venerdì 29 maggio 2009

MANIFESTAZIONE PER L'AQUILA SABATO 30 MAGGIO 2009: PASSATE PAROLA

Permettetemi di iniziare questo post citando due articoli della Costituzione Italiana:

Art. 2 della Costituzione

La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell'uomo, sia come singolo sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità, e richiede l'adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale.

Art. 17 della Costituzione

I cittadini hanno diritto di riunirsi pacificamente e senz'armi.
Per le riunioni, anche in luogo aperto al pubblico, non è richiesto preavviso.
Delle riunioni in luogo pubblico deve essere dato preavviso alle autorità, che possono vietarle soltanto per comprovati motivi di sicurezza o di incolumità pubblica.

..............................................

Quindi se non erro ci si può riunire liberamente ed in modo pacifico.

Allora devo capire perché, come Anna alias Miss Kappa mi ha direttamente riferito, se all'Aquila in un supermercato ci si ferma formando un piccolo crocchio di 4 o 5 persone arrivano i militari a, nella migliore delle ipotesi, origliare cosa si dice.

Nelle Tendopoli non é ammesso fare assemblee e riunirsi.

Curioso.....forse in Abruzzo hanno abolito la Costituzione o stanno applicando leggi marziali....

Ecco, in questa "salubre"atmosfera voi capirete bene l'importanza della notizia che sto per comunicarvi: si tratta di una manfestazione all'Aquila che si terrà domani in occasione del G8 all'Aquila per cercare di raggiungere il centro storico e rivendicare il loro diritto di viverlo e "calpestarlo":

SABATO 30 MAGGIO 2009
MANIFESTAZIONE DEGLI AQUILANI PER L'AQUILA

Programma:

ore 10.30 ci si ritrova in Piazza della Fontana Luminosa
(da lì si parte per poi raggiungere il centro storico del capoluogo)

Ore 15.00
Parco Unicef, Via Strinella
Riunione Comitato Cittadini Centro Storico
--------------------------------------------------------------------------


Diventa ovviamente importantissimo che non solo si faccia un tam tam in rete degno di noi e di quello che tutti noi abbiamo già dimostrato di saper fare, ma anche di avvisare per mail , telefono e quant'altro persone che siano di quei luoghi e cercare di fare in modo che esse, a loro volta, vadano materialmente in giro a fare passaparola.

Vi lascio con le parole di Anna dal post "Lunedì" dove preannunciava questa manifestazione così:

Dal blog di Anna:

"Sabato 30 avrà luogo una manifestazione di cittadini per chiedere a gran voce di essere ammessi al centro storico. Cuore pulsante e fulcro della nostra città. Culla della nostra memoria, anche se offesa quasi a morte. Ora terra di nessuno. Pronta per essere messa in sicurezza per ammettere i potenti del mondo. Ma non per noi. Siamo armati di ottime intenzioni. Si cercherà di forzare i posti di blocco. 'Sta cosa mi piace. Cazzo, la città è anche nostra. O no?"

Ed allora mi raccomando, dateci dentro con il tam tam perché domani all'Aquila accanto agli 8 Capi di Stato più importanti del mondo, voglio che ci sia TUTTO IL MONDO!!
--------------------------------------------------
Per Votare Su OkNotizie: http://tinyurl.com/n6lw5t

mercoledì 27 maggio 2009

OPINIONE DEL ROCKPOETA: "Social Hating(s)"

Si può odiare? Certo, può succedere a tutti, perfino a me. 

Ma quello che ho letto nel link che vi lascio in fondo al post lo trovo astruso, sconvolgente. Anche perché questi soggetti credo siano virtuali, ossia non si conoscono davvero tra loro e si abbandonano ad odio virtuale.

Perfino su Facebook si sta scatenando questa moda e si chiama Enemybook. Abbiamo poi anche Hatebook dove si é liberi di odiare soggetti che solo virtualmente si conoscono. Un "gusto dell'odio" che non ha senso.  Infatti si sfogano solo frustrazioni contro soggetti che non si vedono e che vogliono stimolare a loro volta odio verso altri e se stessi.

Inizio a pensare in primo luogo che la gente si stia ammosciando e che non abbia più le palle. Sì, avete letto bene. Ripeto che si può odiare ma persone reali che ci hanno fatto del male non persone mai conosciute che possono anche essere o atteggiarsi come "odiose" o più semplicemente antipatiche.

