giovedì 5 aprile 2012

OPINIONE DEL ROCKPOETA: Desperados Suicide

i casi aumentano. Suicidi per disperazione, disoccupazione o entrambe le cose.

I link non sono necessari, basta sentire anche i telegiornali e leggere i quotidiani. Solo ieri tre casi in zone diverse del Paese.

Una forma silenziosa di resa e non di rivolta. Siamo così scoraggiati, così privi di speranza così assediati dai problemi concreti dal non riuscire a combattere uniti ma ci si inizia ad arrendere.

Intanto a Genova tra un mese si vota per le Comunali e leggi le solite pantomime oltre a vedere cose davvero "curiose". Vinai, tanto per citarne uno, che si candida con una pseudo -lista civica ma in realtà é appoggiato dal PDL ed é anche un delfino di Scajola a quanto avevo sentito su un canale locale, tra i partiti che lo appoggiano ha anche Alleanza Monarchica. Basta vedere QUI dove si possono leggere i partiti che appoggiano i vari candidati (ben 13 tra cui pseudo comici come Orlando Portento sic...) per verificarlo.

Ma la crisi non fa sconti e non aspetta nessuno, tanto meno in una città come Genova che é da decenni in una situazione di disagio profondo.

Parole vuote senza senso, programmi con proclami ridondanti di maxi-opere inutili. Demagogia per convincerci con promesse stantie e ripetute negli anni.

Ed i centri italiani (salvo poche bellissime eccezioni) rispecchiano il Paese intero: unn nave alla deriva che affonda e con poche scialuppe di salvataggio rispetto ai "passeggeri" della stessa.

Il tempo a disposizione sta scemando: agire in fretta sarà necessario.

Un mio umile suggerimento per chiunque si accinga a candidarsi per qualcosa: mi permetto di regalare a costoro un mio slogan: "Io amministro, non governo".
----------------------------------------------------------------------------------------
Per Votarmi Su OKNOtizie Clicca QUI

3 commenti:

Ross ha detto...

"Il governo di occupazione di Tsolakoglou* ha letteralmente annullato la mia capacità di sopravvivere con una pensione dignitosa, per la quale avevo già pagato (senza aiuti pubblici) per 35 anni.
La mia età mi impedisce di dare una risposta decente individuale (senza ovviamente escludere la possibilità di essere la seconda persona a prendere le armi se qualcun altro dovesse decidere di farlo), non trovo altra soluzione che una fine dignitosa, prima di dover ricorrere alla spazzatura per sopperire alle mie esigenze nutrizionali.
Un giorno, credo, i giovani senza futuro prenderanno le armi e appenderanno i traditori del paese a piazza Syntagma, proprio come gli italiani hanno fatto con Mussolini nel 1945 (a Milano in Piazzale Loreto)".

Dimitris Christoulas, pensionato ex farmacista si è sparato in testa in piazza Syntagma, davanti la parlamento greco.

(*Georgios Tsolakoglou fu un ufficiale militare greco che divenne il primo Primo Ministro del governo greco collaborazionista durante l'occupazione dell'Asse nel 1941-1942).

nico ha detto...

Stessa, identica, amara riflessione che mi son ritrovata a fare anch'io.
I suicidi stanno aumentando in maniera esponenziale, e temo questo sia solo l'inizio.
Ho paura dei tempi che verranno, Daniele: per me, ma soprattutto per mio figlio. E non solo.
Mettiamola così, via: io sono un'inguaribile pessimista. :/

ps. Portento sarebbe il tipo del "tricche e ballacche"??

Daniele Verzetti, il Rockpoeta® ha detto...

si NICO é proprio lui sic....