sabato 9 ottobre 2010

OPINIONE DEL ROCKPOETA: Il Fascismo Vaticano

Leggo il blog di Tina e trasecolo! Vi invito a leggere il suo post e vedere il video e la ringrazio per aver dato voce e spazio a quanto successo al proprietario della Libreria Altroquando di Palermo.

Oramai possiamo tranquillamente etichettare il comportamento del Vaticano e di questo Governo, come fascista!
Basta connivenze e alleanze tra Poteri laici (ma dove?) dello Stato e la Chiesa Cattolica!

Vediamo i fatti: Natzinger arriva a Palermo e cosa succede? Che non si possono esporre neanche parole di dissenso contro il Papa, ma, badate bene, non termini offensivi (tipo "pedofilo" o altresì volgari) ma parole del Vangelo!

Eh sì, perché la frase incriminata é la seguente:

Matteo 21,13:
"La mia casa, é casa di preghiera, ma voi ne avete fatto una spelonca di ladri".


E fate attenzione ad una cosa: lo striscione era esposto sul balcone della casa privata del titolare di quella libreria quindi ritengo, come anche altri sostengono, ci volesse quantomeno un mandato per rimuoverla non essendo luogo pubblico. Detto questo, rimuovere quella frase é assurdo, oltraggioso e fascista! E ricordiamoci che DIO non ha mai detto che voleva la Chiesa.
ed infatti Gesù ed i suoi Apostoli, predicavano per strada alla gente e non costringendo a credere ma convincendo ad amare ed abbracciare la fede.

Per andare nel dettaglio potete andare sia sul blog di Tina (link all'inizio del mio post) che su questa pagina web de "Il Fatto Quotidiano".

Parlo anche di Fascismo Vaticano perché dubito che il Pontefice non fosse d'accordo, anzi, non abbia chiesto lui stesso di rimuovere ogni fastidioso elemento di dissenso dalle strade (ma non solo visto il caso della libreria...) di una bellissima Palermo.

Io sono stanco di assistere ripetutamente a violazioni della libertà individuale e comportamenti da regime feudale.

Il fascismo non lo vogliamo più! Né in versione laica, né cattolica!

Daniele il Rockpoeta
---------------------------------------------------------
Per Votarmi Su OKNOtizie Clicca QUI

15 commenti:

calendula ha detto...

per una volta devo dissentire almeno in parte, premetto che sono un'atea convinta, mi ritengo però abbastanza superpartes, e devo dire che si in effetti è assurdo che qualcuno abbia fatto togliere lo striscione, ma non penso che sia stata una decisione del papa, non attribuirgli tutto questo potere, o più semplicemente tutto questo interesse alla censura, so bene che non ha un viso simpatico che certe sue posizioni moolto radicali posso risultare inaccettabili ma ho l'impressione che abbia una mentalità molto più aperta e accodiscendente di quanto si possa credere, ho letto molti libri sul vaticano e ti dirò che le porcate che ha combinato il " papa miracoloso polacco" sono gigantesche, e per quanto ricordo invece ratzingher ( viene facile chiamarlo nazi con quel terribile accento tedesco!!!ahahhh) è sempre stato molto fuori dai giochi, per quanto riguarda la mentalità aperta a mio parere è probabile non dimentichiamoci che studia filosofia da una vita....
ora non voglio giustificare nessuno, e mal sopporto il presenzialismo vaticano nella vita politica e sociale dell'Italia, ma non è tutta colpa del papa, dai un occhiata nelle parrocchie... la maggior parte dei preti sono degli ignoranti senza speranza e le persone di cui si circondano sono peggio di loro... nulla di strano che la decisione di levare lo striscione sia arrivata da molto in basso...
PS: scusa ti ho intasato il blog!!!

Daniele Verzetti, il Rockpoeta® ha detto...

PER CALENDULA: Ciao! nessun intasamento LOL

Il tuo dissenso parziale in parte lo condivido. Probabilmente é vero che sarà stata anche una decisione un po' troppo zelante, ma gli atteggiamenti di potere e controllo che il Vaticano (bada bene non solo Ratzinger, ecco perché il titolo del post parla di Fascismo Vaticano) esercita sui politici che ci governano e cerca di esercitare anche su altre fasce della società (pensiamo a chi contra legem sei rifiuta di fornire la RU486 quando non é uno strumento abortivo e quindi non é ammissibile l'obiezione di coscienza).

Nessuna santificazione del Papa Polacco anche se ha fatto la Storia..

Non é l'accento che mi fa scrivere certe cose, ma certi suoi concetti. Io non ho mai chiamato il Cav "psiconano' per es per ragioni fisiche.

Peraltro ho apprezzato l'attacco di Ratzinger alla Mafia. Parole importanti e significative.

Quanto allo striscione, io trovo che oramai sia ora che chi con comportamenti concludenti da padrone, induce poi altri ad avere comportamenti non richiesti ma per zelo ritenuti apprezzati,venga cmq indirettamente ritenuto responsabile. Avrei per es. gradito una nota del Vaticano, una semplice nota che biasimasse questo accadimento.

Che poi ci sia la vergogna di media che hanno ignorato la notizia, anche questo é un altro discorso che andrebbe affrontato.

Ciao e grazie per questo tuo commento interessante, stimolante e civile.

A presto
Daniele

Bastian Cuntrari ha detto...

