lunedì 15 giugno 2009

OPINIONE DEL ROCKPOETA: Ping Pong

Berlusconi stuzzica Franceschini, lui risponde (conferenza stampa per dire che lui non ha paura del lupo cattivo... sic....) ed il ping pong continua.

Intanto forse dovremmo guardare all'Iran dove si va in piazza per sfidare una dittatura. Certo laggiù stanno peggio ma forse dovremmo prendere esempio.

Difendere internet: stanno cercando di fermare i blog. Ma facciamo ancora paura? Siamo sicuri? Su Zeus News esiste un articolo ( http://www.zeusnews.com/index.php3?ar=stampa&cod=10528&numero=999)dove si scrive che il 95% dei blog presenti e monitorati su Technorati sono praticamente morti ossia spenti.(dati 2008, ed ora a me sembra si stia ancora peggio... leggasi post precedente)

Resistono quelli che parlano soprattutto di attualità e realtà in modo particolare.

Ma se siamo rimasti così pochi forse dovremmo farci adottare da Fulco Pratesi ed il suo WWF! Dovrebbero tutelarci come razza in via di estinzione e non darci ancora addosso!

Va anche detto che in effetti in questo periodo molti siti fanno a gara a darci le stesse notizie sempre e diventa davvero dura trovare e scovare quelle news che cercano di far scivolare nel nulla.

Ovviamente in una jungla impervia e folta come la rete diventa sempre più difficile trovare le notizie "giuste". Forse potremmo paragonare meglio il web ad un oceano nel quale speri di trovare la "goccia" giusta da far affiorare...

Intanto vediamo Nicola Piovani gioire per la nascita del Liceo Musicale voluto dalla Gelmini. E dei tagli e dell'affossamento della scuola pubblica Piovani (ma non era di sinistra???) non ne parla resta inebetito da questa notizia. (Era Su Repubblica cartacea di qualche giorno fa)

Io mi sento davvero senza forze. Resisto e lotto ovviamente ma trovo sempre più un mondo ovattato e rinchiuso dentro una sorta di vuoto pneumatico dove nulla di quello che dovremmo sapere veramente ci raggiunge e nulla di quello che sappiamo ci scuote e scuote molti altri ad agire.

Tanti stanno cambiando parrocchia passando al Pdl. Perché? Semplice, per la regola del vecchio adagio " se non puoi batterli unisciti a loro" con la speranza che dentro quel maxi-trogolo possano mangiarci anch'essi almeno un po'... E poi grugnire con gioia!

Veniamo allora, secondo me, alle notizie che non si trovano:

1) Pellet radioattivo: questa notizia si trova ma nessuno rilancia il problema dell'energia pulita e dei rischi di importazione da paesi poco controllati come quelli dell'est... salvo quando ci sono episodi come questo...

2) Morti sul lavoro: sarò noioso e ripetitivo proprio come forse lo saranno anche i lavoratori che muiono quasi ogni giorno ma credo se ne dovrebbe parlare più spesso e denunciare un immobilismo sbalorditivo ed esasperante. Ecco, questo sarebbe un tema, a mio avviso, per cui andare in piazza senza bandiere di partiti ma solo con quella di blogger insieme anche a quelle moltitudini di anime che ci leggono o cmq anche senza conoscerci vogliono, come noi, cambiare le cose.

3) Pillola del giorno dopo e obiezione di coscienza illegale ed in malafede (non si tratta di pillola abortiva) da parte dei farmacisti che spesso mentono anche affermando di non averla. A questo aggiungiamo che siamo uno dei pochissimi Paesi che non ammette o quantomeno non permette di utilizzare regolarmente la RU486 all'interno delle strutture ospedaliere e sotto controllo e prescrizione medica.