In questi siti invece si fa a gara ad aggiungere profili come sulla versione buona di Facebook, ma da odiare.  In secondo luogo, vedo che oramai tutti i sentimenti stanno trasformandosi in virtualità. Dapprima l'amore: molti teenagers hanno timore dei rapporti diretti ( ma anche molti adulti) e trovano nel virtuale la "salvezza" dall'esporsi davvero ma al contempo dal vivere emozioni anche tattili e reali. Ora, non poteva certo mancare l'altra faccia della medaglia: l'odio.

Ed allora facciamo tanta denuncia, ci indignamo per molti fatti davvero scandalosi, ma noi (un "noi" impersonale, so che voi che mi leggete non credo rientriate in questo standard) se frequentiamo certi luoghi virtuali, non siamo poi diversi da coloro che contestiamo ed attacchiamo. Solo meno potenti forse.

----------------------------------------------------
Per Votare su OkNotizie: http://tinyurl.com/pewa3g

lunedì 25 maggio 2009

L'Angolo del Rockpoeta: "Siccità Morale"

Poesia che nasce da emozioni diverse ma che ha origine ( e la poesia in alcuni versi ne parla) da un post di Silvano che vorrei qui linkare per sensibilizzarvi su una malattia davvero rara e per questo purtroppo con pochi fondi per la ricerca immagino dato che se una malattia non é diffusa su larga scala si tende a non volerne perseguire una cura in modo assiduo data la poca convenienza economica nel farlo. E questo anche se la malattia é terribile e mortale come la Sindrome di Sjongren.  Vi lascio alla poesia non prima di avervi linkato il post di Silvano:


SICCITA' MORALE

Conoscete la pietà?
E tu, sai ascoltare le mie parole
Leggerle dentro fondali di luce
Ed onde fosforescenti fatte di emozioni ?

Siccità sociale
Università risucchiate 
Dentro Vortici di tagli e di cattive gestioni
Volgari baronati e tristi squallori di cattedre comprate.

Siccità morale
Dentro aule fatiscenti
Ospedali spesso inefficienti e con personale insufficiente.

Ricordate il rispetto e la lealtà?
Solo pensieri volgari  seppelliti
Dentro visioni oniriche in lcd
E futili corse verso cieli morenti
Dal rosso abbagliante
Ed odori accecanti.

Malattie sconosciute
Poco considerate
Ricerche poco sponsorizzate
Perché scarsamente convenienti
E produttivamente poco rilevanti.

Ed allora 
Lasciatemi morire qui
Dentro questo mia vecchia scatola di cartone 
In quest'angolo di vicolo
Senza il vostro pietismo
Ed il vostro disprezzo.

Lasciatemi vivere
Qui
Davanti a spazi aperti e lontano da 
Obiettivi di vuoto profitto sulla pelle di umani
Usati come cavie postmoderne 
Per ricerche mai concluse.

Africa
Siccità reale
Acqua assente
Aids crescente.

Siccità esistenziale
Rubinetti chiusi
Spreco e vanità d'Occidente.

Anime Vendute
Cuori estirpati
Da nebbie psichedeliche di realtà virtuali e mass-mediatiche.

E voi, l'avete ancora l'anima?

DANIELE VERZETTI, ROCKPOETA
--------------------------------------------------------
OT: Vi linko quest'ultimo post di Anna: perché del terremoto io non me ne sono dimenticato e non dobbiamo dimenticarcene: http://miskappa.blogspot.com/2009/05/lunedi.html

sabato 23 maggio 2009

OPINIONE DEL ROCKPOETA: -1

Perché? Domanda infantile? Forse, ma resta il fatto di chiedermi e spero anche di chiedersi perché degli agenti in borghese (due pare della Digos) abbiano fatto rimuovere da una scuola di Milano un cartello con scritto "-1"  alludendo al fatto che l'anno prossimo la "Riforma Gelmini" avrebbe portato a tagliare un docente da quell'istituto.

Ebbene, come dicevo, la polizia ha inviato 4 agenti in borghese (due sembra fossero pefino della Digos, e qui prima domanda: perché non sono intervenuti loro direttamente con due agenti ed una volante, mica ci voleva un esercito?) per far rimuovere quei cartelli prima dai vetri della scuola ma di fatto poi sembra tout court anche dall'esterno. (qui il link alla notizia: http://milano.repubblica.it/dettaglio/Digos-alle-elementari-per-bloccare-la-protesta-/1638593?ref=rephp

Prima si poteva almeno dissentire, ora il cappio si stringe. Neanche più libera e semplice protesta; la protervia sta avanzando anche perché questa loro protesta avrebbe avuto molta meno eco senza l'intervento "militare" per far rimuovere quei "pericolosi striscioni"(perdonate ma la similitudine con il calcio mi é venuta istintiva: pensate a quanti striscioni offensivi restano nelle curve, state tranquilli che dentro quella bolgia non ci vanno mica...)

