mercoledì 6 gennaio 2021

L'Angolo del Rockpoeta®: "Distopia Sanitaria"

 Auspico seriamente che i vaccini contro il coronavirus restino liberi e facoltativi per evitare di creare negli Italiani dubbi ancora più forti di quelli già ora presenti, lo auspico, come auspico che non si debba vivere una realtà distopica come quella che immagino nella mia poesia di oggi. Nel darvi il bentornati e nell'augurarvi di nuovo un Felice 2021 vi lascio ai miei versi e come vedrete si parte subito a tavoletta.

DISTOPIA  SANITARIA

Tump, tump 
Tump, tump
Questo è il suono dei loro stivali neri

Cl - clack
Cl - clack
Cl - clack
Questo suono significa che stanno caricando le armi

Senti invece questo silenzio?
È il momento
Si apprestano a fare irruzione

Poi altri suoni non li distingui più
Tra il sibilo fumoso dei lacrimogeni
Il rumore della porta abbattuta
Le urla bestiali con cui si fanno strada in casa
"Libero!", "Libero!" 
"Tranquilli che questo schifoso lo troviamo
Così impara a scrivere che il vaccino è una scelta
E supporre che il nostro leader non rispetti le sue stesse regole"

"Signore ma lui l'ha fatto il vaccino"

"Poco importa è un bastardo sobillatore va ucciso!"

È una guerra di quartiere
Fatta con le teste di cuoio
E, se servono, anche i militari

Adolescenti smanettoni
Colpevoli solo di denunciare con i loro video
Il marcio che cova dentro questa pandemia
Portati via da carri armati e forze dell'ordine armate fino ai denti

Vaccino reso obbligatorio
Praticamente da subito 
Per il timore di non raggiungere il quorum dei vaccinati necessario
Per garantire l'immunità totale
Mediante il viscido ricatto del Passaporto Sanitario
Questo dietrofront del governo
Scatena seri dubbi e maggiori paure nel popolo.

Chi ha potuto
Da sè o con l'aiuto di un amico capace
Ha falsificato il passaporto sanitario 
Facendo risultare di aver fatto il vaccino.

Venuti alla luce i primi falsi
Drastica virata sul TSO

Vaccino obbligatorio 
TSO per chi si rifiuta
Tutto questo ha portato a dubitare ancora di più 
Dell'efficacia del vaccino stesso
Nonchè della sua potenziale pericolosità.

L'obbligatorietà e la forte repressione
Hanno amplificato la paura della gente
Fondata o meno che sia
Ma certo è che adesso
Il dado è tratto
E tornare indietro non è più possibile
Il governo oramai l'errore lo ha commesso
Se di errore si tratta
E quindi non è più in grado di convincere a vaccinarsi

Molti di noi da allora sono chiusi dentro posti segreti
Sotto o all'interno delle proprie case
Decisi a non farsi prendere vivi.

Ed anch'io stringo tra i denti come tutti
Il mio lasciapassare per l'Aldilà.

DANIELE VERZETTI ROCKPOETA®

38 commenti:

Ariano Geta ha detto...

Personalmente non sono così dubbioso riguardo il vaccino, anzi penso che se sarà facoltativo io andrò a farlo. Per dire, a mia figlia oltre i vaccini obbligatori ho fatto fare anche alcuni facoltativi e non ha mai avuto alcun tipo di reazione avversa. In generale, nell'ambito della mia famiglia non c'è mai stato un solo caso di vaccini con reazioni sgradevoli, quindi credo che per malattie davvero gravi con un livello di contagio e mortalità molto elevato sia giusta l'obbligatorietà. Magari fosse esistito il vaccino ai tempi della "spagnola", mia madre avrebbe avuto due zie in più che invece sono morte neppure ventenni lasciando un dolore profondo nel loro unico fratello maschio, che poi sarebbe diventato suo padre e mio nonno.

Claudia Turchiarulo ha detto...

