giovedì 25 febbraio 2010

OPINIONE DEL ROCKPOETA: A Briglia Sciolta

Ok rassegnatevi. Oggi post molto ricco e pieno di notizie. Scusate se le concentro tutte insieme ma ritengo siano tutte legate da un filo unico: si tratta di melma che asfissia le vie respiratorie di tutti noi condannati a vivere dentro questa Palude che si chiama Italia.

Questa volta non potevo non partire dallo scandalo che investe Fastweb e Telecom (più precisamente una società interamente controllata da Telecom ossia la Sparkle): se si trattasse "solo" di una vicenda legata ad una truffa fiscale sarebbe di per sè già sconvolgente. Ma qui si parla anche di riciclaggio di denaro sporco e di Ndrangheta. Intanto in questa inchiesta c'entra anche Di Girolamo eletto con i voti della "società calabrese" sopra citata, voti che pare non bastassero neanche a farlo eleggere se sembra addirittura che siano anche state "corrette" con un... piccolo segnetto (dicesi X o crocetta) alcune schede bianche.

Voglio proprio vedere se anche questa volta sarà negata l'autorizzazione a procedere. Se così fosse scusate ma verrebbe quasi voglia di agire tutti in prima persona e "creare" le B.B.G - lollino - (Brigate del Buonsenso e della Giustizia), totalmente apolitiche o meglio non schierate nè con il PDL e neanche con il resto del Parlamento. Magari non usando pallottole vere ma sostanze oleose che sporcassero i loro abiti e potessero cancellare le loro marce coscienze. In realtà la violenza non pagherebbe e non paga mai, ma. tornando seri, almeno una reazione veemente e decisa della gente paralizzando il Paese, io la vorrei vedere.

Peraltro, a proposito di liquame oleoso, va detto che non avremmo problemi a procurarcelo poichè ne abbiamo in grandissma quantità. Basta "pescare" nel fiume Lambro....

A tal riguardo vorrei dire agli amministratori comunali, provinciali e regionali di tutto il Paese, che invece di venirmi ad ammorbare su quanto sia utile una domenica senz'auto come se bastasse quello per salvare il pianeta e come se le auto, da sole, fossero il demonio e rappresentassero la madre di tutte le cause dello smog, sarebbe il caso che colpissero raffinerie e imprese che inquinano oltre a porre attenzione al fatto che certe aree e certi impianti siano sorvegliati meglio per evitare magari anche attentati criminosi di folli, eventualmente.

Da un po' di tempo a questa parte, poi, quando ho notizia di scandali come quello legato alla telefonia o anche a Bertolaso e soci, mi chiedo se anche questa volta tutto poi verrà occultato in un ovattato silenzio non sapendo mai la conclusione di tutto.

Eh sì, perchè noi di molti scandali ci interessiamo e, soprattutto, sappiamo ogni cosa dai media (ogni cosa, quello che a volte ci vogliono far sapere) nelle fasi iniziali. Ma poi la faccenda non finisce lì, ha un suo sviluppo e, di solito, anche una sua conclusione. Ma noi di quelle non sappiamo quasi mai nulla.

Per es, di Ottaviano Del Turco e di quello scandalo che lo travolse tempo fa, cosa sapppiamo? Come si è conclusa la vicenda? A che punto sono le indagini? Si è ridimensionato tutto (ed in tal caso viene da chiedersi.: insabbiamento o innocenza reale?) oppure no?

Ma è solo un esempio. Tantissimi altri potrebbero essere fatti a sostegno di questa mia tesi.

Intanto Google è condannato per quel video che girò in rete per pochi mesi nel 2006 (e che io non avevo visto) di un bambino down vessato da suoi compagni di classe. Violazione della privacy per non averlo rimosso per tempo ma in realtà sembra più una condanna per non aver preventivamente impedito la sua diffusione. Questa la sentenza di primo grado. Sentenza che mi lascia perplesso (ed al riguardo chiedo sinceramente un vostro parere) perchè mi chiedo come possa per google risultare possibile un controllo preventivo su ogni video che viene diffuso in rete. Giusto poi il rimuoverlo chiaramente e con tempestività non appena segnalato. Vedremo cosa accadrà in appello.