E' questo clima di intolleranza e fastidio anche solo verso una singola voce di protesta anche innocua che inizia a preoccuparmi ancora e sempre di più.

Ed allora oggi sfidiamo la Digos:  Ricordiamoci che dall'anno prossimo nella Scuola Elementare di Viale Puglie Zona Corvetto a Milano, per colpa della Riforma Gelmini ci sarà un docente in meno: -1 

Peraltro esattamente come accadrà in tanti altri istituti scolastici pubblici nel nostro Paese.
---------------------------------------------------
Per Votare su OkNotizie: http://tinyurl.com/otbpla

mercoledì 20 maggio 2009

L'Angolo del Rockpoeta: "Angels"

"ANGELS"

Sala vuota
Pareti spoglie
Qualche quadro sparso
Una vecchia Tv a farle compagnia.

Cucina disadorna:
Un tavolo semplice, sedie pieghevoli
Posate di carta
La minima in tasca
E la sua solitudine nel piatto.

Vedova
Sola
Anziana.

Cammina a stento
Cervello funzionante
Giusto quel tanto per essere coscienti anche della propria tristezza.

Viva dentro
Vorrebbe cercare luci di mani con amore tra le dita.

80 anni
Figli lontani
Vorrebbe condividere sorrisi e ricordi
Ma la società non glielo permette.

Servizi a domicilio tagliati
Ascensori rotti
Scale strette
Caos.

Pochi incentivi per uscire
Molti i timori per provare.

Quando non é la morte a farci paura, ma la vita.

DANIELE VERZETTI, ROCKPOETA

martedì 19 maggio 2009

OPINIONE DEL ROCKPOETA: Prevenire, Obbedire, Combattere!

Ecco, potremmo definirlo così lo slogan o il motto se preferite della polizia (rectius forze dell'ordine in generale se desiderate) in quel di Torino in questi giorni.

Una prevenzione "ordinata" dall'alto, obbedita dal basso e che porta alla lotta.

Qui potete sicuramente leggere con maggiore dovizia di particolari: http://www.repubblica.it/2009/04/sezioni/esteri/g8-vertice/corteo-onda/corteo-onda.html

Ed ora visto che siamo in clima di par condicio (cosa della quale io me ne sono sempre fregato, perché io la par condicio nel blog la faccio cmq anche se in modo atipico, nel senso che non guardo in faccia a nessuno e scrivo su quello che non va a prescindere dal colore politico di appartenenza dei soggetti chiamati in causa ma senza guardare quante righe dedico per esprimere un concetto ed avendo esclusivamente cura all'incisività con cui lo esprimo), vorrei invece osservare il revirement che Fini sta avendo in questi giorni.

Premesso che é presto per giudicare se sia di facciata, posto in essere per mera convenienza ed utilità, trovo che finalmente rivendicare la laicità del Parlamento e quindi di riflesso dello Stato e l'aver preso le distanze da certe affermazioni di altri componenti del Governo e della sua stessa area politica ( e qui il riferimento a La Russa é d'obbligo) lo pone sotto una luce diversa. Con questo non sto dicendo che voterò Fini alle Europee. Sapete oramai tutti benissimo che I will choose Freedom e che non voterò facendo verbalizzare il mio rifiuto ove possibile. Credo però, al contempo, che sia importante sottolineare come Fini sia attento ad accattivarsi un'area laica ancora oggi di sinistra ma scontenta dal PD ( che altro non é, come ho già scritto più volte in questo spazio, che un compromesso storico fatto partito) e che, spaesata, non sa cosa fare ed a chi rivolgersi.

Osservo qui un'incapacità perfino strategica di Franceschini & Co. di saper recuperare l'area laica e "moderata" o se volete "moderatamente incazzata" di questo Paese.

Resta il fatto che avverto sempre più con insistenza, la presenza di due forti partiti trasversali in questo Paese: il primo cattolico o del Vaticano e l'altro quello oppressivo nei confronti di chi vuole manifestare (senza violenza) contro realtà che vanno denunciate e connivenze che devono essere estirpate.

