venerdì 2 luglio 2010

OPINIONE DEL ROCKPOETA: La Verità E' Radioattiva

La manifestazione contro il DDL sulle Intercettazioni pare aver avuto successo. Qualcosa forse si sta incrinando nella maggioranza ma nulla é deciso fino a quando quel DDL non verrà ritirato. Quindi c'é da lottare ancora!

Intanto Alfano sembrerebbe averne fatta una giusta : quattro rogatorie firmate per cercare di sapere di più ed arrivare alla verità su Ustica. Non so se l'ha fatto per spirito di verità, per convenienza, per cercare di recuperare un minimo di gradimento popolare, ma se può servire a qualcosa benvenga.

Se ci aiutasse per Niki, credo che nessuno di noi si dispiacerebbe....

Ma la notizia principale di oggi ci porta in Calabria, lungo le sponde del fiume Oliva. Sul letto del fiume si é potuto trovare di tutto: un'analisi ha evidenziato la presenza di cesio 137, berillo, vanadio, cobalto e molte altre sostanze, come avrete intuito, molto dannose per la salute.

A rischio ben 4000 persone dei comuni circostanti. Ci si interroga su come sia stato possibile anche perché si é trovato materiale che sicuramente é stato portato in quei luoghi ben tre anni fa. La Procura di Paola, che sta indagando su questo caso, pensa anche alla possibilità che si tratti di sostanze fuoriuscite da quei fusti delle famigerate "navi a perdere" di cui tanto si é parlato tempo addietro, anche se di fusti per il momento non se ne sono ritrovati.

La perizia parla chiaro; ci si trova a contatto con "contaminanti radioattivi" in quantità e collocazione tali da far sospettare un'origine "esogena."

Stiamo parlando di 100.000 metri cubi di sostanze dannose per la gente che devono essere rimossi. Non ho sbagliato con gli zeri, la cifra é corretta. Potete leggerla voi stessi nell'articolo che parla di questo triste fatto.

Forse questa notizia non é di quelle che fanno audience ma gli affari loschi che si celano dietro sia lo smaltimento dei rifiuti sia, come in questo caso, il disfarsi di rifiuti altamente pericolosi, portano molto denaro a coloro che sono dentro questo business. Spesso, poi, politica e criminalità organizzata vanno a braccetto anche in queste circostanze.

A volte penso che la verità venga considerata dai potenti come questo fiume: pericolosa, tossica e perfino radioattiva. Ecco perché non ci viene concesso di conoscerla. Non siamo attrezzati come loro per sopportarla. Loro hanno le tute per proteggersi dalla verità, e dalle responsablità che, il conoscerla, comporterebbe nei loro confronti; noi invece non le abbiamo. In parte hanno ragione, la verità può essere altamente dannosa e tossica, ma solo per chi é colpevole e responsabile di gravi ingiustizie.

Ecco perché a noi le tute non servono.
-------------------------------------------------------
Per Votarmi Su OkNotizie Clicca QUI

21 commenti:

☆Vale ha detto...

Il problema è che ormai la gente è stata abituata a sapere vita morte e miracoli di tronisti&concorrenti del grande fratello.
Appena si parla di cose serie, si storce il naso e si cambia canale.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER VALE: é vero, perché infatti l'altro problema é che al posto delle tute hanno dotato il popolo italiano di paraocchi....

Alberto ha detto...

Hanno rigirato il mondo sottosopra, tanto che la realtà sembra una finzione e viceversa nella società dello spettacolo.

Alessandro Cavalotti ha detto...

Loro sono troppo vecchi, non riescono nemmeno a pensare ad un futuro...

Jane (Pancrazia) Cole ha detto...

Questa volta non sono completamente d'accordo con te.
Le tute servono a tutti, perché tutti, anche se in maniera diversa, siamo un po' colpevoli.
Anche accettare d'indossare dei paraocchi, infatti, è una colpa.

l'incarcerato ha detto...

Il paragone del fiume tossico con la verità tanto temuta dai potenti è calzante. Ho aprtecipato alla manifestazione e devo dire che è andate bene, oltre le mie aspettative. Visto il caldo e la giornata in mezzo alla settimana, è satato un vero successo. Ora tutti il 29 davanti al parlamento.

Alfano dovrebbe mandare le ispezioni a Firenze, ma a quanto pare le mandano solo quando vengono coinvolti i politici..

Minimo ha detto...

