mercoledì 15 novembre 2017

L'Angolo del Rockpoeta®: "Seven Seas"

SEVEN SEAS

Oltre 50 metri di volgarità.

Sono in tre

Salgono a bordo 
Sfoderando sorrisi compiaciuti
Di chi non ha mai realmente faticato
Neanche un solo giorno nella sua vita.

Tre figli di papà
Ostentano ricchezza riflessa
Come tre poppanti
A bordo di un impudente natante.

Seven Seas si chiama,
Nome scomodo ed ingombrante
Per chi non saprà mai solcare
Neanche il mare della vita.

DANIELE VERZETTI ROCKPOETA®

18 commenti:

Nou ha detto...

Al bar dell'ospedale:
Una giovane donna accompagna una coppia di anziani. Si rivolge loro in un fluente inglese.. quasi la invidio!
Il bar è molto popolato. Io sono già seduta al tavolino e cerco di spostarmi in po' per fare posto.
La donna mi dice, quasi seccata, non si preoccupi, non la disturbiamo!
...non l'ho più invidiata: eravamo sulla terraferma, ma in alto mare in quanto a empatia!
Buongiorno Daniele.
Mi piace questa"sette mari"

Francesca A. Vanni ha detto...

Altro che sette mari, ormai ci sono persone che vivono in universi tutti loro dove non c'è spazio per niente e nessuno.
Triste e squallido.
Un abbraccio e sempre complimenti per le tue poesie!

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER NOU: aneddoto che parla da solo, sono contento che tu abbia apprezzato i miei versi.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER FRANCESCA: infatti, mondi lontani e modi di vivere alieni. Grazie per i complimenti e contraccambio l'abbraccio

Cavaliere oscuro del web ha detto...

Persone che non conoscono sacrifici e la dura vita delle persone comuni.
Saluti a presto.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER CAVALIERE: hai centrato la questione.

Patricia Moll ha detto...

I classici viveur (li chiamiamo così in Piemonte).... pieni di soldi e di boria e vuoti di tutto quello che nella vita conta

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER PATRICIA: infatti, avresti dovuto vederli,

iacoponivincenzo ha detto...

Non sono mai voluto andare in crociera per non convivere obbligatoriamente con tipi come quelli che hai descritto tu. O convivi due settimane con costoro o ti tuffi in acqua, altra scelta non c'è.
Sempre mi stupiscono questi signori che nemmeno per nascere hanno faticato un pochino, essendo stati estratti col cesareo. Per costoro sarebbe stato naturale il pertuso posteriore...

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER VINCENZO:concordo e pensa che qui era peggio, era uno yacht con tre figli di papà a salirci sopra.

marcaval ha detto...

il nuovo che avanza ! :-) ... in tutti i sensi!!

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER MARCAVAL: il "solito" nuovo...

Alligatore ha detto...

Hai ragione ...
Scusa, ma ti ho "nominato" in questo post sugli anni '90, leggi qui . Dovresti fare un post così anche tu (questo è il regolamento, ma io ho messo una regola ulteriore, che se non lo vuoi fare sei libero di non farlo, e se qualcuno non nominato lo vuole fare, lo potrà liberamente fare). Io a farlo mi sono divertito molto, è stata una sorta di autoanalisi ...

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER ALLIGATORE: vado a leggerti e vedo sai che non faccio di solito meme :-)))

Carmine Volpe ha detto...

Ho apprezzato molto i versi, mi piace molto il nome seven seas metafora della vita delle navi che qualcuno non salperà mai

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER CARMINE:Grazie di cuore.

Ariano Geta ha detto...

Un tempo esistevano (a Venezia per dire, ma anche in altri luoghi) le leggi suntuarie che impedivano lo sfoggio arrogante della ricchezza: vestiti neri anche se sei un riccone e potresti permetterti sete damascate e pizzi, imbarcazione privata formato classica "gondola" con massima concessione due paramenti attorno al sedile passeggero per la privacy - niente decorazioni dorate o dimensioni eccessive -...
Altri tempi...

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER ARIANO; oggi sembra quasi che quella legge sia stata non solo abrogata ma sia anche stata sostituita da una che sancisce l'esatto contrario.