domenica 17 gennaio 2010

L'Angolo Del Rockpoeta: "Il Silenzio"

Il Silenzio

Mi hanno sempre detto
Che é bello il Silenzio.

Mi hanno insegnato
Ad apprezzare il silenzio.

Ho sempre pensato
Che il silenzio fosse importante.

Puoi meditare in silenzio
Riflettere in silenzio
Vivere in simbiosi con i suoni della natura...
In silenzio.

Poi sono cresciuto
Ed ho scoperto
Che il silenzio può anche essere malvagità.

L'omertà é silenzio
L'occultare richiede anche silenzio
Il mentire richiede la parola
Ma il non dire tutto, comporta il silenzio.

Ed allora Ustica é figlia del silenzio
L'omertà di fronte a certi crimini é figlia della paura
Ma si trasmette con le onde del silenzio.

Anche le pallottole sanno essere silenziose.

Le bocche troppo chiassose
Possono essere ridotte al silenzio.

Il non parlare delle morti sul lavoro
Il tacere verità evidenti, scomode
Ma virtuali se non vengono dette
Se" Mamma Tv" non le racconta;
Anche questo é frutto del nostro silenzio.

La censura é silenzio
Nacondere la verità
Occultare la giustizia
Offendere la vita e la natura stessa!

Tutto questo
Lo può fare il silenzio.

Il silenzio dell'uomo.

DANIELE VERZETTI, ROCKPOETA
------------------------------------------------
Per Votarmi Su OKNotizie Clicca QUI

32 commenti:

Alessandro Tauro ha detto...

Stupenda... davvero straordinaria!

Daniele Verzetti, il Rockpoeta® ha detto...

GRAZIE ALESSANDRO!!!

Vincenzo Cucinotta ha detto...

Bella poesia, ma il vero silenzio non può che essere totale, mentre i silenzi (plurale) di Minzolini & Co. sono selettivi. Non prendiamocela col silenzio quindi, ma col rumore insignificante che nasconde la verità. :)

enrica ha detto...

Bene e male convivono sempre in ogni cosa... nel silenzio, nel rumore, nella vita.

luce ha detto...

Bellissima...sei unico, veramente, a rendere in versi le cose della vita, quelle che fanno male
Ci sono anche i silenzi che scaturiscoo dall'emozione di leggere poesia come questa.
Un abbraccio

Cappellaio ha detto...

complimenti daniele, davvero una grande poesia figlia dei nostri tempi!
mattia

amatamari© ha detto...

Esiste un silenzio che è vitale presenza ed uno che è mortale indifferenza: hanno lo stesso suono?

Grazie per i tuoi splendidi versi!
:-)

cometa ha detto...

Hai proprio detto perfettamente: c'è il silenzio per esprimere l'indicibile ed il silenzio per omettere di dire: quanto l'umano può spaziare dalle cime dello spirito alla più squallida bassezza!
Un abbraccio, erri

marteresa ha detto...

Caro Daniele, ciò che hai scritto è semplicemente e meravigliosamente vero. Alcuni silenzi sono poveri di verità...un saluto

minervabianca ha detto...

E' vero...il silenzio spesso è figlio dell'omertà...anzi devo dire che ormai, in una civiltà così frenetica come la nostra...il silenzio è sempre sinonimo di "tacere per nascondere"

gians ha detto...

La parola silenzio si abbina generalmente con pace e serenità. Come tutte la parole italiane si presta a diverse interpretazioni, quella che poni tu è di certo la peggiore. Bella poesia.

Licia Titania ha detto...

I tuoi versi, come sempre, sono splendidi. Però sul concetto di silenzio non sono d'accordo: questa parola, per me personalmente, si associa alla pace, alla serenità; anche all'intesa tra due persone che non hanno (più) bisogno di fare conversazione; ad un non-parlare perché il significato del momento (nella gioia o nel dolore) va al di là dele parole. Certo, esiste il silenzio freddo o quello omertoso; na anche uno spazio pieno di parole può essere freddo, omertoso e bugiardo. Ovviamente è un'opinione delo tutto personale. Ciao.

Sergio ha detto...

Complimenti per la poesia!
Da una semplice constatazione, cioé la positività e la negatività della parola silenzio, hai saputo evidenziare nei tuoi versi cosa possa essere il silenzio.

Tua madre Ornella ha detto...

Daniele B E L L I S S I M A

E VERA!!!!!!!!!!!

(il silenzio...UCCIDE)
Un bacio
Ornella

perdiamocidiv ha detto...

E' per questo forse che io delle persone troppo silenziose non mi fido totalmente?...eh si ...
p.s.=ogni tanto passo di qui, e mi spiace di essere così poco presente, ma quando passo non resto mai in silenzio....

giudaballerino ha detto...

Il silenzio che grava su temi importantissimi come quelli che hai citato è grave e tristemente vero. Ma la tragedia che viviamo purtroppo non si ferma qui. Perché tentano di privarci anche dell'aspetto positivo del silenzio, quello a cui facevi riferimento all'inizio della poesia. E ci bombardano di informazioni inutili e spesso false per coprire quel silenzio che ti fa meditare, quel silenzio che ti fa riflettere, quel silenzio che ti fa ragionare libero. Si forma una specie di paradosso, creano il silenzio dell'uomo attraverso il fracasso dell'animale

Guisito ha detto...