Se il vaccino sarà facoltativo non lo farò.
E non perché io sia no-vax, negazionista e simili, anzi! Credo semplicemente che il virus varierà così tanto fino alla somministrazione dei vaccini, che questi saranno ormai vani.
Nella mia vita ho fatto una sola volta il classico vaccino antinfluenzale, perché mi ero da poco svegliata dal coma e avevo le difese immunitarie azzerate, e mi sono presa subito una bella influenza.
Dunque, non ci ho mai più provato.
Spero che il vaccino funzioni per tutte le categorie più a rischio.
Io sono giovane e in salute, non mi drogo, non ho mai bevuto. Insomma, ho delle buone difese immunitarie e rispetto tutte le precauzioni del caso, dunque credo di poterne fare a meno e lascio la mia dose a disposizione di chi ne ha davvero bisogno.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER ARIANO il punto qui non è se essere favorevole ai vaccini o meno na a questi particolare. Io conosco direttamente tante persone di ogni età che sui vaccini in generale la pensano come te ma che su questi hanno invece molte perplessità tra le tante il dubbio sulla loro efficacia poiché se il virus muta si chiedono come possa per la prima volta nella storia dell'umanità essere vincente un vaccino e poi sanno che i periodi per testarlo di solito sono lunghi e quindi temono anche per gli effetti collaterali,

Franco Battaglia ha detto...

Oggi ti avverto particolarmente terrorista... l'unica speranza (con la s minuscola) è che a breve questi vaccini diano i frutti che tutti si aspettano e nei quali ponevamo fiducia fin da marzo scorso... se accadrà immagino che le polemiche si scioglieranno come neve al sole e anche i più reticenti capiranno che si sta agendo per il bene dell'Umanità.
In caso contrario, quindi inefficienza del vaccino o, peggio, controindicazioni ancora peggiori del male stesso.. potremmo aprire tutto e confidare nell'immunità di gregge.
Morirà un po' di gente, ma in piena libertà.

Gus O. ha detto...

Il vaccino sarà facoltativo. Una presa per i fondelli. Ovvero dentro senza sputo.
Cioè, vai al cinema e ti chiede il certificato di vaccinazione. Se non lo esibisci non ti dà il biglietto. Tu dici: "Cazzo! E' incostituzionale, lui : "Vai dall'avvocato".

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER CLAUDIA concordo sperando davvero che almeno uno di questi possa andare bene e che veramente le mutazioni di questo virus siano davvero contenibili

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER FRANCO nella mia io sono tra quelli che subiscono l'irruzione quindi più che terrorista direi resistente. Io nutro un filo di speranza su moderna ed Astrazeneca ma vedremo. Certo è che se sarà obbligatorio non lo farò e se mi preleceranjo con la forza li subitlrobka non firmerò alcuna liberatoria

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER GUS dubito faranno questo perché l'art 32 costituzione dice che può esservi l'obbligo ad un eventuale trattamento sanitario ma non la possibilità di una sua facoltativita a scapito di diritti inalienabili. E poi se anche facessero essendo in tanti non sarebbe anche economicamente una buona idea

Pia ha detto...

Io preferisco attendere. Hanno sempre detto che il virus non può essere curato.
Sono molto scettica. Prudenza è sempre stata la mia parola magica (in tema befanesca😉).
Comunque la gente comune dovrà attendere parecchio, quindi...
Il problema è che la scelta libera è condizionata e questo non mi piace affatto. Non approvo per niente i patentini. Ma tanto a cosa serve la nostra opinione se non è minimamente ascoltata?
Buona festa dell'Epifania, abbraccio a tutta la tua famiglia. Ciao.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER PIA il patentino è incostituzionale temo di più l'obbligo. Concordo con te anch'io sono al momento molto perplesso. Buona epifania anche a tutti voi

cristiana marzocchi ha detto...