Mi sembra anche di poter rilevare che esiste una profonda spaccatura tra le forze dell'ordine: da un lato abbiamo aree che ritengo assolutamente antidemocratiche e che sicuramente eseguiranno gli ordini che giungono "dall'alto" ( o "dall'Altissimo?" - leggasi il Cav -. Vedasi il G8 a Genova ed in questi giorni a Torino) ma che sembrano anche composte da soggetti molto contenti e soddisfatti nel doverli compiere e dall'altro invece poliziotti e carabinieri ( e non sono pochi) che lottano contro i mulini a vento di una Criminalità Organizzata che per quanto venga colpita riesce a restare ampiamente a galla per tutti i "Santi in Paradiso" di cui é fornita.

Ripensadoci bene il motto oggetto del titolo del post non é poi così becero e sbagliato, dipende solo come lo si indirizza e lo si concepisce.

Prevenire (la criminalità ed i delitti), Obbedire (alla Costituzione ed alle leggi) e Combattere (chi va contro la giustizia e la verità) credo sia un obiettivo da perseguire con forza.

Uno scopo della nostra esistenza.

E, per alcuni in passato, una ragione di vita. Ragione che é costata a molti di loro la vita stessa.
-------------------------------------
Per Votare su OkNotizie: http://tinyurl.com/ordhqt

domenica 17 maggio 2009

OPINIONE DEL ROCKPOETA: Falsi Sillogismi

I macachi soffrono di senso di colpa. La Russa non soffre di senso di colpa. La Russa non é un macaco.

Che si tratti di un falso sillogismo é evidente. Il perché lo constateremo con calma lungo il percorso del post.

Darwin sostiene che discendiamo dalle scimmie.

In questi ultimi anni una marea di appartenenti al Creazionismo hanno cercato in ogni modo di annientare e minare la veridicità della tesi di Darwin, non riuscendoci.

Ed ora, dopo tanti tentativi assurdi, e basati su nulla di scientifico, ecco che invece una scoperta, questa sì scientifica, potrebbe, a mio avviso lol, mettere in discussione se non tutta la teoria di Darwin quanto meno il fatto che noi si discenda dalle scimmie.

La notizia qui di seguito linkata http://www.repubblica.it/2009/01/sezioni/scienze/scimmie-abili/colpa-scimmie/colpa-scimmie.html sembra provare che le scimmie (un genere di macaco nella fattispecie) soffrono di senso di colpa.

Ecco, questa scoperta getta, secondo me, una pericolosa ombra sulla teoria di Darwin per la quale noi discendiamo dalle scimmie, in quanto tra gli umani questo "sentimento" sembra essere totalmente assente o, per qualche misteriosa ragione, quantomeno in via di estinzione il che farebbe allora supporre che l'uomo sarebbe in una nuova fase "evolutiva" rispetto al passato, se evoluzione la si può chiamare...

Prendiamo per es. le dichiarazioni di ieri di La Russa. Per chi non le conoscesse nel dettaglio, pare abbia dichiarato (vedi Repubblica cartacea di oggi a pag.6) che Laura Boldrini; Alto Commissario dell'UNHCR sarebbe "Una disumana o una crimanale, nota per essere di Rifondazione Comunista e per portare il cognome di un noto capo partigiano"

Premesso che sembra che la Boldrini non sia di Rifondazione (sono arrivate smentite al riguardo), premesso che il fatto che lo sia mi sembra irrilevante, aggiunto che trovo veramente volgare la seconda parte dell'affermazione di La Russa in quanto non vedo cosa c'entri e cosa avrebbe soprattutto di offensivo e vergognoso portare il nome di un capo partigiano, sottolineo che nonostante Frattini gli abbia tirato le orecchie lui ha chiesto scusa solo per aver pronunciato queste bestialità " a voce alta" continuando assolutamente a pensare quello che ha espresso.

Quindi, nessun senso di colpa....

Gli esempi si sprecano: da chi ancora non si sente in colpa per aver sicuramente avuto voce in capitolo in tantissime stragi nel nostro Paese; oppure pensiamo al Vaticano ed a tutte le colpe e le morti causate in nome di Dio.

