giovedì 19 novembre 2009

OPINIONE DEL ROCKPOETA: Estinti Nell'Anima

Certi oggetti, certi giochi, quando li riprendi in mano mostrano lampanti il segno dei tempi: lo mostrano non per l'usura degli stessi ma per le "informazioni" che offrono e per come tali informazioni rivelino appunto un profondo mutamento della realtà in cui viviamo oggi.

Molti di voi si ricorderanno del Monopoli. Il famoso gioco di società con "Parco della Vittoria" "Vicolo Corto e Vicolo Stretto" ecc.....

Ebbene tra i tanti contratti che si potevano acquistare c'era anche quello della "Società dell'acqua potabile". Possederlo non era il massimo della vita. Si aveva un piccola rendita leggermente superiore se si possedeva anche "La Società Elettrica".

Tempi che cambiano. Oggi una nuova edizione che fosse attenta ai mutamenti reali, dovrebbe far diventare quei due contratti i più importanti e redditizi e "Parco della Vittoria" quello più sfigato, da regalare all'Opposizione in attesa che un miracolo a livello di crescita di neuroni accada in quelle teste.... Ed invece.... addirittura questo contratto e quello dell'energia elettrica sono stati tolti per far spazio alle energie rinnovabili.... eh, ahimé un po' troppo utopisti questi Signori...

E mentre la privatizzazione dell'acqua é oramai cosa quasi fatta, altro succede nel mondo ed in Italia.

Si dice che al cuor non si comanda ma pensavo che alla testa invece sì.... Non voglio fare gossip ma leggere questa notizia mi ha lasciato perplesso. Trovata giornalistica della Papi o davvero é innamorata di un criminale del genere? Almeno fosse ricco, manco quello! (scusate il cinismo ehm...) Non riesco a capire. Forse ho sbagliato proprio tutto nella vita.

Ah, nel frattempo in questi giorni si é svolto un vertice della FAO. Scopo: stabilire come dimezzare entro un lasso tempo breve (immagino) la fame nel mondo ed i morti che essa causa.

Come e con quali soldi non era dato sapere. Tranquilli, non vi siete persi nulla. L'interrogativo é rimasto, e tra un pranzo e l'altro, non hanno deciso nulla per l'ennesima volta. Come anche era già accaduto più di un anno fa.

Intanto per la serie "in amore tutto é lecito" assistiamo all'ennesima "prova di civiltà ed amore" verso una donna ventenne in Somalia

La notizia ve la linko e basta. Ha dell'incredibile anche per un suo risvolto.
Si commenta da sola. Non me la sento neanche di aggiungere altro. Sono poche righe leggetele vi prego.

E noi ci preoccupiamo di estinguerci.... dovremmo avere il pudore di tacere. Basta leggere queste notizie e capire che se anche fisicamente esistiamo ancora, ci siamo estinti dentro già da un pezzo.
--------------------------------
Per Votarmi Su OkNotizie:http://tinyurl.com/ykjnzfc

25 commenti:

Vincenzo Cucinotta ha detto...

Proporrei di aggiungere nel monopoli la casella "lapidazione", "FAO", "Izzo" :-D
A parte gli scherzi, ti confesso che della vicenda "Papi-Izzo" non me ne frega proprio niente. D'altra parte, ognuno ha il diritto di coltivare le proprie psicopatologie come meglio crede...
Sugli altri argomenti, preferisco tacere, sennò ci dvorei scrivere su molto più di un semplice commento :)

maria rosaria ha detto...

si dovrebbe inventare un altro vocabolario per commentare la bella aria che si respira.
un bacio

Daniela ha detto...

Estinti e liberi di non-pensare. Al solito condensi in un unico post argomenti su cui potremmo parlare settimane e che fanno venire i brividi. Come si può pensare che l'acqua sia di proprietà di qualcuno? Come può una persona dotata di cervello, annebbiarsi poi epistolarmente? Come si può discutere sulla fame nel mondo - senza addivenire ad alcunché - mentre ci si riempie la "panza"? Come si può uccidere a sassate una donna e frustare un uomo perché si sono amati? Come si può leggere, scuotere la testa e passare oltre? La risposta è la tua: siamo decisamente estinti nell'anima e, io aggiungerei, nella mente e nel cuore...

giudaballerino ha detto...

Questa riflessione sul monopoli è davvero molto bella. Sarebbe molto interessante applicarci, oltre al discorso dell'acqua privatizzata anche altri elementi di questa società, come l'aumento di pena se finisci in carcere per il solo fatto che sei extracomunitario o l'immunità se sei politico o l'impunità se sei un capo di governo, il pizzo da pagare alla mafia se hai parco della vittoria e via discorrendo... così, giocando, hai ancora più forte la percezione di quanto questo paese sia allo sfascio

Alessandro Tauro ha detto...

