mercoledì 9 agosto 2017

L'Angolo del Rockpoeta®: "Comfort"

Oggi il tema lo scelgo io senza fare riferimento a fatti accaduti in questi due giorni, e lo faccio per dire NO una volta di più alla pena di morte

COMFORT

Ti fanno sedere
Casco sulla testa.

Sembra di essere 
Su una monoposto di Formula Uno.

Ma il volante non c’é.

C’è solo la sedia…

Braccia bloccate
Polsi legati
Come cinture di sicurezza contro la vita.

E per un’ultima volta
Energia pura come adrenalina
Sconvolgerà il tuo corpo

Elettroshock per curare 
Una volta per tutte

Una volta per sempre.

Altrove invece sono per il comfort…

Ti fanno sdraiare comodo su di un lettino
Quasi un check up.

Ti mettono aghi, fili
Ti iniettano morte.

Dead man lying….

Infine c’è chi ha la passione dell’antiquariato
Corda al collo e voilà
L’emozione della storia è servita.

E la civiltà è salva.

DANIELE VERZETTI ROCKPOETA®

17 commenti:

oblivious ha detto...

Io non dimentico e al livore gratuito ( non tuo) rispondo comunicando sic et simpliciter la mia scrittura. A non risentirci.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER OBLIBIUS grazie per riconoscere laica correttezza...

Lucrezia Ruggeri ha detto...

Penso, se ho capito bene, che questa tua poesia parla della condanna a morte.
Io sono contro la pena di morte: anche se uno fa cose orribili, preferisco passi la vita in prigione magari a spaccar pietre perché ad ucciderlo ci si abbassa al suo livello.
Bei versi!!!!
TVB (posso, vero?),
Luzia

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER LUZIA si è contro la pena di morte e condivido il tuo commento. Lo Stato mon feve uccidere. Puoi lol.

Nou ha detto...

Sono contro la pena di morte e ogni violenza. Ma pene severe.
Questa poesia esprime la giusta pietas e l' assurdità di una condanna estrema, oltre alla amarezza che le società, la civiltà occidentale abbiano bisogno di sacrifici umani.
...penso anche a tutte le vittime dei conflitti, ma l'argomento qui è la punizione di delitti e questa poesia mi ha davvero colpita.


franco battaglia ha detto...

Adesso c'è anche il farti affogare per legge nel Mediterraneo. Non dovevi partire, dicono. Quindi muori.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER NOU: bentornata, concordo con te ovviamente e ti ringrazio per il tuo bellissimo commento.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER FRANCO: e già, quella è un'altra triste e drammatica storia...

Patricia Moll ha detto...

Scelta difficile... pena di morte sì, pena di morte.
Ti confesso che a volte sarei io stessa a premere quel pulsante quando si commettono certe atrocità, quando si toccano persone non in grado di difendersi o li si fa soffrire le pene dell'inferno... sì, sarei proprio tentata.
Forse non avrei questa tentazione se le pene fossero giuste e certe. Se chi ha ucciso, violentato, torturato pagasse realmente per quello che ha fatto. Niente buona condotta, nniente uscite premio.
Carcere duro. Isolamento anche quando costretti a dissalare il mare

Ciao Daniele!

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER PATRICIA: il punto è che giustizia non è vendetta. Certo che dire no alla pena di morte non vuol dire non dare pene certe e severe a chi commette certe atrocità.

Patricia Moll ha detto...

Vendetta no, Daniele ma quando vedi un Bozano che per buona condotta viene rimesso in libertà dopo aver violentato e ucciso una ragazza e come esce ne violenta un'altra qualche domanda te la fai.
Ci vogliono pene certe, sicure, giuste ma basta permessi premio! Basta lavori fuori dal carcere!

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER PATRICIA: il punto è saper capire chi può e davvero è in grado di avere un procedimento di recupero e chi no, e soprattutto per reati gravi andare coi piedi di piombo nel fare certe concessioni invece che oggi sembra un gioco da ragazzi avere sconti di pena e permessi premio.

Patricia Moll ha detto...

Quello è un altro problema grande. Difficile capire con sicurezza chi ppuò essere recuperato e chi no. Ma quando violenti, stupri, torturi, uccidi no... non c'è recupero! Recupererà la morte quando sarà il momento.

marcaval ha detto...

Sono sempre stato e sono ancora contrario alla pena di morte ... poi ammetto che in alcuni frangenti l'emotività ha cercato di contraddirmi. Ma a freddo resto contrarissimo!

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER MARCAVAL: comprendo che a volte a caldo scatti la rabbia ma si deve restare freddi e soprattutto lo Stato non può essere vendicativo ma deve fare davvero giustizia.

antonypoe ha detto...

solito pungente sarcasmo. per sempre :)
buon giorno

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER ANTONYPOE: grazie!