lunedì 8 febbraio 2021

L'Angolo del Rockpoeta®: "La Natura Umana"

 LA NATURA UMANA

Caos 
Incertezza
Sospetti
Indizi
E le soluzioni all'orizzonte
Preoccupano quasi quanto il problema.

Vogliono mutare la nostra natura
Ma la natura non la puoi soggiogare
Puoi solo sottometterla temporaneamente
Ma poi esce fuori 
Si ribella
Invade gli spazi che le hai rubato
Si riprende ciò che era suo.

E così è per l'uomo
Non puoi abradere la sua socialità
Non puoi erodere il suo desiderio di fisicità
Non puoi soffocare a lungo la sua anima
Il suo estro
La sua capacità artistica
E non puoi eliminare il desiderio di viverla
Insieme
In un concerto
Ad una mostra
Perchè è la natura umana
Perchè possono obbligarci con la forza e la paura
Ma la nostra natura non la puoi ingabbiare

È come l'aria
È solo questione di tempo e poi
Sgorga fuori inarrestabile
Come un impellente bisogno di vita e libertà.

Ma l'uomo è anche orrore
Sopraffazione
Dominio
Ignoranza
Ed allora può non capire tutto questo
Può illudersi di avere una nuova pozione magica
Capace di stravolgere questa verità assoluta
E di ridurre tutti noi ad automi vuoti e senza più sogni.

Ma non è possibile
Nel medio periodo 
Questa folle convinzione 
È destinata a rivelarsi tale
E venire sconfitta

Questa lotta però
Ha un prezzo molto alto
Vite umane spazzate via
Sottomesse o uccise

E noi siamo pericolosamente sul ciglio 
Di questo burrone
Siamo ad un passo da tutto questo orrore
E dobbiamo impedire che abbia inizio
E che si instauri questo clima di terrorismo sociale

Dobbiamo impedirlo per noi
Per i nostri figli
Per non vedere più scorrere sangue per le strade

Non voglio vivere in un mondo
Che deporta corpi
Ed annienta anime
Di nuovo
Ancora
Solo con strumenti diversi dal passato

Mezzi tecnologicamente più avanzati
Ma che nulla possono nel tempo
Contro la natura
La natura umana.

L'uomo è una lacrima di commozione
Di fronte ad un tramonto

È un respiro lungo e profondo di speranza
Che ossigena l'anima davanti alle prime luci di un'alba

È un sorriso gioioso di fronte ad una nascita
È un respiro affannato ed emozionato
Mentre bacia l'amore della sua vita

L'uomo è sogno
Ideali 
Passione
Gioia
Amore.

L'uomo può essere anche altro
Lo abbiamo visto
Lo abbiamo studiato
Ma quella devianza aberrante
Può essere sconfitta
E noi ora dobbiamo bloccarla sul nascere
Aprendo gli occhi
Lasciando che la nostra vera natura
Ci guidi.

Perchè l'uomo non è vino...

DANIELE VERZETTI ROCKPOETA®

38 commenti:

Claudia Turchiarulo ha detto...

Non puoi soffocare a lungo l'estro dell'uomo, dici? È vero, ma è proprio quello che stanno facendo da un anno a questa parte.
Le emozioni e i sentimenti restano intatti, ma è sempre più dura proteggerli.
Non se ne può più.

Gus O. ha detto...

Una lirica di ampio spessore per non dimenticare la natura dell'uomo. Qualcosa che appartiene a un uomo di grande sensibilità e conoscenza. E' Daniele Verzetti.

"L’uomo è un animale sociale. È così che Aristotele definì l’essere umano, in quanto capace di unirsi in gruppo e costituire una società, ovvero, secondo la definizione, un insieme organizzato di individui. Ma cosa significa realmente società e cosa, nello specifico, essere un individuo all’interno di essa, cioè essere un animale sociale?
Vittorio Arrigoni, reporter italiano, era solito concludere ogni suo articolo con l’adagio “Restiamo umani“, perché forse là, sulla striscia di Gaza, anche lui si era accorto della perdita d’identità di fronte a tanta violenza che l’uomo ha sullo stesso uomo e voleva invitare a ricordare chi siamo e a chi apparteniamo: la razza UMANA.
Forse sì, caro Aristotele, l’uomo è un animale sociale, ma non è fedele quanto gli animali alla propria società di appartenenza. L’uomo è nato libero di scegliere chi essere e a chi appartenere e, forse, la sua libertà è il suo più grande pregio e il suo più grande". difetto.

https://radio-eco.it/index.php/2020/02/27/uomo-animale-sociale/

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PR CLAUDIA: è necessario non lasciarsi annullare assolutamente

Franco Battaglia ha detto...