Bellissima la metafora del Monopoli, azzeccatissima più che mai!
Sul vertice della FAO non so nemmeno cosa dire se non che non sono nemmeno poi tanto stupito. Quanto mai lorsignori si sono mai degnati di prendere una decisione operativa sul tema della fame nel mondo?

Ma se sul vertice della FAO non ho parole di commento, sulla terribile storia somala avrei un miliardo di cose da dire. Tutte troppo rabbiose e ricche d'astio per poterle lasciare in un breve commento su un ottimo blog.

Stefi ha detto...

Caro Daniele,
...ovviamente nulla di nuovo sul fronte occidentale (ma anche su quello orientale, ragionando globalmente)..l'unica novità sarebbe quella dell'adeguamento del gioco Monopoli a quanto da te sottolineato.
A questo punto ti lancio una sfida per un prossimo post (quando vorrai): trovare 3-4 notizie positive ed in controtendenza e per complicarti le cose limito la ricerca all'ambito europeo! Così giusto per rinfrancare un pò gli animi! :-)
Un sincero abbraccio.

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

PER STEFI: ehm... non sono attrezzato per i miracoli! Ogni tanto qualche buona notizia la trovo e l'ho anche pubblicata ma sono rare. Report ci riesce meglio LOL!

PER ALESSANDRO TAURO: infatti, anche le mie parole sul caso della ventenne somala non erano qui riproducibili...

Mio Capitano ha detto...

La privatizzazione dell'acqua mi preoccupa molto perché non so come pagherò le bollette.

alianorah ha detto...

Nulla più mi stupisce. E comunque, è uscita la nuova versione del Monopoli. Ora ha la Y finale. I tempi cambiano, e questo è un risultato dell'evoluzione.

perdiamocidiv ha detto...

ahaha ho letto in fretta , mi riprometto di farlo con calma, ma sulla mancanza di neuroni della sinistra davvero ho riso di gusto, perchè è tutto vero!!!

Daniele Verzetti, il Rockpoeta ha detto...

PER PERDIAMOCIDIV: In primis benvenuta! Mi fa piacere che tu abbia apprezzato la mia ironia, che peraltro qui in questa agorà, non fa capolino poi così spesso :-)))

Spero di rivederti presto da queste parti.

Daniele

Francy274 ha detto...

Ora a Monopoli ci giocano i politici italiani con l'intero Paese e con i cittadini. Hanno sostituito il gioco simulato con la versione reale, è molto più divertente, persino i soldi sono veri, e vendere anzichè comprare è diventato lo scopo di chi dirige il gioco, solo le banche non si toccano!
Ora è la volta delle sorgenti d'acqua, chi le compra può farne ciò che vuole, persino chiudere a piacimento l'erogazione ai cittadini per aumentare i prezzi, in Sicilia già funziona benissimo.
L'opposizione ha capito il meccanismo, tant'è che l'ex Ministro di Prodi, Bersani, al tempo grande sostenitore del proggetto Rubbia, oggi divenuto Maggiordomo di D'Alema, opta per le centrali nucleari ritenendole un ottimo investimento. Sorgenti e centrali ottimi bottini anche per la mafia.
Anche l'amore ha preso a percorrere sentieri arcani, non va più l'uomo dai grandi ideali, Zorro e Robin Hood sono troppo indaffarati a correre, meglio un premier-imprenditore-massone o un assodato assassino, danno più affidamento, si può ottenere una sede fissa o trovarlo in una sede fissa senza doverlo rincorrere, e poi c'è l'effetto "sorpresa" che lascia tutti a bocca aperta.
Intanto gli ex-ricchi e i nobili caduti in disgrazia tranquillamente si rivolgono alla FAO per riprendersi dallo sperpero dei loro averi fra un poker e l'altro, bastano brevi periodi l'anno in Africa e dopo dieci anni si ottiene una cospicua pensione dall'ente che sfama i "bisognosi" fin dalla fine della seconda guerra mondiale, hai voglia di trovare mariti anche fra questi nobili impiegati!
Dulcis in fundo si può arrivare anche ad odiare Dio con tutti i suoi dictate ai cari profeti.
Un abbraccio
Francesca

Mk ha detto...

Avevo letto della Papi.Ma come ci si può fidare di un criminale del genere?mah.
Mi piace il concetto di estinzione.Ormai abbiamo fatto gli anticorpi a tutto.Ed sono la sensibilità,l'indignazione e l'idea del bene comune gli animali che si sono estinti da un pezzo.
Ciao Dani
Mk

diotima47 ha detto...

pare che la FAO faccia mangiare lautamente quelli che ci lavorano...
Stasera al supermercato la commessa mi chiede se faccio un'offerta a Telethon...ma...vogliamo scherzare?
un signore mi attacca duramente quando dico che la T è una società a delinquere e m'incazzo al pensiero di tutti quei coglioni di alunni e insegnanti che si prepareranno a tributare grandi festeggiamenti a tale ipocrita società. Il signore si offende, mi dice che lui ci lavora e la causa è nobile. - Anche il vivisezionare gli animali è una causa nobile?- gli chiedo, e lui mi risponde che altrimenti la ricerca scientifica non andrebbe avanti.
Io preferisco morire.

luce ha detto...

