lunedì 19 ottobre 2009

OPINIONE DEL ROCKPOETA: Persone o Cose: What First?

Questo di oggi é un post per capire meglio le priorità del  Governo, quelle dichiarate e quelle reali.

Per carità, su uno dei due temi in questione abbiamo una buona trasversalità di facce di bronzo, ma ora sul "Trono del Fare" ci sono loro e loro possono con la maggioranza che hanno far approvare leggi serie e severe contro certe barbarie.

Allora vediamo di capire: capire in primis perché questa notizia l'ho trovata riportata (in modo così esteso e commentato) solo sul Corriere della Sera on line e, con poche righe, apparentemente solo sull'Ansa ed ancora su piccoli quotidiani on line come il Messaggero ed il Giornale di Brescia (che peraltro riportava la notizia stampata dall'Ansa).

Forse l'essere abbandonate e non aiutate a due anni da uno stupro non fa co sì notizia. Lo fa di più lo stupro stesso, meglio se di gruppo e se si riescono a sapere e pubblicare più dettagli possibili, anche solo accennandoli "lievemente" lasciando torbidamente immaginare tutto il resto al lettore.... (ed in questo caso il maschile singolare del sostantivo in questione non é purtroppo casuale).

Vorrei capire anche dove sono finite le leggi più aspre che il Governo prometteva in tema di sicurezza. Quelle preventive fanno acqua (e vale anche per gli immigrati che cmq arrivano (ir)regolarmente come prima e, quelli che delinquono, la fanno cmq franca come sempre) e quelle sanzionatorie sembrano latitare.... Se poi gli stupratori di una ragazza minore all'epoca del fatto sono anch'essi coetanei, (sedicenni all'epoca) e si pentono possono, anzi devono dice la legge, essere reintegrati, nello stesso luogo e aiutati facendo fare loro lavori utili nei servizi sociali.. 

Non capisco che senso abbia parlare di rispetto della donna  e dei suoi diritti, se poi il Sindaco di Montalto di Castro (luogo della violenza) si occupò di aiutare con denaro pubblico alcuni di questi ragazzi (e le loro famiglie) a pagarsi le spese processuali e si é offerto per aiutare il loro reinserimento mentre alla famiglia della vittima, a livello istituzionale locale, non c'é stato alcun cenno di aiuto. 

E' vero che ci deve essere un cambio profondo anche nella mentalità degli uomini; che questo cambiamento deve essere insegnato nelle famiglie e nella scuola da subito; che anche i media dovrebbero aiutare (ma "la donna oggetto velina" et similia continua ad imperare.). Ma intanto se ci fossero leggi più severe a tentare da fare  più da deterrente non sarebbe un'idea così malvagia, credo....

Detto questo, sappiamo tutti che in agenda, tra le priorità dell'Esecutivo, abbiamo il tentativo (l'ennesimo direi) di far partire i lavori per il famigerato Ponte sullo Stretto.

Sembra sia la prima opera (leggete qui per maggiori dettagli) che partirebbe senza Progetto Esecutivo e con il rischio che i treni non possano passarci, volendolo fare a campata unica. Cosa assolutamente sconsigliata da molte addetti ai lavori (alludo a tecnici del settore ed anche geologi -  non comunisti -  se non erro). Senza la possibilità tra l'altro che ci passino dei treni si perderebbe anche una buona fetta di autofinanziamenti (mi sembra ovvio che le FS non caccerebbero più un euro per questo progetto....).

Aggiungo che i problemi di impatto ambientale li potete tranquillamente immaginare e che altri e ben più gravi sono i problemi in quelle aree.

Peraltro per avere una piccola ma molto interessante sequenza di dati numerici sull'inutilità di questo Ponte, vi rimando volentieri a questo post che Daniela del Blog I Mondi dell'Altrodove ha scritto pochissimi giorni fa. Lei sostiene che sarà difficile portarlo a termine, io mi auguro che non venga neanche mai iniziato.

Detto questo,  tornando, al tema del post, mi chiedo quali siano le vere priorità che un Esecutivo dovrebbe avere: la sicurezza reale e non demagocicamente considerata e risolta dei suoi cittadini (uomini ed in questo caso soprattutto donne), magari attraverso pene più serie e certe, oppure una di quelle grandi opere costosissime, inutili ma, per alcuni, di grande impatto scenografico ed emotivo?

