lunedì 23 luglio 2018

L'Angolo del Rockpoeta®: "4 Years Old"

L'ho postata i primi di giugno sul blog di Patricia Moll, ma ci tenevo tantissimo a postarla anche qui. Chiedo scusa a quelli che l'hanno già letta da Patricia.

4 YEARS OLD

Avevo 4 anni
un saluto a mia madre
Poi lei si incammina verso quella piazza.

Quel giorno il destino mi catturò ferocemente
Fu come un ceffone ricevuto all'improvviso
Un sortilegio malefico che deflagrò anche nella mia testa.

Piazza della Loggia
E mia madre non tornò più

Cancellato per sempre il presente 
Una qualunque speranza di futuro
Ma soprattutto anche i miei ricordi.

A quattro anni i tuoi ricordi sono sbiaditi
E tu cerchi di rincorrerne pedissequamente il sapore 
Speri in una reincarnazione in un nuovo futuro
Vorresti riavvolgere il nastro del tempo di quella mattina.

A quattro anni i ricordi di tua madre 
Sono ancora troppo pochi.

Ho cercato di non dimenticarne il volto
Di fissare nelle mie orecchie il timbro della sua voce
Associandola anche ad altre che potessero somigliarle.

Ma con il tempo tutto scolorisce
Il ricordo del suono si assottiglia
E gli unici ricordi che ho sono di seconda mano
Riportati da altri.

Questa tragedia mi ha tolto
Passato, presente 
E donato un futuro doloroso
Macchiato da un destino crudele
Come un bellimbusto
Con atteggiamenti da bullo.

Follia assassina
Dentro un cestino dei rifiuti
E quelle schegge impazzite
Figlie di un'esplosione vile
E di connivenze deviate.

Avevo solo 4 anni
E fino a quella mattina io avevo una mamma.

Ora sono un uomo adulto
E sono orfano due volte:
Di madre e di giustizia.

DANIELE VERZETTI ROCKPOETA®

34 commenti:

Ade ha detto...

Brividi.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER ADE gli stessi brividi che provi per la triste realtà di cui tratto
Grazie di cuore per il tuo forte commento

Cristiana Marzocchi ha detto...

Ogni tanto nascono persone come te , che sanno colpire al cuore con pensieri profondi, qualsiasi argomento affrontino, senza mai cadere nel retorico.
Questo tuo lato , più intimo , mi piace molto.
Cri

Cavaliere oscuro del web ha detto...

Versi molto profondi.
Sereno giorno.

Claudia Turchiarulo ha detto...

Mamma mia, ho i brividi. Non conoscevo la tua storia. Comunque posso dirti che i ricordi sbiadiscono anche a 24 anni. Io mi aiuto con video e fotografie, ma non so se tu ne possiedi.
Un forte abbraccio. A presto.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER CRISTIANA Ti ti ringrazio dal profondo del cuore per l'opinione che hai di mme.le mie poesie personali escono di Venerdi qui parlo della strage di Piazza della Loggia. Il fatto che tu abbia pensato che mi riguardasse in prima persona mi onora moltissimo perché vuol dire che riesco a comunicare dolori altrui come se fossero miei dato che nel momento in cui scrivo miei li sento

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER CLAUDIA la sstoria riguarda il figlio di una vittima segnatamente la madre morta nella strage di Brescia. Le mie poesie personali escono di VVenerdi ma come ho detto a Cristiana sobo onorato che tu abbia pensato fosse la mia storia infatti quando scrivo del dolore altrui i quel momento lo sento mio
Grazie per le bellissime parole che mi hai detto

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER CAVALIERE Grazie di cuore

Mondo d'Arte di ha detto...

Vorrei dirti tanto ma non riesco.
Ho letto e ti ringrazio, ciao Daniele.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER MONDO D'ARTE in primis benvenuta in questa agorà. Sei una persona in gamba ho letto il tuo commento da Vincenzo. Grazie per le tue parole che trasudano forti emozioni


LaDama Bianca ha detto...

Nessuno dimentica la propria madre. Ma a volte i ricordi diventano così sbiaditi che si fatica a farli rivivere.
Che tristezza.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER LA DAMABIANCA infatti e proprio quello che quella persona della poesia sottolinea con forza

'se fossi fuoco arderei il mondo' ha detto...

questa poesia è così vivida da sembrare autobiografica.
il ricordo può solo in parte mitigare una perdita..
ma va disperatamente cercato!

