lunedì 9 dicembre 2019

L'Angolo del Rockpoeta®: "Tamburi Di Lotta"

TAMBURI DI LOTTA

Tum - Tum - Cha
Cha - Tum - Tum- Cha

Tum - Tum - Cha
Cha - Tum - Tum- Cha

Tum - Tum - Cha
Cha - Tum - Tum- Cha

Tum - Tum - Cha
Cha - Tum - Tum- Cha

Calma apparente
Non illude 
Ed intanto rumori di spari arrivano da fuori
Ed intanto urla 
E terrore.

Tum - Tum - Cha
Cha - Tum - Tum- Cha

Tum - Tum - Cha
Cha - Tum - Tum- Cha

Tamburi marciano
Scandendo il ritmo di voci di pace e giustizia
Ed uno scatto d'amore per il tuo Paese
Immortala quel suono di libertà.

Ma i manganelli hanno occhi ovunque
E tu vieni notata
E come una stigmate sul cuore
Viene decretata la tua condanna a morte.

Tum - Tum - Cha
Cha - Tum - Tum- Cha

Tum - Tum - Cha
Cha - Tum - Tum- Cha

Ed il ritmo di quei tamburi
Stride con il silenzio assordante dei media europei
Dove un eliminato di un reality fa più rumore
Di lacrimogeni sparati ad altezza d'uomo
Perquisizioni irregolari
Torture.

Ma il ritmo di quei tamburi
Saprà resistere e trionfare

Tum - Tum - Cha
Cha - Tum - Tum- Cha

Tum - Tum - Cha
Cha - Tum - Tum- Cha

Tum - Tum - Cha
Cha - Tum - Tum- Cha

Tum - Tum - Cha
Cha - Tum - Tum- Cha

DANIELE VERZETTI ROCKPOETA®


Vi suggerisco il video perché questa poesia è molto…."sonora"….


34 commenti:

Pia ha detto...

Saper mantenere il tempo del suono di un tamburo mentre si dicono parole strazianti, come hai fatto tu nel video, non è assolutamente facile. Sei stato bravissimo!!!
Penetrante realtà di un silenzio senza senso. Ciao Daniele e grazie.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

TI ringrazio infinitamente per i tuoi straordinari complimenti, arrivano a toccare le più profonde corde della mia anima. Hai ragione. è un silenzio senza senso.

Mirtillo14 ha detto...

Sei stato bravissimo nel recitare questi tuoi versi. Forte il contrasto tra le parole e il ritmo dei tamburi e non credo sia facile combinare queste due cose in una recitazione, come hai fatto tu. Il silenzio e l'indifferenza dei media su questi avvenimenti è grave. E' vero che fa più rumore l'eliminazione di un concorrente da uno di quei giochi stupidi che fanno in tele e questo la dice tutta sull'impoverimento della nostra società. Saluti cari.

MikiMoz ha detto...

Non è stato facile mantenere il ritmo e recitare la poesia! :o
Comnque sì, sono notizie che non fanno notizia, perché non devono farla.

Moz-

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER MIRTILLO: Ti ringrazio delle tue fantastiche parole sulla mia recitazione!!! Infatti questo silenzio è gravissimo, sembra quasi che abbiano paura che poi facendo notare loro come altri popoli si svegliano, magari questo sia da stimolo a fare svegliare anche noi...

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER MOZ: grazie!!!!!! Concordo con te purtroppo, sono notizie che non devono fare notizia

LaDama Bianca ha detto...

Caspita. E' davvero molto forte Daniele.
Sia per il tema scelto, sia per le parole "sonore" e quasi persino visive che gli hai dedicato.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER LA DAMA BIANCA: grazie sono sinceramente emozionato dalle tue strepitose parole!!!

Sari ha detto...

Oltre l'abilità ti caratterizza una grande passione sociale. Non è facile da portare avanti e neppure lo è condividerla, caratterizzandola per non scadere nel catastrofismo.
La tua è sempre lotta fresca ma occorre anche il riposo, quello del guerriero.
Grazie.
Ciao.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER SARI: vero non è facile ma non ci si può fermare. Grazie per le tue bellissime parole!

Ariano Geta ha detto...

É riferita in particolare alla situazione in Cile e Bolivia o va intesa in senso simbolico estendibile a qualunque paese?

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER ARIANO: questa poesia è per il Chile lo dico anche nel video per introdurla al contrario di "El mismo mundo" che prende ispirazione dal Chile ma poi assume un respiro tragicamente più ampio.

accade ha detto...

Appena ho iniziato a leggere, non so perché, ma ho pensato subito a quello che succede a Hong Kong. Poi però leggo qui sopra che è una poesia per il Chile, ma come dicevo secondo me si adatta anche molto bene a Hong Kong (e probabilmente questa è una tua bravura o una dote, oppure le similitudini coinvolgono vari punti nel mondo)
Un salutone e alla prossima

Cavaliere oscuro del web ha detto...