4) I Sindaci delle zone terremotate dell'aquilano ed i loro cittadini e chi vorrà esserci saranno DOMANI a ROMA alle 12.00 per chiedere garanzie serie per la ricostruzione; per saperne di più e diffondere la notizia leggete qui: http://miskappa.blogspot.com/2009/06/i-sindaci.html

Allora, detto questo, se vi siete annoiati (spero di no eh...) a leggere notizie come queste, potete riaccendere la tv e vedere il prosieguo dell'incontro di Ping Pong Berlusconi vs. Franceschini.

A chi fosse interessato auguro sinceramente una buona visione.
-----------------------------------------------------------------------------
Per Votare su OkNotizie: http://tinyurl.com/my4f44

32 commenti:

enrica ha detto...

Pillola del giorno dopo:
Concordo con i farmacisti che fanno obiezione di coscienza. E non perché io sia contro l'aborto, che considero comunque come un'esperienza devastante per una donna e pertanto dovrebbe essere considerata come l'ultima spiaggia. Ma perché la storia dell'RU486 è molto sospetta.
Quel che accade di solito è che uno scienziato scopre o inventa qualcosa, il potere costituito lo ostacola, alcuni illuminati hanno il coraggio di difendere la scoperta o l'invenzione e dopo lunga e penosa malattia alla fine prevale la verità e l'invenzione o scoperta s'impone al di sopra dei pregiudizi.
La vera storia dell'RU486, invece, sembra seguire un altro tipo di percorso. Inventata da un ricercatore per conto di un'industria farmaceutica francese viene allegramente messa sul mercato e pubblicizzata, con l'aiuto del governo. Sorgono proposte da parte di gruppi cattolici e, bada bene, gruppi di femministe, perché si scopre che alcuni effetti collaterali della stessa sono letali. Si parla di casi di coma e morte causati dall'assunzione della pillola. Sotto la pressione della protesta popolare l'industria farmaceutica smette di produrre la pillola e si ritrova poi con l'ultimatum del Ministro della Sanità francese di allora, un anonimo Claude Evin, che oggi è un allegro dipendente di un'industria farmaceutica americana. L'industria farmaceutica francese riprendere la produzione sotto minaccia, per poi fermarsi di nuovo sempre per via della pressione popolare. Vendono la pillola alla Rockefeller che cerca di farla produrre negli Stati Uniti. Anche qui l'insurrezione popolare ne ferma nuovamente la produzione. Così la passano ad un'anonima industria cinese che non si pone troppi problemi e la produce, per poi passarla di nuovo alla Rockefeller che trova il modo di distribuirla alle ignare donne africane. Tanto chi lo sa se le donne muoiono nei paesi del terzo mondo? Ho provato a cercare la storia sul net e, sai, non se ne trova più traccia...

Non trovi anche tu che sia un po' sospetto?

Enrica

Lucien ha detto...

Diamogli due mazze chiodate al posto delle racchette, così almeno ci divertiamo un po'. Non se ne può più.

Anna ha detto...

Sì Daniele, capisco quel senso di impotenza e frustrazione che provi. E' lo stesso mio e di molti qui sul web. Pochi, pochissimi, rispetto alla maggioranza che sguazza o, comunque, cerca di restare a galla nella melma del popolo che si dice della libertà.
Noi sfollati domani saremo a Roma, sperando di essere in tanti. Per provare a tirare fuori il capo da quella melma. Impresa ardua, ma noi ci proviamo. Fosse anche solo per un attimo.
Un abbraccio. Sai che so quanto vali.

Daniele Verzetti, il Rockpoeta ha detto...

PER ENRICA: guarda, con tutto il rispetto ma la pillola del gionro dopo non é la RU486 sono due cose diverse. Sono due prodotti differenti tant'é vero che la prima si vende per legge anche in farmacia previa ricetta se non erro, dovrebbe essere acquistabile senza problemi e consiste in un contraccettivo (non farmaco abortivo) del giorno dopo ossia quando non venendo usato dalla donna nessun altro contraccettivo preventivo (pillola, spirale,diaframma...) o in caso di un preservativo non usato (male, si dovrebbe usare anche per prevenire altre problematiche) o che magari "non era proprio a posto", o ancora perché il ragazzo non é riuscito a venire fuori, lei pensa o teme di poter restare incinta.

