mercoledì 31 marzo 2010

OPINIONE DEL ROCKPOETA: "Ma Dobbiamo Ancora Parlare Del Voto?"

Perché parlare di elezioni? Molti di voi hanno fatto nei loro blog una disamina molto chiara (cito su tutti Alessandro Tauro al riguardo e vi rimando al suo post) ed inoltre oramai io faccio sempre più fatica a scrivere di dati e numeri che poi sono evidenti già ad una prima lettura salvo interessanti eccezioni (ecco perché vi ho invitato a leggere Alessandro).

Io la politica l'ho sempre concepita come strumento per risolvere le questioni sociali di un Paese e quindi é di quelle che ho spesso preferito parlare.

Di solito lascio il mio video un paio di giorni ma oggi faccio un'eccezione: é chiaro che certi temi emozionano meno di altri, sono più scomodi, forse dividono anche, ma certe realtà vanno affrontate, di certe realtà bisogna discutere e non invece mettere la testa sotto la sabbia come gli struzzi.

Ecco perché, fatto salvo questo piccolo cappello introduttivo, io voglio parlare di tematiche sempre d'attualità ma sociali: per es. di come la CEI stia "miracolosamente" aprendo gli occhi.

Di come probabilmente lo fa per dare in pasto allo Stato ed alla gente i pesci piccoli cercando forse di impedire di arrivare alla fonte di chi ha operato e lasciato operare in modo squallido permettendo che la pedofilia avesse ampio spazio anche in luoghi dove i bambni dovrebbero ed avrebbero dovuto sentirsi assolutamente protetti ed al sicuro. Leggete pure qui ma questo é solo l'ultimo dei molti casi che stanno venendo finalmente alla luce uscendo da quello squallido buio, squarciando quella ignobile cortina di fumo figlia di una vergognosa omertà purpurea.

Intanto dal tentativo di revisionismo scolastico di cui avevo scritto e che aveva lanciato come proposta Dell'Utri un paio di anni fa siamo arrivati all'ennesimo tentativo di sparizione magica della Resistenza. In realtà siamo noi in malafede: il non aver inserito nei programmi dei licei la Resistenza é soltanto perché era sottintesa. Partendo dalla condivisioni di questo assunto, io allora inizierei a ritenere implicitamente scontati anche i voti. Per cui sono sicuro che tutti coloro che non hanno votato a queste elezioni lo hanno fatto perché si sono dimenticati che era questo weekend che dovevano recarsi alle urne. Ergo chiedo anche per loro (come é successo per Formigoni e la Polverini) che siano riammessi a votare. Anzi faccio di meglio: intuisco e decifro implicitamente il loro voto: avrebbero sicuramente votato contro il Centrodestra e tutti avrebbero scelto la Bonino. Quindi nel Lazio ha vinto la Bonino. Altrove... che dire Formigoni no comment ma anche il suo avversario...E' questo il vero problema: io stesso non saprei dove far convogliare davvero quella percentuale consistente di astensionisti.

In mezzo a questo nauseabondo tanfo di marciume, uno spiraglio quasi miracoloso: Napolitano non ha firmato il Ddl sul lavoro. Soprattutto fa specie la parte in cui si prevede la possibilità di una risoluzione delle controversie con il datore di lavoro tramite arbitrato. Insomma anche Napolitano ha potuto vedere la violazione che queste norme comportanto nei confronti dell'art. 18 dello Statuto dei Lavoratori. I dubbi quindi che il Quirinale aveva manifestato un paio di settimane fa sono diventati certezza e quindi hanno portato a far rinviare alle Camere quel Ddl. Vedremo gli sviluppi che seguiranno.

Infine una "triste notizia" (LOL) per tutte le fanciulle del blog: Ricky Martin ha fatto coming out dichiarando orgogliosamente di essere gay.

Fatevene una ragione LOL!

