mercoledì 1 luglio 2009

OPINIONE DEL ROCKPOETA: A.A.A. Resistenti Cercasi

Dove siete?

Dove siamo mentre la nostra gente muore dentro le mura delle sue case sventrate da treni merci infarciti di Gpl ed assi arrugginiti?

Dove siete Voi che gridate allo scandalo e che attaccate il Premier ma poi siete uguali a lui? Voi che " Ah che vergogna" ma poi a puttane ci andate; magari le vostre sono meno costose, magari andate con quelle da strada extracomunitarie e schiave, quelle che " Ah che scandalo, offendono pure il decoro delle nostre strade!" Voi che avete famiglia e siete in prima fila per il family day? Dove vi nascondete eh?

Dove siete invece Voi che nella rete siete vita? Voi che gridate giustamente alla censura e che avete paura di veder cancellata la libertà dalla rete? Non arrendetevi, uscite fuori e tornate a scrivere ed a lottare. Dentro e fuori dalla rete. Attenzione, l'apatia ha fatto più stragi della censura violenta. E loro vogliono fiaccarci. Non permettiamolo, non permettetelo.

E dove sono anche coloro che stanno piangendo e sanguinando per le ferite gravissime di una democrazia colpita mortalmente e pugnalata con viltà alle spalle ed ora in rianimazione? Uscite fuori e fate sentire la vostra voce singhiozzante di dolore!

Estate iniziata, é il periodo più insidioso. E' in questi mesi che stanno pronti per far passare sotto silenzio "riforme" e leggi scandalose. Ricordate la "privatizzazione" delle concessioni degli acquedotti art 23 bis l. 133/2008? Fu fatta ad Agosto....

Ed allora lancio questo allarme, questo S.O.S. con ogni mezzo possibile, alfabeto Morse compreso a tutti quanti.

Uscite di nuovo dalle vostre tane, scrivete e tappezzate queste pareti virtuali di vita e lotta.

Ho letto che Facebook sembra essere sotto controllo della CIA. Forse non é vero, o forse sì dato che é un modo semplice e rapido per schedare indirizzi IP e controllarne i gusti e le preferenze. Resta il fatto che Facebook é cmq un giochino che rischia di abbacinare le menti e lobotomizzare i nostri cervelli. Volendo fare una proporzione potremmo dire che:

Facebook:L'Eredità=Blog:Report.

So che su questa proporzione mi si può muovere la critica che é possibile aprire un blog e scrivere sciocchezze e vuote banalità senza scopo, ma ci sono a mio avviso due profonde differenze:

1) La prima é (ho i miei informatori eh eh...) che su Facebook tra test su "Che libro sei?" (e sto su quelli più interessanti) e messaggi stile sms non c'é quasi niente altro a parte il chattare, parte preponderante di quegli spazi virtuali. In luoghi come quello, banalità e discorsi di facile presa sono sicuramente più "apprezzati" e la rete in quello spazio é al riguardo più recettizia mentre nei blog si crea una certa selezione e cmq é più facile che ci sia interscambio e desiderio di confronto e dialogo.

2) I blog sono più liberi: puoi postare come vuoi e quello che vuoi quindi con maggiore fantasia. Non esistono limiti di spazio e il blog può avere sia l'immediatezza che la velocità della rete ti offre sia la possibilità più seria di approfondimento. Anche un blog personale ha più forza che un "sms" su Facebook. La possibilità di non sintetizzare come un prodotto liofilizzato il proprio pensiero permette di poter fare ragionamenti più ampi, cosa essenziale per non vedere il proprio cervello bruciare tutti i suoi neuroni come dopo una puntata di GF et similia.

Ecco quindi il vero pericolo: abituarsi alla "tv spazzatura" pure sul web; una "tv" interattiva, anzi fatta dagli utenti ma sempre con i limiti di un prodotto commerciale: contenuti di facile presa e digeribilità, cazzeggio ad oltranza, e disimpegno annoiato e vuoto.

Peraltro la vera minaccia io non la vedo neanche arrivare da Facebook ma proprio da una disaffezione alla vita reale. Lo so sembra un paradosso, parliamo di un mondo virtuale eppure ho scritto "vita reale" ma una ragione c'é.