La RU486 invece comporta l'aborto (perché si é già incinta a tutti gli effetti) e sarebbe usata proprio per evitare sofferenze chirurgiche alla donna e ne é stata bloccata anche qui la sperimentazione figuriamoci l'utilizzo negli ospedali.

Quindi l'obiezione dei farmacisti sulla pilola del giorno dopo perdonami ma é tecnicamente e giudiricamente inaccettabile oltre che a mio avviso vergognosa ed inqualificabile.

http://www.vitadidonna.it/news/2008/03/la-pillola-del-giorno-dopo-non.html

Ed ancora:

http://www.agenziaradicale.com/index.php?option=com_content&task=view&id=4098&Itemid=51

Tornando all RU486 se é di quella proprio che parli, fermo restando che le notizie che racconti non le conosco, resta il fatto che questo farmaco viene utilizzato ovunque per questo scopo e per aiutare le donne a non avere il trauma dell'operazione.

Se facesse male sarebbero le donne stesse a non volerlo. Io trovo sospetto invece che siano stati i gruppi cattolici a rivendicare un problema di effetti collaterali e vorrei sottolineare che qui in Italia questo non é avvenuto. Se fosse così quale miglior appiglio per il Vaticano e certi cattolici se non proprio quello di mettere in risalto questo fatto.

Invece non é successo ed hanno solo rimarcato il concetto di aborto facile.

Questo onestamente mi lascia perplesso....

Con amicizia e stima ed un bacio :-)))
Daniele

flo ha detto...

Caro Daniele, temono la Rete perchè non la conoscono, perchè è praticamente impossibile da controllare, finora hanno sempre fallito e sempre falliranno nel tentativo di imbavagliare internet, è come pretendere che la gente diventi muta.
Purtroppo però, internet si può inquinare ed è quello che stanno facendo riguardo alle informazioni...

enrica ha detto...

Mi riferivo alla ru486 che viene anch'essa spesso chiamata "pillola del giorno dopo".
Per quanto riguarda i fatti che menziono, ecco alcuni riferimenti che per me sono stati illuminanti per capire meglio quello che è successo ed il perché della strenua opposizione (non solo cattolica, attenzione) a questo farmaco:
a. Qui trovi la storia della ru486 http://www.ru486.org/quick1.htm

b. Qui trovi i riferimenti all'uso della ru486 per il controllo delle nascite nel terzo mondo http://www.iahf.com/other/20000929.html

c. Qui trovi il riferimento su Claude Evin, ti consiglio di dare un'occhiata alla sezione "affaire" per capire meglio il personaggio http://fr.wikipedia.org/wiki/Claude_%C3%89vin

d. Qui trovi la descrizione degli effetti collaterali e la ragione per cui c'è così tanta opposizione a questo farmaco sotto la sezione "Safety and political concerns" http://www.lifeissues.net/writers/kop/kop_02chemab.html

e. Qui infine trovi il riferimento sul fatto che ru486 è prodotta quasi esclusivamente in Cina. http://www.lifesitenews.com/ldn/2007/jul/07072607.html

Sono tutti riferimenti in inglese o francese ma mi sembra di aver capito che parli entrambe le lingue.

Un abbraccio a te!
Enrica

♥gabrybabelle ۶(๏̯͡๏)۶ ha detto...

