lunedì 4 aprile 2011

OPINIONE DEL ROCKPOETA: La Scienza Dell'Assurdo

Io sono per la scienza, per il progresso ma veri, utili, reali e senza pericoli. Vorrei vaccini per malattie che ancora sterminano un numero altissimo di persone (Aids per es), vorrei cure per la SLA e per i tumori, quindi non sono contro la scienza.


In Cina hanno realizzato una mucca (mucca transegenica) inserendo dna umano allo scopo di farle produrre latte umano. Insomma, hanno realizzato una mucca che produce lo stesso latte di una mamma che ha appena partorito. Quel latte servirebbe di fatto per sostituire quello delle mamme o venire in aiuto immagino nel caso ci fossero problemi di allattamento sostituendo di fatto anche il latte artificiale. Si parla di vederlo inserito nel mercato mondiale fra una decina d'anni ma questa notizia la trovo davvero sconvolgente.

In Gran Bretagna, dove ricordiamoci ci fu il caso della pecora Dolly, sono sorte vibranti proteste: infatti si riporta nell'articolo linkatovi " " "Ci sono milioni di interrogativi sul fatto che il latte di queste mucche sia sicuro per gli esseri umani ed è difficile verificarlo se non si fanno test su larga scala", - commenta Helen Wallace di GeneWatch, un'associazione per il controllo degli sviluppi delle biotecnologie - . Esprime dubbi anche la Reale Società per la Protezione degli Animali: "La prole degli animali clonati soffre spesso di gravi problemi di salute, abbiamo veramente bisogno di questo latte per i nostri neonati?". Anche se poi, quando sono un po' più grandi, è il latte delle mucche che tutti bevono, dai bambini agli adulti, con i cereali e col cappuccino." "

E' vero che potrebbe forse essere utile, ma i dubbi su questa diavoleria biogenetica le avverto molto più forti dei vantaggi. Mi stupisco che la Chiesa non dica nulla. Quando si tratta di usare cellule staminali per salvare vite umane si scagliano contro la scienza con veemenza, qui invece tutto tace....

Io continuo a pensare che questo tipo di ricerca non sia scienza vera ma "scienza dell'assurdo".
---------------------------------------------------------------
Per Votarmi Su OKNOtizie Clicca QUI

9 commenti:

Ernest ha detto...

soldi che potrebbero andare in ben altra direzione!

egill-larosabianca. ha detto...

Io sono qui.Ma capita di confondersi e non sapere cosa scrivere.Eppoi
sappiamo la metà del vero.
Non smettere nel tuo lavoro.
Egill

luce ha detto...

E invece di salvarli i bambini evitando di sfruttarli e di costruire giocattoli tossici e pericolosi, adesso li vogliono nutrire bene???!!!!
Ma andassero a qual paese veramente!

enrica ha detto...

Concordo e per dirla tutta mi ricorda alcuni esperimenti degli anni '30...

Adriano Maini ha detto...

Concordo, perché quella non é più scienza.

egill-larosabianca. ha detto...

Nel regno unito da molto tempo la scienza si è dedicata ad esperimenti
di biogenetica su esseri umani-
Esiste un film-"Lucky Man" con
Malcom MC Dowell,credo della metà anni 70.
In Italia poi senza voler uscire fuori tema la "scienza" dovrebbe ingegnarsi sulla Riforma Scolastica.-PRIORITARIO-
Il male viene dall'ignoranza e un
popolo ignorante è facile da sottomettere.La scuola deve costruire coscienze,non ad indottrinare- Egill

francesca ha detto...

mi scono scontrata con il conflitto d'interessi... e la cosa più assurda è che si finge di non sapere quello che accade. pensa alla chemioterapia, ai farmaci intelligenti che tanto hanno "reclamizzato" e ci hnno promesso. dove sono? puoi telefonare, ma sicuramente non avrai i requisiti necessari per partecipare a quello studio randomizzato. scusa forse sono andata fuori tema.
un caro saluto

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER FRANCESCA: non proprio fuori tema. Alla fine parliamo di medicina e scienza che non sempre sembrano essere al servizio di chi ha bisogno. Anzi spesso paiono proprio disinteressarsene.

giudaballerino ha detto...

La scienza ormai non va verso il miglioramento delle condizioni di vita ma verso un maggiore profitto. E' un dato di fatto. A volte il maggiore profitto si accompagna ad un miglioramento delle condizioni di vita, altre volte invece no. Come in questo caso, credo.