domenica 11 febbraio 2007

OPINIONE DEL ROCKPOETA: "Possumus"

E Disegno di Legge fu.

Con minori diritti rispetto forse ai Pacs spagnoli (ed infatti da noi si chiamano "DICO") ma al contempo con aperture significative non solo per le coppie di fatto sia etero che omossessuali ma anche per quelle situazioni di convivenza affettiva e solidale (così mi viene da definirle) volte ad unire due persone da un vincolo di amicizia (anche tra fratelli per es.) e di reciproco desiderio di aiuto.

Vedremo poi di questo Disegno di Legge quanto rimarrà come é adesso e quanto invece rischierà di essere modificato in peggio (in meglio, sinceramente, ne dubito...)

Alcune cose non sono proprio convincenti (per es i nove anni per acquisire i diritti successori, forse cinque erano sufficienti) ma con tutto il pandemonio, gli anatemi ed i "non possumus" della Chiesa é già un piccolo miracolo che questo Disegno di Legge sia stato realizzato come lo abbiamo letto, e soprattutto da chi....!!!

Ma oggi é una giornata importante forse anche per un altro Paese.

Quando ho sentito la notizia di cui sto per parlarvi sono rimasto davvero sorpreso.

Oggi in Portogallo stanno votando per decidere di legalizzare l'aborto. Una battaglia importante, che a noi sembra (anche perché lo é in effetti) ormai così distante.

Ho visto alcuni servizi in Tv e mi é sembrato di tornare indietro nel tempo... Beh, ultimamente anche da noi si é assistito a qualche tentativo di Restaurazione del passato ma per fortuna per adesso senza seguito.

Ho letto tanto in questi giorni a commento soprattutto della questioni dei "DICO" sui quotidiani dalla Maffai a Zagrebelsky passando attraverso altri quotidiani come il Corriere della Sera nonché internet ecc...

Ma, forse anche per il trait d'union che mi sembra realizzare tra la notizia di casa nostra e quella del Portogallo, mi voglio soffermare su un commento di Michele Serra sempre su Repubblica di Venerdì 9 febbraio.

Di fatto sottolineava, ironicamente, come sia bello vivere per coloro che hanno tutte queste certezze ma, al contempo, come diventi inquietante quando queste persone che, scrive sempre Serra, si sentono depositari della Verità assoluta, vogliono imporre queste loro certezze anche a noi poveri "Relativisti Etici" pieni invece di dubbi e di desiderio di vivere più liberamente la nostra esistenza.

Verità assoluta..... che paura, in nome di essa si sono fatte tante cose orribili nella Storia.

Forse quelli come me, sono persone "cattive" perché fanno del Relativismo etico un modo di essere, (anche se io mi sento più che altro una persona libera che ha principi morali seri ma non bigotti) ma li preferirò sempre agli altri perché, come sottolinea giustamente Michele Serra alla fine della sua rubrica "Amaca", la differenza tra noi e Buttiglione é che lui vuole imporre la sua Verità noi lasciamo liberi di scegliere.

Ma chissà, forse il problema più grosso é che la LIBERTA' é il "disvalore" più profondo e radicato di tutti noi Relativisti Etici.

E come tale, deve esserci estirpato!

8 commenti:

Rosie Blindy ha detto...

Devo fare anch'io le congratulazioni al governo, per i DICO, non è la miglior legge possibile ma è un passo avanti che dalla Bindi francamente non mi sarei aspettata, soprattutto ad onta di Mastella!

Lilly ha detto...

Io ed il mio compagno non intendiamo sposarci. Allo stesso modo perchè dovremmo fare un DICO, solo per non dover divorziare, avere diritti più difficili da esercitare e doveri non si sa quali? Credo che sia uno strumento certo più utile per chi non può (non per chi non vuole) sposarsi.
Ma se ad esempio il mio compagno fosse separato (non divorziato ancora), il DICO si potrebbe fare?

Maddie ha detto...

Commento la notizia sul Portogallo. Devo confessare che non ero al corrente che lì l'aborto (regolamentato s'intende) non fosse legale. Eppure è un paese che da qualche anno fa parte della CEE. La cosa mi ha lasciato sgomenta.

Remington ha detto...

I pacs saranno sicuramente importanti. Ma siamo sicuri che questa sia la riforma più importante da fare, che non ci siano questioni ben più importanti su cui il governo deve trovare un accordo (previdenza, lavoro)? Brava la Bindi, ma speriamo che le riforme non si fermino qui.

Andrea ha detto...

La questione dell'aborto in Portogallo è in effetti gravissima ed è strano che non se ne sia parlato finora. Certo sono un paese molto cattolico, come era la Spagna per altro che si sta dimostrando assai laica e progressista però. Speriamo che la legge passi.

Anonimo ha detto...

E' una legge giustissima! Si poteva essere più elastica, 9 anni sono tanti, ma finalmente c'è!

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

Per Lilly; credo che essendo il DICO tutto meno che un patto assimilabile giuridicamente al matrimonio, sia possibile porlo in essere anche nel caso di specie da te proposto

Peraltro si tratta solo di un disegno di legge e soltanto quando e se avremo la legge definitivamente approvata potremo anche avere qualche idea in piu sul come applicarla e farla interagire con la normativa gia esistente.

Eventuali controversie poi ci permetteranno di avere con il tempo un orientamento giurisprudenziale consolidato.

L'unica cosa che devo sottolineare consiste nel fatto che il Disegno di legge allo stato attuale prevede i diritti successori solo dopo nove anni accertati di convivenza. Per cui, facendo gli scongiuri del caso, nell'ipotesi malaugurata di decesso prima di quel periodo non ci sarebbero diritti ereditari per il convivente superstite

Inoltre il coniuge separato che stipulasse un DICO perderebbe da subito gli eventuali alimenti che stesse ricevendo.

Spero che questa mia risposta che mi ha permesso di chiarire forse un po' meglio certi meccanismi peraltro anche per me complessi del DICO (lol), ti abbia soddisfatto anche se la cosa migliore consiste nel rivolgersi eventualmente ad un avvocato per consigli piu specifici.

PS; hai postato il tuo commento su "Cowboys ed indiani"anche qui. Mi per;etto di cancellarlo dato che l'hai perfettmente ripostato nel punto giusto.

Lilly ha detto...

Scusa che figuraccia non sapevo come cancellarlo! Grazie anche per le informazioni. Ed abbasso Afef!