E' tutto talmente aleatorio, incerto, insicuro, dubbioso, imprevedibile che, a mio parere, è inutile cominciare a fasciarsi la testa, ora.
Cri

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER CRISTIANA è proprio questa strana e quasi del tutto italiana aleatorietà che mi preoccupa

Riky Giannini ha detto...

Dani, ti dico la verità.
Quando avremo a disposizione dosi di vaccino per tutti, il virus sarà già un ricordo, un raffreddorino. A quel punto non ci sarebbe bisogno di imporre "il patentino vaccinale" per andare a cinema, teatro, ecc..
Forse per il viaggio, ma lì la questione è delicata per via delle varianti.
Capisco che la questione la poni in termini generali.
Però per ciò che concerne anziani e persone con fragilità, l'obbligo non dovrebbe essere imposto, ma purtroppo dovrebbero capire loro che, essendo soggetti a rischio, il vaccino - anche se poniamo non totalmente efficace - può evitare guai peggiori.
Quando questa parte di popolazione sarà tutta immunizzata e con l'arrivo della bella stagione, per dirla alla Canavacciuolo, ADDIOS!

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER RIKY: speriamo tu abbia ragione. Penso che se tu avessi ragione e si raggiungesse cmq l'immunità di gregge anche per viaggiare il vaccino non servirebbe più.

Mirtillo14 ha detto...

Io faccio tutti gli anni il vaccino antinfluenzale, l'unico anno che l'ho saltato pensando che servisse a poco, ho preso di tutto dai miei alunni e non , quindi, son tornata di corsa a farlo l'anno dopo !! Non ho avuto conseguenze, magari il braccio un pò indolenzito o qualche linea di febbre , per qualche giorno e poi niente più. Quest'anno ho fatto la vaccinazione e, nei giori successivi, son stata bene . Io penso che, quando toccherà a me, mi farò vaccinare ma non credo che il vaccino debba essere reso obbligatorio. Secondo me dovrebbero farlo tutte le persone che sono a contatto con gli altri per il loro lavoro : insegnanti, infermieri, medici, personale delle case di riposo... per proteggere se stessi e gli altri. Altre categorie di lavoratori, non so cosa dire ma non credo nell'imposizione, credo piutttosto nell'informazione corretta e nella scelta libera e responsabile. La tua poesia, molto bella, figura un futuro al quale, spero proprio non si arrivi mai !!! Saluti .

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER MIRTILLO vedi, il punto è che non si hanno elementi concreti per essere certi che questi vaccini funzionino e non abbiano effetti collaterali

MikiMoz ha detto...

C'è da sperare che lo facciano in tanti, altrimenti per forza si rende obbligatorio.
Non vedo lo scandalo, visto quello che stiamo passando.
I test sperimentali li farei a sfregio proprio sui no-vax, se avessi potere. Così, per godermela un poco: ma tanto non succederebbe niente, se non nella loro testa...

Moz-

Cavaliere oscuro del web ha detto...

Intanto mi auguro che il vaccino funzioni e soprattutto viene somministrato gratis nei Paesi poveri. Sono per la libera scelta, come tanti vaccini facoltativi. Io ho fatto fare quelli per la meningite ai miei figli, malattia che c'è poco da scherzare. Comunque ci vuole una cura, perché non si è sicuri della durata dell'immunità.
Saluti a presto.

fulvio ha detto...

Vicino si, vaccino no, non è una scelta dettata dal proprio buon senso ma una questione politica.
I No Vax e i negazionisti sono di Dx e contrari al Governo.
Certo rischiare la vita solo per contrastare una parte politica e da imbecilli.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER MOZ so che scherzi ma se è cosi sicuro e testato fatelo per primi voi e realizzate questa immunità di gregge. Il problema è che molti favorevoli ai vaccini sono molto insicuri. Ed a loro che rispondi?

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER CAVALIERE infatti tra l'altro non è sicuro che basti il vaccino. No all'obbligo visto che non sono stati testati a sufficienza

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER FULVIO continuate tutti a parlate di no vax ma tanti favorevoli ai vaccini non sono convinti di questo

MAX ha detto...