Ed ancora, siamo 23esimi su 30 Paesi come salari netti. Ma anche di questo nessuno si assume la responsabilità, anzi la scarica invece su altri. Sono tutti colpevoli e nessuno però nutre dentro sé il senso di colpa del macaco di cui sopra. (http://www.repubblica.it/2009/04/sezioni/economia/retribuzioni/ocse-stipendi/ocse-stipendi.html)
Attendo oramai di vedere se sarà smentita la notizia scientifica o eventualmente scoprire che questa nostra involuzione si stia arrestando.

Sono orgoglioso di dire che discendo dalle scimmie perché io sono fiero di poter provare se necessario e se ho sbagliato,un senso di colpa. Terrei a sottolienare che per senso di colpa io vorrei intendere la capacità di contrirsi per qualcosa che davvero avremmo dovuto non dire e/o non fare. Non mi interessa il mea culpa di cattolicesima memoria. Anche perché da che pulpito viene la predica visto che neanche loro in Vaticano sanno recitare davvero con convinzione questo gesto di pentimento.

Ed ora vi saluto saltellando da un albero all'altro sulle mie liane...
-----------------------------------------------------
Per Votare su OkNotizie: http://tinyurl.com/r374vw

giovedì 14 maggio 2009

OPINIONE DEL ROCKPOETA: Donne e Uomini Pari Non Sono.

In primis vi chiedo di passare dall'Incarcerato e leggere questo suo post: http://incarcerato.blogspot.com/2009/05/lettera-al-presidente-napolitano-per.html

Si può fare ancora qualcosa per la mamma di Niki e credo vada fatto anche perché iniziano ad esserci confortanti spiragli di speranza. Facciamolo vi prego.

Detto questo, l'argomento di cui tratto oggi é molto gustoso. Pensate che riunisce in sé sia l'aspetto del lavoro (quindi adattissimo per essere trattato il primo di maggio) che la giornata della donna...

Parliamo infatti della diseguaglianza che esiste ancora oggi tra uomini e donne nella retribuzione a parità di lavoro soprattutto nel privato e, per i posti dirigenziali, anche nel pubblico.

Ma la Costituzione Italiana non recita espressamente che siamo tutti uguali senza distinzione di sesso, razza e religione?

Sì, sembra sia così, ma perché la Costituzione oggi é rispettata? No, ed allora se in tantissimi altri campi la nostra Carta Fondamentale viene ignorata, perché qui dovrebbe essere fatta un'eccezione?

Su Money si é pubblicata un'indagine interessante. Un' indagine del ministero del Lavori che "rivela che in media il lavoro al femminile viene pagato il 23% in meno, con punte che possono arrivare al 40% di differenze a favore dei colleghi maschi. Da qui l'idea: un bollino rosa per le aziende dove si lavora alla pari."

Il picco é soprattutto nel settore autonomo come potrete leggere dal link molto "istruttivo" che vi lascio (http://money.it.msn.com/lavoro_e_previdenza/notizia.aspx) ma anche altrove nel settore pubblico le cose non vanno certo meglio.

Si parla di mobbing (peraltro poi facendo pochino per combatterlo davvero) si parla di tanti problemi ma di questo tema non se ne parla mai.

Forse é un piccolo aspetto in relazione a chi é precario per esempio, ma va detto che si parte da qui per poi, scendendo nella scala gerarchica del lavoro, aggravare ed accuire le differenze e le discriminazioni tra uomo e donna.

Ricordiamoci i casi delle lettere di dimissioni firmate in bianco dalle donne lavoratrici nel caso in cui si trovassero in stato interessante, tanto per fare un esempio.

A volte sembra di essere su una zattera in mezzo ad un oceano di nefandezze con onde di vergognosi soprusi altissime che destabilizzerebbero un cabinato di importanti dimenzioni, figuriamoci la nostra povera zattera.

Intanto ad Anno Zero si sente dell'ennesimo scandalo inerente la Fiat. Anche qui le solite parole (salvo un processo in corso per gravi e scorrette operazioni su cui la Consob ha voluto vederci chiaro per una volta...) e i lavoratori a subirne i danni in termini di licenziamento.

Però forse almeno in questo caso avranno una "magra consolazione": non ci saranno discriminazioni di sesso: uomini o donne, in quel caso, pari saranno nel venire licenziati; ora che sono già cassaintegrati.

Ed intere famiglie tremano....
-----------------------------------------
Per Votare su OkNotizie: http://tinyurl.com/q624fr

mercoledì 13 maggio 2009

Se Volete Sentirmi su Radio RAI 1.... E leggermi.....

Perdonate ma oggi il post é incentrato su di me.