"E le soluzioni all'orizzonte
Preoccupano quasi quanto il problema" Non sono d'accordo, sempre che ti riferisca ai vaccini.
Essere guardinghi e attenti va bene. Ma vedere orde di bestioline affannarsi in spiaggia e ai tavolini appiccicati di ogni bar al grido di "tana libera tutti" significa che siamo indietro. Di cervello innanzitutto. Se davvero è questo l'estro che non dobbiamo abradere.
Non mi trovi d'accordo. Neanche un po'.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER GUS molto interessante il link che mi hai postato tra l'altro ho la sessione che l'autrice dell'articolo sia anche una blogger. Domandarsi cosa sia la società è complesso. si potrebbe rispondere che siamo tutti noi perchè ciascuno di noi contribuisce a formarla. Essere animali sociali secondo me aiuta anche, o almeno dovrebbe, a restare solidale ed umani come diceva Vik. Quello che più conta è che niente e nessuno ci sottragga il vivere a pieno la vita.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER FRANCO: non solo ai vaccini anzi questa volta non ai vaccini ma al fatto che per loro le soluzioni siano il continuo soffocamento sociale nonostante i vaccini. E guarda che si può benissimo andare al ristorante o a teatro con precauzioni che sono percorribili quanta all'assembramento curioso che gli stesesi giornalisti che scattano foto di. mega assembramenti di ragazzi siano gli stessi ammassati come maiali quando esce il politico di turno per strada (foto vista sui social in questi giorni)

Gus O. ha detto...

Bisogna fare chiarezza sulle misure di restrizione del Covid-19 in Italia.
Improvvisate, sbagliate, imposte brutalmente senza una campagna di convincimento. Il PIL distrutto.
Questa è la realtà:

L'Italia supera gli 80 mila morti e il tasso è tra i peggiori al mondo.
Il Messico è al primo posto per Il tasso di letalità con l'8,72%. Seguono Iran (4,35%) e Perù (3,70%). Poi, prima assoluta nel mondo occidentale, l'Italia con 3,47%

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER GUS: infatti qui si restringe senza però avere una logica costruttiva e si fa danno da ogni lato.

Ernest ha detto...

“L’uomo può essere anche altro”…. vero, lo spero tanto, ma spesso vediamo il contrario. Non perdiamo la speranza.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER ERNEST: ok stringiamo i denti allora.

Ness1 ha detto...

Quando leggo un post solitamente lo interpreto in base al mio pensiero..spesso alcuni post li rileggo, succede quando emotivamente scatenano qualcosa dentro di me..in questi casi perdo di vista il messaggio primario dell'autore..non so se sbagliato, anche a scuola nel "commenta il testo" mettevo il "mio"..la lettura del post: caos, incertezza, sospetti, indizi..un mondo che deporta corpi..l'uomo è sogno..scavano in una realtà che sto vivendo, molto complessa a me completamente sconosciuta..ci sono tante realtà in cui all'uomo non viene riconosciuto nulla neanche un minimo di dignità..
Buongiorno Daniele, è un piacere leggerti..mi piace questo piccolo salotto che vado creando con la "costante" di alcuni blog molto"particolari"

Gus O. ha detto...