5. La sperimentazione è stata abbreviata per avere presto il prodotto?

Gli studi sui vaccini anti COVID-19, compreso il vaccino COVID-19 mRNA BNT162b2 (Comirnaty), sono iniziati nella primavera 2020, perciò sono durati pochi mesi rispetto ai tempi abituali, ma hanno visto la partecipazione di un numero assai elevato di persone: dieci volte superiore agli standard degli studi analoghi per lo sviluppo dei vaccini. Perciò è stato possibile realizzare uno studio di grandi dimensioni, sufficienti per dimostrare efficacia e sicurezza.
Non è stata saltata nessuna delle regolari fasi di verifica dell’efficacia e della sicurezza del vaccino: i tempi brevi che hanno portato alla registrazione rapida sono stati resi possibili grazie alle ricerche già condotte da molti anni sui vaccini a RNA, alle grandi risorse umane ed economiche messe a disposizione in tempi rapidissimi e alla valutazione delle agenzie regolatorie dei risultati ottenuti man mano che questi venivano prodotti e non, come si usa fare, soltanto quando tutti gli studi sono completati. Queste semplici misure hanno portato a risparmiare anni sui tempi di approvazione.

7. Quanto è efficace?

I risultati di questi studi hanno dimostrato che due dosi del vaccino COVID-19 mRNA BNT162b2 (Comirnaty) somministrate a distanza di 21 giorni l’una dall’altra possono evitare al 95% degli adulti dai 16 anni in poi di sviluppare la malattia COVID-19 con risultati sostanzialmente omogenei per classi di età, genere ed etnie.
Il 95% di riduzione si referisce alla differenza tra i 162 casi che si sono avuti nel gruppo degli oltre 18mila che hanno ricevuto il placebo e i soli 8 casi che si sono avuti negli oltre 18mila che hanno ricevuto il vaccino.

MAX ha detto...

Ciao Daniele.
Nel commento sopra ho fatto un copia incolla di una parte della mail aziendale spedita dall’AIFA che riguarda la vaccinazione anti COVID facoltativa ..arrivata a tutti i dipendenti dell’ospedale dove lavoro.
Io al più presto mi vaccinerò, son fiducioso nella scienza e credimi ..poi ognuno fa quel che vuole, per come la vedo io non ci sono alternative.

Mariella ha detto...

La tua poesia che preannuncia un mondo distopico in cui si faccia violenza sull'individuo non mi preoccupa.
Quando sarò il momento mi vaccinerò se sarà ancora necessario, visto i tempi biblici riguardo la mia fascia d'età. Lo farei anche subito, chiaramente, se fosse possibile. Ho fatto il vaccino antinfluenzale a dicembre e non ho avuto alcun tipo di controindicazione. Nemmeno il mal di testa e la febbre come capita a qualcuno, a volte.
Gli studi sui vaccini hanno evidenziato che la velocità sulla realizzazione dipende dal gran dispiego di forze sia dal punto di vista medico che dal punto di vista economico. Questo ha permesso di velocizzare tutte le fasi senza perdite di tempo. Quando enormi forze si uniscono questi sono i risultati. Gli effetti collaterali non differiscono da quelli di un qualsiasi altro medicinale. Basta dare una lettura veloce alla maggior parte di quelli dei farmaci da banco. Durante la sperimentazione l'unica reazione "grave" che si è osservata è quella dell'aumento dei linfonodi o ghiandole linfatiche. Una patologia che guarisce da sola. Qualche reazione allergica.
la variazione segnalata ne Regno Unito rientra nel campo della sperimentazione del vaccino. Perché i virus Sars cov2 sono soggetti a frequenti mutazioni. la maggioranze delle quali non altera l'assetto e i componenti del virus. Molte varianti sono state segnalate nel 2020 ma non hanno alterato il comportamento naturale del virus. Appare improbabile un effetto negativo sulla vaccinazione.
i tempi per valutare l'efficacia sono di circa un mese. Se guardiamo a quello di Pfizer sono di circa una settimana dalla seconda dose o richiamo.
Magari è troppo presto per gridare al disastro, forse bisognerà aspettare un periodo di tempo limitato.
In ogni caso spero che chi è a stretto contatto con il pubblico si vaccini: insegnanti, operatori sanitari, impiegati dei pubblici uffici.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER MARIELLA ci sono molti operatori sanitari che dono perplessi. Io chiedo solo che non sia obbligatorio e non ci sia passaporto sanitario. Poi spero che magari il vaccino di Moderna possa essere la soluzione ma l'importante è che nessuno obblighi nessuno

