lunedì 15 aprile 2019

L'Angolo del Rockpoeta®: "Il Tempo"

IL TEMPO

Io sono il Tempo
Metronomo della vostra esistenza
Sono sempre uguale a me stesso
Vado sempre alla stessa velocità
Non aumento di ritmo.

E non è colpa mia
Se non mi comprendete
Se voi umani non sapete andare a tempo con il Tempo

DANIELE VERZETTI ROCKPOETA®

25 commenti:

Cavaliere oscuro del web ha detto...

La nostra vita frenetica, ci ha fatto smettere di vivere.
Sereno giorno.

Riccardo Giannini ha detto...

Verissimo, il tempo è sempre quello.
Però abbiamo troppe cose da fare e ci sembra sfuggire via.
Dobbiamo ritrovare l'ozio creativo, quello che ci fa usare al meglio il nostro tempo :)

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER CAVALIERE: o ci fa vivere male.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER RICCARDO: hai detto una cosa giusta, ritrovare l'ozio creativo, ma la nostra frenesia quotidiana spesso ce lo impedisce.

silvia de angelis ha detto...

Questa speciale entità, alla quale facciamo tutti capo e alla quale, a seconda del periodo che stiamo vivendo, con la nostra mente, diamo un diverso valore.
Versi apprezzati, buon inizio di settimana,silvia

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER SILVIA: ti ringrazio hai sempre delle belle parole per le mie poesie.

Marco Lazzara ha detto...

"Non c’è un unico tempo: ci sono
molti nastri che, paralleli, slittano
spesso in senso contrario e raramente
s’intersecano. È quando si palesa
la sola verità che – disvelata –
viene subito espunta da chi sorveglia
i congegni e gli scambi. E si ripiomba
poi nell’unico tempo. Ma in quell’attimo
solo i pochi viventi si sono riconosciuti
per dirsi addio, non arrivederci."


La tua poesia di oggi mi ha fatto venire in mente questa. Sai di chi è?
Eugenio Montale.
Incredibile, vero? Molto suggestiva.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER MARCO: onorato che dei miei versi ti abbiano suscitato il ricordo di questa poesia di Montale

LaDama Bianca ha detto...

Il tempo è uno dei concetti più strani sui quali ci si possa soffermare.
Invisibile, eppure così caparbio, così esplicitamente vivo.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER LA DAMA BIANCA: infatti è proprio perché facciamo fatica a comprenderlo che non riusciamo a stare " a tempo con il Tempo".

Moz O'Clock - nerdblog retro & pop ha detto...

Pensa, io al tempo ho dedicato il blog, sin dal titolo.
Verissimo quel che dici, ma davvero se il tempo non si può fermare, lo si può usare bene, cavalcare, tra passato presente e futuro^^

Moz-

Pino ha detto...

Nulla è più sfuggente e inafferrabile del tempo che ci accompagna come un’ombra in ogni istante della nostra vita, che scandisce la nostra esistenza. Per poterlo percepire abbiamo inventato l’orologio e il calendario; ci affidiamo a questi strumenti per controllarlo, per programmarlo, per piegarlo ai nostri bisogni, ma non possiamo fermarlo, come ci piacerebbe fare in molte occasioni. Diceva Albert Einstein “quando un uomo siede un’ora in compagnia di una bella ragazza, gli sembra che sia passato solo un minuto. Ma fatelo sedere su una stufa per un minuto e gli sembrerà più lungo di un’ora”.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER MOZ: vero hai ragione ed è proprio questa la cosa più difficile.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER PINO: vero, nonostante abbiamo ingabbiato il tempo o creduto di averlo fatto con gli orologi ed i calendari, alla fine per noi il tempo può essere terribilmente soggettivo e passare rapidamente o mai a seconda dei momenti che stiamo vivendo.

iacoponivincenzo ha detto...

