domenica 7 dicembre 2014

L'Angolo del Rockpoeta: "NOW!"

NOW!

E se imbracciassimo le armi?
Quelle vere
Quelle che fanno più paura delle parole
Quelle che non risolvono ma sistemano
Quelle il cui linguaggio arriva a chi non capisce
E non vuol comprendere la forza della parola.

Eppure la parola è l'arma più potente dell'uomo
Travolge esistenze, cambia realtà
Accende vite e pensiero,
E' come l'aria
Quasi inafferrabile.

Ma se la parola non la puoi fermare
La puoi soffocare
La puoi banalizzare
Puoi stritolarla dentro occhi inespressivi
E volgarità venduta a basso prezzo per ribellione autentica.

E così tutti ci lamentiamo
Ma nessuno agisce
Nessuno ascolta voci di lotta e verità
Nessuno le ode
Se non sono di facile presa
Se ti raccontano che è dura
E che tutti dobbiamo agire in prima persona.

Nessuno ti ascolta se parli con cuore e testa,
Abbacinati da imbonitori xenofobi
E falso rinnovamento.

Ed allora se imbracciassimo le armi
Quelle vere
Quelle che hanno sempre offeso la Storia?

Forse è davvero quel momento
Anche perdendo avremo vinto lo stesso.

DANIELE VERZETTI ROCKPOETA
-----------------------------------------------------------------------------
Per Votarmi Su OKNOtizie Clicca QUI

8 commenti:

Raymond ha detto...

più amara la riflessione, oltre la provocazione, che sul finale ci invita a considerare che nulla di peggio ancora potrebbe minare l'"organico ammalato"... o provare a far ragionare "al rovescio" il pensiero per intercettare idee ormai occultate. Chi suo malgrado mercenario, costretto per fame o inedia ad eseguire un comando istintivo, prima di lasciarlo sopire, riemergendo in luce per ogni pericolo scampato. Non si combatte, ma si è combattuti, questo mi sovviene.
Un saluto Daniele. Raymond

Daniele Verzetti Rockpoeta® ha detto...

PER RAYOMOND: Provocazione-riflessione che è amara perché davvero avverto questo senso di rassegnazione ed inutilità.

Carlotta Dafne Giglioli ha detto...

Ciao Rockpoeta, sei un grande! Volevo chiederti cosa ne pensi di questo nuovo cantante che assomiglia a Vasco... io vorrei fargli un po' di pubblicità perché mi ispira!


http://ilgeneralista.com/2014/03/12/tiziano-motti-politica-e-rock-arriva-oggi-12-marzo-il-singolo-la-verita/

riccardo ha detto...

La tua poesia non è "solo" bella come tuo solito...
E non è neanche amara o rassegnata, ma è molto, molto lucida!
Dai tempi almeno della Rivoluzione francese, i poveri, gli sfruttati, gli emarginati e tutti coloro i quali avevano un cuore ed un cervello in buona efficienza (anche se da un punto di vista egoistico avrebbero potuto guardare dall'altra parte) ebbene, tutti questi uomini e queste donne non hanno avuto altra scelta che quella delle armi.
Scelta dolorosa ma obbligata, la loro.
Ma è dal loro sacrificio, lungo una linea che va appunto dalla grande Rivoluzione ai nostri partigiani, che abbiamo avuto un mondo decente.
Quello stesso mondo che ora tanti vorrebbero riportare indietro di almeno 200 anni.
Ed in parte, ci stanno riuscendo...
Un abbraccio
Riccardo

Daniele Verzetti Rockpoeta® ha detto...

PER RICCARDO: in primis bentornato :-))))

Quanto alle tue parole, complimenti, un commento sentito e molto lucido che condivido.

Daniele Verzetti Rockpoeta® ha detto...

PER CARLOTTA: sinceramente non amo che si venga da me a pubblicizzare altri soprattutto se politici e parlamentari europei come lui è e questo a prescindere dall'area politica di appartenenza anche se cmq non è la mia. Ti ringrazio invece dei complimenti che spero sinceri. E' una iniziativa benefica, anche io ho fatto raccolte fondi e quindi tutti noi cerchiamo di fare qualcosa.

Grazie per essere cmq passata da me ed avermi letto

Daniele

Guisito ha detto...

La scelta delle armi è sempre pericolosa, alla fine non risulta mai ben chiaro se hanno vinto quelli che le hanno usate o quelli che le hanno subite.

Daniele Verzetti Rockpoeta® ha detto...

PE GUISITO: si tratta chiaramente di una provocazione, ma è anche vero, storicamente, che spesso per avere qualcosa parola e lotta hanno dovuto ahimè quantomeno allearsi.