Quando raccontiamo le nostre emozioni, quando denunciamo quello che non ci piace, quando scriviamo i nostri pensieri, non siamo meno veri di quando usciamo per andare al cinema o a fare la spesa.

Ed allora S.O.S. Resistenti Cercasi, non dico a tempo pieno ma sempre con quella voglia di non arrendersi e di non dimenticarsi che con questi tasti, con queste lettere sicuramente non cambieremo il mondo domani ma forse potremo lanciare i semi per un cambiamento futuro e neanche così distante.

Qui Radio Agorà che non si arrende e continua a trasmettere.
Daniele il Rockpoeta
-------------------------------
Per Votare Su OkNotizie: http://tinyurl.com/nt6wkw

28 commenti:

tommi ha detto...

non ho facebook, ho un blog. non guardo l'eredità, amo report. nonostante queste analogie, vorrei disprezzare trenitalia, spero che i responsabili perdano il sonno per il resto della loro vita...

Giovanni Greco ha detto...

Voi che gridate allo scandalo e che attaccate il Premier ma poi siete uguali a lui? Purtroppo sono in tanti.
In ogni modo sono d'accordo co tommi vorrei anche io disprezzare trenitalia, spero che i responsabili perdano il sonno per il resto della loro vita, anche io amo Report.

maria rosaria ha detto...

amo i blogs, non mi interessa facebook,amo report odio gf... adoro te, caro dani!

luce ha detto...

Però, bravo in matematica il poeta eh?
Vedi, carissimo, il fatto è che siamo diventati tutti nasi, perchè ci siamo abituati ai cattivi odori e non li sentiamo più ( o perlomeno li sentiamo sempre meno)
Ma se uno dentro non le capisce certe cose non ci si può affannare più di tanto a cercare di fargliele capire.
Io ho un blog, sono iscritta a FB (ma solo per essere rintracciata da qualche amico perso di vista e quanche test)vedo l'Eredità e anche Report, e nello stesso tempo mi indigno, sono una che non vota il Cavaliere, da sempre, che tenta di parlare di coscienza sociale con tutti,che vorrebbe sistemare il sistema e lo fa nel suo piccolo denunciando, difendendo e resistendo, con tutti i casini che la vita ti mette davanti: i figli, la crisi, il cuore e le delusioni, ma io sono sempre stata così.
Il problema è che la maggioranza in Italia adesso stanno facendo un riposino..e quando tutti dormono, qualcuno deve vegliare.
Io veglio e per non addormentarmi ascolto Radio Agorà<: non smettere di trasmettere.
Un abbraccio.

Lucien ha detto...

La proporzione la trovo azzeccatissima!

enrica ha detto...

Devo concordare, Daniele, che per quanto riguarda questo incidente a Viareggio... non riesco ancora a trovare le parole...
Sono, come dicono gli americani, flabbergasted.
Devi sapere che viaggio molto in treno (ti confesso che mi sono decisa a prendere la patente solo ora - e non ridere per piacere...)ed ho usato le ferrovie in diversi paesi d'Europa ma non mi sono mai trovata in condizioni disagevoli come quelle che ho incontrato in Italia a causa di rotture stranissime e ritardi ingiustificati... senza parlare del servizio del personale delle ferrovie che se avvenisse in altre zone geografiche provocherebbe il linciaggio per i modi scortesi, la strafottenza e la mancanza di rispetto.
Questo incidente era una tragedia annunciata e spero che chiunque stia investigando sui fatti arrivi al nocciolo... alla faccia delle infrastrutture...
Sono certa che ne riparleremo.
Enrica

enne ha detto...

L'equazione facebook-gf e blog-report è vera, ma fino ad un certo punto. Io ho un account fb abbastanza attivo, ed è sicuramente vero quello che dici, ma la chat, credimi, è la funzione meno usata (almeno da me). Ci sono gruppi di aggregazione politica ed altre cose interessanti. Ciò che penalizza quel sistema di comunicazione è la dispersività.
Indubbiamente i blog hanno una specificità e una capacità di approfondire gli argomenti che in fb, semplicemente, vengono macinati dalla velocità del "mezzo".
Il gf, purtroppo, non ha speranze di riscatto.
Ciao.

Daniele Verzetti, il Rockpoeta ha detto...

