venerdì 29 marzo 2019

L'Angolo del Rockpoeta®: "Eleutheria"

Postata nel 2007 ho deciso di proporla anche a voi oggi per questo fine settimana…

ELEUTHERIA

Tento di astrarmi
ma il dolore é troppo forte

Il mio respiro
rallenta
ucciso 
dal dolore di te

Te 
Che non posso avere,
Che non posso cercare

Te
Che posso solo amare in silenzio

Tento di astrarmi
Ti abbiamo persa
ma non riesco a rassegnarmi.

Ti amo Libertà.

DANIELE VERZETTI ROCKPOETA®

28 commenti:

Cavaliere oscuro del web ha detto...

Chapeau!
Sereno giorno.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER CAVALIERE; ti ringrazio di cuore!!!

Riccardo Giannini ha detto...

Amo la personificazione della libertà
I tuo versi mi ricordano una delle più belle poesie mai scritte e messe in musica: "Se ti tagliassero a pezzetti" di De Andrè.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER RICCARDO: grazie è un onore questo paragone che non credo di meritare ma grazie di cuore!

Gianna ha detto...

Hai scelto il momento giusto per postare questo tuo grido di dolore a cui mi unisco con partecipazione.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER GIANNA: ti ringrazio dal profondo del mio cuore.

Moz O'Clock - nerdblog retro & pop ha detto...

Non è mai persa: o non l'abbiamo mai avuta, o la abbiamo e non lo sappiamo (non ce lo dicono, forse...)^^

Moz-

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER MOZ: ce l'abbiamo parzialmente (noi almeno, altri nel mondo proprio non ce l'hanno) e la libertà si può perdere (e riacquisire): Vedi Chile nel settembre del 1973...

Sari ha detto...

Sogno di poter richiedere la condanna per chi uccide sogni e speranze e lavori forzati a vita a chi toglie la libertà.
Bel grido di dolore il tuo.
Ciao.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER SARI: grazie, bel sogno il tuo, chissà magari un giorno...

Irene Z. ha detto...

Però la Libertà di pensiero, quella nessuno potrà ucciderla mai. Il mio prof alle superiori ce lo ripeteva sempre: Ragazzi, la Libertà è nel pensiero, non lasciatevi manipolare, conservatela con cura....

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER IRENE: vero, ma si sono organizzati per manipolarla.

LaDama Bianca ha detto...

Pensavo stessi parlando di una donna e invece era la Libertà.
Che in fondo non è un concetto astratto, ma solo poco raggiungibile.
Buona giornata!

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER LA DAMA BIANCA:concordo con te.

iacoponivincenzo ha detto...

Quanto tempo che non incontravo il sacro nome della dea della Libertà. Eleutheria. Era rimasto confinato dentro le pagine del mio Lorenzo Rocci e chissà quanto ci sarebbe rimasto. Lo hai rimesso in vita tu con questa bellissima poesia e mi hai riportato indietro di più di sessantasette anni. Ora devo mettere gli occhiali per leggere, ho doloretti dappertutto, allora del tutto sconosciuti, ma lo sirito è rimasto intato come il tuo.
Possiamo vantarcene: la poesia non invechia mai e non fa invecchiare.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER VINCENZO parole sante la poesia è un elisir di lunga vita almeno dell'anima. Come sempre sai toccare con le tue parole le corde del mio più profondo sentire. Grazie Vincenzo.

accade ha detto...

La libertà è importante come il pane che mangiamo, l'aria che respiriamo, l'acqua che beviamo e non possiamo farne a meno.
Ciao Amigu de Zena alla prossima

Mariella ha detto...

Enzo ha ricordato il Rocci e a me il pensiero è andato alla fatica di sere passate a tradurre versioni da quel greco antico così bistrattato e così orgoglioso. Mi lasciavano stremata ma soddisfatta e ricca.
Possibile che si sia perso completamente il senso dato dagli "antichi"a quella parola breve e così pregna di diritto e aspirazione.
Parola per la quale si è lottato fino alla morte e ora noi chiniamo la testa o la giriamo dall'altra parte facendo finta di non sentire quel scia disturbante che sta seppellendo quello che pensavamo fosse imprescindibile da noi.
ἐλευθερία che era esattamente la parola libertà riferita all'ambito militare e politico.
Sconosciuta oggi ai più. Noi, ormai, siamo in libertà condizionata.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER ACCADEBIS parole sagge.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER MARIELLA una studentessa di greco che ama la libertà si dispera nel vedere come oggi molti si voltano per non vedere come quella libertà ce la stanno rubando e di come la nostra libertà oggi sia estremamente condizionata.

Laura Andrighetto ha detto...

Ecco una mia domanda a te , che dobbiamo fare per riconquistarci la libertà ???
La libertà di pensiero non me la toglie nessuno....
Buona notte . Laura

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER LAURA per esempio non girarsi dall'altra parte quando vediamo cose che non vanno.

MAX ha detto...

Utopia ....come cantava Gaber!!!
Non si è liberi a volte nemmeno di andare a pisciare.
Indubbiamente la libertà finisce quando manca il rispetto verso gli altri.
Ciao Daniele è sempre piacevole leggerti.
Mi allontanerò un po’ dal mondo dei blog , ho voglia di staccare la spina.
Non so quando tornerò a commentare , sicuramente continuerò a leggerti.
Buona vita.
Max

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER MAX: siamo in una società con regole ferree che limitano la nostra libertà.

Rispetto questa tua decisione spero di rileggere presto un tuo commento.
Ciao
Daniele

silvia de angelis ha detto...

La libertà, pulsione di grandissima importanza nella nostra vita, a volte non si può raggiungere, con profonda costernazione interiore.
Versi apprezzati, buona domenica e un saluto,silvia

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER SILVIA: grazie per le tue belle parole.

guisito ha detto...

ER GRILLO ZOPPO

- Ormai me reggo su ‘na cianca sola.

- diceva un Grillo – Quella che me manca

m’arimase attaccata alla cappiola.

Quanno m’accorsi d’esse priggioniero

col laccio ar piede, in mano a un regazzino,

nun c’ebbi che un pensiero:

de rivolà in giardino.

Er dolore fu granne…ma la stilla

de sangue che sortì dalla ferita

brillò ner sole come una favilla.

E forse un giorno Iddio benedirà

ogni goccia de sangue ch’è servita

pe’ scrive la parola Libbertà!
Trilussa
Complimenti e un saluto cordiale, Guido.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER GUISITO: questo parallelo con Triilussa mi onora moltissimo, grazie!