«Mi spiace, ma il governo ha commesso un errore chiudendo tutta l'Italia allo stesso modo. Lo so, è facile parlare con il senno di poi. Ma le invio un po' di link, in cui vedrà che già a febbraio dissi che sarebbe stato necessario fare due cose, immediatamente: chiudere e isolare la Lombardia, mettere in sicurezza il resto d'Italia, vigilando sui focolai».
Il professor Andrea Crisanti, docente di Microbiologia all'Università di Padova, e protagonista del modello Veneto nella lotta con l'epidemia.
Praticamente hanno bloccato l'economia dove non c'era assolutamente Covid-19.
Forse Draghi avrà imposto a Speranza di bloccare solo le zone con contagi alti. Ora la strategia dei colori è cambiata.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER NESS1: la vera natura dell'uomo è amore, socialità, e non puoi soffocare tutto questo anche se è vero che l'uomo purtroppo sa essere anche tanto altro. Io alludo a questo senso di eccessivo liberticidio per la pandemia e quindi dico che non voglio una società futura che con tecnologie futuri deporti corpi ed annienti anime. Sono contento della tua presenza contento ed onorato.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER GUS: credo proprio che Draghi non confermerà spero Speranza ed i suoi accoliti e soprattutto lo spero. Crisanti ha detto bene ma io voglio essere ancora più magnanimo e dire che si è dovuto fare il primo vero lockdown ma quanto successo da settembre 2020 ad ora è qualcosa di schizofrenico ed illogico.

Ma soprattutto quello che trovo assurdo è che nonostante arrivino i vaccini nonostante la pandemia stia regredendo nonostante le terapie con gli anticorpi monoclonali siano in arrivo, nonostante tutto questo si insista a dire che cmq non sarà come prima che ci vorranno anni (anni????) prima di tornare come prima. I conti allora qui non tornano più

LaDama Bianca ha detto...

Tutti a prendersela se con una giornata di sole la gente finalmente esce e cerca di vedere, seppur da lontano, altri esseri umani.
A me non sembra strano, sembrerebbe strano il contrario, ovvero che si accontentassero di viver per sempre rinchiusi in una bolla.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER LA DAMA BIANCA: ben detto.

Mirtillo14 ha detto...

Per me, l'inverno, fino ad adesso, è stato brutto.
L'ho trascorso nel mio piccolo paese, senza poter uscire, senza andare a vedere un'altra città,una mostra, le amiche...
Io sono lombarda , quindi, figurati....
Mi è pesato tutto ciò e ne sto risentendo perchè ho il morale sotto i piedi.
Come tutti penso, aspetto un pochino di sole per riprendermi i miei spazi e la mia vita normale.
Non ne posso più di vivere nella paura, nell'incertezza, nella solitudine.
Sabato pomeriggio sono andata a Busto Arsizio, il centro era strapieno di ragazzi tutti in grandi compagnia. I bar erano pieni.. Come si fa ad impedire alla persone di trovarsi, di stare insieme ? Dopo un anno, mi sembra più che giusto volersi riappropriare della propria vita. Saluti Daniele, bravo per i tuoi versi.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER MIRTILLO: condivido in toto le tue parole. Capisco molto bene i tuoi stati d'animo e sono d'accordo con te sul volersi riappropriare della propria vita.

MikiMoz ha detto...

Non sono per nulla d'accordo, né con te né con gli altri, perché lasci supporre che sia una mossa fatta per soffocare volutamente.
Abbiamo avuto un'estate normale proprio per il lockdown ferreo.
Si vede invece come funziona il lockdown leggero: ogni tanto si richiude, perché ci sono sempre nuovi focolai.
Bisogna capire che non c'è un quadro cinico e sadico che ci vuole rinchiusi, è da folli anche solo pensarlo.
Ripeto, io lascerei tutto aperto e mi godrei lo spettacolo, quello sì, per puro sfizio di eliminazione dell'umanità.

Moz-

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER MOZ: io il sospetto ce l'ho e direi che è più di un sospetto. Arriva Draghi, probabilmente Speranza dirà addio alla poltrona del ministero della salute. Ebbene sono passate neanche 48 ore e gli stessi leccapiedi del ducetto frustrato che chiedevano lockdown a gran voce hanno detto che se in zona arancione si potrebbero aprire almeno di giorno i ristoranti, che in zona gialla li si potrebbe tenere aperti con le dovute cautele, anche alla sera. Io voglio tutto aperto perchè qui adesso è ora di capirci ossia comprendere se ci marciano o no. Se no, bastano iil distanziamento fisico, la mascherina ecc....

