giovedì 7 gennaio 2010

L'Angolo Del Rockpoeta: "L'Altalena"

Vola benzina verde vola.... Benzina sale, diesel aumenta, la luce cala, il gas aumenta. E' tutto un turbinio di sconvolgimenti concreti che scavano dentro la nostra vita e le nostre paure quotidiane.

L'Altalena

Ottovolante
Montagna Russa
Sale e scende l'ascensore
Mal di mare
Mal di cuore

E questa strozzata filastrocca
Un po' rozza
Un po' mignotta
In fondo vuole dirci
Sussurrando urla sgangherate
Che il nostro tempo é un'altalena pazza
Senza respiro e senza soste
Senza più logica né senso.

Ora stiamo qui
Travolti da inesperienza emotiva
Cancellando ricordi a breve termine
Divorati da notizie incalzanti.

Revisionismo storico recente
Cancella ricordi "tangenti"
Tangibili realtà
E forza il tempo a cambiare la verità.

E le nostre menti
Si piegano all'apparente ineluttabile destino
Di un quotidiano
Fatto di miseria e di tristezza.

Ottovolante
Ascensore
Mal di mare
Mal di cuore

E l'altalena va, vola alta
A sfidare il cielo.

Perde un cavo
Non scende più.

E noi con lei.

DANIELE VERZETTI, ROCKPOETA
---------------------------------------------------
Per Votarmi Su OkNOtizie Clicca QUI

22 commenti:

Jane (Pancrazia) Cole ha detto...

Bellissima.

Daniela ha detto...

Mal di mare... rende perfettamente l'idea^^^

giudaballerino ha detto...

Finale shoccante, al cardiopalma. Emozionante.

Sama ha detto...

So di non essere originale, ma ti hanno già detto che non è facile trovare in giro versi così intensi? Posso dunque dire che ci sono, sparse per il mondo, prove viventi che il rock e la poesia non sono morti

Francy274 ha detto...

Fantastica poesia, l'Italia e gli italiani si lasciano spingere sull'euforia di un benessere inesistente e di una democrazia sempre più democratica per i potenti. Altalena per dementi esaltati felici di volteggiare al comando della "corte dei miracoli".
Vorrei postarla sul blog "la sinistra che vogliamo", spero non Ti dispiaccia.

Adriano Smaldone ha detto...

concordo con francy274 pienamnte mi ha praticamente levato le parole di bocca ed è sempre a favore loro

Adriano Smaldone ha detto...

ho messo molto bello se vuoi visionalo e sempre se vuoi lascia un commento ok ciao ciao

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER FRANCY274: no non mi dispiace affatto.

PER SAMA: é la sincerità che conta in questi casi e le tue parole sincere scaldano la mia anima. Grazie

PER GIUDABALLERINO: sono molto contento di vedere che l'hai apprezzata.

PER JANE: Grazie di cuore.

PER DANIELA: grazie, per me é importante riuscire con parole che dipingono immagini riuscire a rendere l'idea delle emozioni che voglio suscitare e su cui far riflettere.

maria rosaria ha detto...

le altalene andrebbero lasciate dondolare lievi...
questi versi hanno una densità vertiginosa.
bacio, caro dani

Gians ha detto...

"Revisionismo storico recente
Cancella ricordi "tangenti"
Tangibili realtà
E forza il tempo a cambiare la verità". Ecco! ognuno di noi ha il suo modo per far riflettere, tu lo fai divinamente con la poesia. Un abbraccio,

Gians

paroleamorsi ha detto...

adoro l'altalena, fin dai tempi in cui mi spingeva mio padre, e lo esortavo: "più in alto, più in alto", lo stesso fiato che manca alcuni secondi, la stessa emozione...
Molto bella, complimenti!
Ciao Rockpoeta

GM C

giulia ha detto...

Sempre belle...

Yuki aka Prisma ha detto...

Altalene emozionali, di cui siamo spesso ostaggio...
Trovo tanti compagni, in questo interminabile viaggio...

Non arrenderti e continua a poetare, abbiamo bisogno di messaggi da raccogliere in mare.

(So che non ami la rima, ma è la cosa che mi vien fuori per prima.)

Un abbraccio.

Mk ha detto...

E noi spiaccicati da qualche parte...:)Come sempre in fondo.:)
Ciao Dani, mi è piaciuto il riferimento alle tangenti..:)))

l'incarcerato ha detto...

Un finale sconvolgente, e purtroppo vero. Ci sarà un punto di rottura? E in quel caso cosa faremo? Eppure ho il presentimento che noi Italiani non faremo nessuna rivolta...il finale l'hai scritto.

enne ha detto...

Beh, siccome ti leggo scorato, ed io lo sono quanto te, spero che quel cavo spezzato mi proietti sulla luna.
Così avrò finalmente il mio viaggio-sola andata.

luce ha detto...

Emozionante, attuale fino al essere tagliente,intelligente nella costruzione dei versi incalzanti, amara come sempre nel finale; quando si leggono le tue poesie rimane sempre la sensazione di aver fatto della storia che ci circonda anche un'emozione,non soltanto una constatazione: bravo.
Un abbraccio

marina ha detto...

travolti da inesperienza emotiva! è fantastico, hai centrato un punto essenziale della società di oggi
grazie Daniele, davvero
marina

Pino Amoruso ha detto...

Bellissima...Finale sconvolgente...
Buon fine settimana

Licia Titania ha detto...

Molto belle e particolari le assonanze in questa tua poesia; le prime due strofe, orwelliane nella loro "finta allegria", sno quelle che preferisco.

minervabianca ha detto...

Ciao rockpoeta...davveo bella ed emozionante, poesia vera,versi intensi che lasciano senza fiato

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER TUTTI: scusate se vi accomuno in un unico commento di risposta ma davvero tutti voi avete speso nei miei confronti parole straordinarie che mi hanno riempito di gioia il cuore!

Un abbraccio a tutti voi!
Daniele