mercoledì 13 giugno 2018

L'Angolo del Rockpoeta: כתיבה

ll titolo deriva dall'ebraico (ho verificato anche con internet per quanto possibile) e significa "Scrivi". Il titolo vuole essere un sincero omaggio anche ad un film straordinario: "Storia di una ladra di libri". Il contenuto non ha invece particolari attinenze con il film stesso.  La postai nel 2014 ma l'ho riletta e volevo davvero condividerla di nuovo con tutti voi.

כתיבה (Scrivi)

Scrivi
Le parole sono vita e salvezza 
Sono emozioni di lotta
Le parole sono immortali.

Scrivi,
Racconta di giardini incantati traboccanti di suoni e di anime,
Usa le tue parole come anello di congiunzione
Tra le sensazioni ed i ricordi.

Non esiste confusione
Non esiste dolore
Non puoi avere ferita o gioia
Che la parola scritta non possa rendere eterne.

Scrivere è memoria storica
E' fantasia che spalanca le porte del sogno
E' realtà ed immaginazione
E' un'alba color arancio
Una notte color seppia
O l'odore della pelle della tua donna
Quando ti dorme accanto.

Tu scrivi
Testimonia le pene e le prevaricazione dell'uomo
Ed esse non periranno ma diventeranno Storia
Come ombre di fuoco
A marchiare in modo indelebile
Le nostre controverse esistenze.

E tu scrivi,
Dovere morale
Ansia vitale
Percorso obbligato
Catene che schiacciano le tue dita
Su una tastiera crudele che assorbe i tuoi pensieri
E ti costringe a scriverli
A condividerli.

E come un mantra di salvezza,
Il tuo cuore
E le tue viscere
Continuano imperterriti ad incidere sulle tue mani
E nella tua testa, una sola parola:
כתיבה, Scrivi!

DANIELE VERZETTI ROCKPOETA®

32 commenti:

Maria D'Asaro ha detto...

Stupenda e particolarmente coinvolgente.
Grazie.

Cavaliere oscuro del web ha detto...

Versi molto belli, tra l'altro il film è molto significativo.
Saluti a presto.

Sari ha detto...

Scrivere dà forza alla forza e il tuo componimento risulta perciò potente.
Wislawa Szymborska, nella sua bella poesia "La gioia di scrivere", dice che la scrittura è la vendetta d'una mano mortale.
E' forte il tuo imperativo SCRIVI. E davvero... scrivere aiuta a focalizzare, pensare, raccogliere e raccordare. Bello, bello...
Ciao.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER MARIA: ti ringrazio di cuore.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER CAVALIERE: significativo e bellissimo. Grazie per i complimenti, sono felice che i miei versi ti abbiano toccato.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER SARI: la scrittura, come ogni forma d'arte, è importante, per me poi è vitale come l'aria che respiro. Scrivere è tutto quello che hai detto tu ed in più la possibilità di toccare le corde emotive e pensanti del prossimo per arrivare con le tue emozioni, i tuoi pensieri, il tuo messaggio e diffonderli. Grazie Sari per le tue bellissime parole sulla mia poesia.

Anna Piediscalzi ha detto...

Il libro mi spiace dirlo è un orrore letterario. Il film non l'ho mai visto. Io il libro non lo consiglierei. Nenneno per la buona idea che esprime. Il libro Non merita le tue belle parole. Sei più bravo tu.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER ANNA: il libro non l'ho letto, ho visto solo il film e quello l'ho trovato molto toccante e mi è piaciuto molto. Sono però profondamente onorato che ti sia emozionata a leggere questa mia poesia. Grazie dal profondo della mia anima.

iacoponivincenzo ha detto...

Bellissima poesia, che gente come noi non può ignorare.
Questo è un inno alla parola scritta ed alle mille e mille evocazioni misteriose che sollecita anche a rileggerla. Detto nel modo mirabile che ti è proprio.
Scrivere è un impulso irresistibile. Non ci si può negare come non ci si nega ad una donna meravigliosa e affascinante. Può sembrare dolorosa, mai inutile.
Tu diffondi e dosi il tuo amore per la scrittura a piene mani, che solo chi è sordo a questi richiami non riuscirà a condividere.
Ma non si riesce mai a risultare vincitori nella lotta all'aridità.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER VINCENZO: battaglia dura, improba, soprattutto quando intorno a te i tuoi nemici "gli aridi" sono in numero nettamente maggiore ai "sensibili". E ci si illude forse che prima o poi muteranno geneticamente da aridi a sensibili in numero sufficiente per capire, provare emozioni e cambiare qualcosa. Grazie, sono persone come te che mi convincono che questa illusione possa trionfare.

LaDama Bianca ha detto...

Scrivi è anche il mio mantra. La scrittura libera, svuota, aiuta.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER LA DAMA BIANCA: un mantra essenziale da cui io non so prescindere.

MikiMoz ha detto...

Particolare che tu l'abbia proposto coi caratteri ebraici, visto quanto sono importanti -spiritualmente, esotericamente- le parole, per quella dottrina :)

Moz-

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER MOZ: la scelta del carattere ebraico è legata ad una scena del film.

