domenica 8 marzo 2009

OPINIONE DEL ROCKPOETA: No, Woman No Cry.

Ogni anno arrivare a questa data e scrivere qualcosa diventa sempre più imbarazzante.

I dati sulle violenze sulle donne sono sotto gli occhi di tutti: da quelle domestiche (le più nemerose e nascoste) a quelle ad opera di terzi, spesso in branco.

Non dimentichiamo la pedofilia che colpisce anche bambine innocenti oltre ragazzini incolpevoli.

Non è possibile solo oggi parlarne e dimenticarsene per il resto del tempo e dell'anno. Questo vale per i politici ma anche per noi.

Il fatto forse di averne parlato qui da queste pagine altre volte mi fa sentire un filo meno colpevole.

No, woman no cry, perchè è reagendo, cercando conforto nella lotta ed anche in quegli uomini veri che per primi si battono contro questi animali che tanto dolore arrecano alle donne, che forse le cose possono cambiare.

Un pensiero anche a quelle donne sfruttate ed ancora dominate dall'uomo in aree del mondo dove essere donna è una iattura.

Vi lascio con questo link ad un post con una mia poesia, che alcuni di voi già forse conoscono, per riassumere nel mio modo, il mio sentire e la mia rabbia.

Dimenticavo, buon 8 marzo a tutte voi, per quel che vale.
Un mio bacio e l'augurio cmq di una giornata serena ma con lo sguardo teso anche a riflettere su quello che ancora c'è da fare.

Vi abbraccio
Daniele

http://agoradelrockpoeta.blogspot.com/2007/11/langolo-del-rockpoeta-uomini7.html

31 commenti:

Pietro ha detto...

mi associo ai tuoi auguri

Kylie ha detto...

Grazie Daniele.
Le donne se vogliono, possono. Sempre.

Un bacio

Bastian Cuntrari ha detto...

Daniele, io invece la vorrei proprio abolire questa "Festa".
Non ha senso, proprio per tutto quanto hai detto tu.

alexilgrande ha detto...

Posso dissentire?


Ritengo che queste feste abbiano un forte stampo sessista. La violenza sulle donne da parte degli uomini si verifica nella maggior parte dei casi, verissimo, ma è anche vero che vengono nascoste per non so neanch'io quale motivo delle grandi violenze sugli uomini fatte da donne. Sia chiaro, quì non si tratta di non considerare le violenze sulle donne come qualche sessista potrebbe dirmi.

emanuela ha detto...

Carissimo, la tua poesia è bellissima e, purtroppo, sempre attuale.
Lo sguardo è sempre teso a ciò che ancora c'è da fare.
Grazie

princicci ha detto...

grazie daniele....sempre profondamente vero tu!!!!!!un bacio claudia

gians ha detto...

ci vergognammo un attimino di appartenere alla razza maschile, questo si. Ciao Daniele.

Elsa ha detto...

un grazie speciale a te che lo sei...
da me puoi trovare una piccola ma grande donna.Ho pensato a lei per la giornata di oggi... non svelo il nome.
Elsa

3my78 ha detto...

Io come ho già detto gli auguri li faccio solo a chi li merita.

Lucia ha detto...

Non c'è davvero nessun motivo che tu ti senta colpevole, nè che si sentano colpevoli tantissimi altri uomini. Non meno di quanto dovrebbero sentirsi colpevoli le donne stesse. La società si costruisce tutti insieme. E ognuno decide da che parte stare: umano o bestia. Indifferentemente dal sesso.

P.S. ti invito anche a leggere il mio post di oggi e la risposta alle donne, nel blog della mia amica arnicamontana (intermittenzedelcuore.blogspot.com)

Un abbraccio Daniele!

maria rosaria rossini ha detto...

grazie, daniele, dei tuoi auguri e complimenti per la sensibilità non comune che dimostri e che viene fuori anche dai tuoi versi. in questa delicata fase che stiamo vivendo, purtroppo la donna paga per prima... che questa giornata dedicata alla donna, celebri, consapevolmente e con rinnovato senso di responsabilità il sacrificio, e le conquiste sociali, economiche e politiche, con sempre viva speranza per il futuro.
bacio, caro dani

Anonimo ha detto...

grazie come sempre per la tua sensibilità Daniele !

un abbraccio,
aria

tommi ha detto...

ciao daniele, ti ho mandato mail con file rivisto in alcuni dettagli, dimmi se per te è ok.
inoltre preferirei sostituire l'espressione "meno sicure" con "più potenzialmente dannose" per una questione di oggettività. è un problema?
tommi

Efesto ha detto...

