mercoledì 6 ottobre 2010

L'Angolo del Rockpoeta: "Le Mani Di Mengele"

Una notizia che un tempo avrei definito sconvolgente ma che, oramai, vista la realtà dei nostri tempi e la consapevolezza di come tutto questo marciume venga perpetrato regolarmente nel tempo, credo sia più "corretto" definire di "routine"....

A commento della stessa ho, peraltro, davvero poco da dire. Che anche a bassi livelli ci fossero e ci siano tuttora regalie e quant'altro (pensiamo a quei mega-convegni in posti bellissimi ed in hotel lussuosi pagati ed organizzati per intero dalla multinazionale di turno...) per convincere medici ed ospedali ad usare farmaci di una casa farmaceutica anziché di un'altra é cosa risaputa, ma resta sempre disgustosa. Certo che questo scandalo é molto più preoccupante per le dimensioni ed i coinvolgimenti che ha raggiunto.

Ed intanto si continua a morire per malattie di cui ancora non si ha una cura, in altri luoghi per malattie di cui invece esiste una cura, ed infine capita anche, per le ragioni legate alla notizia in questione, di morire per la cura ed a causa della medicina che é stata presa.

In conclusione, pertanto, tutto secondo il solito copione di sempre.....

Vi lascio con questa poesia che postai quasi a inizio blog e che é stata scritta nel 2004 a testimonianza del fatto che, appunto, tutto si ripete sempre allo stesso modo, magari soltanto in maniera ancora più devastante e crudele.

LE MANI DI MENGELE

Profitto che stritola la Salute
Leggi di Mercato che schiacciano i malati
Cure negate.

Multinazionali
che si tengono ben stretti
i loro brevetti insanguinati
Paesi che si ribellano
a logiche di Follia monopolistica.

E intanto
muoiono
come mosche
E si dissolvono
come vapore.

E non c’è più tempo.

Assassini in smoking
Falsi scienziati
Ricercatori prezzolati.

E la nostra Salute
nelle mani di Mengele.

DANIELE VERZETTI, ROCKPOETA
----------------------------------------------------
Per Votarmi Su OKNOtizie Clicca QUI

16 commenti:

Francy274 ha detto...

Che strana coincidenza. Proprio Venerdì scorso, mi trovavo in un hotel di Catanzaro Lido, e rientrando vidi nella hall uomini e donne in abito da sera, tutti dall'aria tronfia e soddisfatta. Erano medici in convegno, mi disse il ragazzo del lift. Ho tratto le Tue stesse deduzioni a quello che mi è parso uno scenario desolante.
Vero, tanti Mengele in festa che accettavano i compromessi di una medicia inutile, tradendo il loro giuramento di curarle le malattie.
Amara e vera la Tua poesia, troppo vera!

Bastian Cuntrari ha detto...

... e la coincidenza di Francy non finisce qui: sto per occuparmi - professionalmente - proprio di uno di questi maxi-congressi di cui parli.
Ed è tutto vero, quello che dici: mega hotel lussuosissimi, e sponsorizzazioni di aziende farmaceutiche, ma non solo.

La cosa triste - per la mia personale esperienza - è che, purtroppo, solo in questi meeting i medici riescono a confrontare le proprie esperienze professionali, a riferire dei propri progressi o a sottoporre a colleghi i propri dubbi. Ed è sempre e solo in questi convegni che le giovani leve della medicina specialistica riescono a far sentire la propria voce, altrimenti in deserto clamans.

Se lo Stato o il Ministero della Salute (?) dessero le medesime opportunità - magari risparmiando dané con il taglio di qualche privilegio - assumendosi in prima persona l'onere di organizzare questi congressi, si potrebbe ottenere lo stesso obiettivo, senza essere "sotto scopa" della multinazionale i turno.

caramella-fondente ha detto...

Le case farmaceutiche sono divenute vere e proprie potenze economiche e quindi politiche. Il problema è che fanno "soldi" sulla Salute della gente , spesso in maniera cinica e senza andare tanto per il sottile. Chissà quanti vaccini inutili o terapie deleterie hanno propinato alla gente con la complicità di medici e governanti? E continueranno , potete starne certi.

Spes ha detto...

Figuriamoci! E cosa vogliamo che importi a questa gentaccia della nostra salute?

