mercoledì 25 luglio 2007

OPINIONE DEL ROCKPOETA: I miei Eroi da Bambino...

I miei eroi da bambino erano: Capitan America su tutti, l'Uomo Ragno, Gli X-Men i Fantastici 4 e mi divertivo un mondo a leggere Alan Ford. Leggevo anche Topolino, Asterix ma ovviamente quei fumetti non rientrano nella fascia "supereroi".

Poi sono cresciuto. Adoro ancora leggere Asterix ma i miei "eroi" sono cambiati. Sono eroi veri.

Tra questi una figura mitica, che in realtà, spesso, affascina anche già da bambini.

Sono I Vigili del Fuoco o anche leggendariamente chiamati "Pompieri" :-)))

Eroi veri, dicevo. Sottopagati, sotto organico, sotto...tutto, anche critiche fuori luogo.

Gli incendi di questo periodo, e soprattutto quello più "famoso" di Peschici, hanno messo il dito nella piaga. Sono pochi e non hanno gli strumeenti tecnici (leggasi canadair) per intervenire tempestivamente.

Ed allora, giuste le critiche credo a Bertolaso, sicuramente da condannare quei bastardi che regolarmente appiccano il fuoco distruggendo ogni anno una quantità di ettari di bosco incredibile, ma giù le mani dai Pompieri!

Sono ancora tra i pochi che fanno questo lavoro (dove rischiano la vita forse più dei piloti di Formula Uno ma hanno uno stipendio rispetto a questi ultimi inversamente proporzionale ai pericoli che affrontano) con passione e sensibilità.

Raramente ne trovate uno intervistato e se accade é sempre per poco perché loro non hanno tempo da perdere loro devono agire.

Poi vogliamo parlare un attimo in piu del fatto che sono così pochi? Ed i Governi (presente e passati) che fanno? Vogliamo dire che al momento ci sono 10.000 unità in Calabria e 50 in Friuli? (fonte: un caposquadra in ferie sentito su Radiodeejay questa mattina).

Per carità, le mele marce sono ovunque, qualcuno tra di loro non proprio bravo ci sarà, ma al momento mi sento di dire che sono davvero degli Eroi.

I nostri Eroi Quotidiani.

6 commenti:

Laurie Laurie ha detto...

E' vergognoso, che siano pochi e vengano anche attaccati. Si chiede l'impossiile a chi già lo sta facendo. w i vigili del fuoco.

Frida ha detto...

Condivido pienamente, loro sono davvero degli "eroi", anche se, purtroppo, dimenticati e scarsamente riconosciuti...
P.S.: per quanto riguarda gli eroi dei fumetti, non riesco ad immaginare la mia infanzia senza pensare anche a loro: leggevo per ore (compatibilmente con il "materiale" che riuscivo a reperire). Fare l'edicolante era la mia massima aspirazione!
Ciao caro Daniele

bigbruno ha detto...

Caro daniele, concordo in toto con quanto scrivi, ma è "solo" una delle tante stranezze che vediamo quotidianamente nel ns raffazzonato belpaese...
Ahhh...i supereroi, che meraviglia. Sai, sono da sempre un appassionato di fumetti, in particolare bonelliani. Da piccolissimo adoravo, come quasi tutti, Topolino; poi mi sono imbattuto in Tex (mito!) e dopo ancora in tutti gli altri. I supereroi di cui parli li ho apprezzati da giovanotto; prima non potevo xché nel mio paesello non arrivavano...

Andrea ha detto...

Pensando ai vigili del fuoco mi viene in mente il mitico draghetto Grisù: da grande sarò pompiere! Chi fa il vigile del fuoco lo fa proprio per passione, e a tutti loro dobbiamo il nostro grazie.

Frida ha detto...

Dopo averti lasciato il precedente commento, mi è venuta voglia di scrivere un post sui fumetti...

Maddie ha detto...

La mia eroina era Mafalda. Non mettetevi a ridere però.
Quanto ai vigili del fuoco, sono eroi veri!