lunedì 21 settembre 2020

L'Angolo del Rockpoeta® : "730 Giorni"

Dedicata all'attivista No Tav  Dana Lauriola che per i fatti del 2012 è stata condannata a due anni di carcere, nessuna condizionale e nemmeno pene alternative, lei che è impegnata nel sociale. Condannata e prelevata giovedì scorso per essere tradotta in carcere.

730 GIORNI 

Due anni di carcere
Nessuna pena alternativa
Nessuna condizionale
Dritta in prigione
E senza passare dal via!

Due anni di carcere
Per aver difeso la mia terra
Perchè "No Tav" sia un grido di resistenza e salvezza
Di luoghi che non meritano la cancellazione
A causa di un'opera inutile e gravosa

Due anni di carcere
Per aver tutti insieme
Bloccato il casello autostradale di Avigliana
Ed aver gridato col megafono
Quell'urlo di libertà e di protezione della natura.

Due anni di carcere
Come una criminale incallita
Trattata alla stregua di uno spacciatore
Di un rapinatore
Di una sovversiva assassina
Eppure abbiamo solo "diretto" il traffico
Come improvvisati vigili urbani
Ma in più abbiamo professato le nostre idee
Abbiamo difeso i nostri diritti
E questo è più grave
Questo un vigile urbano non lo fa.

Due anni di carcere
Ma ero preparata
D'altronde pochi mesi prima la nostra Nicoletta
Anche lei in quella manifestazione
È stata messa in carcere
Nonostante i suoi 73 anni.

Due anni di carcere
Io incensurata
Spaventata
Io impegnata nel sociale
Ma non mi arrendo
Non dobbiamo accettare
Uno Stato che faccia della repressione
Dell'intimidazione
Dello stato di polizia
Le sue prerogative principali
Ignorando la Costituzione
Costituzione che in realtà
Odiano e vorrebbero cancellare tutta
Se solo potessero.

Due anni di carcere
730 interminabili giorni di sofferenza
Ma ne è valsa la pena
Non c'è punizione che tenga
Non c'è minaccia che possa distogliermi
Dalla difesa dei miei diritti
Perchè possono colpirmi ripetutamente
Ma ogni colpo che mi arriva nel corpo e nell'anima
Non basta a farmi desistere
Non basterà a farci desistere

Due anni di carcere
Ma la nostra lotta è appena cominciata. 
 
DANIELE VERZETTI ROCKPOETA®  

26 commenti:

Gus O. ha detto...

Il reato per cui è stata condannata non è di “opinione” ma di azioni violente, paramilitari, para terroristiche.
Mi sembra una vendetta. Un'applicazione del principio "Unum castigabis, centum emendabis".
Uno schifo.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

ER GUS: infatti, si tratta di una chiara ritorsione perché danno molto fastidio. Certo che uno legge il reato per cui è stata condannata ed allora si chiede perché due anni perché sia possibile che un reato così grave abbia una pena minima così risibile. Solitamente i reati gravi hanno pene minime dai 5 anni di carcere in su. E poi diciamola tutta,, alla fine hanno bloccato un casello e forse fatto transitare le auto mentre spiegavano le loro motivazioni, permettendo ad esse di non pagare il pedaggio. Da qui ad essere accusati di para terrorismo…

Ariano Geta ha detto...

Confesso di non essere ben informato sulla vicenda, quindi non posso esprimere un'opinione supportata da conoscenza dei dettagli. Mi piacerebbe leggere sulla sentenza di condanna quali sono i fatti materiali che hanno portato alla sentenza e se c'è effettivamente una violazione del codice penale.

Gus O. ha detto...

Daniele, se il reato è il blocco stradale due anni di carcere dovevano darlo a tutti i partecipati alla protesta.
E' una pena inaudita e non si trova nessuna giustificazione.

LaDama Bianca ha detto...

Non conosco la vicenda e non mi posso esprimere.
Di sicuro non provo molta simpatia per i no tav.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER ARIANO: esiste una mistificazione dei fatti perché hanno di fatto bloccato un casello autostradale, cosa che accade spesso pensa a tutte le volte che lavoratori disperati perché rischiano il posto di lavoro bloccano gli ingressi delle autostrade, solo che qui in più hanno permesso alle auto in transito mentre col megafono lei ed altri spiegavano la loro posizione, di transitare senza pagare In realtà si tratta di reato di blocco stradale. in realtà da ogni parte si evince come il giudice poiché lei non ha rinnegato le proprie idee e l'appartenenza ai No Tav e non se ne è dissociata, l'ha ritenuta pericolosa. Quel tribunale è conosciuto per essere considerato il braccio armato del governo.

