lunedì 14 dicembre 2009

OPINIONE DEL ROCKPOETA: Invisibili, Inesistenti.

Non mi soffermerò molto su quanto accaduto ieri a Berlusconi semplicemente perché le parole da dire al riguardo sono poche ma ferme: gesto deprecabile e da condannare senza riserve.

Quello che tale gesto sta mettendo in luce purtroppo é come cmq il livello politico del nostro Paese sia sempre più squallido. Un fatto del genere dovrebbe far avere a tutti toni seri e di condanna senza attivare polemiche politiche né da una parte né dall'altra. Così non é e vale anche per il PD. Affermare che si stigmatizza l'accaduto ma anche Berlusconi ha le sue colpe lo trovo assurdo. Ovvio che conosciamo tutti l'operato del Cav. quindi non ha senso in questo contesto sottolinearlo di nuovo come se dovesse essere una causa attenuante per quanto accaduto. Come trovo assurdo la voglia di sfruttare l'accaduto per gettare fango sugli avversari politici da parte del PDL.

Altro non aggiungo, perché vorrei invece parlare di un tema che pochi forse hanno trattato.

Sono 500.000 ad oggi nel mondo, e aumentano di 50.000 unità ogni anno.

Parliamo di bambini che alla nascita non sono neanche registrati all'anagrafe. Quindi "non esistono"

Bambini africani, asiatici, handiccapati, bambini di strada. Bambini che quindi non esistendo diventano poi "merce" per ogni cosa terribile a cui potete pensare: sfruttamento sessuale, espianto di organi, lavoro minorile, ecc....

L'Unicef ed altre organizzazioni private stanno cercando di operare praticamente per debellare questo fenomeno, sia proteggendo ed aiutando quei bambini sia anche lanciando il progetto teso alla registrazione gratuita all'anagrafe del neonato.

Su "Storie" in onda su Rai 2 a tarda sera, Sabato scorso c'era un servizio su questo tema. Semplicemente sconvolgente.

Lo so, forse possiamo fare poco se non, probabilmente, dare aiuto ad organizzazioni che operano in tal senso, ma io volevo parlarne; volevo che almeno qui, oggi, adesso, loro fossero visibili, reali, esistenti.
--------------------------
Per Votarmi Su OkNotizie: http://tinyurl.com/yd8x9pq

25 commenti:

Francy274 ha detto...

Nemmeno io dirò di più sull'accaduto di ieri, deplorevole ancora di più il comportamento dei politici dopo il fatto.

Ho visto anch'io quella trasmissione, sinceramente sono contenta che qualcosa si sia finalmente mobilitato in questo senso. E' noto da sempre che molti Paesi al mondo non hanno mai avuto l'anagrafe. Ciò ha favorito e favorisce la delinquenza per i motivi che hai Tu stesso citato.
Concordo nell'aiutare chi ha preso a cuore questa situazione mai presa in considerazione da chi di dovere.
Un bacio

giudaballerino ha detto...

La prospettiva legislativa sull'immigrazione, rendendo sempre più difficile regolarizzarsi, non solo non fa nulla a riguardo, ma aumenta il problema. Sempre più bambini saranno "invisibili".
Quindi oltre ad aiutare associazioni che operano in tali ambiti, nella critica alle proposte avanzate da questo governo, invece di soffermarsi solo su quei procedimenti "ad personam" (legittimo e doveroso farlo, per carità) bisognerebbe porre l'accento anche su queste nefaste conseguenze.

Paolo ha detto...

Una società che purtroppo si disinteressa dei bimbi mai nati... difficilmente si potrà interessare (purtroppo) di bimbi insesistenti. E'la logica della sopraffazione del più forte che una volta innescata non ammette confini...

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER PAOLO: non sono della tua opinione; Il fatto che si sia favorevoli all'aborto (se con "bimbi mai nati" intendi quello) non vuol dire non avere sensibilità verso i bambini. Mi spiace trovo questa equazione semplicistica, sbagliata e tendenziosa e non suffragata dai fatti. Io per es ne ho parlato....