Patricia Moll ha detto...

Scrivi. Fissa le parole su carta. Non moriranno mai! AVranno vita eterna perchè per tanti libri che possano essere bruciati, uno almeno si salverà.

STupendi versi i tuoi! Scrivi,, ti conoscerai meglio e ti sentirai bene è il mio mantra.

ps non ho visto il film ma lessi il libri. Fantastico!

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER PATRICIA: ti ringrazio, sono molto toccato dalle tue parole!

Francesca A. Vanni ha detto...

Il libro e il film sono entrambi molto belli, senza dubbio, così come lo è la tua poesia.
La scrittura è poi, almeno per me, qualcosa di vitale e se non ci fosse mi mancherebbe la linfa stessa dell'esistenza.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER FRANCESCA: film meraviglioso! Grazie, sono felice che tu sia stata toccata dai miei versi.

Amanda Manganini ha detto...

Ciao Daniele, eccomi sul tuo blog, amo la poesia (anche se non sono capace di scrivere neppure un verso) e mi ha incuriosita il fatto che ti sei definito Rockpoeta.
In effetti noto che le tue opere si discostano molto dalla poesia classica, sono graffianti, dure e molto attuali. Punti sui mali della società e metti a nudo l'ipocrisia che ci circonda senza nasconderti dietro a un dito.
"Scrivi" mi ha emozionata, è un invito ad amare e apprezzare l'arte del bello scrivere, la gioia che si prova nel farlo, un'intima ricerca nella sfera più personale e donarla a occhi profani sperando siano in grado di leggere tra le righe e percepirne l'intensa bellezza e profondità.
Personalmente ho apprezzato il libro "La bambina che salvava i libri" da cui è stato poi tratto il film "Storia di una ladra di libri", ti dico solo che la voce narrante del libro è la morte. Quando lo avrai letto, mi farai sapere cosa ne pensi.
Ho notato che non hai follower, ti aggiungo nella mia blogroll.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER AMANDA: sono all'antica io linko i blog come una volta :-))) Benvenuta in questa agorà è un onore averti qui. Hai colto nel segno, le mie poesie sono dure, trattano tematiche sociali scomode ed i miei versi sono l'antitesi della poesia classica. Sono contento che ti abbiano emozionato i miei versi e che "Scrivi" ti sia piaciuta.

So che il libro è altrettanto interessante e sapevo questa cosa della voce narrante che se non ricordo male viene mantenuta anche nel film ma non vorrei ricordarmi male.

A presto!
Daniele

Cristiana Marzocchi ha detto...

@tutti i commentatori.
Avete tutti quanti ragione, Daniele ha il dono di emozionare chi lo legge.
Qualsiasi argomento tratti, lo esprime con una forza assolutamente naturale,
che coinvolge tutti, tranne le anime aride.
Cri

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER CRISTIANA: sono commosso, ti ringrazio davvero con tutto il cuore per questo tuo commento che mi tocca l'anima.

Mariella ha detto...

In alto sul mio blog ho riportato una frase di Erri De Luca che ho fatto mia.
"La scrittura è campo aperto, via d'uscita".
È un vero miracolo, è vita.
Ognuno di noi cerca di usarla nel modo che crede migliore, alcuni ci riescono benino, altri bene, altri beh...
Tu ad esempio, tramite le poesie che ci regali, ci riesci meravigliosamente.
Grazie.

PS: non ho letto il libro né visto il film. Bisognerà rimediare.
Abbraccio.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER MARIELLA: adoro De Luca è anche un grande poeta e questa sua frase lo dimostra.

Ti ringrazio, sono onorato e commosso dalle tue parole nei confronti delle mie poesie.

Mariella Esseci ha detto...

Bella Cri. Condivido pienamente.

marcaval ha detto...

Si scrivi e continua a scrivere le tue idee, le tue riflessioni, i tuoi pensieri ... una piccola luce nell'attuale buio.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER MARCAVAL: prometto continuerò senza sosta, senza arrendermi.

Stefania, detta Stella Dfa ha detto...

Ho visto il film, e conosco il libro come ora conosco i tuoi versi ... versi, Daniele, che espongono un fatto di emozionale coscienza e, come tu dici, rendono le parole immortali; l'introspezione del versante più esposto dell'anima, che è la scrittura, rappresentata dall'intreccio di sinapsi, concretizzatesi dapprima nella mente, poi nel braccio ed infine sulla punta delle dita. Cogito ergo sum, dicevano i latini alla fine quando, semplicemente, non erano le cose che scrivevi ma il modo in cui le comunicavi che le rendevano immortali. Dirti "parole bellissime" sembra riduttivo a scapito delle emozioni che esse stesse suscitano.
Grazie.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER STELLA: grazie a te per questo straordinario commento che mi tocca l'anima. Io scrivo con l'anima e spero che questo lo si colga e lo avverta.

Stefania, detta Stella Dfa ha detto...

Io lo avverto. Notte.

Ernest ha detto...

bella complimenti

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER ERNEST: grazie di cuore.