Conosco solamente i monaci buddisti e pochi frati benedettini di clausura che sanno vivere spezzettando il TEMPO, l'unico e solo, non quello di ciascuno di noi, e viverlo intensamente anche di notte senza perderne un solo attimo. Ma sia i primi sia gli altri hanno il dono della concentrazione assoluta, che consente loro di trattenere anche il respiro e con questo la vita che si ferma ad attenderli. Occorre sacrificare quasi tutto se stesso per andare al passo col TEMPO quello vero e unico, che batte nell'Universo senza penetrarvi ma esistendo.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER VINCENZO: il tuo commento mi ha così colpito da fermare il tempo mentre lo leggevo. Condivido in pieno il tuo pensiero e soprattutto la frase dove dici che "Occorre sacrificare quasi tutto se stesso per andare al passo col TEMPO quello vero e unico, che batte nell'Universo senza penetrarvi ma esistendo". Forse bisogna davvero rasentare l'ascetismo ed una forte spiritualità per riuscire davvero a respirare a tempo con il Tempo.

Sari ha detto...

Fra tanti commenti saggi e sapienti, perdona il mio un poco pazzerello.
Il tempo è un gran dispettoso: corre quando sono felicie e rallenta quando ho qualcosa di noioso da fare.
Ciao poeta.

Sari ha detto...

Ahahah... il tempo ha fatto il dispetto di aggiungere una "i" alla paroa felice... che gran permaloso. :)))

Nick Parisi. ha detto...

Il Tempo, l'importante è non lasciarsene schiavizzare ma tentare di viverlo al suo meglio.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER SARI: un sorriso non fa mai male ed il tuo commento mi ha fatto sorridere :-)))

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER NICK: saggia affermazione.

Mariella ha detto...

Mi è piaciuto molto il paragone che Marco Lazzara ha fatto tra la tua poesia e quella di Eugenio Montale.Splendido.
Io che amo i poeti metropolitani ho pensato ad una canzone di ragazzo romano che amo parecchio parecchio, il quale dice che:
Tempo
Prezioso
Conosco un modo per rimanere a galla
Non abboccare a questa grande balla
Del tempo che ti fa cambiare che ti modella
E più vai avanti più la vita è meno bella
Sfuggi dal gruppo e pensa con la tua testa
E stare insieme sarà sempre una festa
Se riuscirai a sopravvivere lontano dal branco
Non c'è noia non sarai mai stanco
Sfuggi dal gruppo e non lasciarti fregare
E non m'annoio io continuo a ballare
(Lorenzo Jova Cherubini)

Un abbraccio grande.

PS: voglio sapere di più dei concerti che hai visto di Bowie di cui hai parlato da me:)

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER MARIELLA: ehm jovanotti? Va beh dai ti perdono :-))) cmq sono contento di averti fatto pensare ad un altro testo legato al tempo. Coèntraccambio l'abbraccio

Gianna ha detto...

Restando in tema di citazioni, a me è venuta in mente quella di Baudelaire: "Il tempo è un giocatore avido che vince senza barare, ad ogni colpo". E' di quest'epoca, o forse è sempre stato così, l'affannosa corsa contro il tempo, lo spreco di energie che consumiamo nell'assurda convinzione di poterlo assoggettare ai nostri ritmi, nel parossistico e inutile bisogno di averne sempre di più. Non ci fermiamo a guardare i suoi effetti, non ci diamo la possibilità di capirlo questo tempo che scorre, calmo, inesorabile, incurante dei nostri maldestri tentativi e delle nostre paure. Il tempo passa, di attimo in attimo. Non si ferma, di fronte a niente e a nessuno, anche se fingiamo di non vederlo scorrere o ci illudiamo di poter giocare partite con lui.
Quasi un monito questi tuoi versi Daniele, poche parole che fanno riflettere.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...


PER GIANNA il riferimento a Baudelaire oltre ad onorarmi lo trovo straordinariamente calzante con i miei versi come del resto tutto il tuo profondo commento. È vero infatti come ci affanniamo inutilmente a tentare di fermare il tempo illudendoci che prima o poi vinceremo la sfida. Siamo patetici. Tu invece sei straordinaria bellissimo commento.