domenica 16 gennaio 2011

OPINIONE DEL ROCKPOETA: Le Differenze

Prima Repubblica: rubavano tutti (o quasi) stragi e scandali impuniti non mancavano (Ustica, Italicus, per es...), la criminalità organizzata era fiorente anche all'epoca (oggi più 'Ndrangheta che Mafia e Camorra, ma pur cambiando gli interpreti il il panorama resta immutato) ma "almeno" gli incompetenti, pur se "assunti" e trascinati dentro il baraccone della politica, venivano messi in "stanze" dove non potessero nuocere.

Oggi invece anche gli imbecilli hanno un ministero e fanno danni incalcolabili, non per tornaconto personale ma proprio per ingnoranza ed incapacità.


A proposito, volevo anche augurarvi, vista l'ora, "semplicemente" Buon Appetito......
--------------------------------------------------------------------------------------------------------
Per Votarmi SU OKNOtizie clicca QUI

16 commenti:

Bastian Cuntrari ha detto...

Ho appena letto la notizia sul blog di Arcureo: i danni che riesce a fare la crassa ignoranza sono di gran lunga peggiori di quelli che può dolosamente mettere in pratica un'astuta mente criminale.
In che mani siamo, Daniele!

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER BASTIAN: sono andato a leggere il suo post. Sono contento che qualcuno che nei blog parla di questa assurdità realizzatasi, ci sia!

Ross ha detto...

Che coglione.
L'inettitudine di certi (tanti) individui di questo governo è più letale del botulino...

Aries 51 ha detto...

Cancellazioni come questa o, tanto per citare, quella riguardante la costituzione di banda armata e, a mio parere, tante altre che scopriremo piano piano nel tempo, non sono sicuramente sbadataggini.
Servono a cancellare processi già in atto o in fase preliminare. Non metto in dubbio l'imbecillità del muppet leghista e ridanciano, penso solo che il suo lavoro sia di apporre firma, non di scegliere ciò che va cancellato. Stesso discorso varrebbe per la riforma firmata dalla Enterogelmini. E' giusto che questi mentecatti siano sputtanati e insultati pubblicamente, in quanto sono loro i teatranti che calcano il palcoscenico e recitano la commedia, ma non perdiamo di vista i costumisti, gli sceneggiatori ed i registi. Quelli che non si espongono.
Buona domenica a tutti.Ciao Daniele.

SCHIAVI O LIBERI? ha detto...

Vergogna!!!!

fabio r. ha detto...

ogni volta che pensoa Calderoli ministro (o a Borghezio deputato UE) spero di star sognando e poi svegliarmi da un incubo...

Daniele Verzetti, il Rockpoeta® ha detto...

PER ARIES 51: concordo con te sul principio in generale, nello specifico non credo che permettere l'adulterazione dei cibi possa avere qualche riscontro utile per Calderoli e Soci.

Credo che per cancellare leggi che loro non vogliono più tra i piedi non si facciano scrupoli di quello che c'é intorno e che possono spazzare di rilfesso o perfino direttamente.

Sergio ha detto...

L'ignoranza porta al potere gli ignoranti!
E più sono ignoranti più credono di essere dei "numero uno"!

giudaballerino ha detto...

L'idiozia, purtroppo, fa molti danni. Troppi danni.

Mr. Tambourine ha detto...

Mi hai fatto andare di traverso la cena, amico mio.
;)

alianorah ha detto...

Della serie "si stava meglio quando si stava peggio".

l'incarcerato ha detto...

Eppure c'è una grande sostanziale differenza tra la prima e seconda repubblica. Prima era la criminalità organizzata che chiedeva favori ai politici, ora è esattamente il contrario. Ancora più grave!

Un abbraccio Daniele!

Ernest ha detto...

l'elenco è davvero infinito daniele, infinito...

Adriano Maini ha detto...

Tira un'aria da corte imperiale alla Catilina, quello che fece senatore un cavallo.

Alessandro Tauro ha detto...

Oramai non ci resta che invidiare, rimpiangere e attendere il ritorno di personaggi come i peggiori esponenti politici della Prima Repubblica.
Sembra un paragone semplicistico, ma fino a prova contraria il furto, perpetrato in maniera massiccia allora tanto quanto oggi, aveva lo scopo di rimpinguare i fondi dei partiti di appartenenza e non sempre le proprie tasche personali. I peggiori uomini di Stato continuavano ad avere un senso dello Stato pari a 100 volte quello che nutre un uomo di governo oggi.
Allora la politica era poco aperta alle persone volenterose, ma di fatto i dilettanti della politica, le "amichette" e gli improvvisati amministratori della "cosa pubblica" non avrebbero avuto neanche mezza chance di guidare un paese.

Sono riusciti a farci rimpiangere le pagine più buie del nostro paese. Immaginate cosa può significare per alcuni cittadini l'idea, l'ipotesi, la possibilità di un mondo politico tutto nuovo...
Nulla di trascendentale, semplicemente la normalità. Da noi, a costo di dire un'ovvietà, sarebbe rivoluzionaria.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER ALESSANDRO: BEN TORNATO e scusa se non hai visto il tuo commento pubblicato. Blogspot per qualche assurdo motivo l'aveva considerato spam!!!!!! Non ho parole

Scusa se me ne sono accorto con ritardo

Daniele