Come donna non posso che dirti GRAZIE.
;)

tendarossa ha detto...

Auguri alle donne, con la speranza di trasformare tutti i giorni in un 8 marzo...

Romina ha detto...

Grazie. :)

Bacioni e buona domenica. :))

Anonimo ha detto...

Ricevo per la prima volta, in questa ricorrenza, con piacere degli auguri sensibili, profondi, per nulla banali.
Sei un uomo raro!
Un bacio
Stefi

Ormoled ha detto...

Io trovo sbagliato chiamarla festa della donna, è una festa se potessero festeggiare tutte le donne ma non è così, la chiamerei giornata della donna, e dovrebbe essere una occasione per fare un punto della situazione a un impegno che dura tutto l'anno. Non è sbagliato concentrare l'attenzione su un problema esistente, ma deve essere fatto con buon senso e mi pare che ultimamente non c'è n'è molto.
-ciao

amatamari ha detto...

Grazie

Saamaya ha detto...

Grazie, RockPoeta!

Lliri blanc ha detto...

Grazie per gli auguri e per ricordare il significato che "dovrebbe" avere questa giornata.
Un abbraccio

oscar ferrari ha detto...

L'8 Marzo ha un senso solo per il lato romantico sentimentale. Per quel che riguarda i suoi effetti concreti, penso faccia più male che bene

M!KA ha detto...

Da donna: odio la festa.. la FESTA... dell'8 marzo. Amo invece la data della commemorazione, dell'8 marzo. il primo che mi regala una mimosa in questa data è morto.
1_ perchè non mi si festeggia un solo giorno l'anno.
2_ perchè anziche andare a vedere spogliarelli mashcili facendo le put***e, farebbero meglio a istruirsi un pò, le donne.
3_ perchè è una data di profonda tristezza, ricordando (leggenda o realtà che sia, date le discussioni che suscita il fatto)la morte delle donne nella fabbrica. a te, che dimostri però particolare sensibilità, un abbraccio forte.

Ishtar ha detto...

Grazie non per la "festa" lasciamo stare l'argomento la penso come Bastian Cuntrari...
Ma per le parole che hai dedicato alle donne e indirettamente agli uomini, buona giornata :)

scrittrice75 ha detto...

grazie Daniele... La strada è ancora impervia e lunga.

la bislacca ha detto...

Siccome, dopotutto, son donna anch'io, non posso che dirti "Thank you so much".
Bella la poesia: bella e tristemente reale. Detto da una che le botte le ha prese, anche.

Anonimo ha detto...

Eccomi, non è facile liberarsi di me......
Per venire al tuo post, suggerirei di sostituire le feste di questo tpo con i fatti: che te ne pare?
ma sembra che adesso dobbiamo costruire ... ponti, ville, dilatare i condomini...
ti abbraccio
laura

La Mente Persa ha detto...

Mi prendo la poesia e gli auguri anche se con un giorno di ritardo!
gio

chit ha detto...

Non riesco a "festeggiare" una ricorrenza che non dovrebbe esistere, scusatemi.

Perla ha detto...

on sono molto d'accordo su chi dice che nn ci sia niente da ricordare.. piuttosto nn c'è niente da festeggiare! Ma da ricordare si, perchè è solo la memoria che permette di dire chi si è.
Grazie per questo bel post che tratta l'argomento come si dovrebbe :)))

Silvana ha detto...

Grazie poeta.
Sia degli auguri che delle segnalazioni; particolarmente interessante trovo l'iniziativa di Sassuolo, sia "geograficamente" che "temporalmente".
Mi piace l'idea che un'iniziativa di questo tipo cominci in altra data proprio a sottolineare l'attenzione per il femminile tutto l'anno.
Ciao
S.