mercoledì 29 dicembre 2010

OPINIONE DEL ROCKPOETA: Sconcertante!

Sconcertante! Non trovo altre parole sia per questo caso specifico che per le informazioni che si leggono nell'articolo che vi sto per linkare.

Fernando Paniccia 27 anni, disabile, epilettico e semiparalizzato, invalido al 100% pesava 186 kg. Affetto da profondo ritardo mentale, infatti il suo cervello era come quello di un bimbo di 3 anni. E secondo voi dove si trovava? In prigione, ovviamente! E precisamente nel Carcere di Sanremo. Piccoli furti e reati tra i quali per es. avere rubato tre palloni di cuoio all'età di 19 anni. !Brr.......

Sto scrivendo di lui al passato perché in carcere c'é morto. No questa volta non é suicidio ma "semplicemente" é morto per "cause naturali".

Da QUESTO ARTICOLO poi si evince che questo non é un caso isolato ma che la disabilità sembra non essere considerata di particolare rilievo per non finire in carcere. Certo che questo sembrerebbe proprio essere stato un caso limite. Come é possibile non rilevare una incapacità dell'individuo in questa situazione? Non dico di lasciarlo libero di scorrazzare (ma come, vista la sua situazione anche fisica?) per le strade ma aiutarlo attraverso centri e cure specifiche dove anche "scontare" la "pena".

Cmq vi lascio al link dell'articolo sopra citato e QUI rilinkato perché voglio che lo leggiate dedicandogli un soffio del vostro tempo. Articolo che mette in risalto dati sconvolgenti su questo ed altri punti come quello ad es. del numero considerevole di detenuti disabili in carcere. La Lombardia sembra detenere il primato al riguardo.

Notizia davvero sconvolgente che non poteva essere lasciata in disparte.

Ah dimenticavo la cosa più "importante": Buon Anno Gente!
-----------------------------------------------------------------------------------
Per Votarmi Su OKNOTIZIE Clicca QUI

12 commenti:

giudaballerino ha detto...

Sì Daniele, sconcertante è la parola migliore di fronte ad una notizia del genere. Ovviamente i media ignorano la gravità di casi come questo.

Buon anno anche a te!
ps. sono andato sul tuo sito, bello, davvero!
Ho notato però un piccolo errore, quando clicco sul video "il Silenzio remix" parte il video del tuo reading...

luce ha detto...

Scocertante che queste cose accadano nel paese dei delitti e delle pene, ma quelle degli altri.
Si, ricordiamocelo mentre brindiamo il 31 a mezzanotte che è questa l'Italia in cui viviamo.
Io brinderò a te e a quelli come te che ce lo ricordano...

chit ha detto...

A vario "titolo" e per svariate ragioni nelle carceri italiane si muore un po' troppo facilmente in questi ultimi tempi... :-S
Speriamo (ma ci credo poco se non saremo noi cittadini a volerlo) che l'anno nuovo porti a tutti quelli che subiscono una condanna se non un processo giusto almeno la certezza di poter scontare la pena (possibilmente da sani ndr!) e gli permetta così come sono entrati di uscirci dal carcere. Possibilmente sulle proprie gambe e non orizzontalmente!!!!

Viste le ultime frenetiche giornate dell'anno ne approfitto per lasciare a te ed ai tuoi lettori i miei più sinceri auguri di buona fine e se possibile miglior inizio d'anno.
Un abbraccio a tutt*!!

upupa ha detto...

..si carissimo lo avevo letto insieme alle statistiche che risalgono al 2008...sui disabili in carcere...puniti dalla natura ma ancor più dall'indifferenza e dalla cattiveria di chi deve legiferare.

Tina ha detto...

Una di quelle notizie che intossicano alla grande.

Vado a leggere l'articolo.

Buon anno Daniele, nella speranza che di questi drammi dell'inefficenza ne accadono sempre meno.

Jane (Pancrazia) Cole ha detto...

Mi hai lasciata senza parole. Ignoravo questo problema ed ora che lo so, nel mio pccolo, cercherò di spargere un po' la voce.
Grazie e buon anno.

Mr. Tambourine ha detto...

Sul carcere si dice sempre troppo poco, e bisogna andare a scovare le notizie nei blog delle persone sensibili al problema come te.

Aries 51 ha detto...

Grazie Daniele. Questa morte, che si aggiunge alle tante che conosciamo, aggiunge vergogna alla vergogna infinita di questa società in decomposizione.Le mie parole sono quelle di Luce, brinderò anch'io a te e agli altri amici che tengono vive le piccole, grandi luci della corretta informazione e le dividono con noi. Brinderò anche agli 'altri', a quelli che sono causa della nostra vergogna, ma sarà un brindisi molto particolare.
Serenità a te e a tutti gli Onesti.
Enrico.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER ARIES 51. Gtazie di cuore. Le tue parole comoe quelle di chi non si arrende a queswo schifo sono davvero il vento di speranza che soffia sul nuovo anno che sta sopraggiungendo.Contraccambio di vero cuore i tuoi auguri ed un brinidi particolare anche ai "cattivi" penso lo farò anch'io

PER GIUDABALLERINO: ricambio gli auguri con molto piacaere. Ps. problemino video risolto

PER CHIT: il problema è che molti italiani vedono chi sta in carcere solo come feccia di cui disinteressarsi e da cui prendere le distanze. Ecco perchè purtroppo è assai facile far passare sotto silenzio certe notizie... Buon anno anche a te ed ai tuoi cari

PER LUCE: ed io idealmente brinderò a chiunque come noi brinderà ricordandosi in che nazione viviamo e volendo impegnarsi per cambiarla. Sperando che il 2011 sia l'anno della coesione di chi vuole giustizia e verità.

fabio r. ha detto...

urca che bello il sito dichter! complimenti!! e buon anno, che speriamo ardentemente sia meglio del 2010, dai non ci vuole moltissimo credo rispetto allo schifo che sta per finire, no?
un abbraccio!

Kylie ha detto...

Che notizia. Non avrebbe dovuto essere in carcere.

Ernest ha detto...

Non ho parole Daniele davvero non ho parole!