Daniele il Rockpoeta

PS; per vedere cmq il mio l'ultimo episodio di Rockpoeta On The Road basta cliccare QUI :-)))
-----------------------------------------------
Per Votarmi Su OkNotizie Clicca QUI

17 commenti:

Niente Barriere ha detto...

Ciao Daniele, anche io che sono sempre positivo, comincio seriamente a pensare che non ci libereremo mai di questo ciarpane partitico clientelare catodico che è il vero cancro del nostro sistema politico.
E invece no, io sono testardo e penso che noi abbiamo in mano uno strumento (internet) che loro non immaginano minimamente dove e cosa può fare, e dove può arrivare, alla facciaccia loro (chiedete al PD):D
Sulla chiesa hai pienamente ragione (chiesa doverosamente con la c minuscola)peccato che loro si dimenticano del tutto, delle tantissime vittime che porteranno dentro per sempre le violenze subite. Dovrebbero anche spiegarci perché continuano a stare continuamente a braccetto con persone che parlano di famiglia, di legalità, di democrazia e quant'altro, quando questi sono beccati tutti i giorni con le mani nella marmellata ...mi fermo in quanto esagererei con lo scritto LOL
beh ... di Napolitano stendo un velo pietoso (qualcosa dovrà pur fare oltre a dormire LOL) e ..di ricky martin giustamente saranno affari suoi. (Saranno contenti i conduttori di talk show e la casalinga di Voghera)

Ciao e Buona Giornata ^^

Lucien ha detto...

Questa è vergognosamente demenziale: la resistenza sottointesa!
Sarà che vengo da una zona in cui è un valore più sacro della comunione.
Ma dopo la sparata del nano riguardo la sconfitta del cancro, tutto è possibile in questa Italia ridicola.

giudaballerino ha detto...

Napolitano non ha firmato? Incredibile. Devo fare i complimenti a chi gli ha rubato tutte le penne :D
Scherzi a parte, finalmente un segnale d buonsenso da parte della più alta carica dello Stato

fabio r. ha detto...

proprio oggi leggevo la notizia della misteriosa "sparizione" della resistenza dalla scuola e mi è tornato in mente - esattamente come a te - il "progetto dell'utri di qualche anno fa (parentesi dell'utri: un giorno con calma cogliamo parlare della strana faccenda legata a Paolini e Petrolio..che ne dici? ci pensi tu?) e, conseguentemente, ho ripensato anche al famoso progetto di rinascita di Gelli, dove questo lento ma deciso oblio pilotato era alla base della nuova ideologia. Strano eh?
mettila un po' come vuoi Dichter, ma la merda, a rimestarla anche dopo tanti anni, ancora puzza..

Guernica ha detto...

Beh, se avesse firmato anche questa volta...non so!
In tutto questo marasma c'è un particolare che mi inquieta.Il fatto che il Premier abbia velatamente fatto allusione a conferire più poteri al Capo dello Stato.
Stai pensando quello che penso io???
Delle elezioni non mi importa un fico secco onestamente.Hanno davvero stancato.Più interessante invece la notizia su Martin! Caspita...avevo quasi scoperto il suo numero di telefono privato!:D

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER FABIO R: di Pasolini e Petrolio ha parlato se non erro l'Incarcerato di recente. Cmq parlare di Pasolini à sempre importante. E' un'altra vicenda oscura ancora con molti lati oscuri.

Minuccio ha detto...

Hai ragione Daniele, è la struttura del tuo post, che apre e chiude con le elezioni, conferma il mio pensiero. Le elezioni sono contemporaneamente la prima e l'ultima fase della politica reale.
La prima, perchè da lì dovrebbe partire onestamente l'attuazione dei programmi politici; l'ultima, perchè è dovrebbe significare il risultato, in termini di voti, di ciò che si è realmente fatto.
In mezzo, la realtà delle cose, che troppo spesso passivamente subiamo, nonostante la gravità di certi fatti che dovrebbe farci reagire.
Ciao.

P.S.: mi permetto di linkarti ;-)

Fernando pannone Pessoa ha detto...