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER MAX io ho visto un video dove si faceva il parallelo tra il bugiardino della pfizer che tra l'altro parlava di effetti collaterali mentre l'AIFA nel suo report negava ogni rischio e poi ancora la pfizer affermava che non si era sicuri sulla durata dell'efficacia e questo non era preso 8n considerazione dall'AIFA.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER MAX grazie però per il documento che hai condiviso

Mariella ha detto...

Mi piacerebbe che qualcuno dei perplessi si prendesse la briga di spiegare chiaramente le ragioni delle perplessità. Io ho davanti il pdf del Ministero della Salute da cui ho estrapolato alcuni dei dati che ho postato da te. Che a mio parere è molto chiaro. Poi ognuno faccia ciò che crede. Resta il fatto che per ora è su base volontaria ed io lo farò per sia per proteggere gli altri che per proteggere me stessa. Che la mia libertà finisce esattamente dove comincia quella altrui. E senza dimenticare i morti.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER MARIELLA le tue risposte sono confutate da altri operatori sanitari. Io posso condividere alcune di esse per esempio quella sulla mutazione ma altri non la pensano così. Speranza a ne non ispira fiducia e ti ripeto persone che sono assolutamente pro vax sono incerti su questi. Cmq se dovessero obbligarmi allora per me ci sarà la prova che non sono forse così sicuri questi vaccini e certo non firmerei la liberatoria. Spero invece che ci siano vaccini efficaci e si possa assistere ad operazioni volte a spiegare la loro validità.

LaDama Bianca ha detto...

Mi è salita un po' d'ansia leggendoti.
Non credo, comunque, che arriveranno mai ad obbligare il vaccino.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER LA DAMA BIANCA spero di no

Angela ha detto...

anche io mi auguro che non lo rendano obbligatorio e che non si creino discriminazioni gravi verso coloro che decideranno di non sottoporvisi...
Vedremo, ma in generale poco mi fido dei nostri governanti :-/

i tuoi versi sono sempre efficaci e diretti!!

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER ANGELA mi fido poco pure io

Vivì ha detto...

Non so...sono piena di dubbi. Da una parte penso che la salute della collettività dipenda da ognuno di noi e dall'altra penso che non è giusto che il vaccino diventi un obbligo. Personalmente, appena verrà il mio turno lo farò, perché credo di essere responsabile non solo della mia salute e della mia vita ma anche di quella degli altri, che siano cari o estranei. Poi, lascio a ognuno la capacità di decidere ciò che sia bene o che sia male per tutti noi. Quello che è certo è che ci aspetta ancora un periodo molto duro e che molti esseri umani si lacereranno nei loro dubbi, compresa me. L'incertezza è il veleno più tossico che esista. Ciao Daniele e grazie per questo post riflessivo.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER VIVI grazie a te per questa tua riflessione

Patricia Moll ha detto...

Io sinceramente non ho paura a fare il vaccino. Anzi, spero di poterlo fare presto.
Vedendo cosa è succeso con l'antipolio, con l'antivaiolosa eccetera, ritengo sia una buona arma copntrola pandemia.
In certe condizioni, forse andrebbe anche reso obbligatorio. Vedi quando dall'altra parte si ha a che fare con persone fragili.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER PATRICIA Io spero che davvero funzionino.