lunedì 17 agosto 2009

L'Angolo del Rockpoeta: "Display"

Leggevo in rete e sentivo in tv: boom di cellulari, calano i libri. Prima sotto gli ombrelloni si leggevano libri (anche di svago) ora si gioca solo con display di cellulari che cancellano la mente. Per carità nessuna demonizzazione dei cell, ma il loro uso a volte diventa abbacinante per il nostro cervello...

DISPLAY

Libri inascoltati
Ammutoliti da suonerie volgari
Display aggressivi
Colori sgargianti
Giochini patetici.

Ombrelloni lampeggianti
Privi di luce del cuore
Colmi di lucine senz'anima.

Inviato
Ricevuta Consegna.

Lo state leggendo....

DANIELE VERZETTI ROCKPOETA
------------------------------------------------------------------------------
Per Votarmi Su OkNotizie: http://tinyurl.com/p9opzu

24 commenti:

Tua madre Ornella ha detto...

DANIELE vieni a leggere da me!!
importantissima notizia!!
SAN MARINO HA FATTO UNA ROGATORIA INTERNAZIONALE PER ACCERTARE LE CAUSE DELLA MORTE DEL MIO ADORATO NIKI!! E' LA PRIMA VOLTA CHE SAN MARINO FA UNA COSA DEL GENERE
E' UNA soddisfazione anche per tutto quello che hai fatto tu!!!
Un bacio
Ornella

Stefi ha detto...

Caro Daniele,
forse una notizia in controtendenza (per i libri)l'ho trovata io:

http://www.booksblog.it/post/5168/venduti-2-milioni-di-libri-negli-uffici-postali-nel-2008

poi che dire... di maleducati son sempre incinte le mamme!!
poesia perfettamente adeguata!!
¡Hasta la lectura siempre! ;-)

Folle sulle punte_ Il Cappellaio matto alla ricerca del the!(e della sua alice!) ha detto...

La pateticità dell'uomo e la superficialità,non hai mai fine.
La bellezza di un libro andrà perduta negli anni,ma in compenso, avremo tanti tumori di cui lamentarci,un cervello poco collegato e una vita troppo poco intricata,per definirla felice.
Siamo troppo banali,siamo troppo reali,siamo troppo.
E non riusciamo a rendercene conto.

Pino Amoruso ha detto...

Hai proprio ragione. Ci vorrebbe la giusta misura su tutto.
Buona giornata

enne ha detto...

Ennò.
Io resisto, Daniele. Resisto con i miei libri e, al massimo, l'ipod.
Ma, insomma, sono frutto dei miei tempi. ;-)
Buona giornata.

Ormoled ha detto...

Son convinto che il libro resisterà ancora. Anch'io non sono contro cellulari o videogiochi portatili, ma devono essere usati bene. Spesso vedo molta solitudine e tristezza, o semplicemente fuga dalla realtà dietro a chi ne abusa. Buona settimana, ciao.

Vincenzo Cucinotta ha detto...

Per quanto giudichi severamente la cultura che domina questo nostro tempo, non credo proprio che il libro sparirà ome cimelio di un passato da superare. Il piacere della lettura cisa rà sempre: di questo mi sento certo. Dobbiamo solo fare in modo di aumentare la percentuale di lettori di libri nella popolazione, perchè uan società con più lettori è una società migliore.

luce ha detto...

Carissimo, tanto percominciare un abbraccio ad Ornella sperando che Niki abbia giustizia.
Secondo : tutte le cose possono diventare utili o pericolose a seconda dell'uso che si faccia e il telefonino e i suoi giochi stupidini nell'uso specie degli adolescenti sono frutto di genitori che non controllano il peso specifico del cervello dei loro figli presi come sono dai loro egoismo stressato.
Se ci ricordassimo che il telefonino è un telefono allora forse si potrebbe ridimensionare il tutto; mio figlio avrà il telefonono a 16 anni ( adesso ne ha dieci e a differenza di tanti suoi coetanei non ce l'ha e sa che non gli serve dato che gliel'ho spiegato bene)io lo uso come un telefono con il piacere di sentire amici lontani, con la gioia di condividere qualcosa di bello o brutto con gli sms, credo che sia utilissimo in frangenti di pericolo, e lo considero un'invenzione geniale per la comunicazione, ma eliminerei le chat e i giochi dalla funzione, mentre quella del collegamento internet credo che possa esere utile, così come la macchina fortografica incorporata.
I libri rimangono la mia folle passione,che trasmetto ai miei bambini, anche perchè sono convinta che solo la carta e le cose scritte un giorno ci rimarranno in mano e nessun pc o telefonino può sostrituirsi all'enorme piacere di avere delle parole in mano, all'odore delle pagine e delle emozioni che ne sceturiscono e della magia di un libro ; e che dire il piacere di prendere una penna e scrivere nero su bianco e fissare un momento?
E non dimentichiamoci che sotto l'ombrellone è meglio chiacchierare on il vicno o l'amica che fare dei soliloqui inutili e sterili, e io da gran chiacchierona sono esparta in materia! :-)
Mi sa che siamo una razza in estinzione, noi che amiamo libri e penne e parole...
Detto questo un abbraccio poco tecnologico.

chit ha detto...