Insomma vengono prima le persone, gli interessi veri della collettività o le cose e gli interessi personali che ci sono sotto per realizzarle?
-------------------------------------
Per Votarmi Su OkNotizie: http://tinyurl.com/yfa7uxp

29 commenti:

Italian Zorro ha detto...

Chiacchiere, fanno solo chiacchiere. Gli unici fatti sono rappresentati dallo sprangare gli avversari.

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

PER ITALIAN ZORRO: in primis benvenuto :-)))!

Quanto al tuo commento, devo osservare che a certi livell più alti,i usuano altri metodi purtroppo ancor più devastanti come l'isolarti, denigrarti e a volte direttamente ucciderti.

maria rosaria ha detto...

be' se non riuscissero a terminarlo, una volta iniziato, sarebbe una "catastrofe", fermo restando che sono d'accordo sul fatto che sarebbe meglio non partire con questa sconcezza.
vuoi proprio saperlo? la seconda che hai detto! ;)
bacio

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

PER MARIA ROSARIA: Che dire, a proposito del Ponte sullo Stretto mi verrebbe da parafrasare una celeberrima canzone di Dalla e dire:

"E' il Ponte dei Miracoli fai attenzione,
Qualcuno nelle strade di Roma
Ha già preso un tangentone...."

Alberto ha detto...

Ormai la questione del ponte è una questione dell'Impregilo, l'unica società rimasta, dopo che tutte le altre si erano ritirate dalla gara. E tutto dire cosa sia questo progetto proprio campato in aria.

giudaballerino ha detto...

Io continuo a pensare che, se non fosse tragico, tutto questo sarebbe ridicolo. Con una mole di problemi stratosferici al sud si decide di sperperare tutti sti soldi per il ponte sullo stretto, che se proprio non vogliamo dire dannoso è quantomeno inutile. Anche se io, dal mio modesto parere, credo che sia pure dannoso...

Daniela ha detto...

La nostra società vive a metà fra il Medioevo ed i mondi fantascentifici dei giapponesi! Purtroppo l'altra metà della luna è vista e si vede da sola come una velina tutta sorrisi e sembra essere ancora opera del diavolo quando si stratta di violenza sessuale! Chi ne abusa e chi la usa, questa donna oggetto e troppi uomini non vi vedono la propria figlia, non trovano dentro la stessa pietà e rabbia che sentirebbero per un cane bastonato e, forse, troppe donne non vi vedono la propria figlia, ma solo qualcuna che magari se l'è cercata o che le è piaciuto... è la frantumazione della società, così come è del nostro tempo anche la disgregazione di questo nostro pianeta, delle sue risorse, a scapito della popolazione, dell'ambiente, del futuro...
Grazie per il link, grazie per le tue parole e grazie per i tuoi versi. E poi grazie per i tuoi post che fanno rabbia, che si fanno ascoltare e che, spero, facciano usare un po' di più quell'organo grigio e molle che ci separa l'orecchia destra dalla sinistra... Ciao Daniele!

Lucien ha detto...

Le priorità sono ben chiare. Eccone alcune:
1) Affossare i giudici e la magistratura
2)Demonizzare gli immigrati da una parte e dall'altra dimezzare le pene pecuniarie per le aziende scoperte a lavorare in nero. (Nel famigerato pacchetto sicurezza; e poi parlano di Made in Italy).
3) Trasformare la repubblica parlamentare in presidenzialismo populista.

upupa ha detto...

Caro Rock...è sempre la solita storia,per il bravo sindaco quella ragazza non è la sorella,non è la mamma,non è la figlia...sarebbe stato diverso|!!!
Senza stare a discutere sulla nefandezza dell'atto è una pratica usuale "condannare" la stuprata alla solitudine quasi colpevole di ciò che le è accaduto...dovremmo riflettere un pò...e capire come si può sentire una ragazza di fronte a tanta arroganza di chi si "arroga" il diritto di giudicare...così i ragazzi sono da reinserire,lei invece?
Il ponte?Dovrebbero pensare ai problemi reali e impellenti del nostro paese e non ad altro...
un abbraccio

Fabio ha detto...