Esistono silenzi che dicono più di mille parole, il silenzio delle statue, ad esempio, o quello de "La Gioconda". Questo è il Silenzio.
Quelli cui ti riferisci sono bugie.
Complimenti,Dan.

Alligatore ha detto...

Me l'immagino con in sottofondo una chitarra che suona l'inno militare "Il silenzio", distorcendolo come Hendrix fece con l'inno americano.

Debora ha detto...

Aggiungere qualcosa, è come profanare tanto splendore...
In punta di piedi ti dico che è meravigliosa e straordinaria, davvero bellissima!!

Guernica ha detto...

Bellissima!Come sempre.

C'è un tempo giusto per il silenzio e la parole.
Solo che spesso l'essere umano lo manca quel tempo...

Un bacio!

upupa ha detto...

Caro rock...inutile ripetermi....sei proprio speciale....

Mk ha detto...

Eppure,dani , le migliori parole, spesso, somno quelle che non si dicono.Ma dipende dal contesto.Ci sono silenzi condivisi, silenzi in cui parlano solo gli occhi, silenzi pesanti come cappe di piombo ,ostinati e rancorosi.
E vabbè.
Buona settimana.
Mk

Luigina ha detto...

Eh sì Daniele, spesso il silenzio ferisce più di una parola cattiva, di un insulto, di una verità spiacevole. Tu però hai saputo tradurre in poesia tutte le sfaccettature del silenzio. Grazie! E sempre un arricchimento leggerti

enne ha detto...

Al di là dei significati che può avere la parola "silenzio", io amo il mio, che ho cercato tanto, e amo la mia solitudine.
Notte.

Daniele Verzetti, il Rockpoeta® ha detto...

PER MK: tu alludi ai silenzi privati, magari dentro una coppia; quelli é vero sono pesanti, difficili, sbagliati.

Il silenzio ha tante sfaccettarure. Oggi riflettevo che anche la morte é silenzio. E digerire questo concetto non é stato facile. Soprattutto perché fatto anch'esso in silenzio. Resta il ricordo di chi si é perso a far "rumore". Ma può non bastare.

PER VINCENZO CUCINOTTA: diciamo la stessa cosa, infatti io parlo del "silenzio dell'uomo".....

PER GUERNICA: giusto. Lo manca e talvolta lo inverte pure.


PER LICIA TITANIA: non concordo. Il mentire comporta il rischio di essere scoperti. L'omettere é qualcosa di più difficile da svelare. E più vile. Non ci si mette neanche in gioco per nascondere la verità. Mi nausea. Poi é chiaro che esiste il silenzio positivo ma la mia stessa poesia lo riporta nei versi iniziali.

PER LUCE; grazie!!! E' vero esistono anche i silenzi di raccoglimento per es. Quelli interiori. E l'ho scritto infatti nella poesia. Ma purtroppo non sono i soli....

PER AMATAMARI: forse no. Sicuramente hanno un odore diverso. E l'olfatto può aiutarci a riconoscere quello positivo da quello nauseante della vigliaccheria.

PER GIUDABALLERINO: disamina grandiosa! Non aggiungo altro, condivido ogni parola alla lettera! E qui il silenzio é d'obbligo per non aggiungere parole inutili al tuo prezioso commento.

PER ALLIGATORE: non metto mai musica in sottofondo quando recito ma come introduzione prima di leggerla, mi piace la tua idea....

paroleamorsi ha detto...

il silenzio può essere bello se ti pone in ascolto di te e del mondo che ti circonda... poi esiste quello che uccide, non si esprime e quindi non si schiera, quello della solitudine, dello scoramento, della disperazione... quello che lascia senza parole nel bene e nel male... la tua poesia l'illumina tutti!
GM C

Paola D. ha detto...

Bellissima poesia, impegnata, ma nei commenti quoto moltissimo Vincenzo Cucinott, giudaballerino e Licia Titania.
E anche il tuo commento di risposta a Licia, per aver evidenziato la differenza tra il mentire e l'omertà.
Di silenzio comunque, nel senso positivo del termine,abbiamo veramente bisogno a volte, per liberarci dal molesto rumore di fondo televisivo, che io infatti cerco di sentire il meno possibile.
Mi piacerebbe sentire un tuo giudizio sulla poesia che ho pubblicato recentemente (non è mia!)
http://kinnie51.blogspot.com/2010/01/non-ho-potuto-fare-meno-di-ripubblicare.html

Silvia ha detto...

Il silenzio a volte talmente dolce, altre così amaro...

Profonde e significative le tue parole.

Romina ha detto...

E il silenzio inteso come omertà riguarda tutte le "caste", piccole o grandi, più o meno importanti a livello sociale. Si tratta di quell'omertà che garantisce la sopravvivenza del gruppo e dei suoi interessi privati.

Bella poesia, bravo Daniele! :)

valeaparigi ha detto...

Bellissima e vera la tua rockpoesia, Daniele.

Ormoled ha detto...

Poesia che racchiude un senso profondo. Alla fine non è il silenzio in se il rpoblema, è il modo sbagliato che hanno certi uomini di usarlo. Riappropiamoci del silenzio come un qualcosa di positivo, come quello che ti hanno sempre detto.

number 23 ha detto...

Che poesia straordinaria,davverio fantastica,hai dato il meglio di te!! Io mi stupisco ogni giorno di piu perchè hai una fantasia,un originalita e una presenza davvero speciale! Continua cosi daniele