Qui in Abruzzo, lo sai, la Sanità è in ginocchio e CONTINUANO A RUBARE!!! Qualche giorno fa il Procuratore di Pescara ha aperto un'inchiesta su altri politici.
C'è poco da commentare.

A presto.

giudaballerino ha detto...

Assassini in smoking... contro di questi pare che nessuno abbia voglia di prendere provvedimenti. Ignorando che un assassino è sempre un assassino, indipendentemente da come ammazza e da che estrazione socio-economica proviene

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER BASTIAN: il problema però è che poi lasciandosi corrompere da questi colossi mondiali siamo noi che ci rimettiamo la salute quando non perfino direttamete la pellaccia...

Kylie ha detto...

Notizie in proposito continuiamo a sentirle, purtroppo.

Un abbraccio

enrica ha detto...

Caro Daniele,
penso tu abbia messo il dito in una delle piaghe più purulente dolorose di questa nostra civiltà e siamo tutti talmente assuefatti e talmente sopraffatti che non ci sorprendiamo neanche più.
Ricorderai certo che durante il processo di Norimberga alcune industrie tedesche furono multate o condannate a questa o quella pena per aver aiutato il nazismo a compiere l'olocausto. L'unica azienda a cui venne ordinata la dissoluzione totale fu la IG Farben, colpevole, tra l'altro di aver inventato e prodotto in quantità industriali il famoso Zyklon-B ovvero il famoso gas con cui sono stati uccisi gli ebrei ed altri indesiderati nei campi di concentramento nazisti e per essere stata uno dei maggiori polmoni finanziari del nazismo.
Immaginati la sorpresa quando mi sono trovata a Francoforte nel '99 a leggere la guida turistica della città in cui orgogliosamente veniva spiegato che la Hoechst, che ha sede a Francoforte (come la Banca Centrale Europea) altro non era che la ricostruzione della IG Farben. Poco dopo la Hoechst si è fusa con un'altra grande industria farmaceutica ed è divenuta la Sanofi Aventis... Io ho ancora i briividi quando ci penso...

Alessandro Tauro ha detto...

E' sempre un piacere leggerti, carissimo Daniele...
Mi spiace non poterlo fare con l'assiduità di un tempo, ma sono contento di riuscire a percepire la stessa rabbia e le stesse emozioni di sempre.
Grazie!

PS: se poi dovessi addentrarmi in un commento sulla questione sanitaria nazionale, ricordo solo di essere abruzzese. E di aver visto, pertanto, da vicino cosa vuol dire trasformare un diritto fondamentale degli esseri umani (e quindi non dei soli cittadini) in una fonte di guadagno illecito per i "soliti noti". Roba da voltastomaco irreversibile...

luce ha detto...

Tutto questo nasce dal meccanismo perverso legato alla economia della salute altrui e dalla sua speculazione...schifo, solo schifo.

Daniele Verzetti, il Rockpoeta® ha detto...

PER ALESSANDRO TAURO: é sempre una grande emozione leggere un tuo commento. Sei sempre il benvenuto!

Daniele Verzetti, il Rockpoeta® ha detto...

PER ENRICA: un commento che denota la potenza e l'orrore di certi colossi mondiali.

Ernest ha detto...

un dramma un orrore!

Mk ha detto...

La stessa cosa è capitato l'anno scorso con la pseudo pandemia.Milioni in vaccino buttati al vento;le regioni con bilanci sanitari disastrati si sono disastrate ancora di più e ora noi campani siamo costretti-chi può- a pagare somme ingenti tra medicinali ,ticket e ricette perché devono arrivare oltre 700 milioni di euro di trasferimenti statali e comunitari bloccati alla giunta bassolino ma ci sono apparecchiature per milioni di euro chiuse a marcire nelle stanze degli ospedali perché non ci sono tecnici capaci di usarle.Ma chi paga siamo sempre noi.
Ciao Dani
mk

Adriano Maini ha detto...

Ma non finisce lì, purtroppo. Bisogna aggiungere i medicinali di base venduti a prezzo ancor più caro in Africa, i medicinali testati sulla pelle dei poveracci del Terzo Mondo, ... E non voglio citare il romanzo di Le Carré su questi temi criminali ....

l'incarcerato ha detto...

Caro Daniele, quando finiremo di adorare l'ideologia del Mercato allora veramente potremmo dire di vivere in una società Libera e senza ingiustizie!

Bella poesia, noi nel 2004 ancora non ci conoscevamo! :)