Patricia Moll ha detto...

L'uomo è una lacrima di commozione
Di fronte ad un tramonto

Bellissima!
Aggiungerei che è anche una lacrima di dolore di fronte ad un tramonto per una giornata che finisce.

L'uomo è socialità prima di tutto. Non è eremita. Per questo appena ci danno un minimo di libertà ne approfittiamo e nascono le resse, le calche.
L'uomo non è nato per stare solo

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER PATRICIA grazie per aver colto quel grumo di emozioni che questa poesia contiene.

Ariano Geta ha detto...

Certamente la capacità umana di voler vivere si vede anche in questi momenti: quello che ci si inventa pur di trovare motivi di bellezza e di speranza persino in frangenti difficili come questi è straordinario, e ho visto tutta la creatività umana in azione in questo periodo per "sopravvivere" malgrado le limitazioni imposte dall'emergenza.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER ARIANO credo che la fantasia umana possa fare quasi tutto. Tranne respirare aria vera e socializzare.

Cavaliere oscuro del web ha detto...

Mi auguro che il peggio sia passato, ma temo nuove pandemie peggiori.
Saluti a presto.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER CAVALIERE comprendo i tuoi timori

accadebis ha detto...

Caspita, hai usato il termine "abradere" cioè "radere", "toglier via", un termine raramente usato ma che rende bene l'idea. Per il resto sin da quando veniamo in questo mondo e proseguendo nella vita abbiamo sempre da risolvere, a volte anche combattere, la natura umana oppure dobbiamo confrontarci con essa per trovare soluzioni. E' il dilemma secolare che ci accompagna. E' vero, l'Uomo è anche "altro" e questo "altro" secondo me è l'essenza della nostra ricerca. "In medio stat virtus", nel mezzo sta la virtù sosteneva un antico detto...chissà se avevano ragione gli antichi.
Un salutone

Riky Giannini ha detto...

Bei versi Dani ed è bello anche il dibattito che si è sviluppato.
Secondo me è giusto non demonizzare "la libera uscita", come ha detto Dama.
Ma nel contempo, come detto da Franco, c'è chi si è approfittato della situazione.
Poi magari i giornali hanno, come sempre, ingigantito tutto anche se certe foto erano eloquenti.
L'uomo è un animale sociale, ma adesso siamo vicinissimi alla fine del tunnel, sarebbe brutto sprecare tutto...

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER ACCADEBIS: non so se in questo caso nel mezzo risieda la virtù o se oppure risieda l'ignavia. Grazie per i complimenti, sono veramente contento!

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER RIKY: te lo dico onestamente, a me questi giornalisti che ogni benedetta volta che scatta la zona gialla fanno questi servizi da sfigato delatore scattando foto chissà poi se vere o ritoccate (non pensavo l'avrei mai detto ma stimo di più allora chi cerca di fotografare le chiappe ed il panzone ddi Briatore) e poi non succede nulla. Giornalisti che magari sono gli stessi di quelli ammassati ok discutiamone...

Quindi ok non assembrarci scriteriatamente ma neanche dover essere criminalizzati per due persone in più per la strada.

°°valeria°° ha detto...

Qui da me, domenica finalmente i bar e i ristoranti erano aperti. C'era gente, ma cavoli questi povere Partite IVA dovranno tornare a lavorare. La gente deve essere responsabile, i gestori lo devono essere, seguire le disposizioni. La gente vuole tornare a vivere, come anche gli esercenti. Io stessa faccio entrare le persone due per volta, con mascherina e l'igienizzante al ingresso. Ricevo su appuntamento, ho cambiato il mio modo di lavorare, mi sono adeguata. Buona giornata Valeria

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER VALERIA grazie grazie grazie e grazie per questa tua testimonianza che dimostra come si può anche evitare di stare come dei reclusi rispettando le regole

fulvio ha detto...