sono una lettrice accanita di Zeuws ,iscritta alle news dal 2002 e ho appena finito di leggere il pezzo sui blog abbandonati,ma non mi sono meravigliata per nulla,la maggior parte sono di pura scemenza e quelli ' durano poco
A me i windows-Gropus hanno chiuso tre forum(il primo aperto nel lontano 1997.chiusi per tutti definitivamente l'anno scorso febbraio 2008) ,
ogununo cn tematiche diverse,non è stato contro di me,ma semplicemente è che hanno chiuso i Groups,che sono stai antesignani ai blog,per che cosa? farci trasmigrare su piattaforma blogger!!ma se ci ono gia' i windows spaces ?ah gia,ormai anche li è una specie d comunity con tante implementazioni che non sai piu dove girarti!!
Uno apre un blog anche per condividere idee e far passare notizie che altrimnti non passerebbero-La realta' Iraniana ne è piena dimostrazione attuale,AckmadineJAD o come cacchio si scrive,il loro kapo' ieri ha fatto chiudere Facebook Iran,E ALTRI SOCIAL NETWORK passava troppa roba,troppe notizie,mi ricorda la stessa storia della Cina nei confronti del Tibet e dei problemi del ppolo Tibetano,qui da noi c'è un comunita Tibetana,abbiamo avuto la visita del Dalai Lama,eravamo tutti contenti MA in quel periodo mancavano notize vere,tutto era filtrato e se continuiamo cosi anche noi,a dare retta ad una nano impapaverato impazzito finiremo nello stesso pentolone!!porca zozza!!sorry!!!
stronzo era,stronzo è,stronzo rimane,e poi da quando qualcuno lo ha convinto ad "impapaverarsi" facendogli passare la pozione,come e pari ad un Elisir di lunga vita, si sente invincibile,poveretto lui ,che non si cura degi effetti collaterali,quindi? Stronzo e impapaverato rimane al quadrato!!!

Daniele Verzetti, il Rockpoeta ha detto...

PER ENRICA: inglese si francese no ma ci proverò

Resta il fatto che se così fosse la sperimentazione lo proverebbe. E nessuno la vuole fare.

La Mente Persa ha detto...

Resisti. Per noi tutti.

Non credo vogliano bloccare noi blogger, temono Grillo, Ricca, insomma tutti quelli che possono raccogliere nuovi consensi.
Noi piccoli pesci del web parliamo tra di noi e non smuoviamo intere piazze.
gio

Guernica ha detto...

Daniele, mi fermo sulla pillola del giorno dopo in primis.Forse perchè sono donna e infine siamo noi a dover ingerire di tutto...
Non sono contraria alla possibilità di abortire, in qualunque modo lecito.Ognuna deve avere libertà di scelta.Ma perchè arrivare a questo se si può provvedere prima???
Quella famosa pillola è accusata di provocare effetti collaterali che arrivano alla mortalità.
Mi chiedo, perchè rischiare?
Oppure perchè accettare la pressione psicologica di un aborto?
Insomma.BASTA! La testa è fatta per ragionare.Ogni azione comporta delle conseguenze.E' ora di smetterla di agire senza pensare, come i bambini!Questa facile ma deleteria deresponsabilizzazione non mi piace!!!
Ed è sorta da quando hanno introdotto questi "estremi" contraccettivi.

Franceschini?
Ma...sorvolo con immenso piacere.
Non voglio più vedere nessuno di loro!!!!!!!!!!!!!!!!!

Hem...scusa lo sfogo ma oggi sono inc***ata!
Lol..

Poi passo da Miss Kappa.

Un bacione.

Vale ha detto...

Sempre più in basso....

Daniele Verzetti, il Rockpoeta ha detto...

PER GUERNICA: il fatto che stupidamente non si siano prese precauzioni necessarie non é reato e non deve portare ad una punizione che poi in caso di gravidanza si riverberebbe sul figlio nascituro che colpe non ne ha e non ne dovrebbe avere mai.

Questo per quanto la pillola del giorno dopo; per quel che concerne la RU486 io dico solo che vedo un'avversione feroce di carattere dogmatico e meno scientifico (alludo ai media ed alla Chiesa e non ai commenti tuo e di Enrica ovviamente) e mi chiedo perché.

Concordo ripeto che pensarci prima sarebbe meglio ma non si può né si deve punire chi non ci ha pensato. Aggiungo che spesso poi i colpevoli sono i maschi i quali se la ragazza non prende la pillola spesso non vogliono usare il preservativo o sono alle prime armi e sono imbranati o ancora cmq non li hanno con loro. Quindi la ragazza pagherebbe per colpe non sue.