Gli interessi privati prevalgono su tutto: dall'immunità del premier, al ponte sullo stretto, dalla banca del sud alla costituzione dei feudi leghisti del nord Italia attraverso la spartizione elettorale delle regioni (vedi Veneto ed ora anche Piemonte) e intanto, l'opposizione non si desta dal suo sonno. Un salutone, Fabio

fabio r. ha detto...

la seconda che hai detto pure per me...

Bastian Cuntrari ha detto...

Dunque, un sindaco decide di coprire con i soldi dei propri concittadini (5 mila euro a cranio) le spese legali per 8 delinquenti, ai quali io lo taglierei volentieri. Non solo: li impiega nel cantiere della scuola perché inizino il loro "recupero sociale".

La ragazzina, invece, stuprata dal branco per 8 ore di fila, non va più a scuola, ha attacchi di panico e deve uscire accompagnata perché ha paura. Credo che con i 40 mila euro sborsati per quei maledetti, un bravo supporto psicologico e psichiatrico - alla ragazza - lo si sarebbe potuto assicurare.

Ma chi è questo paladino del garantismo ad oltranza? Si chiama Salvatore Carai, PD, sostiene la mozione Bersani-Mazzoli: ed è lo stesso che, durante una riunione del Consiglio Comunale sulla vicenda, definì la Finocchiaro "Talebana del ca***". Be' allora si spiega: il rispetto per le donne non è nel suo DNA. Certo, Daniele, le persone prima, e poi le cose: ma ad ognuno diamo il carico delle rispettive responsabilità.

gians ha detto...

Caro Daniele, ho tra le mie conoscenze e amicizie come a tutti immagino capiti, d'avere qualche notizia di prima mano direttamente dai lavoratori del ministero dell'interno. Ora è chiaro a tutti, che un buon sistema di sicurezza non può funzionare se mancano i mezzi, tutti sanno della mancanza persino della benzina sulle auto di polizia. Da parte loro però vedo che certi giudici fanno del garantismo un'arma a doppio taglio, e questo concede all'attuale governo di salvarsi la faccia. In questo modo il gatto continuerà a merdersi la coda e se fossi un padre, altro che indignato... sarei un padre armato. Un caro saluto.

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

PER BASTIAN CUNTRARI: Standing Ovation. Hai fatto un quadro perfetto della realtà. Brava anche a mettere in evidenza di chi stiamo parlando: nome cognome e tutto il resto.

Auryn ha detto...

purtroppo la risposta è sotto gli occhi di tutti....

..:: Symbian ::.. ha detto...

tutti le abbiamo viste le priorità di questo governo...

Le Primarie si stanno avvicinando. Che ne pensi? Chi voterai?

luce ha detto...

Avere o essere?
E poi: essere o non essere?
Tante le cose che dici, vere come al solito, e forse umane quindi passabili di errore.
Perchè dietro i ragazzi che stuprano c'è un modo di pensare sbagliato che forse puòessere raddrizzato e che forse è questo l'intento del fatto che segnali; il problema è che in Italia ci sono due pesi e due misure.
Spese legali a loro
Spese di psicologo e di supporto emotivo a lei
Così forse le cose sarebbero eque.
Il ponte? Spero che non si faccia per il semplice motivo che non serve, ma non possiamo impedirlo noi qui ma loro, i siciliani buoni e spero lo capiscano da soli.
Avere o essere, essere o avere...l'eterno dilemma di noi bipedi.
Io sono. Tu sei. Egli è. Noi siamo. Voi siete. Essi sono: qui siamo tutti nel presente indicativo, con Te.
Un abbraccio affettuoso.

Daniele Verzetti, il Rockpoeta ha detto...

PER LUCE: non concordo sulle spese legali pagate. Cosa ci stanno a fare allora i poveri difensori d'ufficio? Che abbiano giustamente da lavorare anche loro. La legge li ha istituiti proprio per chi non può permettersene uno suo. Inoltre, il dare una chance non può non passare anche attraverso l'inflizione di una pena severa. Poi nulla vieta che oltre al carcere possano reinserirsi nella società ma 28 mesi di lavori socialmente utili la trovo una vergogna istituzionalizzata. Nessuna giustificazione per chi agisce come loro.