Sai Daniele? Credo che proprio il titolo del post possa aver ingenerato la doppia lettura. "Fascismo Vaticano" (il Vaticano fa togliere lo striscione, ipotesi che - giustamente - Calendula contesta). E "Fascismo Vaticano" nel tuo intendimento, e cioè quell'ingerenza che l'oltre Tevere riesce comunque e sempre ad esercitare - anche senza muovere un dito - su una pletora di zelanti baciapile, ansiosi di dimostrare la propria ortodossia.
Dunque appropriato il commento di Calendula e altrettanto la tua replica.
E chiunque abbia ordinato la rimozione dello striscione dovrebbe solo vergognarsi.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER BASTIAN: ottima sintesi e perfetta lettura del mio post.

Carmine Volpe ha detto...

sono daccordo con te, il togliere la frase è un pretesto di forzatura per dimostrare il potere dove stà e dove bisogna allinearsi, segnali pericolosi e sconfortanti

Saamaya ha detto...

il fascismo si nasconde sotto molte bandiere; sotto varie cravatte e dietro recitati sorrisi.

Alberto ha detto...

Ripeto quello che avevo scritto da Tina.
Quando vedo il papa che passa tra le sue pecorelle dentro la papamobile appare l'abisso sempre più incolmabile che lo divide da quell'uomo che dicono misero sulla croce duemila anni. Uno in papamobile, l'altro sulla croce tra due ladroni.

Bastian Cuntrari ha detto...

@Alberto, semplicemente splendido il parallelismo!

Mk ha detto...

Avevo letto la notizia e mi ero meravigliata ma non più di tanto,bypassando l'indignazione che ci accompagna quotidianamente per ciò che personaggi che rappresentano nel bene e nel male il nostro paese, in realtà lo rispecchiano solo in peggio.Come quando si parla di napoli e si evoca automaticamente la munnezza.Paro paro.E ogni riferimento non è puramente casuale.

Vincenzo Cucinotta ha detto...

Anch'io penso che la responsabilità vada attribuita a chi compie un'azione. Quando il Parlamento o singoli partiti mostrano un atteggiamento servile verso la chiesa, è a questi politici che dobbiamo presentare il conto, sono loro che hanno abdicato alle proprie prerogative. Allo stesso modo, spero che la procura di Palermo vorrà aprire un'inchiesta a carico di quei funzionari che hanno compiuto queste azioni di prevaricazione, violando diritti costituzionali.

Adriano Maini ha detto...

Distanza tra Vangelo ed attuale comportamento della Chiesa, ma anche mentalità poliziottesca, che in parte spiega perché la mafia là sia sempre così forte.

Romina ha detto...

Concordo con Calendula.

Aggiungo che so di essere molto impopolare, ma preferisco Ratzinger al suo predecessore, perché è intelligente, molto dignitoso, austero, profondo e dotto. Ha classe.

Detto questo, io resto agnostica e la mia concezione dello Stato resta laica. ;)

Francy274 ha detto...

Non è certo un mistero che le relegioni sono sempre state e sono assolutiste. Hanno sempre esercitato l'imposizione al credo.
In Occidente hanno percorso una parvenza evolutiva nell'andare dei secoli, data dalla forza del pensiero di uomini liberali che avevano trascinato folle nel loro stesso coraggio di esprimere il dissenso.
L'astuzia ha spinto i capi religiosi, uomini molto istruiti e colti, a sfruttare mezzi e risorse dei liberali come fossero sorgente dello stesso credo, mantenendo e rafforzando sempre più il loro potere.
Non è un mistero che la Chiesa ha sempre appoggiato i regimi dittatoriali e le associazioni malavitose, essa stessa con i suoi alti prelati è parte importante delle varie massonerie sparse nel mondo.
La criminalizzazione del dissenso che vige in Italia, con l'avvento Berlusconi, è servita su un vassoio d'argento per la Chiesa, che non può non approfittarne, tutto come ai bei tempi del medioevo. Che Ratzinger sapesse o meno di quanto stava accadendo ai danni di quei due cittadini è irrilevante, non mi pare che abbia pronunciato frasi di scuse, visto che il fatto è ormai di dominio pubblico.
Tina non ha messo nel suo post che la santa visita a Palermo è costata ai cittadini italiani la bellezza di due milioni di euro.
Le parole contro la mafia di Ratzinger.. ma mi faccia il piacere!!!
A tale proposito potrei scrivere fino a domattina, ma penso di avere già esagerato :)
Buona Notte Daniele e...

perdonami se sono stata logorroica, il tema "religione".. mi fa andare a ruota libera.

Tina ha detto...

Posso dire la mia? ;-))

Il mio post diceva:

Se i suoi spostamenti devono causare sopprusi, rastrellamenti fin dentro le case, violazioni all’articolo 21 della nostra Carta Costituzionale…lavoro extra dei pompieri per rimuovere striscioni riportanti i versetti dei vostri vangeli, che vi stanno sul lato B…stia nel suo recinto dorato chiamato città del vaticano.

E resto dell'idea che se tutte le volte che lui esce, la digos passa a setaccio i luoghi che lui decide di visitare...se ne stia a casa sua.

Ti ringrazio per la citazione Daniele, resto dell'idea che qualunque cosa dica, non è certo a favore della vita terrena, non essendo credente, nel rispetto di chi crede, le chiese ci sono, che canti le sue messe la dentro.
Notte Buona a tutti

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER TINA: condivido anche perché con la scusa di controllare per ragioni di sicuezza poi invece vanno oltre e calpestano i diritti fondamentali di ognuno di noi.