giovedì 20 agosto 2009

L'Angolo del Rockpoeta: "A Cuore Aperto"

A CUORE APERTO

Bisturi incide
Vene avvizzite
Arterie atrofizzate
Sangue raffermo.

Pareti fatiscenti di cuori emotivamente neutrali
Si sgretolano su ricordi psichedelici

Infamia raccolta agli angoli delle strade
Dita annerite
Volti sfigurati
Graffiano senza reazione 
Pareti del cuore
Oramai cumuli di macerie inanimate.

Sono un Intruso, un Virus:
Cuore che batte
Anima che pulsa
Rabbia che cresce
Paura che respira
Udito che non svanisce
Tatto che ansima.

Il bisturi continua l'incisione
Ma da salvare 
Oramai
Poco o nulla.

Operazione a cuore aperto
Ma le emozioni non tornano inserendo un semplice bypass.

DANIELE VERZETTI, ROCKPOETA
----------------------------------------------------
Per Votarmi Su OkNotizie: http://tinyurl.com/l79jvs

24 commenti:

Darksecretinside ha detto...

Ma che dire?
Dinnanzi tale profondità?
A parte, coglierne il dolore e la sofferenza di colui recita versi che sente dentro al punto da far lacrimare e sanguinare l'anima....oltre questo, cosa dire?
Rimango osservatrice attenta che coglie e si lascia trafiggere, finchè fiato può mancare.
Un abbraccio immenso.

Licia Titania ha detto...

Anche a me ha colpito molto la tua poesia. Trovo che unisca più cose: la complesiità del dolore in tutti i suoi aspetti...morale, fisico, psicologico...lo sgomento dell'uomo di fronte al dolore, che ci coglie sempre di sorpresa. E nei versi finali leggo anche un'altra cosa, anche se forse è un'interpretazione personale, perché è una cosa che ho sempre pensato io: si invecchia davvero, ma davvero davvero, quando non si hanno più emozioni. Ciao.

Pino Amoruso ha detto...

E' difficile commentare la tua poesia dopo aver letto i commenti che mi precedono. Non mi resta che sottoscrivere quanto detto in precedenza. Complimenti il caldo non scalfisce minimamente il tuo talento.
Un caro saluto
Pino :)

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

PER LICIA TITANIA: interpretazione personale che però ha colto nel segno. Aggiungo che in quei versi c'é l'amarezza nel constatare invece quanti sono già vecchi dentro anche se non anagraficamente

Anonimo ha detto...

la crudezza del male, il dolore che non chiede nemmeno di essere capito.
Noi "ci lasciamo fare" perché non fummo educati alla vita, ma alla sopravvivenza.

lori

diotima47

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

PER DIOTIMA: "Noi "ci lasciamo fare" perché non fummo educati alla vita, ma alla sopravvivenza."

Parole che contengono una verità assoluta.

Adriano Smaldone ha detto...

la poesia e bella
forse ho capito bene c'e una similitudine tra 2 cs puo darsi che mi sbaglio pero tra il male e qualk altra cs sai la poesia per me e stat stato un dramma nn e che le ho capit sempre pero cerco di sforzarmi

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

PER ADRIANO: la poesia parla della aridità d'animo e del cuore e fa anche riferimenti attuali (dita annerite... quando vuol far riferimento alla violenza sulle donne in posti come l'afghanistan o ancora cmq in molti altri posti anche non così lontano da noi)

Cmq la poesia deve comunicare emozioni ed arrivare alla testa ma anche al cuore

Ciao
Daniele

fabio r. ha detto...

ben ritrovato vecchio Dichter! fa sempre piacere passare di qui e leggerti..
un abbraccio

gians ha detto...

La discussione è antica, e io non ho mai saputo bene quale sia la collocazione dell'anima, romanticamente la posizionerei in un luogo meno affannato. ;)

Quella ha detto...

Le emozioni sono segni indelebili nel cuore di ognuno di noi...chi più chi meno...profondama emozione leggendoti :-)

oscar ferrari ha detto...

non capisco perchè l'infamia vada raccolta solo agli angoli delle strade invece che lungo tutto il loro sviluppo

enne ha detto...

Spesso le emozioni non tornano: vero.
E quando non tornano non c'è più niente da fare.

ps.
Leggere di bisturi in questo periodo mi fa un brutto effetto. :-|

enrica ha detto...

"Ma le emozioni non tornano inserendo un semplice bypass"... è verissimo, Daniele.
Ma sono sempre lì, coperte dalle macerie. dalla fuliggine e dai rimpianti...

Un bacio, Enrica

Perla ha detto...

Daniele la poesia è bella ma a me, mi perdonerai, mette un po' di angoscia. Forse perchè fa vivere momenti drammatici?

Ormoled ha detto...

Un po di angoscia la mette questa poesia, soprattutto per le poche speranze che lascia. Purtroppo in certe situazioni le sensazioni che si hanno sono propio queste.
Bella poesia.
Ciao Daniele.

Romina ha detto...

Ma le emozioni non tornano inserendo un semplice bypass.

Ecco, esatto!
Perdonami, ma adesso sconfino nel politico (una mania personale): quali emozioni si possono poi avere ora in Italia? Meglio non parlarne.

Comunque, una poesia molto sentita, cruda e realistica. Vera.

Un abbraccio e buon fine settimana.

Fly ha detto...

una poesia molto diretta... sembra di sentire il bisturi penetrare il cuore... insieme al dolore degli affanni, della paura e delle ingiustizie...
Un caro saluto...

riccardo uccheddu ha detto...

Daniele: nella tua poesia c'è una cosa che mi piace, soprattutto.
Vedrò di parlarne in modo spero non banale.
Il dolore di cui parli è reale ed inoltre, è descritto con sofferenza ma anche con distacco.
Non "fai scena" (come diciamo a Cagliari) ma nemmeno cerchi di atteggiarti a superuomo.
E poi, sai schivare alla grande la via di mezzo... che per i poeti, costituisce un assurdo artistico e morale.
Ciao.

Mk ha detto...

Le emozioni è meglio ingabbiarle:non si soffre e non si vive.Ci si lascia vivere e forse è meglio così.Fino a che....:)))
Ciao Dani
Mk

Daniele Verzetti, il Rockpoeta ha detto...

PER RICCARDO: GRAZIE! Sono delle parole bellissime!!!! Sono onorato davvero!

Benvenuto in questa agorà! Spero di rivederti ancora
Ciao
Daniele

inessuno ha detto...

Versi che si possono leggere in molteplici modi.

Cielo e Mare ha detto...

In questa tua bella poesia mi è parso di avvertire la precarietà dell'essere umano, il senso del limite, la consapevolezza che alcuni uomini chiusi in se stessi non riescono a comprendere che vivono come relegati nel "carcere dell'inifferenza". Ormai anche quei sentimenti che un tempo, forse, erano considerati importanti e nobili, ora sono scomparsi perch' scomparso è il desiderio di respingere il silenzio della morte.

luce ha detto...

Sono senza parole avendo un cuore.
Un abbraccio.