Un bacio
Daniele

PER GIANS: qui non é questione di garantismo ma di leggi davvero assurde e maschiliste nonché di interpretazioni ancor più benevole perché sono maschi.... maschi ribadisco perché essere uomini p tutt'altro.

Un abbraccio
Daniele

marina ha detto...

Daniele ti posso fare una critica? Ogni tanto fai un post in cui metti troppa carne al fuoco e a me sfugge il legame.
Qui ne potevano uscire tre..
scusami
marina, rompipalle ma affettuosa

Daniele Verzetti, il Rockpoeta ha detto...

PER MARINA: non sono d'accordo lol! Qui il legame c'é eccome. Un esecutivo che non ha a cura l'interesse delle persone, che cura solo i suoi interessi e che demagocicamente dice di fare tutto per la sicurezza. Mettiamo insieme i due fatti ed il legame c'é. A me piace unire realtà di fatti apparentemente diversi per mostrare oltre quella che é la semplice apparenza del fatto singolo. Ecco perché questi post che sono e resteranno la mia caratteristica insieme alle poesie :-))

Ciao!
Daniele

silvano ha detto...

A parte che questo esecutivo è efficiente solo per quello che riguarda il privato del capo, per tutto il resto mi sembra il suo programma un palinsesto televisivo. Si butta un sasso si guarda l'effetto che fa, se ne parla un po' sui giornali, sui blog, e poi non succede niente, fino a che non si butta un altro sasso e così via...al massimo si riesce ad essere feroci con gli ultimi ma nient'altro.

Marcello ha detto...

Il fatto è che la destra e la sinistra cavalcano da anni il tema "sicurezza" maneggiando più o meno disinvoltamente statistiche e dati. Il problema è che il 'fare' come osservi, azichè in faraoniche opere come il ponte sullo Stretto, potrebbe essere fare delle campagne di sensibilizzazione e di educazione nelle scuole. Magari è meno plateale ma forse più utile.

Romina ha detto...

Ma intanto se ci fossero leggi più severe a tentare da fare più da deterrente non sarebbe un'idea così malvagia, credo....

Sì, lo credo anch'io.
D'altra parte, ancora negli anni settanta lo stupro era considerato un reato contro la morale e non contro la persona, per cui possiamo capire quanta strada occorra ancora compiere nel nostro povero Paese prima di diventare civili.

Ultimamente, poi, con la mentalità che prepotentemente si è riaffermata, grazie anche a un classe dirigente biecamente maschilista, stiamo rischiando addirittura un regresso.

Saluti e buona giornata! :))

Francy274 ha detto...

Hai toccato un tema che mi infervora molto..Inizio con il dirTi che tutti i discorsi pieni di buone intenzioni in Italia non hanno e non avranno mai alcuna presa sulla mente della gente,per il semplice motivo che siamo da 2010 anni da sempre "guidati" da una congrega religiosa di maschilisti che ha da sempre rilegato e rilegherà la donna al ruolo di pura utilità maschile in ogni settore: religioso, politico, militare,sociale, sessuale ecc.ecc. Un credo che giustifica nel nome di Dio ogni crudele azione del maschio, si dice "sesso debole" riferendosi alle donne ma ad essere protetto dal credo e dalle istituzioni è sempre l'altro, perchè Dio è maschio non dimenticarlo, almeno così predicano gli uomini !
La cosa impossibile è sdradicare dalla mente delle stesse donne simili concetti.
Pensi che una madre che ha un figlio tanto bastardo da violentare una donna gli si scagli contro? Giammai!!! E' lei che ha provocato il suo "povero bambino indifeso", tanto buono e tanto bello !!
Le donne dei Paesi maschilisti sono felici di vedere riconosciuti i loro diritti sulla carta, poco importa che poi vengano vilentate, uccise, massacrate ed obbligate alla prostituzione, senza che quella carta renda mai loro giustizia. I diritti sono scritti e poi ci penserà il maschio-dio a farli diventare storti!!!

