domenica 19 giugno 2011

OPINIONE DEL ROCKPOETA: Pontida, Tanto Timore Per Nulla...

Mentre dal Carcere di Marassi per ora tutto pare tranquillo, spostiamo e puntiamo i riflettori su un altro avvenimento "importantissimo"....

Parafrasando Shakespeare, tanto timore per nulla. Così potremmo in sostanza riassumere il discorso di Bossi a Pontida e quanto la Lega ha detto da quel pulpito padano.

Tanto timore per nulla in quanto la Lega ha dichiarato che non farà cadere adesso il Governo, anche perché se si andasse a votare ora "vincerebbe la sinistra" (parole di Bossi).

Il partito del Carroccio si é quindi limitato a farfugliare, per bocca del suo Capo Supremo, qualcosa sul fatto che se non si realizzeranno alcuni punti programmatici distribuiti per conoscenza al popolo leghista di Pontida tramite volantini, non é così scontato (quindi badate bene non ha detto "sicuramente") che alle prossime elezioni il leader del Centrodestra sia Berlusconi ed inoltre non é detto, che la Lega segua il Pdl e si allei al partito del Cav. alle prossime elezioni politiche nel 2013.

Quindi nessuno stop alla guerra in Libia, Ministeri che resteranno a Roma, ecc..... D'altronde se l'unica "minaccia" possibile ossia la caduta del Governo non é di fatto percorribile per stessa volontà di Bossi & Co., su quale punto potrà far leva il leader leghista per farsi ascoltare?

Pertanto si evince che, per la Lega, il Governo non cadrà e resterà al suo posto fino a scadenza della legislatura e tutto proseguirà con sterili balletti, simulate alzate di voce e illusorie minacce di elezioni anticipate.

Falso allarme quindi, se mai c'é stato realmente allarme vero....
-------------------------------------------------------------------------------------------
Per Votarmi Su OKNOtizie Clicca QUI

6 commenti:

Sergio ha detto...

Titolo veramente azzeccato!

Bastian Cuntrari ha detto...

... ma è proprio l'assurdità delle richieste avanzate sul volantino - con scadenze temporali inverosimili - che invece mi fa supporre che qualcosa bolla in pentola, Daniele!

Alla fine del suo discorso - che ho ascoltato in diretta, sigh! - Bossi ha detto al "suo popolo" di non dare nulla per scontato sul governo di B., e ha rifatto il pollice verso: era una balla dunque che, qualche giorno, fa fosse all'indirizzo dei giornalisti...
E quello è stato il passaggio più applaudito.

Se, come affermano, vogliono dare ascolto alla base, io non metterei la mano sul fuoco che la Lega (non Bossi personalmente, ma per interposta persona) non sia proprio sul punto di staccare la spina!

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER BASTIAN: già altre volte le Lega ha fatto "sperare" in un abbandono ma poi.... ricordati che l'ha detto lui stesso che non vuole le elezioni anticipate perché ora vincerebbe la sinistra. Poi nel 2013 si vederanno gli scenari del momento ma se qualcuno sperava che le Lega avrebbe fatto cadere adesso il Goveno temo si debba ricredere.

Ornella ha detto...

Dalle parole di Bossi si evince che a farsela sotto non è solo Berlusconi ma lui in primis, ecco perchè farà di tutto per non far cadere il governo! Ma il popolo che li segue è davvero così fesso da dar credito a dei ministri che attaccano il governo di cui fanno parte e di cui hanno approvato tutte le malefatte?!

Niente Barriere ha detto...

Da ricordare solo due cose: finalmente è uscito allo scoperto Maroni (si era nascosto male in questi mesi :D) e quel branco di idioti che sono stati inquadrati e che avevano la bandiera (noi si che siamo un popolo che molto probabilmente tra una decina d'anni se ne andrà per i fatti suoi, al contrario loro che un popolo non è) della mia Terra. Questi ultimi sono gli amici di quelli che si pappano i soldi sporchi frutto dal gemellaggio mafia russa/ndrangheta/milanese che poi vengono rinvestiti in Sardegna con immobili vari e tra le altre cose sottolineo parchi eolici e fotovoltaici offshore.

Ernest ha detto...

la lega parla come se fosse all'opposizione, sono imbarazzanti e hanno anche stufato con ste pagliacciate con tanto di elemtto.
Vogliono fare i rivoluzionari prendendo lo stipendio da Roma