Intanto a Goito si accettano solo bimbi figli di cristiani all'interno di una scuola materna comunale ossia bambini figli di famiglie che "perseguono finalità educative con una visione cristiana della vita". Questa strabiliante premessa al Regolamento di questo asilo del mantovano è stata approvata in Consiglio Comunale. Al che, oltre al profondo sdegno che sento, mi domando, retoricamente ma non troppo (lol amaro), come vada applicata.

Mi spiego: va interpretata nel senso che non vogliono bambini islamici o di altre confessioni religiose in quell'asilo oppure tale premessa va estesa anche a bambini italiani di famiglie atee o agnostiche i cui figli per esempio non sono battezzati? Chissà....

Ed in mezzo a tutta questa melma di questa palude nauseante che è il nostro Paese, scusatemi se mi concedo il "lusso" di non occuparmi della probabile ed ennesima votazione truccata per decretare il vincitore della kermesse sanremese.

Ed in mezzo a tutta questa spazzatura, solo un attimo per una boccata d'aria pura per ricordare che ieri era l'anniversario della morte di un uomo vero: Sandro Pertini.
-----------------------------
Per Votarmi Su OKNOtizie Clicca QUI

35 commenti:

Efesto ha detto...

Certo che ne hai messa di carne sul fuoco stasera.... da dove cominciare?
Forse dal filo conduttore comune: il fango ci sta sommergendo, ma ovviamente non quello agitato dalla diffusione delle notizie, come qualcuno vorrebbe far credere.

alianorah ha detto...

Tante notizie, nessuna positiva. A volte ho l'impressione che le continue negatività che vengono snocciolate nei tg servano più a buttare nel dimenticatoio quelle vecchie, in attesa di venire a loro volta archiviate, perché in effetti, di molto, di troppo, si parla tanto e poi di colpo non si parla più. Aspettiamo e speriamo.

Vincenzo Cucinotta ha detto...

Due sole osservazioni, e mi contengo parecchio, data la tua scelta di argomenti così ampia...
La prima su Di Girolamo. Non si sapeva del suo coinvolgimento nella truffa fiscale, forse, ma ne dubito, non si sapeva delle sue frequentazioni con la 'ndrangheta, ma era già da tempo stato accertato che la sua residenza in Belgio, per farsi eleggere come italiano residente all'estero, era fasulla, ma il parlamento non aveva avuto il tempo (sic!) di decretarne la decadenza dalla carica.

Sulle macchine, secondo me, dovremmo evitare di metetre in competizione le cause dell'inquinamento. Le macchine non sono di certo l'unico problema per l'inquinamento, ma credo che anch'esse diano il loro robusto contributo. Sono anzi convinto che la legislazione sul settore dei trasporti dovrebbe subire grandi cambiamenti, disincentivando sempre più il trasporto individuale, soprattutto nelle aree urbane.

@enio ha detto...

se questi cialtroni venissero messi in carcere per un congruo periodo e avessero la certezza della pena,farebbero meno i fighetti e non ci sarebbe tangentopoli tutti gli anni!

giudaballerino ha detto...

Sul caso google non sono ancora uscite le motivazioni della condanna, per cui per dare un parere dobbiamo attenerci a quello che sappiamo. E da quello che sappiamo la situazione è piuttosto opaca. Quando carichi un video, che sia su google o su youtube ci sono delle condizioni da leggere e accettare, e queste condizioni danno l'intera responsabilità a te che carichi il video. Ovviamente è compito del gestore rimuovere il video qualora violi delle norme. E il video mi sembra che, dopo le segnalazioni, sia stato rimosso. Quindi non capisco perché prendersela con google. Ad essere condannati dovrebbero essere gli artefici di quell'abominio e chi successivamente l'ha pubblicato. Ma non certo google. Infine permettimi un'ultima riflessione su questo caso. Dal clamore che sto sentendo sui giornali e in tv mi sembra che il far vedere quelle violenze sia più grave che COMMETTERLE. Come se il vero problema non fosse AGGREDIRE E UMILIARE un ragazzo con problemi ma il fatto che questo sia visibile su internet. Ho avuto questa impressione e ciò mi ha avvilito profondamente.

l'incarcerato ha detto...