I miei complimenti per i versi e l'ottima interpretazione.
Sereno pomeriggio.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER ACCADEBIS: le due ribellioni sono simili e differenti al contempo soprattutto nelle loro forme: ad Hong Kong non vanno con tamburi in Chile sì ma soprattutto contiene un riferimento ad un fatto accaduto specificatamente in Chile l'assassinio di quella fotografa. È nel video che specifico nella bravissima intro che è per il Chile

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER CAVALIERE: ti ringrazio infinitamente!!!

MAX ha detto...

Bravo , recitare e suonare non è mica facile.
Un po’ come cantare e suonare insieme.
Hai pensato ai Queen e We will rock you..per il battito delle mani?
Sui tuoi versi che dire?
Diretti e profondi ...ormai è un tuo marchio di fabbrica.
Triste è vergognoso quello che è successo a quella fotografa , la Martinez Burgos in Chile.
Speriamo che qui tamburi non smettano mai di suonare e che la voce della giustizia e della libertà si faccia sempre sentire .
Anche attraverso le tue parole.
Ancora complimenti, ciao

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER MAX:il "Tum Tum Cha / Cha Tum Tum Cha" si ispira alla batteria di "Streets of Philadelphia" di Springsteen le mani ricordano We Will Rock you, vero. Grazie Max per i tuoi complimenti e complimenti a mia volta per le tue sempre attente e competenti conoscenze musicali. in Chile la protesta continua ed anch'io non ho intenzione di smettere di far sentire la mia voce. Grazie Max del tuo commento.

Mariella ha detto...

Ti ho visto e ascoltato. Hai ragione, in questo caso è assolutamente indispensabile vedere il video. Cruda descrizione di un evento che, nello specifico, segna un altro momento di estrema vergogna. Per la civiltà e per il nostro futuro.
Quei tamburi sono il "rumore" di questo assordante silenzio. Evocano diritti e libertà. Sia che si tratti del Cile, come hai rimarcato nel video, sia che si tratti di ovunque nel mondo dove ci sia oppressione.
Ottima la citazione (tramite il ritmo) di una canzone che ha fatto da colonna sonora ad un film premio Oscar che parlava di diritti. Civili certo, ma pur sempre diritti. Ogni giorno calpestati, ma questo non ci fermerà.
Ti abbraccio amico caro e grazie.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER MARIELLA: sono senza parole per la profondità del tuo commento. La poesia è proprio partita da quel ritmo di batteria. io sono sempre molto ispirato anche dalla musica. La poesia ha anche un riferimento a quella fotografa uccisa. Cmq è vero l'oppressione ha purtroppo dei tratti caratteristici uguali ovunque ed è anche presente in molte, troppe parti nel mondo.

digito ergo sum ha detto...

poiché gente molto più brava di me ha già detto tutto sui contenuti, mi limito a dire che - ormai senza sorpresa - sei riuscito ancora a superarti. e c'è del magico, in tutto ciò, perché a me arriva forte la sensazione (soprattutto guardandoti e ascoltandoti) che tu non voglia stupire, ma superare te stesso. diventare più bravo a scandagliare società e animo. ed è uno spettacolo.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER DIGITO: ti ringrazio, per me è fondamentale esprimermi e fare arrivare a voi tutti quello che ho da comunicare e e questo mi spinge a tentare come dici tu di "superarmi". Grazie sei sempre unico e straordinario con i tuoi commenti.

Andrea Sacchini ha detto...

È bello che ci sia chi parla di queste cose quando l'informazione mainstream le ignora. Complimenti.
Quel "Tum-tum-cha" mi ha fatto venire in mente quando da giovane prendevo lezioni di batteria. Bei ricordi.
Ciao.

Nick Parisi. ha detto...

Futurista a dir poco... ;)

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER ANDREA: grazie infinite e di cuore per i tuoi bellissimi complimenti Wow allora suoni la batteria, fantasticoi!!!

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER NICK: grazie, che bel complimento!!!

Andrea Sacchini ha detto...

Sì, suono anche quella. Ce l'ho di sopra, nella camera in cui dormivo da ragazzo ;)

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER ANDREA: interessante, mi piacciono le percussioni.

Claudia Turchiarulo ha detto...

Gli eliminati nei reality fanno molto più rumore di notizie che dovrebbero davvero cambiarci la giornata, se non la vita...

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER CLAUDIA: infatti...

Grifone Distinti ha detto...

Grande momento di riflessione offerto da Daniele sull'arroganza dei dio denaro e sullo sfruttamento della povera gente . Ciò che lascia perplesso è il silenzio assordante del mainstream occupato a veicolare la presunta problematica ambientale anziché condannare le ingiustizie sociali e la violenza degli apparati repressivi sul quarto Stato . Saluti rossoblu

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER GRIFONE: benvenuto in questa agorà. Ti ringrazio per le tue belle parole sui miei versi. Concordo con te il silenzio dei media più importanti è assordante e incredibilmente persistente. Eppure in Cile la protesta continua.

Patricia Moll ha detto...

Mitico!
Una riflessione amara e tragica.
Coi reality ci riempiono la testa di cazzate per non farci pensare ad altro e i fondo molti, troppi ne son contenti. È fatica pensare, riflettere

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER PATRICIA grazie del complimento ☺
Purtroppo la gente mette sempre più la testa sotto la sabbia