Di fatto lei ed altri sono stati accusati di interruzione di pubblico servizio (art 340 cp punibile con la reclusione fino a un anno.) violenza privata punito con la reclusione fino a quattro anni, danneggiamento aggravato che ha come elemento dirimente la possibilità di non concedere la condizionale. Sono tutti reati con pene minime e di fato a lei probabilmente è stato addebitato il primo.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER GUS: di fatto è successo quello poi in realtà hanno addebitato come ho scritto ad Ariano interruzione di pubblico servizio con pene anche lì lievi. Tutti sono molto contrari alle decisioni dei quel tribunale. D'altronde se prendi due anni, che si tratta di una pena passibile di condizionale o cmq di servizi sociali, ed invece te la vogliono fare in carcere, già questa è una stortura.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER LA DAMA BIANCA: sono solo oggetto di discredito mediatico ma sono persone normalissime che fanno azioni di protesta e non hanno nulla a che fare con quelle frange violente che invece si mischiano per fare casino e chissà perché far gettare discredito sulla loro protesta

Riky Giannini ha detto...

Dovrei vedere anche io "le carte", ma a sensazione credo che il pensiero di Gus sia conforme a ciò che penso io. A dimostrazione che la giustizia non è mono-direzionale e neppure morbida come fanno credere molti opinionisti.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER RIKY: a volte è anch'essa debole con i forti e viceversa. Due anni, credo che sia l'unica detenuta se non troveranno un modo per evitarglieli ma sembra difficile, ad essere in carcere con una pena da scontare di due anni. Vero dovremmo vedere le carte ma se un giudice già così severo, stranamente severo, non è riuscito ad appiopparle qualche anno di reclusione in più, vuol dire che la situazione penale di Dana è davvero minima e residuale e che quindi non meritava questo trattamento.

Mirtillo14 ha detto...

Io devo dire che non ricordo questa vicenda , leggendo i commenti credo queste persone danno fastidio ma sono persone normali, che non fanno atti vandalici ma solo manifestano così la propria contrarietà . Non capisco perchè ci sia andata di mezzo solo lei. Ho letto i commenti , si parla di reato di blocco stradale e , forse, andavano puniti tutti. Però , ripeto, non conosco la vicenda. Saluti.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER MIRTILLO: si possono anche condannare ma non punire. E dare due anni senza condizionale e senza pene alternative non è condannare è punire.

Claudia Turchiarulo ha detto...

Devo ripetermi rispetto a chi mi ha preceduta.
Non conosco la vicenda, ma due anni di reclusione mi sembrano davvero eccessivi, in assenza di reati gravi.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER CLAUDIA: esatto, eccessivi è la parola giusta e soprattutto eccessivo è il decidere di farglieli scontare in carcere.

Cavaliere oscuro del web ha detto...

Non è la prima volta, che chi protesta paghi gravi conseguenze.
Saluti a presto.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER CAVALIERE verissimo ed ogni volta è una sconfitta per la democrazia

MAX ha detto...

Anch’io non conosco la vicenda , ma la pena mi sembra eccessiva!
Possono far ricorso ?

Voltaire ha detto...

Secondo quanto afferma la stampa, quel giorno gli attivisti "occuparono l'area del casello autostradale di Avigliana facendo passare gli automobilisti senza pagare il pedaggio. Per questi fatti ci furono 12 condanne e 18 anni di reclusione per reati di violenza privata, danneggiamento aggravato e interruzione di pubblico servizio." Sarebbe interessante,anche in base alle risultanze dell'inchiesta, verificare il ruolo della Lauriola anche perché, in questo modo,si potrebbe capire come mai i giudici abbiano negato le misure alternative alla pena. Ho cercato notizie sulla stampa ma, su quest'ultimo punto, non c'era chiarezza. Certo è che si tratta di una decisione pesante e che, pertanto, deve essere adeguatamente motivata.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER MAA non lo so forse in cassazione

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER VOLTAIRE ho letto quell'articolo e lei ha preso interruzione di pubblico servizio massimo un anno e forse violenza privata anche se non ne esistevano i presupposti fattuali. Di fatto le hanno negato condizionale e pene alternative solo perché non ha abiuratoNo il gruppo Tav e le idee che lo guidano e pertanto è stata ritenuta pericolosa...

fulvio ha detto...

La Giustizia è troppo spesso manipolata sia in eccesso o in difetto da Giudici parziali.
Bellissima la poesia.
Ciao fulvio

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER FULVIO: purtroppo hai ragione. Grazie per i complimenti, grazie con tutto il cuore!

Mariella ha detto...

È una grave ingiustizia. Ma concordo con te: colpiscono lei per colpire i NO-TAV

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER MARIELLA: infatti ed è un'autentica vigliaccata.

Patricia Moll ha detto...

SCusa, Dani, ma qui hai fatto un errore

Due anni di carcere
Come una criminale incallita
Trattata alla stregua di uno spacciatore
Di un rapinatore

NO! Quelli in galera mica ci vanno! Magari ai domiciliari ma proprio al gabbio....

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER PATRICIA: in effetti se anche ci vanno presto ne escono e soprattutto si tratta di reati le cui pene sono superiori spesso ai due anni presi da Dana