Tu riporti una notizia da un quotidiano, lo fai spesso. Le notizie sono importanti ed ancora di più lo è dare risonanza a quelle che si ritengono essenziali e rivelatrici di condizioni complesse o passate in sordina. Tu fai tutto questo, vedo, da molto tempo. Posso domandarti se ti senti libero? Se ritieni che i blog in generale siano espressione di libertà? Io penso che finchè tu potrai scrivere quello che scrivi ed io potrò commentarti in altrettanta libertà saremo in una condizione più che accettabile. Però mi sembra, talvolta, di leggere una sorta di vittimismo nelle tue parole e in quelle di alcuni tuoi commentatori. In fondo vedo che la tua attività sul blog ti ha fruttato molti riconoscimenti e sei molto conosciuto sul web, a parer mio sei libero e finchè le cose vanno così puoi sperare in una società migliore, più equilibrata e senza lamentatio sopratutto. Quello che voglio dirti in sintesi è che la questione riguarda non tanto la notizia in sè quanto la possibilità di darla al di fuori degli schemi abituali. Questo è secondo me il blog informativo, poi c'è tutto il resto ( poeseie comprese).

Alessandro Tauro ha detto...

Grazie per la chicca sull'ultima vicenda calabrese che, difatti, come tanti altri, avevo colpevolmente perso da sotto gli occhi...

Molto molto interessante. Drammaticamente interessante, ovviamente....

Daniele Verzetti, Rockpoeta ha detto...

PER MINIMO: io vedo e sento che la libertà di cui oggi si gode è molto parziale. Il fatto che per adesso io possa (ancora) scrivere quello che voglio non significa che non debba lanciare un allarme che reputo reale se vedo un DDL che vuole eliminare anche questo aspetto. Proprio perchè posso per adesso esprimere le mie opinioni liberamente continuo a spingere per sottolinare quello che per me è un DDL assai pericoloso. Secondo me ed altri ovviamente.

chit ha detto...

Su Ustica esiste un'indagine di Priore, ci sono i contorni, io credo ci siano già anche le prove ed i nomi dei colpevoli; quello che serve è come sempre il passo più difficile ovvero trovare il coraggio per dirli.
Perchè per taluni, vedasi anche il caso della Calabria, non per tutti la verità è un bene!?!

luce ha detto...

La veritàè radioattiva perchp altre l dna dei disonesti che la nascondono per paura e per convenienza, ovvio che la maneggiano con cura tutti!
Spero che le malattie derivate dalle sostanze che hanno trovato muova qualche coscienza...
Riguardo Alfano , il fatto è che si sta muovendo perchp èare che la Francia si stia muovendo con non so che indagine sui radar ( mi informo meglio e vi faccio sapere) ecco perchè si sta agitando...che poi, hai sentito la storia del lodo salva premier e salva ministra retroattivo? Quell'uomo una ne pensa e cento ne fa; peccato che le fa un pò male e non fanno male a lui, mannaggia alla miseria!
Un abbraccio e grazie del la tua veritàm tanto comune a noi tutti uomini ( e donne ) di buona volontà
Un abbraccio

Gians ha detto...

Quanto sostiene Minimo caro Daniele è sacrosanto. Mi spiego meglio: ho letto con interesse anche le parole di Saviano sulla Repubblica di ieri, e sono concorde con lui. Un fatto però è certo fino a quando per libertà si intenderà uno spazio vuoto, allora anche le democrazie lo saranno. Sono e rimango contro ogni bavaglio, ma anche contro ogni diffusione di dati non inerenti le indagini, cosa di cui ogni settimanale di gossip dispongono.

Vincenzo Cucinotta ha detto...

@Minimo
Il tuo commento richiederebbe una lunga discussione. Non v'è dubbio che il successo della nostra società si basi tanto su una consapevolezza indotta nelle persone di essere liberi. Sentirsi liberi però non coincide con l'esserlo davvero. Se tramite il possesso dei media io posso indurre in te la scelta che voglio che tu faccia, e la pubblicità proprio su questo si basa, allora tu potrai certo credere di essere libero, ma sarebbe difficile sosteenre che tu lo sia davvero, ed a questo punto si imporrebbe una discussione su cosa si intenda per libertà.
Certo, tutti noi tenteremo di difendere la nostra possibilità di continuare a scriverci il nostro blog, ma non saremo comunque così tanto pazzi da credere con ciò di potere agire sull'informazione come lo ha un personaggio come Minzolini.
In ogni caso, mi pare sia evidente che sia stato dato un colpo decisivo alla stessa struttura istituzionale della nostra nazione tramite una legge che nomina piuttosto che eleggere i parlamentari, che il parlamento, in tale composizione determinata da pochi, serve solo a confermare le leggi che è il governo realmente a definire, e ciò avviene sia attraverso lo strumento del decreto legge che quello della fiducia.
Non credo sia neanche un mistero che Berlusconi veda come fumo negli occhi il fatto che esista un capo dello stato che può esercitare un ruolo di controllo sulla costituzionalità degli atti governativi, come successivamente può fare la corte costituzionale e che esista un potere chiamato giudiziario a cui si accede per semplice concorso. Per lui, tutto il potere deve trovare fondamento sul consenso, e questo volere accentrare così il potere in chi prende i voti, costituisce difatti la sua vocazione dittatoriale. Credo che daniele e tanti di noi facciano benissimo a vigilare, per quanto nelle nostre limitratisime possibilità.