PER ENNE: Benvenuta in primis!!!!!

Concordo che su FB ci siano anche minoranze in gamba ma il blog permette come tu stessa ammetti ragionamenti più ampi e "lenti".

CIao ed a presto
Daniele

amatamari ha detto...

Presente.

upupa ha detto...

Io rispondo all'appello..presente!
sempre vigili

Carmine Volpe ha detto...

vedo in giro solo gente che parla male del governo e di berlusconi pero poi quando vedo i risultati delle elezioni dico, ma dove eravate tutti al mare? Facebook lo odio il mio profilo l'ho cancellato, molto meglio i blog permette di ragionare, resisto resisto

Miryam ha detto...

Io ci sono, fino a quando avrò la forza e fino a quando me lo "permetteranno"... Facebook non lo amo particolarmente, solo una "sbirciatina" ogni tanto...
Il blog è diverso, non so, sembra più "umano", più " tuo", come una porta d'ingresso da aprire a chi vuole entrare per lottare...
Ma la rete non è tutto, non deve essere tutto. Si deve agire anche e soprattutto nel reale, nel concreto , ognuno sul proprio territorio, con gli amici, i vicini di casa, i conoscenti, al bar, in pizzeria, anche quando si "gioca" a carte e si discute...saper sapientemente introdurre le tematiche e, senza apparire dei fanatici, lanciare i messaggi....Troppa gente vive sugli " allori", di puro ed anche incolpevole individualismo, cresciuti a "pane e televisione", come tante persone anziane che si fanno irretire dalle "varie Barbara D'Urso e dai vari Claudio Brachino" o Bruno Vespa"
Spero tanto che, almeno stavolta non si insabbi tutto e che i responsabili della tragedia viareggina, paghino fino in fondo , anche se non sarà mai abbastanza.
Il problema di questo nostro Paese è l'impunità.Da noi chiunque, specie i poteri forti, si può permettere di fare di tutto e di più. E poi c'è il "perdonismo e il buonismo" di stampo cattolico: tutto è sdoganato poichè poi c'è la remissione dei peccati.
Anche questo, forse, ci spiega la distanza con le aree etiche degli altri paesi occidentali, ove si commettono anche azioni scandalose, ma poi quando vengono scoperte sono severamente punite, senza guardare in faccia a nessuno.
Basti pensare alla condanna in questi giorni a Madoff, mentre in Italia Tanzi( e qualche altro simile) è libero e magari rimarrà tale per decorrenza dei termini o prescrizione!
E se i quattro "carichi" istituzionali potrebbero fare qualsiasi cosa e non essere processabili! Ora, a breve, non si può neanche più intercettare...."che bello"!
Ma in che paese viviamo?

Ciao Daniele!

Daniele Verzetti, il Rockpoeta ha detto...

PER MIRYAM: concordo con la tua analisi soprattutto poi nella parte dove anche tu giustamente sottolinei l'importanza anche di azioni anche di piccola portata ma nel quotidiano con amici per es e con ogni soggetto con cui ci si relaziona.

La lotta deve essere a 360° e su ogni fronte possibile.

flo ha detto...

Infatti sono proprio i blog ad infastidire e non certo Feisbuc, un social network dovrebbe essere preso per quello che è: un luogo virtuale dove fare amicizie, non certo il posto giusto per esprimere le proprie idee. Tutto viene banalizzato le fre migliaia di gruppi che nascono come funghi. Ma le mode hanno vita breve..

Guernica ha detto...

Ti sto facendo un applauso Daniele!
Uso anche striscioni e trombe bitonali!!!
^_^

In modo ironico ho postato anche io contro Facebook ed il parallelismo con la "spazzatura" ci sta tutto. Senti come puzza!???

Non è un caso che odio anche il marciume delle Fs.Mi faccio un vanto del fatto che il mio odio è sempre ben mirato.Odio poche volte ma bene, insomma!eheheh

L'ipocrisia ci governa.Finti moralisti.Siamo circondati.