Oggi apprezzo come sempre il tuo poetica re ma non sono d'accordo sul contenuto negazionista delle tue parole. Non esistono Cupole di potere che vogliono imprigionarci, negarci la liberta e renderci poveri per un domani imperare su di una schiavitù mondiale.
Le regole vanno rispettate e se sono improprie o sbagliate non vanno solo criticate ma corrette è nelle tue bellissime liriche non trovo niente di costruttivo.
Ciao fulvio

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER FULVIO io non sono negazionista, usiamo le parole con il senso che hanno, e non pieghiamole a significati distorti che non hanno, Negazionista è chi nega il virus ( non io ) chi dice che Non si muore di covid (non io)ecc.... Detto questo è vero che molti ospedali hanno fatto passare per malati di covid chi non era ( Report lo ha provato). è vero che ogniqualvolta si tende a fare una concessione subito si minacciano ritorsioni. Qui in Italia Speranza, Ricciardi ed i loro accoliti hanno fatto. spesso tutto ed il contrario di tutto. Che senso ha da settembre 2020 aprire un giorno sì due no, fare gialla una regione e dopo cinque minuti dire che forse tornerà rossa di lì a tre giorni. E la prova che soprattutto da noi qualche frustato ci ha marciato è che ora che arriva Draghi e si vocifera di una si spera non riconferma di Speranza, di colpo siamo tutti gialli, si parla dai aprire i ristoranti anche di sera per le regioni gialle e di giorno per le arancioni, e si parla con tutte le precauzioni, di aprire centri sportivi. E poi vedere giornalisti e chiamarli tali mi rendo conto che da parte mia ci voglia molto coraggio, che fanno le solite fotine di assembramenti come see un luogo fosse tutti it luoghi e come se loro non facessero assembramenti (vedasi foto sui social dove ci sono reporter ammassati come maiali in attesa che esca una delegazione di un partito mi pare) lo trovo patetico se non palesemente in malafede. Io tutta questa folla in giro così folle non la vedo mai... E poi parliamo ancora dell'esecutivo: vaccini ok, poi vaccini non garantiscono le varianti insomma un giorno sì uno no tutto ok tutto male. Incompetenza certamente ma anche altro temo

Chiudo dicendo che sostenere che ci siano persone che vogliano, tentino o abbiano tentato di abituarci ad una nuova schiavitù non vuol dire negare il virus ma , nel mio caso almeno, proprio il contrario ossia affermare che certi figuri hanno preso la palla al balzo proprio per l'esistenza del virus per provare a soffocarci, Quindi negazionista, se intendiamo il significato che tale termine ha nella Treccani e che ha oggi per il virus, io proprio no.

Quanto al proprorre soluzioni l'artista nella lirica di denuncia mette in luce quello che è sbagliato non deve mica fare un programma politico, Detto questo se tu vai a cercare tra i commenti di "NON VOGLIO RICORDARE" poesia ancora in homepage, rispondendo a Cristiana ho detto cosa non andava e come avrei agito io.

Pia ha detto...

Ma hai scritto giustissimo Daniele. Noi siamo esseri sociali, amiamo chiacchierare,ridere, baciare, dare abbracci e pacche sulla spalla, ancor di più e per questo siamo italiani.
Finora si sono prese decisioni sbagliate e credo sia mormale che, al di là di chi ci governi e guidi, si facciano miglioramenti e si prendano decisioni diverse e si spera migliori.
Ovvio che l'attenzione debba essere massima. Gli sbagli sono dovuti a chi non rispetta le giuste norme per evitare il contagio. Il problema è soprattutto questo. Ma la libertà deve essere garantita sempre e per tutti. E concludo qui.
Ciao Daniele! Grazie di ciò che hai scritto da me. C'è stata addirittura una contemporaneità di pensiero, pensa tu... ahahahah... 😘😘😘

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER PIA: Grazie Pia, grazie di cuore.

Angela ha detto...

"L'uomo è una lacrima di commozione
Di fronte ad un tramonto
È un respiro lungo e profondo di speranza
Che ossigena l'anima davanti alle prime luci di un'alba".

parole stupende, daniele.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER ANGELA: grazie!