Sono convinto che per sconfiggere questo sistema politico, occore una lotta culturale senza precedenti...purtroppo l'ingnoranza è il sale che alimenta la politica che ci governa, la paura di cambiare fa il resto...un caro saluto da Tony.

Kylie ha detto...

Il problema della pedofilia c'è da sempre, spero che questo scossone aiuti.
Per quanto riguarda Ricky Martin la notizia me l'ha data il mio collega ieri direttamente dal sito dell'Ansa.
Me ne farò una ragione, he he he...

Buona serata!

upupa ha detto...

Politica e chiesa ...due cose da abolire!!!!!!!!!!!

Gians ha detto...

Ma vuoi vedere che la resistenza oramai la si studia solo come componente elettronico negli istituti tecnici? ;)

Romina ha detto...

Che ne dici di un decreto interpretativo per decifrare i possibili voti di chi si è astenuto? Ovviamente si tratterebbe di un decreto interpretativo secondo i voleri del messia di Arcore. Ha vinto il partito dell'amore, che vuoi di più? D'ora in poi, sarà amore per tutti! Avremo un'Italia inondata d'amore.

Quanto a Ricky Martin, lo sapevamo da tempo. ;)
A me piace molto un altro cantautore latino gay (sebbene non l'abbia ancora esplicitamente dichiarato, "si sa" bene che lo è) ma non me ne faccio un problema. Se uno è bello e carismatico, resta tale. :-P

Ciao e baci!

Efesto ha detto...

Finalmente Napolitano ha avuto un sussulto di consapevolezza e si è ricordato delle sue origini.
Nella nota che ha inviato alle camere ha parlato della necessità di tutelare il contraente più debole. Era ora che qualcuno ponesse l'accento sulla debolezza dei lavoratori, sulla diminuzione delle tutele, sugli arbitri a cui sono esposti quotidianamente.
Ho paura, però, che il Parlamento non faccia propri tutti i rilievi mossi dal Presidente e che approvi una legge che nella sostanza manterrà i punti salienti della legge respinta.
Spero di sbagliarmi.

sonogrimilde ha detto...

A volte mi chiedo se abbia ancora un senso scandalizzarsi delle meschinità che accadono quotidianamente. In fondo sarebbe più semplice abituarsi alla pedofilia, alle violenze sessuali tra gli alunni, alla corruzione, al nepotismo, alla discriminazione del diverso, al revisionismo, al travisamento dei fatti, alle bugie etc., etc., etc.,
Perchè ci ostiniamo a contrastare la nostra società, è questo il percorso voluto dalla maggioranza. Noi siamo solo nostalgici che si ostinano a credere che possa realizzarsi un'utopia che nessuna società umana ha mai voluto realmente.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER ROMINA: Troppo amore soffoca però lol..... soprattutto se viene dal Cav e dai suoi seguaci.... :-)))

PER GIANS: strepitosa la tua risposta! Sto ancora ridendo alla grande! Il fatto é che si sta tischiando che la tua sagace battuta rischi di trasformarsi in verità...

PER MINUCCIO: disamina assolutamente corretta. Benvenuto in questa Agorà. Grazie per il link, mi sono permesso di fare altrettanto visto che ho trovao il tuo blog particolarmente interessante. Ciao!

enne ha detto...

Ai miei tempi sui libri di storia non c'era cenno alcuno alle Foibe, Daniele. C'è voluto più di qualche anno perchè tanti e tanti giovani italiani sapessero, finalmente, cosa fossero.
Non era bello neanche questo, non trovi?
Nessuna vicenda storica si dovrebbe ritenere sottintesa. Mai.
Ma mai in un senso solo.

Daniele Verzetti, il Rockpoeta® ha detto...

PÊR ENNE. sono d'accordo ma non é un buon motivo per iniziare a sottindere la Resistenza, proprio adesso poi , di questi tempi....

Ciao :-)))
Daniele