venerdì 29 giugno 2007

NEWS: PFIZER ASSASSINI!

Non bastano le multinazionali USA che impediscono (o forse impedivano con il benestare di Bush) ai Paesi del Terzo Mondo di produrre medicine costosissime per l'AIDS senza pagare il costo del brevetto (spero di aver detto bene).

Non basta che multinazionali farmaceutiche, vere e proprie lobby, realizzino medicinali inutili e osteggino anche la produzione dei principi attivi (vedi nimesuslide - principio attivo- e mesulid - medicina della Novartis) nonché il ricorso all' omeopatia.

Ora, (come se già non lo sapessimo e non fosse già accaduto in passato) usano esseri umani e in questo caso di nuovo bambini come cavie.

La notizia l'ho appresa andando sul blog di SALPETTI che ringrazio per avere fatto un post così brillante, intenso ed esaustivo al quale vi rimando per ulteriori approfondimenti insieme al link da cui ha preso la notizia:

ecco il link della notizia http://www.tgcom.mediaset.it/mondo/articoli/articolo367976.shtml

Il blog di Salpetti lo trovate tra i links del mio blog.

Io aggiungo solo questo:

Che fare? Boicottare la Pfizer? Sarebbe una grande idea ma poi certe medicine di cui si potrebbe avere bisongo e che magari sono loro a produrre come potrebbero essere sostituite da chi ne ha bisogno? Forse usando i principi attivi ove potendo. Tanto tutte le multinazionali farmaceutiche sono anch'esse tutte "della stessa risma"

Loro abusano del fatto che noi possiamo avere bisogno di curarci. Ci vogliono usare e sfruttare.

1996: 200 bambini nigeriani affetti da meningite usati come cavie per sperimentare il TROVAN farmaco mai testato dalla Pfizer e da loro invece dichiarato efficiente e pronto per curarli.

Ora finalmente il Governo Nigeriano ha deciso di chiedere un forte risarcimento alla Pfizer: 7 miliardi di dollari. Sono ancora pochi.

Io vorrei la testa dell'A.D. e di tutti i responsabili. DEVONO ESSERE ARRESTATI E CACCIATI.

Si considera il Terzo Mondo come un laboratorio di esperimenti scientifici con cavie umane fresche e pronte. Senza nessuno che le possa difendere.

Ricordiamo la NESTLE' che invio non medicinali ovviamente ma latte materno scaduto. E ancora i bambini come vittime.

Altro non aggiungo. La poesia che segue la scrissi nel 2004 quindi non nasce dall'indignazione e dalla'amarezza del momento. Ma é figlia di altrettanti e vergognosi scandali del tempo.


"LE MANI DI MENGELE"

Profitto che stritola la Salute
Leggi di Mercato che schiacciano i malati
Cure negate.

Multinazionali
che si tengono ben stretti
i loro brevetti insanguinati
Paesi che si ribellano
a logiche di Follia monopolistica.

E intanto
muoiono
come mosche
E si dissolvono
come vapore.

E non c’è più tempo.

Assassini in smoking
Falsi scienziati
Ricercatori prezzolati.

E la nostra Salute
nelle mani di Mengele.

DANIELE VERZETTI, ROCKPOETA.

-----------------------------

PS: Ricordo il post sottostante dove trovate il link per firmare la PETIZIONE "BASTA MORTI BIANCHE". Grazie a tutti coloro che hanno già firmato e che firmeranno. Un Grazie anche a chi sta promuovendo in giro questa petizione. GRAZIE!

Daniele Verzetti.

7 commenti:

sermau ha detto...

...semplicemente mostruoso.

Rosie Blindy ha detto...

Mostruoso, sono d'accordo, non ci sono parole. E Daniele citando mengele nei suo bei versi ha centrato il problema. Questi "medici", questi "ricercatori" sono gli eredi dei loro "colleghi" che esercitavano nei campi di concentramento. Non è un segreto, ma una verità scomoda che si cerca di insabbiare, che le industrie farmaceutiche nel dopoguerra si siano accaparrate i risultati di certi "esperimenti" proteggendo e dando asilo a mostri come mengele (la m minuscola non è un errore di battitura).

salpetti ha detto...

Ciao Rockpoeta, sono contento che ha riportato la notizia del caso nigeriano anche sul tuo blog. Certe notizie bisogna diffonderle il più possibile!!! ;-)

Per quanto riguarda una possible reazione, non saprei... E' difficile boicottare una casa farmaceutica. Quando c'è in gioco la salute bisogna stare attenti. Si potrebbe mettere in atto una petizione per sostenere il governo nigeriano nella sua causa. Se riuscisse a vincerla, magari con i soldi potrebbe costruire ospedali. E poi... occorre fare in modo che i responsabili di questo gesto (se ancora sono dentro la Pfizer) siano licenziati in tronco e paghino per ciò che hanno fatto.

La forza di Internet è quella di mettere facilmente in contatto le persone in tuttob il Mondo, ci vorrebbe una sorta di "class action" contro la Pfizer, del tipo che il governo italiano, la UE, gli USA, spinti dalla pressante richiesta dei cittadini appoggiassero la Nigeria.
Lo so, tutto questo molto difficile!!!

Andrea ha detto...

Sono d'accordo con quello che dice Salpetti sulla forza di internet, come potere trasversale. Ma ancor più forte è il potere trasversale delle multinazionali, che sono le vere oligarchie che condizionano l'intero pianeta. Onu, Unicef, OMS, non contano nulla confronto a loro.

Lilly ha detto...

E' disumano. E'spaventoso. Non riesco a dire altro

Staedtler ha detto...

Dovrebbero condannarli a curare gratis (con i farmaci approvati in Occidente, però) tutta la popolazione nigeriana per i prossimi 50 anni. E sarebbe poco!

Kangaroo ha detto...

E' delirante la cosa. Essere umani, bambini, usate come cavie. Io userei la legge del taglione: far fare le cavie a quei medici e a quei direttori generali. Che schifo.