L'inchiesta che è emersa, tu che mi segui sai che non è stat una novità il ruolo della 'ndrangheta ed eversione nera. Speriamo che si riesca a far luce sulla morte di Niki!!!

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER VINCENZO CUCINOTTA: In primis grazie per il tuo interessante intervento.

sul tuo primo punto nulla quaestio la penso come te ovviamente :-)))

Sulle auto: non dico che anche loro non facciano la loro parte, però mi chiedo se non inquinano anche di più i motorini, i bus (che elettrici non sono ancora) ecc....

Inoltre la situazione dei mezzi pubblici in Italia credo che la conosca purtroppo bene ache tu: a Genova, poi, non ne parliamo lol: la metropolitana é una buffonata stile trenino dell'Acquario che per chi non conosce Genova é come quei trenini piccoli e turistici che fanno il giro della città solo che la nostra metro collega poche zone (forse meno di quelle che invece percoorre il trenino suddetto lol) e, credo che, ancora adesso, nel tratto San Giorgio - De Ferrari (per intenderci Piazza De Ferrari é il centro di Genova é la piazza dove ho girato il mio video "Acqua Fresca", quella con la fontana) si vada a senso unico alternato lollino ossia un solo unico binario e quindi passa prima un treno poi l'altro. Ammetto non la prendo da tempo perché al contrario di Milano, qui prenderla serve proprio a poche persone, soprattutto a quelle che vengono dalla periferia.

Detto questo sono d'accordo sul potenziare i mezzi pubblici in città bisogna pertanto che ci siano investimenti seri. Io che guido e che amo guidare ed anche girare con l'auto, quando vado a Milano o a Roma o in altre città importanti mi muovo benissimo in metro e discretamente bene con i mezzi pubblici (soprattutto a Milano). Credo però, ripeto, che il vero problema sia quello di potenziare i mezzi pubblici veramente rendendoli non carri-bestiame ma mezzi su cui poter stare bene, non riducendo le linee ed i servizi (qui da noi a Genova tagliano le linee come si taglia l'erba troppo alta del proprio giardino) e magari avendo la certezza che se uno esce il sabato sera e torna all'una, non deve aspettare da solo oltre mezz'ora un autobus.

Ciao
Daniele

PER ENIO: ecco giusto, certezza della pena ma, nel loro caso, anche e soprattutto cetezza di avere una pena perché qui di solito li assolvono tutti....

Benritrovato :-)))

PER GIUDABALLERINO: ottima disamina. Hai centrato il problema su quel punto. Anch'io ho avuto quella brutta sensazione che hai avverito tu.

PER INCARCERATO: é una speranza che ci accomuna come ben sai.

Bastian Cuntrari ha detto...

Mi voglio iscrivere alle tue B.B.G.: a che numero di tessera sei arrivato? Non voglio la n° 1816, mi raccomando!

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER BASTIAN CUNTRARI: tranquilla quella non c'é; Dopo la 1815 si passa subito alla 1817 lol!

Guernica ha detto...

Ieri per mezza giornata ho pregato per il ritorno in vita di Pertini.
Lo so, sono la solita vaneggiatrice.Ma l'ho desiderato davvero.Credo che certi uomini e donne non dovrebbero mai morire.

