mercoledì 23 novembre 2022

L'Angolo del Rockpoeta®: "Vite A Perdere"

VITE A PERDERE

Torno indietro 
Viaggio a ritroso
Ritorno al punto di partenza

Potevo andare in Olanda
Ma ho scelto di abbandonare
Solo il mio piccolo paese dove sono nato
E non invece la mia nazione

Potevo avere master pagato
E professione sicura
Ma ho voluto non lasciare il mio Paese
E l'Italia mi ha pugnalato alle spalle

Tre anni persi
Ed una nazione matrigna,
Ora proverò a trovare
Una nuova opportunità all'estero 
Ma sono sempre tre anni persi
E quindi sono meno appetibile
Rispetto a quando ero fresco di laurea
E tutto ora è più incerto
Futuro seriamente compromesso. 

Giulio, Franca, Matteo
Tornano da una serata in discoteca
Sono tutti e tre fatti e bevuti
Matteo
Che è alla guida
Era perfino astemio
Ma questa sera
Era la sera sbagliata
Per uscire con compagnie sbagliate

Tornante nell'oscurità
Fumi di alcol e droga
150 km all'ora 
Linea retta senza ritorno
Fine corsa per tutti loro
Cuori disconnessi per sempre.

Sergio
È esperto 
Ma quel macchinario è obsoleto
Ultima notte di lavoro 
Ultimo turno di vita.

Marco
Suicida per amore
Un amore virtuale
Virtuale e falso

Lei si chiama Arnaldo
Ennesimo caso 
Di sadismo malato
Marco dovrebbe capirlo
Ma a 18 anni come puoi comprenderlo.

Queste
E tantissime altre
Sono voci mute per sempre
Alcune colpevolmente annulatesi
Vedi Giulio, Franca e Matteo
Le altre invece
Vittime innocenti
Di realtà inaccettabili

Vi abbraccio comunque tutte quante
Voi
Strade senza ritorno
Vicoli senza sbocco
Voi
Malinconiche vite a perdere.

DANIELE VERZETTI ROCKPOETA®

16 commenti:

°°valeria°° ha detto...

Daniele dopo anni persi a cercare un lavoro dopo la laurea Andrea ha tantissimi amici che sono andati al estero chi in Germania chi in Svizzera e non fanno un lavoro diverso dalla loro laurea...

Ogni volta che mio figlio esce io continuo la romanzina se guidi non bevi...è così da sempre, se andate lontano affittate una navetta... ho visto troppi corpi di giovani schiantati sul asfalto

tutte le vittime che hai elencate sono spesso al ordine del giorno, padri e madri disperati per sempre...chi ha scelto un lavoro al estero non posso dire molto perchè probabilmente accadrà anche a mia figlia che studia molte lingue e se non trova lavoro qua dovrà andare altrove, ciao

Ariano Geta ha detto...

Vivere in tempi di crisi è triste.
Distinguo però fra chi mantiene il senso di responsabilità e chi invece guida ubriaco, il secondo non riesco a giustificarlo.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER VALERIA: purtroppo la tua testimonianza sui molti amici di Andrea andata a lavorare dopo la laurea all'estero e facendo il lavoro che amano, quello per cui si sono laureati meritatamente, è la dimostrazione di come oggi poi più che mai, questo Paese non offre più non dico garanzie per un futuro quantomeno tranquillo, ma nemmeno la speranza di avere un qualsiasi futuro.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER ARIANO: non giustifico nemmeno io nessuno come avrai capito dagli ultimi versi, ho solo avuto un momento di compassione non in quanto ubriachi perchè come ho scritto nei miei versi, nulla può giustificare il compiere atti che tra l'altro poi, guidando l'auto possono recare seriamente danno anche ad altre vite innocenti e non bevute, ma in quanto cmq giovani esseri umani che sono morti per causa loro se analizziamo il fatto in sé decontestualizzato, per colpa loro cmq perchè non è quello il modo di risolvere i problemi, ma pure per colpa, anche soltanto per un minuscolo 1%, di questa società che i giovani li vuole rassegnati, abulici, non pensanti, strinati, ubriachi, disoccupati, impauriti, talvolta arrabbiati e soprattutto disillusi.

Gus O. ha detto...

Il mondo è pieno di madri matrigne. Un abbraccio a chi ha sbagliato forse per reazione allo squallore del quotidiano.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER GUS; vero ma in questo caso l'Italia è stata una matrigna cattiva peggiore di quelle di certe fiabe...

LaDama Bianca ha detto...

Io non penso che all'estero ci sia tutta questa rivalsa, questo paradiso terrestre. Siamo tutti in difficoltà, chi più e chi meno.
Conosco alcuni bravi ragazzi che sono andati a Londra o in Danimarca, ma fanno i camerieri anche lì, cosa che avrebbero in fondo potuto fare anche qua. Non è che abbiano trovato tutto questo carnevale, fuori.

Caterina ha detto...

Quante vite spezzate. E' molto triste leggere queste storie. Alcuni morte per cause altrui, altre per scelte proprie su cui non si può giudicare, certi drammi lasciano il segno e noi umani siamo molto fragili. Resta il fatto che erano tutti molto giovani, questo fa tanto male.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER LA DAMA BIANCA beh forse non avrebbero trovato nemmeno qui da cameriere o magari non in regola...

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER CATERINA: perchè sono i giovani d'oggi quelli più colpiti da questa realtà

Cavaliere oscuro del web ha detto...

A volte basta poco, bisogna usare sempre la testa quando si guida.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER CAVALIERE: la penso come te, nulla giustifica quel comportamento ho solo osservato come purtroppo la realtà di oggi porti anche molti giovani a volersi sballare per evadere. Agire ubraiacandosi o drogandosi non è la soluzione ma cmq vedere dei giovani morire fa sempre male.

MaratonetaGiò ha detto...

Sarò razionale ma i "migliori restano."
Mi ricordo la strage che fece l'eroina, a qui tempi i giovani non conoscevano le conseguenze che procurava la dipendenza.
Oggi tutti conoscono che oltre la dipendenza poi c'è la criminalità e non riesco a capire come si ci possa sballare, invece di reagire e trovare strade diverse.
La vita è difficile da affrontare ma assistere alle tragedie quotidiane è tremendo!

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER MARATONETA GIO': forse è vero che i migliori restano e concordo con te che sia impossibile concepire di sballarsi soprattutto poi con droghe pesanti. Nel caso di quei tre giovani c'era l'amara constatazione di come abbiano scelto di essere in difetto rispetto a chi, sia pure disperato, non fa sciocchezze e non getta via la propria vita e spesso quella di altri innocenti ma allo stesso tempo si possa provare dolore per altre vite bruciate anche a causa di questa società.

Angela ha detto...

quante speranze disattese, quante tristi illusioni dietro l'angolo, quante vite spezzate, e spesso non per scelte personali sbagliate ma per situazioni imprevedibili, che travolgono in modo inesorabile.
Versi tristi e veri...

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER ANGELA; parole profonde le tue e purtroppo vere. Tante troppe le vite spezzate da questa società famelica che fagocita anime sensibili ed oneste.