Ieri notte su Radio Rai 1 nel programma radiofonico di Maurizo Costanzo dal titolo "L'Uomo della Notte" nel corso della Rubrica "Poetando" é stata letta una mia poesia che trovate anche sul blog "Arsura Planetaria" e sono stato intervistato telefonicamente da Costanzo in persona oltre ad aver letto personalmente altre due poesie anch'esse qui sul Blog: "Just Walk" e "Comfort"

Vi metto il link per ascoltare on line la trasmissione; la rubrica parte dal minuto 23.50 circa fino alla fine del programma.

Sempre la potrete ascoltare qui: Ecco il link: http://www.radio.rai.it/radio1/luomodellanotte/search.cfm?Q_TIP_ID=0 e cliccate su "Ascolta" la puntata del 13 maggio

Ed anche qui:
http://www.radio.rai.it/player/player.cfm?Q_CANALE=http://www.radio.rai.it/radio1/luomodellanotte/archivio_2009/audio/luomodellanotte2009_05_13.ram

------------------------------

Ma non finisce qui!!!! In primis vorrei sottolinearvi un'intervista già presente da un po' sul mio blog nella colonna di sinistra e rilasciata alla redazione di Liquida.

http://magazine.liquida.it/2009/02/03/daniele-verzetti-di-lagora-lintervista/
-------------------------------

Ed ancora, questa molto recente, un'intervista rilasciata a Luca Veneziano presso il Novotel di Genova qualche giorno fa e che trovate on line qui:
http://www.lucaveneziano.it/?action=fullnews&showcomments=1&id=10
--------------------------------

Scsusate quindi se in questi giorni appena trascorsi non sono stato molto presente da voi ma c'erano esigenze che spero avrete capito oltre al reading di Milano :-)))

Daniele il Rockpoeta

martedì 12 maggio 2009

OPINIONE DEL ROCKPOETA: Again And Again...

Ancora ed ancora e di nuovo.

A Lecce crolla una Palazzina: vedremo se siamo di fronte all'ennesimo "incidente" sul lavoro o invece è stata davvero fatalità.

http://www.repubblica.it/2009/05/sezioni/cronaca/palazzina-lecce/palazzina-lecce/palazzina-lecce.html

Ed intanto prendo atto che il rischio amianto è sempre presente e non parlo soltanto di vecchi edifici fatiscenti ancora con asbesto ovunque ma anche di imprese che svolgevano "serenamente" la loro attività con l'amianto. In teoria questa impresa aveva nel 1991 cambiato la sua attività in una "non pericolosa"ma, come si legge su Repubblica on line, "La fabbrica è rimasta aperta fino a cinque anni fa quando l'ultimo titolare, erede di una famiglia tedesca, ha deciso di fermare la produzione. I 25 dipendenti sono stati ricollocati in altre aziende e l'area industriale bonificata."

Ed ora gli effetti dell'amianto si iniziano tristemente a vedere con ben 2 Paesi nel Cremonese a rischio asbestosi. Questo il link: http://www.repubblica.it/2009/04/sezioni/cronaca/incidenti-lavoro-3/cremona-amianto/cremona-amianto.html

Sono inoltre contento di scoprire che il Papa ci "permette" di avvicinarci e dialogare con gli ebrei e gli islamici. Lo ha rimarcato sottolineando il desiderio di riconciliazione della Chiesa cattolica con gli ebrei . Insomma volemose bene tutti! Apprezziamo il suo "sforzo", viste certe derive Vaticane anche recenti che lasciavano presagire ben altri orizzonti...

http://www.repubblica.it/2009/04/sezioni/esteri/benedetto-xvi-33/israele-12mag/israele-12mag.html

Intanto sarebbe anche interessante ed istruttivo avere un panorama più chiaro sulla situazione a L'Aquila leggendo ancora una volta Anna qui: http://miskappa.blogspot.com/2009/05/noi-terremotati.html

Ed infine Mr. Cesare Battisti sembra che abbia dichiarato ad ARTE, Tv franco-tedesca, che ha paura di rientrare in Italia (e ci credo qui si farebbe la galera mica la bella vita brasilera da rifugiato politico!) e che piuttosto che tornare da noi si ucciderebbe.