Tinto91 ha detto...

pure io ad un certo punto avevo smesso di scrivere e lottare ma poi mi sono reso conto che
facendo cosi li avrei solo favoriti perchè è quello che vogliono loro, ma noi non dobbiamo mollare mai! lottare e resistere! siempre!

comunque bella ed efficace la tua proporzione ;)

per quanto riguarda facebook l'ho senta pure io questa voce e sono convinto che sia nato apposta per schedare le persone in quanto ognuno inserisce il suo vero cognome e nome, data di nascita, gusti personali, orientamento politico e foto personali! e mentre ognuno sputtana al mondo tutta la sua privacy loro ti fanno sentire protagonista su facebook facendo cosi in modo che tu non pensi più alla pericolosità della divulgazione dei propri dati personali.


P.S. non mi è affatto sgradito il linkarmi, è una notizia che mi da felicità perchè vuol dire che riesco ad esprimermi bene ed essere concreto nei miei articoli, linkerò il tuo blog nel mio, sia come segno di riconoscenza ma sopratutto perchè sai scrivere, tratti argomenti seri e stai dalla parte giusta :D

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

PER TINTO '91: Grazie per le tue parole e Benvenuto in questa agorà!

Daniele

diotima47 ha detto...

tu sei l'oracolo in persona! oro colato.
Io, sai, forse perché giunsi al disincanto politico totale, ho stabilito per il bene della mia fantasia di sorvolare, come una strega a cavallo della scopa, su tale squallor e guardare in su dove le stelle sorridono


un abbraccio
diotima

Anonimo ha detto...

(scusa se sorrido per il commento di diotima47) ...sai come li chiamo io post come questi? sberloni in faccia! sì perchè l'estate, il mare, il caldo manda in vacanza anche i neuroni e tu ci pigli per i capelli e ci scuoti per bene. Bene RockPoeta! grazie anche per questo.
libera.

chit ha detto...

Lo sostengo da tempo e lo ribadisco, i social network sono solo "apparente" libertà e comunque condizionata; i blog, solo i blog sono veramente liberi e quanto è vero il papa (e purtroppo è vero!) stavolta sto veramente pensando ad un'azione forte per difendere una delle poche libertà rimaste, quella di pensiero e d'espressione!

Daniele Verzetti, il Rockpoeta ha detto...

CHIT: Mi troverai al tuo fianco per difenderla e per risvegliare le coscienze sopite che in quetso momento non riescono a reagire

Gunther ha detto...

è dura resistere è dura in particolare modo quando 70 su 100 ti danno torto, importante è credere in cio che si fa... facebook mi ha aiutato a re-incontrera i compagni di scuola elementare per scoprire che se dopo tanti anni non li vevo più sentiti, una ragione c'era anche se l'avevo dimenticata!

giraffa.c ha detto...

Io ci sono! Resisto, resisto, resisto, nella vita virtuale del blog e nella vita reale, dove provo concretamente a combattere per migliorare le cose, non vado al family day e non vado a puttane (anche se vorrei dar loro un lavoro più soddisfacente) ho cancellato il mio account su facebook dopo nemmeno una settimana, e lo definisco come RincoSocialNetwork, dove è impossibile scambiare idee, opinioni, riflessioni su quello che accade nel mondo (e sta accadendo di tutto, accidenti!). Perciò, buona resistenza a tutti! :-)

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

PER GIRAFFA C: Rinco Social Network: grandiosa definizione LOL!

Mi fa sempre piacere vedere che ci sono sempre più persone che cmq voglino resistere anche se forse siamo ancora in pochi! Benvenuta in questa agorà spero di rivederti ancora!

Daniele

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

PER GUNTHER: hai ragione ma il fatto che siamo in pochi non deve scoraggiarci ma spronarci a lottare di più per aumentare le nostre fila.

indierocker ha detto...

In una fase di crisi come quella in cui ci troviamo, diviene compito di tutti esigere e promuovere un cambiamento. Svegliarsi. Assumersi le proprie responsabilità. Fare pressione. E' compito dei cittadini, degli elettori. Ognuno secondo la sua idea politica, ma secondo una richiesta sola: che si cominci a fare sul serio, già da domani...

(Roberto Saviano, dicembre 2008)

indierocker ha detto...

...da domani, già da domani, daniele!
grazie per questo post!!!

Daniele Verzetti, il Rockpoeta ha detto...

PER INDIEROCKER: benvenuto e grazie a ter per il tuo commento e per esserci!