro vengono anche scacciati (penso ai nativi americani, ai palesinesi...).
Ogni giorno dovrebbe essere "giorno della memoria", nel senso che - considerate le tantissime ingiustizie che ci sono state e continuano ad esserci nel mondo - non bastano alcuni giorni specifici all'anno per ricordare e denunciare, ma quotidianamente dovremmo interessarcene.
E i tuoi versi ce lo ricordano.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER CAVALIERE: concordo, ma sembra che ancora molti non lo comprendano.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER ANGELA: standing ovation, concordo su ogni singola sillaba del tuo commento.

LaDama Bianca ha detto...

Una realtà che non conosco a sufficienza, approfondirò a riguardo. Grazie per questi bei versi, buon week end.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER LA DAMA BIANCA: ti lascio un link che ne parla https://www.youtube.com/watch?v=88cWsU7e7js ma se sei per caso anche su fb questo link è quello che mi ha ispirato questi versi:

https://www.facebook.com/groups/1095701030562353/posts/2443131862485923/

MERITA MOLTO QUESTO: https://www.tpi.it/foto/reportage-miniera-argento-cerro-rico-bolivia/

Pia ha detto...

Caro Daniele, purtroppo come la signora Dama Bianca non ne sapevo nulla.
Approfitterò dei suggerimenti dati a lei per comprenderne di più e meglio.
Nel mondo sono tante le ingiustizie che avvengono e quindi approvo molto queste tue parole che mettono in mostra una di queste tristi realtà.
Grazie a ti abbraccio forte, ciao.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER PIA leggi i link sono molto interessanti vedrai.

Nick Parisi. ha detto...

Straziante ma bellissima.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER NICK grazie