Prego Mr. Battisti, se gradisce si accomodi.

http://www.repubblica.it/2009/01/sezioni/cronaca/battisti-brasile-2/battisti-minaccia/battisti-minaccia.html

domenica 10 maggio 2009

L'Angolo del Rockpoeta: "Linea Piatta"

Tante cose da dire. Dall'infelice uscita del Cavaliere (va però anche detto che non si possono neanche accettare tutti senza regole e forse ci vorrebbe una vera cooperazione tra Stati) ai soliti problemi di sempre alla convinzione che poi forse tutti noi siamo più bravi a parole che con i fatti e che spesso non sappiamo ribellarci a quello che non ci piace. Va aggiunto un poderoso ringraziamento a tutti coloro che ieri erano presenti al mio reading!!!! Grazie sinceramente, siete stati TUTTI un raggio di luce nel buio dell'oggi.

Vi lascio con un piccolo cadeau :-)))

LINEA PIATTA

Tempesta solare
Cowboys famelici
Succhiano scalpi di indiani contemporanei

Linea piatta
Termini scaduti
Il mio tempo una clessidra muta
Granelli di sabbia inesistenti.

Game Over

DANIELE VERZETTI, ROCKPOETA

venerdì 8 maggio 2009

L'Angolo del Rockpoeta: "IL DRINK"

IL DRINK

Storie da sorseggiare
Tra una goccia di sangue e del lime

Storie di fallimenti
Cocktail di Ardue parole
Cicatrici da cui scappare.

Storie da ripudiare
Non sono mai le stesse
Ferocia
Sfortuna
Cancrena di gambe annegate in cervelli  fatti di nulla

Respiri dentro tende fredde
E sorrisi "civilmente protetti" 
Dal colore sbiadito di becchini ben noti
A capo di strutture che non sanno gestire.

E tutto gira
La testa vorticosamente arranca
E non trovo il finale perché
Sono già finale
Sono già un gesto passato
Consuetudine di solite storie
Che come lancette morte
Scandiscono la stessa ora

Siamo stati speranza
Siamo stati illusione
Sono stato tutto questo ed altro ancora

Ora solo buio.

DANIELE VERZETTI, ROCKPOETA

PS:Se siete curiosi di sapere se domani la leggerò avete solo un modo per scoprirlo:
 esserci :-))) (per info vedete post sottostante)

mercoledì 6 maggio 2009

SABATO 9 MAGGIO 2009: MEMO MIO READING ED ALTRO...

Avrete letto il post "Consiglio Comunale 2" da Anna alias Miss Kappa.

Io ho anche trovato questo post di Rita Pani una blogger "storica" tra i miei link. Ebbene sembra onestamente che metta anche lei il dito nella piaga sottolineando come i soldi per gli Aquilani per ricostruire non saranno poi tanti. Insomma in parte gli abruzzesi dovranno fare anche con le loro forze economiche....(altro che aiuti a 360° e "siamo tutti per e con voi" o frasi simili; qui si devono rimboccare le maniche e fare pure dei mutui!!!!)
Qui sotto vi lascio il link al post di Rita Pani oltre a quello di Anna.

http://r-esistenza-settimanale.blogspot.com/2009/05/il-grande-inganno-del-dopo-terremoto.html

http://miskappa.blogspot.com/2009/05/il-consiglio-comunale-2.html

La cosa curiosa é che Sabato 9 maggio 2009 é pure la giornata dell'Europa o dell'Unione Europea.... Quindi tutti a festeggiare quando abbiamo la Lega che dell'Europa ne farebbe a meno, quando siamo in un'Europa dove dimostriamo spesso la nostra pochezza e la nostra vergognosa incapacità a disfarci di tutto il marcio che ci àncora ad una realtà da far west camorristico e Deserti di nulla politico.

Per fortuna, passatemi un filo di presunzione, Sabato 9 maggio 2009 é, come molti di voi già ricorderanno :-))), un giorno speciale per un altro IMPORTANTISSIMO MOTIVO!!!!

VE LO VOGLIO RICORDARE ANCORA :-))) con le stesse parole di quel 22 Aprile 2009:

"Data importante. In quell'occasione alle ore 18.15 terrò a Milano presso l'auditorium del Mondadori Multicenter di Via Berchet 2, un reading. Vi chiedo possibilmente di partecipare davvero numerosi dato che potrebbe essere un reading veramente importante e diverso dai soliti....

Ribadisco che la vostra presenza potrebbe forse questa volta più che mai avere un peso decisivo ed é per questo che chiedo anche a chi non é proprio di Milano se, potendo, in quel giorno vorrà fare una gita "fuori porta" :-)))

Chi vuole inoltre potrebbe passare parola anche utilizzando l'immagine che vedete qui nel mio post. Ogni vostro contributo a diffondere la notizia del reading sarà davvero più che gradito.

