venerdì 9 ottobre 2009

L'Angolo del Rockpoeta: "P.D.F."

Prima di lasciarvi alla lettura di quest'ultimo post vi chiedo per favore (per chi ancora non l'avesse fatto) di soffermarvi anche al post sottostante che é davvero molto importante leggere.

Detto questo veniamo al post di oggi.

P.D.F.

No, Acrobat Reader non c'entra nulla. E' un "nuovo partito" anche ben nutrito (nel numero degli iscritti, purtroppo non nelle persone....) e che riuscirebbe perfino a superare lo sbarramento del 4% o quantomeno lo raggiungerebbe. Ma, da adesso alle prossime elezioni, sicuramente lo avrà superato ampiamente quindi tranquilli ce la farà eccome ad essere rappresentato in Parlamento!

E' il Partito Della Fame. E' notizia di ieri che in Italia il 4% della popolazione soffre la fame. Una percentuale mica da ridere....

4%

Siamo molti
4% questa é la stima.

Sentiamo i morsi della sofferenza
L'afflizione della fame
L'umiliazione di chi non sa chiedere
Non vuole chiedere.

Cammino lungo la strada
Una valigia ed uno scatolone
Sono la mia vita, la mia casa.

Senza dimora
Per scelta, dicono.

Io avevo una famiglia
Un lavoro.

Poi recessione
Crisi del settore
Cassa integrazione
Mutuo da pagare
Casa sottratta.

Perdo i miei figli
La mia famiglia
La mia vita.

4%
Fredda percentuale di disperazione quotidiana.

DANIELE VERZETTI, ROCKPOETA

-------------------------------------
Per Votarmi Su OKNotizie: http://tinyurl.com/ygjtg9m

28 commenti:

Alessandro Tauro ha detto...

Non temere Daniele, la mancanza di soluzioni al grave problema sociale di questo paese farà la sua parte. E già per le regionali, questo partito farà sentire la sua voce.
Passerà agevolmente lo sbarramento!
Per una fusione al suo interno del "Movimento della Popolazione Sotto la Soglia di Povertà" (MPSSP) e della Federazione tra "Ceto Medio Impoverito" e "Partito del Nuovo Proletariato" ci vorrà forse ancora qualche mese, forse un annetto.
Ma possiamo essere fiduciosi: il Partito Della Fame prestissimo potrà diventare il primo partito del paese!

Daniele Verzetti, il Rockpoeta ha detto...

PER ALESANDRO TAURO: hai ragione, purtroppo possiamo essere "fiduciosi"...

Una fiducia amara ma purtroppo realistica.

Auryn ha detto...

al di là del sorriso amaro... chi muore di fame non ha mezzi per organizzarsi in partiti. chi sta bene non si occupa di chi muore di fame.
qual è la soluzione?
probabilmente tocca a chi sta "nel mezzo", a chi arriva a fine mese ma senza troppi sbrodolamenti, avere attenzione verso questo problema...

princicci ha detto...

ciao Daniele questa realtà mi spezza il cuore...tu la descrivi talmente bene e realisticamente che ne sento la sofferenza!!!!Mio Dio certe volte penso a quanta gente vive in queste condizioni.....fiducia nel futuro????sarebbe bello immaginare una soluzione, sarebbe bello crederci....ma per ora non c'è luce all'orizzonte.....!!!!ti abbraccio Daniele, la tua sensibilità mi colpisce sempre tanto!!!!continuiamo a sperare .....Claudia

giudaballerino ha detto...

Riesci a dare calore e rabbia e disperazione ad un numero, che probabilmente, proprio per la natura fredda dei numeri, ci passerebbe davanti con indifferenza...

Francy274 ha detto...

Mi hai fatto venire mal di stomaco.."P.D.F."..aiutooo, ho rivisto un barbone incontrato alla Stazione di Bologna, un italiano sui 45/50 anni, una signorilità degna di un principe e...niente, mi viene da piangere.

La Mente Persa ha detto...

E sono destinati ad aumentare sotto l'indifferenza di un governo che pensa solo a dare soldi ai ricchi!

Vincenzo Cucinotta ha detto...