E direi che i risultati di questo nuovo modo di vivere si vedono tutti e anche chiaramente, che tristezza!?!?

Licia Titania ha detto...

E' molto bella la tua poesia, che come sempre, coglie l'essenza profonda delle cose. Quanto ai libri e ai cellulari, confesso che io avendo, probabilmente, una "addictive personality" sono totalmente dipendente dai primi e, in parte, anche dai secondi; soprattutto dagli sms, che mi consentono di sentirmi vicina a chi amo, anche se non c'è, e di usare la parola scritta, che adoro in tutte le sue forme e manifestazioni. Ciao Rockpoeta.

indierocker ha detto...

bravo! giusto!
'fanculo i display!

Adriano Smaldone ha detto...

purtroppo la tecnologia di oggi sta distruggendo anche le cs piu semplici come leggere un libro. a me piace leggere ma solo quello che piace a me ovviamente tipo quelli d'informazione d'avventura insomma devono essere iinteressanti se no nn lo leggo. oggi la gente vuole qualcos di pratico e si sono accorti come tutti che il video rimane molo piu impresso dello scritto

gians ha detto...

Che lidi frequenti? ;)

Lliri blanc ha detto...

PRIMA DI TUTTO SONO FELICE PER LA NOTIZIA CHE CI HA DATO ORNELLA!

D'accordissimo con te che la tecnologia vada usata con moderazione...ma vuoi mettere il profumo delle pagine sfogliate di un libro?
e i fiori appassiti al loro interno? Tutto questo un freddo display non te lo può dare...

Capa_stuerta ha detto...

A leggere un sms si fa meno fatica che leggere un libro no?

Però almeno quando gironzolo su Anobii mi sento un po' rassicurata.

Baci caro!

Daniele Verzetti, il Rockpoeta ha detto...

PER GIANS: non tanti lidi ma molti.... fidati.... basta guardarsi intorno qui in Liguria...

Ciao!
Daniele

Daniela ha detto...

Sai cosa mi da sempre fastidio quando vedo quella pubblicità dei videogioch in Tv in cui la telecamera fa una panoramica sugli spettatori del gioco e la loro testa è cava e dentro ci sono altri uomini che giocano alla playstation! Forse è vero che giocare con i videogiochi è divertente, ma un buon libro non ti ha mai annebbiato il cervello!
Un bacio^^^

Lisa72 ha detto...

Ciao Daniele, io resisto come lettrice pur non disdegnando qualche gioco.. ma solo su pc :D e poi sto cercando di tirar su tre piccoli lettori che, per ora, sembrano aver preso dalla mamma e adorano farsi regalare libri di qualunque genere: dei tre solo 1 e 1/2 ^_^ sanno leggere ma si aiutano a vicenda e comunque cominciano ad amare i libri.
Un saluto, Lisa

gians ha detto...

Fai una capatina dalle mie parti, quelli più intenti a leggere hanno tra le mani una birra, e guardano l'etichetta. :)

Quella ha detto...

E cosa sarebbe la vita senza libri? :-))

Riyueren ha detto...

Sono felice per Ornella, passerò a leggere anch'io. Quanto ai libri...eh, mi piacciono troppo. Concordo con chi ha parlato anche del piacere di annusarli, di trovarci dei fiori dentro...sono stati i migliori amici, nonostante l'aspetto silenzioso.Mi hanno parlato e detto e insegnato molto.
Un abbraccio, Rock!Non so da te, ma qui si muore dal caldo.

Romina ha detto...

Caro Rockpoeta,
mi consenta di dissentire dal suo pessimismo, davvero fuori luogo in quest'Italia ricca, allegra e soddisfatta.
I cellulari sono strumenti utilissimi, anche come mezzi per svagarsi e fra un po' lo saranno di più. Ho infatti deciso d'inviare gratis, a tutti i cellulari italiani, il mio pensierino del giorno. Un pensiero nuovo ogni giorno, insomma, scritto da me in collaborazione con Emilio Fede e Maurizio Gasparri.
Tale pensierino quotidiano farà felici gli italiani e farà sentire quanto io sono vicino a tutti loro in ogni momento della giornata e in ogni villa in cui mi trovo, specialmente durante i ritiri mistici a Villa Certosa.

In fede
Silvio Berlusconi, altrimenti detto
Grande Luce, Galassia delle Galassie, Stella Polare Sempiterna, Immensità senza Fine, OS-U-AS (questo non so che cavolo vuol dire, ma tanto ai miei elettori va bene tutto). :D

tendarossa ha detto...

Oddio, io mi sono rivisto, mi capita in spiaggia di usare il cellulare per inviare qualche sms! Però questo non mi impedisce di pensare o di apprezzare un buon libro...
Stè suonerie volgari...tsé. Io c'ho la sigla dell'Almanacco del giorno dopo...sapevatelo!

Daniele Verzetti, il Rockpoeta ha detto...

PER ROMINA: straordinariamente esilarante!

TENDAROSSA: quella suoneria????? Tocco ferro e legneo e quant'altro.....

Cmq non é certo a persone del tuo livello che mi riferivo in questo post ma a ben altre che sicuramente questo post non lo leggeranno mai. E neanche questo blog.