venerdì 18 luglio 2014

L'Angolo del Rockpoeta: " Vortici Di Buio"

L'odio porta a spirali di morte impensabili. La guerra è figlia dell'odio e della stupidità umana…

VORTICI DI BUIO

Ricordo quel sabato di sangue
I tuoi occhi spenti a terra
Ricurvi sulla loro vita perduta
Spalancati sui ricordi
Senza più un futuro

Ricordo sguardi metallici di divise marce
I tuoi vestiti stracciati
Pelle slabbrata
Capelli disidratati dal sole e da pulviscolo chimico.

E ricordo quante volte mi sono lavato
Per togliere quel sangue dalla mia pelle
Quel fetore di polvere da sparo dalla mia camicia
Ed il sale delle mie lacrime
Mentre ti tenevo stretta fissando i tuoi occhi spenti
Grandi e spalancati.

Raggi rosso sangue
Si spegnevano
Inghiottiti da un tramonto di morte
Che faceva luce oscura su tappeti di cadaveri.

Pochi metri ancora ed un'altra ferita mortale mi stravolge.

Ti vedo
Giovane
Innocente
Spento.

Vi accarezzo mentre vi raccolgo
Per terra sull'asfalto
Compagna e figlio
Uccisi tra i vicoli di un sogno
In Piazze Arcobaleno
O dentro Caserme nere come fasci oscuri di morte.

E le bandiere non hanno senso
Non hanno più colore
Sono solo nauseanti barriere
Contro l'amore e la vita.

E ricordo quel sabato di sangue
Ne ricordo ogni odore, ogni suono.

Ogni bagliore.

DANIELE VERZETTI ROCKPOETA
---------------------------------------------------------------------------------
Per Votarmi Su OKNOtizie Clicca QUI

4 commenti:

Anonimo ha detto...

L'unica bandiera che ha senso è quella arcobaleno.
Al3ph

Daniele Verzetti Rockpoeta® ha detto...

PER AL3PH: concordo.

guisito ha detto...

Forse esistono altri pianeti abitati. Pianeti a tema. Il tema del pianeta Terra è "La guerra". Ci si fa guerra a tutti i livelli. Si combatte uomo contro uomo, il leone contro la gazzella e il ragno contro la farfalla; la fillossera contro la vite e l'oidio contro l'orto, la morte contro la vita.

Daniele Verzetti Rockpoeta® ha detto...

PER GUISITO: una tesi interessantissima quasi da sceneggiatura per un film. Sposando la tu tesi, viene da dire che siamo capitati, con la solita sfiga che ci contraddistingue, nel Pianeta a Tema peggiore di tutti...