De Turco...sei sicuro che vuoi sapere? Ti avverto che a me è venuto il mal di stomaco per un giorno intero.
Se sei sicuro, vai a leggere qui

http://archivio.lastampa.it/LaStampaArchivio/main/History/tmpl_viewObj.jsp?objid=10115035

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER GUERNICA: beh, colpo di scena! Link davvero interessante. Del Turco quindi incastrato perché cercava di sconfiggere un certo tipo di traffici e di affari poco chiari. Devo dire che la cosa mi inquieta non poco. E trovo anche molto pericoloso il fatto che di questo fatto i media non abbiano dato praticamente notizia e soprattutto non l'abbiano fatto con la stessa enfasi con la quale invece avevano messo il "mostro" in prima pagina.

Alberto ha detto...

Ma una notizia buona mai?

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER ALBERTO: Sabato scorso: Genoa-Udinese : 3-0

Può bastare lol?

Alberto ha detto...

Per adesso direi proprio di sì. Ciao.

Gians ha detto...

Sul caso Google, a mio parere la giustizia italiana ha preso un abbaglio.

giulia ha detto...

Notizie che ahimè ci fanno capire in che situazione ci troviamo...
Ma so che tu fai anche cose per uscirne e questo mi aiuta
Un abbraccio

enne ha detto...

Avrei commentato con la notizia su Del Turco, ma Guernica è arrivata prima di me.
bisogna stare molto attenti a gettare le croci addosso alle persone: non sempre sono mostri o delinquenti (Enzo Tortora rimarrà un tristissimo simbolo dell'accanimento di certi media e di certa magistratura).
Ieri, tornando da Taranto, mi son dovuta turare il naso.
Mi chiedo, e chiederei a personalità competenti, che male abbiamo fatto, noi, per morire avvelenati giorno dopo giorno, e per ammalarci di cancro molto più che in altre parti d'Italia.

Uhurunausalama ha detto...

Ciao Daniele, il ricordo di Pertini è davvero reso più amaro dalla panoramica dei fatti che contraddistinguono sto schifo di paese.
Prendo un fatto su tutti gli altri,l'inquinamento del fiume per dire che ormai la gente non si inca**erà nemmeno se vedrà la melma uscire dal rubinetto.Ne sono certa:questo paese non è solo fatto da una politica schifosa ma da troppa gente paragonabile alla stessa melma.

Niky Rocks ha detto...

D'altra parte il Lambro sta già manifestando il suo dissenso: "se dobbiamo vivere in una palude, beh così sia." deve aver pensato.

p.s.
credo che ci sia un refuso nel tuo post su "N'Drangheta" invece di "'ndrangheta". Deformazione professionale, pardon.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER NICKI ROCKS: refuso corretto.

Il Lambro temo abbia proprio pensato quello...

Alligatore ha detto...

Concordo, concordo, ma la palude no, la palude non si tocca, la palude è dove vivo...

Guisito ha detto...

Che facciamo, le vene ce le tagliamo con un coltello da cucina o con una lametta da barba?

Kylie ha detto...

Hai messo insieme le disgrazie degli ultimi giorni.
Stiamo degenerando ad una velocità ormai fuori controllo e non mi sembra di vedere che quelli che dovrebbero, stiano pagando tutti per le loro malefatte.
La giustizia è troppo lenta quando arriva e soprattutto arriva in sordina e quando del malanno ci siamo già dimenticati.

chit ha detto...

Perdonami ma non sono riuscito ad andare oltre alla decima riga, ho la nausea!?!?

enrica ha detto...

Caro Daniele, le notizie si susseguono a grande velocità, ci scandalizzano e poi veniamo colpiti dalla prossima e poi alla prossima ancora con il risultato di un effetto bomba atomica che riduce tutti ad uno stato apatico e sofferente.
E' interessante il tuo appunto su che fine hanno fatto gli scandali precedenti...
E' la maledizione della stampa, se non ci sono soldi, sangue, sesso, controversie e grandi nomi non è una notizia...
Ho sempre avuto la sensazione di creare un quotidiano di buone notizie, quelle che non racconta nessuno perché non contengono gli ingredienti di cui sopra... chissà, magari un giorno qualcuno potrebbe farlo davvero.

Francy274 ha detto...

