mercoledì 20 febbraio 2019

OPINIONE DEL ROCKPOETA®: Una Importante Proposta Di Legge Di Cui I Media Non Parlano...

PDL COST 1173 - A ed ABB modifiche all'art. 71 Cost e modifiche alla Legge Cost. N.1 del 1953.

Detto così sembra uno scioglilingua ma si tratta di modificare l'art. 71 della Costituzione, in relazione all'iniziativa legislativa popolare. Questa proposta è di fatto in discussione alla Camera (lo era già ieri) eppure nessun telegiornale ne tratta ed è strano perché è un tema molto importante.

Io purtroppo non sono riuscito a trovare in rete la Proposta di Legge Costituzionale (PDL) in votazione e soprattutto nemmeno i suoi emendamenti ma ho seguito la discussione di ieri alla Camera.

In primis sembra che siano necessari 500.000 cittadini che propongano un DDL organizzato in articoli da proporre al Parlamento.

Il Parlamento in tempi molto più brevi di quelli attuali deve prendere in esame quel DDL.  Può emendarlo, bocciarlo o approvarlo così come è giunto in aula.

Dalla discussione credo di aver inteso che se tale disegno di legge popolare viene bocciato o profondamente cambiato nel suo cuore da emendamenti del Parlamento, i cittadini possono raccogliere firme ed ottenere referendum propositivo per approvarlo o meno.

Detto questo e detto che dare maggiore impulso a questa materia mi trova concorde, ci sono alcuni punti che ho afferrato ieri e che non mi piacciono.

Uno su tutti che tali DDL ad iniziativa popolare possono anche toccare temi ed ambiti molto delicati come, per esempio, quello relativo alle forze armate. Ve la faccio breve, ma in teoria 500.000 di noi potrebbero fare un DDL da approvare volto ad abrogare l'arma dei Carabinieri. Ora è vero che il Parlamento potrebbe non approvare ma poi ci potrebbe essere il referendum propositivo che potrebbe farlo passare con successo.

Ecco, certi comportamenti di questa maggioranza mi spaventano. Certi temi dovrebbero essere salvaguardati dall'iniziativa popolare, e questo, soprattutto questo, è uno di quelli. E così su tantissime altre materie, perché l'iniziativa legislativa popolare così come pensata dall'esecutivo, è aperta a tantissimi settori, ivi compresi rapporti con la Chiesa e l'innovazione tecnologica, minando la libertà di ricerca almeno sulla carta. E' vero non ho tutti gli elementi della proposta ma non ho neanche sentito ieri, durante la seduta, interventi di membri della maggioranza che di fronte a queste critiche, siano intervenuti per confutarle e dare un loro punto di vista. Cinquecentomila soggetti che possono non essere competenti, possono fare danni ecco perché certe materie dovrebbero non essere oggetto di DDL di iniziativa popolare. E' vero anche che non ci sarà una valanga di iniziative di legislazione popolare ma questo non vuol dire nulla, anche un solo DDL nefasto potrebbe fare danni. Peccato perché questo istituto a me piace molto e vederlo potenziato era una mia aspettativa. Spero si possa mediare tra un serio potenziamento dell'istituto medesimo ed un suo eccessivo utilizzo.

Mi spiace, ripeto, non avere trovato la PDL COST in rete ma già così ci sono spunti di riflessione. Non trovate?

lunedì 18 febbraio 2019

L'Angolo del Rockpoeta®: "La Conta"

Un tema che io sento molto e sul quale con certe poesie mi permetto di tornare per sensibilizzare ancora…

LA CONTA

Anime riciclate
Fumo nero travolge
Predatori efferati dell'ambiente.

Torri d'avorio
Arche virtuali
Inscatolano reperti di vita naturale.

Il countdown é iniziato
Il Mondo si estingue
Noi con lui.

Buona Fortuna Uomo!

DANIELE VERZETTI ROCKPOETA®

venerdì 15 febbraio 2019

L'Angolo del Rockpoeta®:"Artigli D'Argilla"

Ciascuno di noi nella vita ha conosciuto per ragioni personali, sociali, politiche, la delusione di incontrare...

ARTIGLI D'ARGILLA

Artigli d'argilla 
Non graffiano
Denti di platino
O unghie aguzze come cocci di bottiglia
Ed acuminate come lame di pugnale

Artigli d'argilla non scalfiscono
Ferocia ed ipocrisia
Al servizio di facili consumatori da tastiera.

Artigli d'argilla non annientano
Falsi miti di purezza
Travolgendo cuori puri e illusioni di luce.

E non si può vincere
Se ipocrisia ed artigli d'argilla
Arrivano dalla tua parte

Artigli d'argilla
Pochi di noi lottano veramente
Pochi graffiano davvero

Artigli d'argilla
Fuoco amico da cui non hai saputo proteggerti
Sorrisi al vetriolo 
Promesse vane

E questa incoerenza di fondo
Come tramonto di cemento
Priva queste poche stelle di un vero futuro

DANIELE VERZETTI ROCKPOETA®

mercoledì 13 febbraio 2019

L'Angolo del Rockpoeta®: "Umanità Di Ghiaccio"

UMANITA' DI GHIACCIO

Umanità di ghiaccio
Si scioglie per infamie della Storia

Mani si allontanano
Troppo calore uccide
Troppo amore scioglie.

