venerdì 28 dicembre 2012

OPINIONE DEL ROCKPOETA: Differenti Punti Di Vista

Un fatto: proposte affinché non si ripeta, diametralmente opposte.

Questa potrebbe essere, in sostanza, la sintesi del post che state per leggere. 

Della strage nella scuola del Connecticut dove hanno perso la vita  27 persone di cui 20 bambini credo tutti sappiano e si ricordino ancora. Ebbene, oltre ad Obama, molti di noi qui hanno subito pensato ed affermato come era oramai essenziale e non più procrastinabile, una legge che limitasse negli Stati Uniti l'uso e soprattutto l'estrema facilità di acquistare un'arma.

Ebbene, sarete sorpresi (ma forse conoscendo quel popolo non tanto) come invece in alcuni servizi si vedono ragazze, studenti, persone della vita comune americana, affermare che tutto quello é successo perché le scuole non sono protette e che (giuro testuale) "se anche gli insegnanti fossero armati ci penserebbero su due volte prima di fare certe cose".

Al riguardo permettete, in risposta, una provocazione: se applichiamo questo ragionamento, tanto vale farlo "bene". Io allora proporrei di dotare anche gli studenti di armi, hai visto mai che qualche folle li attacchi quando sono da soli nel tragitto per andare a scuola. Anzi, già che ci siamo stabilirei tranquillamente l'età minima per avere un'arma a 12 anni tanto ci sono già altre "civiltà" che hanno dimostrato che non ci sono problemi, (si pensi ai bambini-soldato).

E' ovvia l'assurdità di questo assunto e della pericolosa deriva che potrebbe prendere: in primis perché avere un'arma e saperla usare sono due concetti molto diversi. In secondo luogo, un folle non sta a pensare più di tanto se può trovare resistenza o meno va e colpisce. Inoltre, armandoci tutti si rischia solo di creare una guerra continua per le strade. E poi chi ci garantisce che una mattina qualunque, uno di quegli insegnanti fino a quel momento tranquilli non impazzisca arrivi in classe e con quella stessa pistola avuta in dotazione per proteggere se stesso ed i suoi alunni, non si metta a sparare all'impazzata ai bambini che ha davanti in aula?

Forse invece maggiori controlli su chi può impugnare un'arma e magari, questo sì,  pattuglie più presenti nei pressi di scuole ed asili,  potrebbero essere due piccoli passi in avanti per proteggersi da una follia, che proprio perché tale si definisce, é imprevedibile come un terremoto e per questo complicata a volte da prevenire.
-------------------------------------------------------------------------------
Per Votarmi Su OKNOtizie Clicca QUI

3 commenti:

La Mente Persa ha detto...

Lo Stato dovrebbe tutelare la vita e il benessere dell'essere umano. Le armi, per loro natura, nascono per attacco e non per difesa.
No, io non sono per la vendita libera.

egill-larosabianca. ha detto...

Disarmare l'americano medio e gli altri i ricchi la classe dirigente
terranno le armi ergo...non saprei-
Intanto auguri Daniele un anno con tutte le cose che aspetti Ciao
Eg








upupa ha detto...

Sempre contraria alle armi...gli americani dovrebbero riflettere di più...ne sono capaci?