Itsas ha detto...

"la verità può essere altamente dannosa e tossica" "radioattiva"

geniale definizione
come sempre
per certi personaggi la verità fa solo male...
eppure, come la radioattività, essa si diffonde, piano piano, ma inesorabilmente, ed è difficilissimo fermarla,

grazie anche a blogger come te ed altri

continuate così, a diffonderla...

calendula ha detto...

penso che in realtà i maggiori colpevoli siamo noi.... noi li abbiamo scelti per occupare quei posti di potere... noi facciamo finta di arrabbiarci per queste schifezze e in concreto non facciamo nulla.... la verità e che noi siamo assuefatti alle loro schifezze e loro non fanno nulla per toglierci l'assuefazione.... anche perchè non conviene a nessuno....

Vincenzo Cucinotta ha detto...

@Calendula
Le tue generalizzazioni mi sembrano superficiali, ingenerose e soprattutto false. Per quanto mi riguarda, chi mi conosce di persona sa che non ricado nella tipologia che tu citi, e quindi ti prego quando accusi qualcuno di farlo in maniera nominativa.
Eppoi, fare di tutta l'erba un fascio, come si suole dire, aiuta sempre i mascalzoni. Non so con chi tu l'abbia e a quali tue esperienze di vita ti riferisca, ma ritengo il tuo commento francamente fuori luogo.

Daniele Verzetti, il Rockpoeta® ha detto...

PER VINCENZO: concordo con te che generalizzare come ha fatto Calendula sia sbalgiato. Forse, però, il "noi " di calendula era impersonale non penso che si riferisse a chi in questo blog come in altri (il tuo compreso assolutamente) lotta e si indigna contro tutto quello che succede intorno a noi ma ad altri che invece neanche più si interessano e si indignano di fronte a certe sconcezze politiche.

PS: grazie per le bellissime parole che hai avuto qui nel tuo commento di risposta a Minimo.

Ernest ha detto...

Ciao Daniele
per quelli li la verità fa malissimo e credo purtroppo anche per parecchi italiani

Licia Titania ha detto...

Ciao, vorrei quotare Vincenzo Cucinotta per il suo primo commento, quello in risposta a "Minimo".
Aggiungo inoltre: continua così. Non è il momento di essere "discreti" e "sommessi"; tu, la tua sete di giustizia, continua ad urlarla dal blog. Il grido di un poeta chiede aiuto per tutti e non solo per sé.

oscar ferrari ha detto...

il problema grosso è che sopra quelle terre ci coltivano. Non sarà elegantissimo dirlo, ma per me regioni come la Calabria andrebbero semplicemte tappezzate di pannelli solari

Minimo ha detto...

X CUCINOTTA E DANIELE- Vorrei essere stringato perchè le parole in più non servono. Il Rockpoeta scrive ciò che vuole e Cucinotta argomenta come gli pare:nelle vostre parole non c'è un minimo di concessione verso questo governo e mi sta bene. La stessa identica condizione è palesemente evidendenziata in un ambito informativo che , fatta eccezzione per il Giornale e Libero, è un attacco continuo verso Berlusconi e Co. I media sono praticamente tutti contro l'operato del governo. Vorrei che mi spiegaste dove si ferma o è limitata la vostra libertà come liberi cittadini. Io non la vedo e non la leggo: io leggo spesso ottime opinioni rovinate da una stucchevole arroganza intellettuale ( tanto per essere chiari)Questo significa in soldoni che allo stesso modo in cui la maggioranza non riesce a fare comunicazione per se la minoranza non è capace di uscire da lamentazioni sterli e fini a se stesse ( intendo dire strumentali). Tale situazione non permetterà mai alcun tipo di governo concreto: se i pulpiti sono laidi l'uditorio non intellige. Spero di essere stato chiaro, antipatico so già di esserlo.