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER SE FOSSI FUOCO ARDEREI II MONDO le tue parole mi arrivano dritte al cuore

Patricia Moll ha detto...

La ricordo Dani! Non si può dimenticarla d'altronde.
Avevo perfino avuto il sospetto che quel bambino fossi tu visto come ha saputo descrivere il fatto e il dolore.
Sempre un piacere (doloroso) rileggerla

Mirtillo14 ha detto...

Per un attimo ho pensato che fosse un ricordo autobiografico, non lo è, per fortuna, ma ciò non toglie che un bambino ha perso la madre a quattro anni per una follia umana insensata.
E immagino la storia dolorosa di un bimbo così piccolo, rimasto orfano. Un bimbo che ha avuto la vita segnata da una tragedia e un ricordo della propria madre appena accennato e vago.
E mi chiedo perchè devono accadere queste cose ?? Si vede che è un ricordo che ti ha toccato molto, in questa poesia hai dimostrato una grandissima sensibilità. Buon pomeriggio.

MikiMoz ha detto...

Finale secco, vero, atroce.
Bei versi, Daniè.
Complimenti.

Moz-

Irene Z. ha detto...

Versi dolorosissimi, la tua sensibilità è un diamante raro, Daniele. Ti abbraccio tantissimo 😘

Carlos Portillo - podi ha detto...

Nell'arco di pochi giorni cercherò di vedere https://www.youtube.com/watch?v=Jq2gagTQvDw

Noi Spagnoli abbiamo sofferto il flagello terroristico di ETA non siamo stati pienamente consapevoli della vostra paralella storia (molto drammatica d'altronde)

podi-.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER PATRICIA ricordo come ti colpi quando la posta da te. No non è autobiografica ma parla cmq di un dolore terribile per chi lo ha vissuto

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER MIRTILLO non posso aggiungere nulla al tuo commento così toccante profondo ed esaustivo.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER MOZ grazie sono veramente onorato dal tuo commento

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER IRENE grazie sono commosso dalle tue parole davvero speciali.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER PODI anche voi con l'ETA avete pagato un tributo di sangue innocente altissimo lo ricordo bene

Mariella ha detto...

Daniele, una vera tragedia.
L'hai saputa far rivivere con parole tali che smuovono l'anima.
Solo i veri poeti riescono.
Un abbraccio.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER MARIELLA grazie per le tue parole veramente toccanti. Una tragedia terribile e dimenticata

Maria D'Asaro ha detto...

Grande la chiusa: Orfano due volte, di madre e di giustizia.
Grazie, Daniele.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER MARIA grazie non dubitato che ti avrebbe colpito conoscendo la tua sensibilità

iacoponivincenzo ha detto...

Complice anche il mio stato di abbattimento per la capocciata, ma sopraffatto per lo strazio che sento nella tua voce -sì, la sento proprio forte e chiara- mi si stringe il cuore nel leggere questo tuo inno al dolore che più intimo non poteva essere. Ti stringo forte al mio cuore. Una mamma perduta a quattro anni è una sconfitta atroce dell'Umanità, perché è un vuoto che si allarga ogni anno, ogni giorno, ogni ora di qui all'eternità.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER VINCENZO hai ragione perché anche se la mamma non è la mia mi sono profondamente immedesimato nel dolore di questa persona che per un vile attentato di ormai decenni fa a quattro anni la mamma l'ha persa veramente

marcaval ha detto...

Bellissima poesia!! Certi episodi drammatici della nostra storia non vanno mai dimenticati ...

franco battaglia ha detto...

Stavolta vado controcorrente, e spero che mi perdonerai, perché sai in quanta considerazione ti tenga. Non mi sono identificato, perché la perdita della mamma sullo stesso piano della perdita di giustizia, non la posso concepire. Unire il grido di dolore per uno scempio sociale, alla perdita della propria mamma non può starci. Possono bruciarti il mondo attorno, ma se tua mamma si salva, tutto il mondo si salva. Allo stesso modo, possono bruciarti il mondo attorno, ma se tua mamma brucia con esso, è allora che hai perso il mondo. A quattro anni puoi diventare orfano una volta sola, anche quando ci ripensi mille anni dopo, dopo che hai messo a fuoco la cattiveria del mondo. Un abbraccio.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER MARCAVAL grazie la tua sensibilità immensa mi emoziona sempre

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER FRANCO io posso anche capire il tuo punto di vista ma nella poesia che poi riprende una testimonianza reale quella persona ha perso sua madre in quella strage e non solo non ha più Lea neanche giustizia