venerdì 10 agosto 2018

L'Angolo del Rockpoeta®: HAIKU

Per quest'ultimo appuntamento ho fatto una scelta particolarissima. Scritto nel 2008 ed edito nel libro "Pallottoliere Bianco" è il mio unico haiku mai scritto quindi siate onesti nel giudicarlo ma anche gentili :-)))

HAIKU

Solitudine:
Uno sguardo d'oblio
Sordida Rabbia

DANIELE VERZETTI ROCKPOETA®

20 commenti:

Claudia Turchiarulo ha detto...

Posso solo dirti che mi piace, e che oggi mi calza a pennello.
Perché ultimo appuntamento? 😢

'se fossi fuoco arderei il mondo' ha detto...

non so cosa sia un haiku,
ma in questa poesia mi colpisce la seconda parte che è quasi "di rottura"al verso iniziale..

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER CLAUDIA erano quattro venerdì dedicati a mie poesie meno sociali e più personali o cmq no prettamente sociali. Oggi era l'ultimo appuntamento ma non vuol dire che i futuro non ne posti altre. Vediamo...

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER SE IO FOSSI FUOCO ARDEREI. IL MONDO è un tipo di componimento poetico giapponese con regole ferree nel metrica. Sono contento ti abbia colpito

LaDama Bianca ha detto...

Anche io spero che ci saranno altri venerdì come questo e che le puntate più personali non siano finite qui. Magari le riprenderai più avanti? Un saluto.

iacoponivincenzo ha detto...

Il pregio solenne degli Haiku sta il quel 5-7-5 e cioè l'estrema rapidità nell'esprimere un concetto finito.
Se poi le parole le scegli tu il risultato è quello che ho sotto gli occhi: eccellente. Il tuo vocabolario infatti è di sceltissima qualità.
Concatenando alla Pat ed alla Cristiana:

Sordida rabbia
nella constatazione
d'esser soli.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER LA DAMA BIANCA grazie sono felice che queste poesie ti siano piaciute. Magari anche occasionalmente ne posterò altre.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER VINCENZO onorato dai tuoi complimenti e soprattutto dal tuo haiku che hai magistralmente attaccato al mio. Sono veramente onorato ed emozionato.

Patricia Moll ha detto...

D'esser soli
in un mondo distante;
vuoto assurdo.


E con questo ti tiro le orecchie Dani!!!!! Birbante d'um birbante! E dievi di on esere capace! ahahahhahahaahah
Ma è davverobello! Ci sei tu dentro con le tue poesie di ribellione e rabbia. Complimenti!

maris ha detto...

La capacità di saper esprimere in poche parole tutto un mondo di sentimenti e pensieri e con queste di colpire il lettore non è da tutti.

Bellissimo modo di chiudere questa serie di venerdì. E di lasciare aperta la possibilità di farci leggere ancora qualche cosa di più personale.

Buona serata, caro Daniele.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER PATRICIA è l'unico che ho scritto e che fatica ☺ sono contento ti abbia emozionata

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER MARIS grazie sono davvero felice di sapere che queste poesie ti abbiano dato qualcosa. Magari più in avanti ne posterò altre

marcaval ha detto...

Conosco pochissimo gli haiku ma queste poche parole dicono tantissimo ... grazie!

franco battaglia ha detto...

Inutile nasconderlo: l'haiku è nelle tue corde, la tua tecnica di verseggiare scansa l'articolazione, predilige l'aggettivo, l'avverbio, il sostantivo secco a fucilare l'aria dell'ascolto. Probabilmente non ti senti troppo haikuista proprio per quello scatto breve che ti tarperebbe il fiume di sentimento cui ogni volta dai vita.
Ma solo per quello ;)

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER MARCAVAL grazie hai sempre belle parole per me

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER FRANCO sino onorato dal tuo commento è commosso. Forse hai ragione

iacoponivincenzo ha detto...

Dai Daniè, diamo un altro colpetto a quella presuntuosona di Pat!

Vuoto assurdo
ho dentro le visceri
ripensando a te.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER VINCENZO: Vincè, per fare quello che hai letto ci ho messo tre ore. hai voglia ci metto una vita a rispondere al tuo :-)))

Cavaliere oscuro del web ha detto...

I miei complimenti.
Serena domenica.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER CAVLIERE: grazie.