Ho letto di tutte queste notizie che sottolinei con la Tua capacità di farne un filo conduttore, una non esclude l'altra, perchè è proprio così. Gli artefici di tutto questo insano malessere sono collegati e altrettanto collegate sono le vergogne che si perpetuano in ogni dove del Nostro Paese, solo loro, sempre loro, fortissimamente loro.. gli stessi da troppo tempo ormai.
Colgo l'occasione per ribadire, visto che lo hai citato, di non lasciare quelle maledette schede in bianco.. meglio astenersi dall'andare a votare !!
Un abbraccio, sei sempre travolgente.. Bel tocco i Tuoi versi sulla palestra di Dio.

fabio r. ha detto...

quanto mi manca Sandro Pertini....!
ma anche Berlinguer se per questo, e - incredibile ma vero - dall'altra parte inizio ad aver nostalgia persino delle mummie della 1 repubblica, tipo, che so, Zaccagnini, Longo (mai avrei pensato di rimpiangere Longo, pensa come sono messo!) e (questo senza scherzi) Aldo Moro...

luce ha detto...

Carissimo, tante le cose che dici e se permetti tutte incommentabili, tale è la nausea, il senso di impotenza e sempre più spesso un senso di sconfitta che non è facile da digerire.
Mi piacerebbe assocoare il titolo del post ad un senso di libertà piuttosto che questo senso di oppressione che si respira in ogni tua riga, in ogni tua sacrosanta e benedetta riga..
Sandro Pertini? Un galantuomo e quelli, si sa, sono rarissimi.
Un abbraccio.

Vincenzo Cucinotta ha detto...

Leggo che qualcuno ha già mandato assolto Del Turco, ma non i giudici inquirenti, almeno non ancora. Si può in questo paese aspettare, senza anticipare giudizi, il procedere della giustizia? In fondo, assolvere come condannare prima della sentenza in caso di rinvio a giudizio, mi pare simmetricamente sbagliato.

GM C ha detto...

... un "bel" ventaglio di "opportunità"... e noi, in Italia, non scegliamo... le prendiamo tutte... perché farci mancare qualcosa? :(
GM C

Silvana ha detto...

Probabilmente per di girolamo l'autorizzazione a procedere la daranno, tanto per far vedere quanto sono democratici, le mafie abbozzeranno perchè tanto hanno molti altri rappresentanti al parlamento italiano.
Per quanto riguarda l'inquinamento del fiume Lambro ed altri, è da tempo immemore che questo paese violenta ripetutamente la natura come fosse carne da macello da sfruttare e gettare via (che poi è lo stesso atteggiamento che si ha con i lavoratori extra comunitari o no).
Tranquillo la direttiva di Goito si applicherà anche agli atei e agli agnostici (forse ancora di più a questi che a coloro che professano una qualche fede), in quanto ancora più estranei al tessuto cattolico italiano.

Pertini appartiene a quella genia di uomini che in Italia non nascono più da tanto, troppo tempo.

Guernica ha detto...

Mmmm a me inquieta tutto in questa vicenda...e poi...sono proprio come San Tommaso, chissà perchè ma io Del Turco abbigliato alla Robin Hood non ce lo vedo molto...
Immaginalo in calzamaglia LOL al cubo.

Matteo ha detto...

Hai ricordato Pertini, testimone di un'Italia che non c'è più, un'Italia migliore.

P.S. Complimenti per il video sulle morti sul lavoro e per le poesie, molto belle ,soprattutto la prima.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER MATTEO: concordo su quanto hai scritto su Pertini.

Ps: Grazie per le tue parole.

abrigliasciolta ha detto...

leggendo rock poeta a briglia sciolta, ovviamente ci siam fiondati su questo post.
ma non parla di noi piccoli editori resistenti, bensì della nostra triste Italia e del suo familismo amorale imperante e dominante da ben 40 anni.

rockpoeta la prossima volta, però, non farci svenire... noi prediligiam i versi, ma che non ci faccia il verso anche la mafia!