Grazie Davvero,
Daniele il Rockpoeta"

ECCO UNA VOLTA GIUNTI A MILANO COME ARRIVARE ALLA LIBRERIA: Fermata metro "Duomo". Avendo il Duomo di fronte percorretene la fiancata sinistra in direzione Corso Vittorio Emanuele. Circa a metà della fiancata, appena un attimo prima dei portici con la Rinascente, troverete una traversa (Via San Raffaele): la prendete e vedrete già a metà alla vostra sinistra il multicenter che farà angolo con una via (anch' essa a sinistra, ma non me ne vogliano i Berlusconiani non l'ho fatto apposta lol) che é appunto Via Berchet. Entrate e raggiungete l'auditorium.

Vi aspetto!
Daniele il Rockpoeta

lunedì 4 maggio 2009

OPINIONE DEL ROCKPOETA: A Fari Spenti

Vi piacerebbe un lavoro lautamente retribuito e dove si lavora in media solo 10 giorni al mese? Sì? Beh allora "fannulloni" datevi da fare perché esiste ed é alla portata di tutti, Veline comprese!

Basta diventare Senatori. E' su Repubblica cartacea di ieri a pag.7 che si legge come di fatto in Senato si lavorino massimo tre giorni alla settimana. Addirittura in Aprile hanno lavorato appena 7 ore in una settimana!!!

Alla Camera va leggermente meglio perché si riuniscono i lunedì ed i giovedì ma insomma anche laggiù non si sbattono tanto...

Altra notizia interessante (stesso quotidiano, stesso giorno e stessa pagina ma in basso) anche se oramai forse un po' demodé ( si scriverà così; boh detesto il francese lol) é l'ennesima discesa del nostro Paese in 73esima posizione con rating 32 tra i Paese semiliberi in relazione alla libertà di stampa anche per la grande concentrazione di proprietà dei media nelle mani della stessa persona.

Non ci credete? Facciamo parlare i fatti: Mondadori controlla una miriade di case editrici tra le quali perfino la storica Einaudi. In realtà a livello di macroeditori non esiste in Italia una vera scelta. E questo é un problema serio da qualunque angolazione lo si analizzi.

In realtà quello che osservo é che esiste oramai in modo consolidato una "affascinante" inversione di tendenza: le notizie importanti, quelle che dovrebbero essere di dominio pubblico e soprattutto avere un'eco rilevante, sono quasi sussurrate, ed invece quelle per le quali forse si dovrebbe concedere poco spazio sono invece quelle più strombazzate.

Una volta certe notizie di vita privata (vedi possibile separazione tra Veronica Lario ed il Premier) sarebbero state oggetto al massimo dei giornali scandalistici ma non avrebbero preso in modo così morboso quasi da soap opera anche i principali quotidiani italiani. Ed invece anche on line Repubblica e Corriere della Sera si sono scatenati; su quest'ultimo sito potete anche vedere nella homepage un link che rimanda a "Silvio e Veronica nudi".... Roba da far impallidire "Chi" e "Novella 8000" o come diavolo si chiama.

Invece, a fari spenti, viaggiano quelle notizie o quelle cose che dovrebbero essere dette e/o realizzate. Per es. il testamento biologico. Ne avete più sentito parlare? Eppure ancora pochissimo tempo fa era l'argomento del giorno.

Di altre notizie ancora non se ne ha traccia; ed allora su segnalazione del blog di Associazione Transgenere vi lascio il link al loro post, perché questa vergogna va fermata! http://www.transgenere.it/blog/index.php/orrore-a-firenze/

Ora, in conclusione, d'accordo che siamo in un'era (e non "epoca", perché di era primitiva si tratta a mio avviso) nella quale tutto viene fagocitato con velocità supersonica, ma credo che per quei temi di rilevanza etica e sociale, sarebbe necessario porre un serio limite a questa velocità e controllarne il rispetto dello stesso con "tutor" ed "autovelox" appositi e mirati a salvaguardare certi valori.

Ma forse é tutto inutile, e queste parole si volatilizzeranno alla velocità di crociera di un jumbo. O forse "un bel mattino" ci troveremo tutti oscurati con un semplice

CLICK

--------------------------------------------------
Per Votare su OkNotizie: http://tinyurl.com/cghrof