Aggiungo che in quei luoghi dove succede poi tra l'altro, l'aborto non viene praticato e non esiste nel senso in cui lo si intende oggi per es qui in Italia. Per questo bambini incolpevoli nascono e vengono anche abbandonati perché non voluti...

luce ha detto...

Carissimo,hai fatto bene a parlare di bambini in una giornata come questa, in cui il teatrino che è nato dopo un episodio grave come quello di ieri è veramente infantile.
Sono concorde con Paolo, visto che non solo in Italia , ma nel mondo,i bambini sono sempre invisibili, perlomeno sempre di più perchè non sono rpduttivi subito.
Parlarne non fa molto ma è già molto e non mi meraviglia che una persona sensibile come te lo faccia.
Un abbraccio.

Sergio ha detto...

Non ho visto la trasmissione, ma conosco il problema e, in particolare, quello dei bambini di strada del Brasile perché sono stato da quelle parti, proprio in organizzazioni che portano aiuto.
Questo aiuto viene per la maggior parte da fuori, in particolare dall'Europa dove l'Italia non è seconda.
Il problema è che questi aiuti sono come gocce d'acqua in un fiume. Se queste gocce aumentassero, se diventassero un acquazzone, allora, forse, anche i governi di questi paesi presterebbero più attenzione al problema.
Per il momento non vedo altro che incentivare l'aiuto a queste organizzazioni, siano esse laiche che confessionali, che operano, e bene, in tutto il mondo.

Adriano Smaldone ha detto...

quelle persone si devono aiutare non solo con i soldi ma con la conoscenza,l'informazione , cosi possono decidere di vivere o morire grazie allaconoscenza delle cose

Mk ha detto...

E che posso dire da insegnante?Nulla.Possiamo solo diffondere la voce e appoggiare l'unicef.
Su B.non parliamo:se ne dicono già troppe.
Dani, volevo ringraziarti per aver lasciato il commento su fuoriregistro.Abbiamo bisogno di tutte le mani possibili:)
Mk

enne ha detto...

Hai fatto bene a parlarne: la sola idea che qualcuno lucri su poveri bambini a me fa venire un sano moto di orrore.
Dell'episodio di ieri non voglio più parlare nemmeno io: ho già litigato abbastanza. :)

enne ha detto...

Accipicchia, Daniele: stavo per votarti, poi ho letto il titolo e ho cambiato idea.
Vedi, sarà anche come dici, ma la visibilità, in questo caso, gliel'ha data uno psicolabile fomentato da un clima odioso, fomentato a sua volta da....
Ma lasciamo perdere.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER ENNE: e dimmi che non ha visibilità? E dimmi che non stanno strumentalizzando tutti quanti il fatto in sé? Per il resto il post é sui bambini votarlo rende loro più visibili su ok notizie non me.

fabio r. ha detto...

hai pienamente ragione dichter, anzi aggiungo un suggerimento, se posso:
se qualcuno fosse interessato a fare qualcosa di concreto, si possono fare piccoli regali natalizi direttamente dal questo sito UNICEF
o altrove, in giro... c'è sempre un modo per far sentire il nostro aiuto ai bambini!
ciao

Bruno ha detto...

Ho votato perchè la causa è molto giusta. Forse era meglio fare 2 post separati ma non penso che il premier perderà consenso per 5 voti quando possiede 5 televisioni :)

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER BRUNO; vedrai che spesso io unisco tematiche diverse nello stesso post. E' una cosa che amo fare. E poi un post solo per il Cav mi sembra esagerato...

Licia Titania ha detto...

Su Berlusconi sono d'accordo: vedere un uomo con la faccia imbrattata di sangue, l'aria sconvolta, non mi fa ridere, di chiunque si tratti.