Il ponte sullo stretto :

E' un imbroglio, l'idea di costruire un ponte sullo stretto risale all'epoca dei romani per volere del console Lucio Cecilio Metello.
L'idea fu poi ripresa nel 1866 e mai più abbandonata da vari governi a venire.Fu anche tentativo di Giulio Andreotti, di Romano Prodi allora presidente dell'IRI, e dell'ex Presidente Francesco Cossiga, ma ogni volta che si tentava nell'impresa i problemi per l'impossibilità di realizzare l'opera erano sempre gli stessi : le forti correnti, la pericolosità dei territori ad alto rischio sismico, ed il rischio di frane degli stessi territori in caso di incessanti piogge. Insomma, ogni qual volta si è tentato il "sogno ardito" ai contribuenti italiani gli innumerevoli studi per l'impatto ambientale sono sempre costati parecchio. Naturalmente il moderno Lucio Cecilio Metello, forte della sua cara Impregilo, ha ripreso con caparbietà questa idea ma...è solo una questione di lucro. Purtroppo a rompergli le uova nel paniere durante il governo Prodi fu un certo Antonio Di Pietro, allora Ministro dei Trasporti,che gli impedì di intascare una penale per il ritiro dal contratto da parte dello stesso governo di ben 500 milioni di euro, con un escamotage che gli permise di accorpare la Società Stretto di Messina all'ANAS,si evitò così di pagare la penale, si salvarono i proggetti costati già molto e con l'impegno che tale penale verrebbe pagata nel caso in cui la Società così costituita chiudesse prima della realizzazione del ponte. Auguriamoci solo che l'ANAS non chiuda, a meno che non stiano studiando qualcosa per riscuotere
la famosa penale.
Ennesima bufala dei "mangiatori" di capitali!

Alessandro Tauro ha detto...

Materialità. E' l'unica cosa che conta in questo paese.

Quantomai acuta l'osservazione sugli stupri. L'indignazione italiana contro uno dei più barbari atti commessi da un essere umano (se così possiamo definirlo) si limita alla conoscenza dell'atto in sé e, come ricordi tu, diventa tanto più dura e generalizzata la rabbia quanto più è possibile accedere ai dettagli più morbosi della vicenda.

Con un plastico in diretta tv che può sempre aiutare.

Si creano campagne di criminalizzazione anti-immigrati per due stupri commessi a Roma a distanza di 2 mesi e si ignorano i 20 stupri commessi in una sola settimana in tutto il resto dal pese ad opera di "purosangue" italico.

La sicurezza è un feticcio usato a scopi pubblicitari, nient'altro. La vera emergenza insicurezza, quella che non ottiene le prime pagine dei quotidiani, non conta nulla...

SCHIAVI O LIBERI? ha detto...

Concordo con Bastian, c'è poco da aggiungere.

gians ha detto...

Daniele, hai detto interpretazione delle leggi, ebbene, credo che il punto stia tutto in questo. Un abbraccio.

chit ha detto...

In tema di sicurezza gli è bastato andare al governo e "manipolare" i dati del Viminale per annunciare la vittoria. Poi, come fai notare giustamente tu, la realtà è un'altra ma... cosa vuoi che conti, tanto il decreto sicurezza con i suoi mille balzelli è passato ormai...

Riguardo al ponte bè, vorrei sapere a pro di chi lo fanno? Perchè un mesetto fa ho girato la Sicilia, l'ho girata bene, ho parlato con tanti e NESSUNO, dico NESSUNO ha dimostrato interesse anzi... Forse lor Sigg. governanti dovrebbero farsi un giretto per quella magnifica terra, trasferirsi da Marsala a Siracusa e scoprire che ci voglio 6-7 ore per 350km. Forse, in quel momento, prenderebbero in considerazione anche l'importanza delle "piccole" ma vitali opere per quella terra.

enne ha detto...

Riemergo dal mio limbo.
Sono due cose diverse, Daniele.
E' ovvio che le persone vengano sempre e comunque al primo posto, e mi fa veramente schifo quel sindaco e il suo comportamento criminale. Come giustamente dice Bastian, i soldi sborsati per quei delinquenti sarebbero potuti servire per aiutare la ragazzina, abbandonata nelle paludi degli attacchi di panico.
Quanto all'ormai famigerato ponte, penso anch'io che, allo stato attuale delle cose, sia assolutamente inutile. La Sicilia e il Sud hanno altre priorità.