mercoledì 18 aprile 2018

L'Angolo del Rockpoeta®: "Il Registro Delle Assenze"

Da questo post di Patricia Moll,  caratterizzato dallo scrivere una poesia legata alla parola "Assenza" ho tratto ispirazione per questa poesia:

IL REGISTRO DELLE ASSENZE

E' poggiato lì
Su quella cattedra vuota e abbandonata
E' il Registro delle Assenze.

Una voce bassa e consunta dal pianto
Fa il triste appello

Giustizia: assente
Verità: assente
Solidarietà: assente
Umanità: assente
Buon Senso: assente
Intelligenza: non pervenuta
Pietà: assente…

E l'appello continua...

E' una classe molto silenziosa
Non si sente volare una mosca

La loro assenza talvolta fa rumore
Provoca chiasso ed un fragoroso sconquasso.

Ma è solo un attimo
Poi tutti questi alunni assenti
Tornano ad essere tali
Senza essere minimamente notati
E soprattutto non essendo capaci di infastidire nessuno.

Appello finito
Si chiude il registro
E lo si porta via.

Pensa se qualcuno volesse aprirlo davvero
E cercare quegli alunni assenti da troppo tempo
Cercare di farli uscire allo scoperto
E dare ad essi una voce.

Troppo pericoloso
Ed allora è meglio
Che anche il Registro delle Assenze
Salvo poche sporadiche comparse
Sia anch'esso assente
Sia anch'esso nebbia che oscura il sole della verità

DANIELE VERZETTI ROCKPOETA®

24 commenti:

MechanicalRose ha detto...

Mi piace come mentre tutti risultano "assenti", l'intelligenza risulti proprio "non pervenuta"... bella poesia :)

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER MECHANICAL ROSE: ti ringrazio di cuore per le tue parole.

Cavaliere oscuro del web ha detto...

Chapeau Daniele! I tuoi versi rispecchiano la situazione attuale della nostra società.
Saluti a presto.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER CAVALIERE: ti ringrazio, purtroppo hai proprio ragione.

LaDama Bianca ha detto...

Una bella poesia, complimenti. Purtroppo anche realistica.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER LA DAMA BIANCA: ti ringrazio infinitamente per le tue parole. Purtroppo è vero, riflette la realtà della nostra società.

MikiMoz ha detto...

E quante altre qualità si sono invece ritirate prima della fine dell'anno scolastico? :)

Moz-

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER MOZ: più che ritirate assurdamente bocciate se non espulse.

Francesca A. Vanni ha detto...

La società odierna, quella che i potenti hanno tanto voluto e che adesso non sanno come gestire.
Bella poesia, ma tu già lo sai ;-)

Patricia Moll ha detto...

Grazie Daniele!
I complimenti sono d'obbligo. Come sempre, però, leggendo le tue poesie ci ritroviamo seduti a terra come un pugile colpito da un diretto.
Un abbraccio

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER FRANCESCA: grazie, è un piacere ritrovarti :-)))

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER PATRICIA: vero, ma dopo la mia speranza è che ci si possa rialzare reagendo a quel diretto. Solo così possiamo sperare di cambiare le cose. Le ie poesie sono come una secchiata d'acqua gelida, alla quale dopo reagisci dicendo "Dobbiamo cambiare le cose e non accettarle più come sono adesso".

Arwen Elfa ha detto...

Molto triste e penoso dire che hai pienamente ragione Daniele
La nostra socitetà moderna è piena di "grandi/importanti assenze" e sembra che sia normale la loro assenza
A volte, in casi estremi viene fatta rimarcare ma poi non si fà davvero nulla perchè tornino per così dire in classe - nella nostra vita di tutti i giorni. Tutti accettano queste mancanze come normali
Un saluto buon giovedì e migliore resto della settimana e della primavera !

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER ARWEN: Il tuo pensiero è tristemente corretto e drammaticamente vero. E' il segno dei tempi, si denuncia un'assenza ma poi questa denuncia indigna lo spazio di poche ore e viene travolta da notizie - spazzatura e gossip a buon mercato.

iacoponivincenzo ha detto...

Poesia scheletrica, di quelle che lasciano traccia di se stesse, una scia addirettura.
Siamo esattamente al punto che tu indichi. Anzi in questa insolita situazione in cui un malgoverno viene seguito da un'assenza -volutissimamente voluta- di governo e questa a sua volta salutata come possibile foriera di miglioramente a me fa venire il vomito per quei partiti che antepongono gli interessi delle proprie chiappe ai bisogni sacrosanti del popolo che pretenderebbero di rappresentare. Sono tra i pià anziani qui e ricordo la nascita della Repubblica italiana. Ho buonissima memoria per dire che il primo governo di tutti fu quello in cui Da Gasperi, DC, era primo ministro, Togliatti, PCI, ministro della Giustizia e Nenni (PSI) ministro degli esteri. Da allora il Tevere ha portato miliardi di ettolitri di acqua al mare, ma MAI avevo visto tanta puerilità ed assenza di intelligenza politica come ne ha Di Majo, che reclama un giocattolo che NON gli appartiene e non molla la stretta. Attenzione che l'elettorato medio italiano ha facoltà di discernere tra chi vuole il bene del Paese e chi sostiene di volerlo.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER VINCENZO: ci sono veti incrociati: da un lato la lega non molla il Cav che proprio pulito non è, dall'altro Di Maio non vuole il Cav e poi mettiamoci il PD , pure lui capriccioso, nonostante sia colpevole più di tutti di questo stallo visto che è anche il responsabile nonché fautore di questa ignobile legge elettorale fatta per governare con Forza Italia , tentativo miseramente fallito. Le assenze della mia poesia sono oramai ataviche e più che un'urgenza nei temoi di intervento (che peraltro esiste) richiederebbero soprattutto una certezza di intervento, cosa che al momento vedo lontana. Giustizia, Verità, sono pilastri fondanti della società che possono anche attendere (più o meno) ancora diciamo qualche settimana ma a condizione che questa volta non si tratti di una attesa vana, vedendosi passare davanti l'ennesimo governo che, tali realtà. le insabbia e le deride, deridendo con loro anche noi Italiani.

Altre assenze dipendono invece molto anche da tutti noi: è il caso della solidarietà, della pietà, dell'intelligenza e del buon senso; eppure questa società che potremmo definire come l'era incontrastata della superficialità più becera, dimentica, anzi ignora questi valori.

Ti ringrazio come sempre per le tue parole forti, efficaci e toccanti che riservi puntualmente ai miei versi.

Sari ha detto...

Assenza: quella mancanza che provoca dolore, disperazione e talvolta morte.
Le persone chine e vinte, aspettano un miracolo della sorte... le altre lavorano al cambiamento.
Sempre incisiva la tua poetica.
Ciao.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER SARI: noi dobbiamo lottare anche per chi stanco si sta arrendendo, per cambiare il possibile.

Lucrezia Ruggeri ha detto...

La tua è un'analisi molto lucida e triste, perché il mondo in cui viviamo è proprio così: assente, distratto, indifferente.
E i pochi che fanno qualcosa per cambiarlo spesso non vengono nemmeno ascoltati.
Ciao!

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER LUCREZIA Concordo su tutto quello che hai detto

Susanna Power ha detto...

An eye for an eye e il mondo diventa cieco.
Peccato che se accadrà sarà davvero troppo tardi!

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER SUSANNA: spero che ci si riesca a fermare quell'attimo prima...

marcaval ha detto...

Fantastica!! ... ti critico solo il buonsenso, più che assente direi completamente travisato! :-)

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER MARCAVAL mi piace questa variazione sul tema, l'approvo :-)))