Intanto, mi vergogno di far parte di una nazione che permette che ci sia gente che soffra la fame, ed altra che nei suoi yachts aspetta il ritorno dei propri capitali illegalmente esportati.
Eppoi, ti dirò che non condivido i facili ottimismi sull'effetto che questa crisi ha sui comportamenti politici.
Ci sono una serie di ostacoli che si frappongono tra la situazione oggettiva di vita e la sua traduzione in comportamento politico attivo. Innanzitutto, la consapevolezza soggettiva. Mi ha fatto molto male leggere un post sulla situazione dei disoccupati, in cui essi si sentono soggettivamente colpevoli della propria situazione.
Inoltre, diciamocelo: quali alternative vengono proposte, chi dall'opposizione parlamentare eed extra-parlamentare offre alternative chiare e prontamente praticabili?
Eppoi, fortunatamente direi, in Italia tiene ancora, non soquanto a lungo, una forma di solidarietà elementare tra parenti, parrocchie, perfino vicini: sono poche le carogne che permettono di far la fame a loro conoscenti.
La cosa più urgente sembra proprio mettere su una risposta alternativa, ma in Italia, e la rete non fa certo eccezione, si va avanti a slogan e spesso ad insulti: purtroppo, non riesco a darvi l'ottimismo che non ho.

Guernica ha detto...

Che quel 4% schiacci le teste dei responsabili come noci.

Si, è un'anatema.

alianorah ha detto...

Credo che sia un partito in progressiva crescita. Ma tanto...la crisi è finita!

upupa ha detto...

PURTROPPO QUESTO PARTITO è CONDANNATO A CRESCERE...che paese!!!!!!!!!!

gians ha detto...

Tranquillo, noi abbiamo la santa sede in casa nostra, vedrai che in un qualche angelus, i cristiani sapranno di questo, e pregheranno per quel 4%

Matteo ha detto...

Anche io ho aperto oggi sullo stesso argomento. I poveri, sono dimenticati dalla stampa e dalla televisione ma esistono e sono sempre più numerosi.

Gunther ha detto...

si è cosi, sono quelli che si nascondono, non ci sono per4chè nessuno gli vuole vedere

indierocker ha detto...

bella, 4% !

...io invece sono al 68,7%, il miglior blogger degli ultimi 150 anni...

Sergio ha detto...

4%! Uno, leggendo questa notizia, esposta con una percentuale, magari ci passa sopra. Ma pensando bene il 4% di circa 50.000.000 fa ben 2 milioni (dico 2.000.000) di persone che, nella "ricca" Italia, soffrono la fame!
Ricca Italia di evasori! Questi non muoiono di fame, ma fanno morire gli altri e, nonostante tutto, vengono quasi coccolati: poverini, pagano troppe tasse ed allora è giusto evderle! Lo dice anche S.B.-
Mi fermo qui!

diotima47 ha detto...

ahimé, come mi ci ritrovo in questa poesia!

lori

Luigina ha detto...

E purtroppo questo 4% non si vede anche perché non ha nemmeno la forza di chiedere l'elemosina. Ho i miei dubbi che riuscirà a farsi sentire prima delle prossime elezioni

SCHIAVI O LIBERI? ha detto...

Sai cosa mi rende molto scettico Daniele? Che questi pensano di poter risolvere la crisi, senza pensare all'aumento della disoccupazione. La cosa grave, è che provano a risolverla con le stesse tecniche che l'hanno provocata.
Buon fine settimana.

sR ha detto...

io dico solo:

crisis?what crisis?

mi dispiace, ma il peggio deve ancora arrivare

Mk ha detto...

Numeri.Effetti collaterali.Morti sul campo di battaglia.Nessuno conosce le nostre facce .Nè gliene frega di conoscerle.E pensano a fare leggi per la separazione delle carriere dei magistrati.I precari,i pensionati, i licenziati?S'attaccano.
Che schifo.
Ciao Dani
Mk

Daniela ha detto...

Mette i brividi.. detesto quando ci viene sbandierato a trentadue denti bianchi che la crisi è superata e che è tutta una questione di pessimismo/ottimismo!

amatamari© ha detto...

Ed aumenteranno.
Loro non andranno a votare: noi a chi daremo voce e potere?

enne ha detto...

Prendersela solo con una parte è demagogico. Purtroppo i poveri, quelli veri, ci sono sempre stati.
Curioso che proprio nei Paesi che hanno visto governi di sinistra ce ne siano stati molti, ma molti di più.
Per il resto quoto Auryn.
Ciao.

Daniele Verzetti, il Rockpoeta ha detto...

PER ENNE: scusa ma la mia poesia fotografa solo la realtà. Non condivido il tuo commento se rivolto al mio post. Non mi pare che la mia poesia faccia distinzione tra destra e sinistra. Parla solo del disagio di chi é povero oggi.

O forse anche per te siamo tutti pieni di soldi?

enne ha detto...

Magari.

enne ha detto...

Scusa, Daniele, ma la tua poesia non c'entra. In effetti non c'entra.
Però c'è chi continua con queste distinzioni odiose.

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

PER ENNE: ok ho capito :-))))

Un bacio
Daniele