Quanto ai bambini "invisibili", hai proprio ragione. Quante volte la tanto vilipesa scuola pubblica (asilo pubblico, pediatra della mutua) ha parlato a nome di quei bambini che, invece, erano stati comunque inseriti nel sistema? Hai fatto bene a parlarne: anche secondo me si sottovaluta questo aspetto della clandestinità. Un bimbo "clandestino" non ha nome, per la legge italiana non esiste; in teoria è davvero proprietà dei suoi genitori o tutori.
Come sempre dai voce a chi non può parlare (di solito lo fai in versi ed è ancora più bello lol), grazie.

gians ha detto...

Daniele, della vicenda appena trascorsa ne ho già piene le scatole. ho detto la mia, e per tutti quelli che solitamente mi leggono non è una novità. Sai quale è invece quella che voglio proporre? facciamo che noi bloggers di vecchia data, si cerchi di capire dove è che un commento sia a tema ed un'altro invece sia del tutto fuori luogo. Detto questo mi tuffo decisamente su quanto dici. Sono un felice sostenitore delle adozioni a distanza.

enrica ha detto...

Caro Daniele,

condivido completamente la tua analisi sulle reazioni all'incidente avvenuto ieri in piazza duomo.
Per quanto riguarda i bambini hai completamente ragione. E' una situazione sconvolgente... Grazie per averne parlato.

Annamaria ha detto...

I programmi di denuncia come questi sono sempre trasmessi a tarda sera, un vero peccato.

Guernica ha detto...

E' gravissimo!
Ma cosa lo dico a fare? E' abbastanza ovvio per una media intelligenza...che è gravissimo.
Qui siamo all'A B C dei diritti uomani Daniele...altro che trattati!

upupa ha detto...

Pensare a questi bambini è doveroso ma come sempre molte volte le parole rimangono solo parole....su Mister B non mi esprimo....

Alessandro Tauro ha detto...

Ho lasciato al mio post "a caldo" sulla vicenda le mie riflessioni. E con quello di oggi ho già cominciato a chiudere la discussione, occupandomi se non altro delle proposte governative in studio in queste ore presso Palazzo Chigi e non solo.

Il tema che hai lanciato è un tema enorme, che fa impallidire ogni altro tema nazionale. E' sufficiente guardare alle cifre, dati che hanno uno ed un solo significato, per capirne l'enormità.

Un governo serio di un qualsiasi paese estraneo a questi problemi ha la possibilità di farsi valere in ambiti internazionali (e anche nazionali, utilizzando approcci profondamente differenti da quelli attualmente messi in pratica) se davvero fosse intenzionato alla risoluzioni di tali problematiche.

L'Unicef fa senz'altro un grandissimo lavoro, ma così come tante organizzazioni ONU, da quella sui rifugiati a quella sul lavoro, rimangono circoscritte agli ambiti minimi di intervento che gli stati-nazione consentono loro.

E finché l'interesse delle popolazioni del "mondo felice" resterà intrappolato nelle 4 mura dei confini nazionali, non ne usciremo. Mai. Anche con il governo più illuminato di questo mondo.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER ALESSANDRO:e' vero non bastano solo i governi in questo caso. E purtroppo questi temi non fanno audience per cui se ne parla soltanto quando ci sono i numeri da sparare in prima pagina ed anzi, vista l'ora del programma, oramai neanche più in quel caso.

la Volpe ha detto...

Ciao Daniele, lodevole intento il tuo. C'è tanto di quel male in giro, e spesso ci sfuggono tante cose importanti. E' il bello della rete, fai un salto in un "locale" (permettimi di chiamare così questo luogo di incontro) che non frequenti da un po' e incontri qualcosa o qualcuno che ti arricchisce.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER LA VOLPE; certo permesso accordato :-)))

Ti ringazio davvero tanto per queste tue parole

alianorah ha detto...

In effetti Berlusconi lo abbiamo visto anche troppo in questi ultimi tempi.