Grazie a Dio ci sono persone che non sono estinte nell'anima ma che un'anima ce l'hanno grande come te.

Tu che riesci a parlare di fame incompresa da stomaci pieni, follia di morte e amori folli per i folli della morte( ma l'amore della giornalista per l'assassino è un classico della sindrome "io ti salverò" tipica delle donne) morti assurde religiose ( che per alcune fazioni musulmane è ancora un peccato amare fuori dalle regole :che peccato!), nonchè di diritto alla sete ( che adesso dovremo controllare anche quella, tanto per Loro non è un problema vanno a champagne) in un solo post e farlo con la connessione al gioco ( lo sai che adesso Monopoli lo venderanno come Monopoly come in tutto il mondo con la Y?), con la durezza della verità, ironia che taglia ma fa sorridere amaro e la leggerezza pesante delle parole
Bravo e grazie per darci sempre uno spunto per farla sentire questa anima che abbiamo dentro
Un abbraccio

Marcello ha detto...

Che avesse ragione Carmelo Bene quando diceva che siamo già tutti morti? Privatizzazione dell'acqua, lapidazione di una donna...tristezza.
In tutto queto mondo mi manca uno come Gaber. Mi manca la sua lucidità la sua voglia di cercare la poesia e di essere lucido.

Alligatore ha detto...

Molta carne al fuoco Dan. La costoletta più importante: L'ACQUA.
La privatizzazione dell'acqua è una cosa antistorica, che dimostra quanto siano arretrati i nostri governanti (e pure alcuni dell'opposizione, se è per questo). Hai fatto bene a segnalarla: in un periodo di crisi nera, con il liberismo che sta dimostrando tutti i suoi limiti, dove ci sarebbe bisogno di una politica roosveltiana, con nazionalizzazioni serie, questi privatizzano l'acqua, fregandosene altamente della massiccia raccolta di firme contro, tra l'altro, fregandosene dei comuni che vogliono continuare a gestirla direttamente, fregandosene, quindi, del federalismo che a parole dicono di sostenere. Sul vecchio giornale di satira Cuore, c'era una rubrica intitolata: hanno la faccia come il culo. Be', è il caso di ripristinarla.

Daniele Verzetti, il Rockpoeta ha detto...

PER MARCELLO: credo che se ci fosse ancora cmq lo ascolterebbero in pochi. Guarda gente come Paolini per es. La verità é che oggi la maggioranza della gente é inebetita, abbacinata da giochi a premi e facile alla commozione spicciola e di breve durata.

enne di niente ha detto...

La lapidazione dei soli stupratori non mi sconvolgerebbe poi tanto la vita, sebbene sia contraria alla morte di Stato.
Sulla giornalista che vuole sposare Izzo, non si è pensato alla spiegazione più logica, cioè che la signora si sia bevuta semplicemente il cervello?
Sul monopoli non mi pronuncio perchè non era fra i miei giochi preferiti: di solito optavo per il gioco dell'oca. :-)
Notte, Daniele.

Guisito ha detto...

Alla barbarie per la pena di morte si unisce quella del modo in cui quella pensa si esegue. Barbari fino nel midollo.
Secondo me, la giornalista ha uno scopo recondito oppure è da rinchiudere. Privatizzeranno anche l'aria che respiriamo.
Il resto e vita.... di m.

cometa ha detto...

Sull'acqua vorrei aggiungere una cosa.
L'acqua è un bene comune carico di simboli, ma la questione della sua privatizzazione è un fatto ormai scontato, acquisito, da quando hanno già privatizzato tutti gli altri beni comuni: i generi di prima necessità, l'energia, i beni del sottosuolo, i servizi essenziali (scuola, salute, trasporti)...
Tutto ciò dovrebbe essere patrimonio di tutti, punto e basta. Quando abbiamo accettato passivamente le altre privatizzazioni abbiamo automaticamente aperto la porta a questa.
Ciao, cometa

fabio r. ha detto...

pensa che oggi, stavo scrivendo una roba e volevo dire "gratis come l'acqua" poi ci ho ripensato e sono diventato triste...

Angela Ricci ha detto...

Ci vorrebbe un altro post per commentare il tuo ;-)

L'ennesimo caso lapidazione è un altro pugno nello stomaco e il caso FAO l'ennesimo 'vertice bluff'.

Pino Amoruso ha detto...

QUoto il bellissimo commento di Daniela. Cosa aggiungere?!?!
Buona serata ;)

Romina ha detto...

Sulla privatizzazione dell'acqua, non ho parole e credo sia difficile averne.
Sono molto disgustata.

Saluti e buona serata!

P:S: Sono stata assente causa rottura del mio amato pc. Sono tornata on line solo da qualche ora.
A presto!