Spettatori passivi
Senza possibilità di respirare
Refrigerazione negata

Solitudini si liquefano
Ghiaccio bollente piange
Estinzione del cuore

Scalinate vuote 
una moria di vite intense
Ghiaccio morente si divincola
Balla
Urla
Ma inevitabilmente
Resta solo
E solo
Si scioglie e muore

DANIELE VERZETTI ROCKPOETA®

lunedì 11 febbraio 2019

OPINIONE DEL ROCKPOETA®: Il Reddito Di Cittadinanza

Su ispirazione di Irene Z,. con un suo commento nel mio post precedente, affronterò oggi il tema del reddito di cittadinanza, senza la presunzione di esserne un profondo conoscitore nè tantomeno che la mia opinione sia la verità assoluta.

Molto in sintesi, credo che possa essere uno strumento valido nonostante le difficoltà che ci saranno nel mettere in funzione come si deve i centri per l'impiego; inoltre ritengo che non sia vero che sia uno strumento fatto per stare la gente a poltrire sul divano e non far nulla.

780 euro da utilizzare entro il mese per questioni di prima necessità, formazione professionale, aiuto dei beneficiari di questa misura alla collettività, attraverso lavori socialmente utili svolti nei comuni di loro residenza. Già queste mi sembrano soluzioni interessanti. Se non si fanno questi lavori socialmente utili, per es., si perde il beneficio.

Ma veniamo al cuore dell'istituto: la formazione. E qui è vero che tra navigator e centri per l'impiego da far funzionare al meglio, la situazione è ingarbugliata. Ma se non si inizia mai a fare un lavoro, tutto resterà sempre caotico e irrisolto. Ci vorrà un po' di tempo ma se poi funzionasse credo che le cose migliorerebbero.

Quanto alla strutturazione la trovo corretta: formazione a lavori per cui esiste richiesta, e poi prima offerta nell'ambito dei 100 km dalla propria residenza. Se si rifiuta la seconda offerta sarà nell'ambito se non ricordo male dei 250 km sempre da dove si risiede e l'ultima invece ha come spazio geografico l'Italia intera. Rifiutando tutte e tre le offerte si perde il beneficio. Quindi alla fine questa misura non è per sempre perché la perdi cmq o in modo vincente, trovando un nuovo impiego, o cmq perché li hai rifiutati tutti e tre.

Poi ci sono tutte le variazioni sul tema sei si è single, in famiglia, soluzioni cmq a mio parere piuttosto ben affrontate e dettagliate.  Forse sto dimenticando qualche altro aspetto e se è così mi scuso, ma mi pare che questi menzionati siano quelli più salienti.

Certo è una cosa nuova, è da verificare, ma è coraggiosa ed innovativa e secondo me potrebbe funzionare e le va data una chance.

Questo lo dico da persona imparziale che alle ultime elezioni ha annullato la scheda elettorale non votando per nessuno, ma ho sempre guardato a questa misura con interesse e speranza.

Ed ora ditemi voi la vostra :-)))

venerdì 8 febbraio 2019

L'Angolo del Rockpoeta®:"La Morte Di Ogni Giorno"

Postata cinque anni fa, oggi più attuale che mai...

LA MORTE DI OGNI GIORNO

"Sono un fallito
Un vigliacco
Debiti insostenibili
Stato che mi strozza
Cesso la mia attività di impresa
E chiudo anche con la vita"

"Guadagno 800 euro al mese
Guadagno… guadagno si fa per dire!

Sono un operaio cassaintegrato
Famiglia monoreddito con due figli
Mia moglie non lavora
Non ce la facciamo più.

Mi spiace
E' colpa mia
Addio".

"Sono sola
Disoccupata
Ho un figlio
Padre assente
E non so come andare avanti
Figlio mio perdonami…"

Gente disperata
Incolpevole
Strangolata dalla morsa della fame
E dei debiti.

Sono tanti
E sono soli
Neanche più i media li considerano
Sono morti scomode
Sono polvere da nascondere sotto il tappeto.

E' gente reale
Innocente
Non sono ludopatici dediti al videopoker
O comunque alle slot machine

Vite spente dal peso del rimorso
Cancellate da un claustrofobico senso di impotenza
Ci lasciano un ultimo saluto
Rassegnato
Disperato,
Ingiustamente e troppo severamente punitivo
Verso se stesse.

DANIELE VERZETTI ROCKPOETA®

mercoledì 6 febbraio 2019

L'Angolo del Rockpoeta®: "Brainless"

L'incidente dell'estate trascorsa in data 7 agosto 2018 con l'autocisterna in fiamme lo ricorderete tutti immagino, ma c'è un risvolto vero che forse non tutti sapevate e che ha dell'assurdo… il risvolto di "Ugo", così lo chiameremo… (poesia mai postata qui, forse postata da Patricia tempo fa ma non ne sono sicuro…)

BRAINLESS

Un'estate come un'altra
Economia da bollino nero
Idiozia italica da bollino rosso.

Incidente
Scoppia un'autobotte
Fiamme divampano 
Come demoni degli inferi.

Ugo è lì
Ad un passo
Da quella lingua di fuoco che sta per esplodere 
Inghiottendolo certamente se non si sposterà per tempo

Ugo esce dall'auto
Ugo scatta selfie con lui e le fiamme
Ugo non capisce che sta per morire
Ugo in realtà è già morto
Ugo è brainless. 

Sperare che gli Italiani abbiano un cervello è utopia
Sperare che possano attivarlo durante le vacanze
E' fantascienza.

Sognare che qualcosa cambi
Forse è da pazzi

E questo lassismo
Liquefa la mia speranza
In un lago di lacrime senza fine.

DANIELE VERZETTI ROCKPOETA®