Ma digressione a parte, riabadisco che la pillola del giorno dopo é per legge acquistabile e quindi, pareri personali a parte, non deve esserne vietato l'acquisto e non essendo un farmaco abortivo non é per legge ammessa l'obiezione di coscienza.

Un bacione!
Daniele

maurob ha detto...

Ma volere imporre il proprio parere a discapito della volonta degli altri non è illegale???
Pensare ad una cosa è un conto volere obbligare tutte le persone a pensarla uguale è un aggressione mentale.

alianorah ha detto...

Io sapevo che la pillola del giorno dopo, in caso ci sia stata fecondazione, di fatto provoca un microaborto. Sono informata male?
In quanto al ping pong, quei due si rilanciano le palline, e rompono le nostre.

enrica ha detto...

Caro Daniele, ho paura che di sperimentazione su questo farmaco ne sia stata fatta fin troppa, specialmente in paesi del terzo mondo... ma ho perfino paura a pensarci.
Enrica

inessuno ha detto...

Vedrai che fine faremo...

In quanto alle morti bianche, qualche ora fa sono morti due operai a Imperia.

Domaqni seguiamo il sit-in dei terremotati

darksecretinside ha detto...

Ciao Daniele....Certo che se dovesse accadere davvero di mettere in atto la censura ai blog, credo che altro che dittatura....
anche se personalmente non penso che ci arriveranno mai...non è che gli convenga tanto....
Un abbraccio!
Grazie per ciò che hai scritto stamani da me!

maria rosaria rossini ha detto...

già! liceo musicale... e dopo averlo frequentato cosa faranno? oltre ai tagli ed all'affossamento della scuola pubblica, piovani ha dimenticato la falciata al fus, fondo unico per lo spettacolo, grazie alla quale gli enti lirico-sinfonici stanno morendo per asfissia. vedremo, dani, vedremo dove si andrà a finire... la deriva è alle porte e si scenderà in piazza in molti. purtroppo solo quando si sarà toccato veramente il fondo.
un bacio, e perdona l'acidità ma per ora non riesco a curarla

Mio Capitano ha detto...

non sono d'accordo su alcune considerazioni di questo pur interessante articolo.
Prima questione. Io non vedo questi tempi così cupi per la Nazione o la democrazia. Mi pare che la democrazia funzioni abbastanza bene (anche se nell'ambito non perfetto in cui funzionano le democrazie). Abbiamo libere elezioni che si svolgono regolarmente. Non mi risulta che finora si siano soppressi appuntamenti elettorali importanti. La gente si reca alle urne e a quanto mi si dice vota liberamente, se vuole votare, per chi vuole votare. Non ci sono brogli significativi o significativi tentativi di intimidazione: in sostanza se uno vuole votare giallo vota giallo e se vuole votare viola vota viola e nessuno gli cambia il voto. L'informazione al momento in cui scrivo sembra far sentire diverse campane e non una sola, io perlomeno sento molte campane, la gente mi pare che abbia un discreto cervello ed esprime secondo coscienza la sua libertà democratica. Questa mi pare la fase attuale, del doman, come si sa, non v’è certezza, né in politica né in amore.
La fase due sui blog. Io non credo che i blog dovrebbero fare necessariamente informazione come i giornali o che siano più meritevoli quelli che riportano notizie od opinioni politiche, del resto spesso di terza mano. Sui blog si parla di ciò che si vuole. Il mio parere personale, anzi personalissimo come diceva Rino Tommasi, è che si parli troppo di politica e soprattutto di partiti. Mi pare che ci sia una cacofonia sul basso partitismo che personalmente non approvo e che non mi pare migliori la vita della Nazione o la mia in particolare. Se potessi esprimere un desiderio vorrei che si parlasse di meno di partiti, sul blog e altrove.
Infine sui tentativi di censurare i blog che ogni tanto vengono adombrati, prima per opera di Prodi e ora di Berlusconi. Non credo che si possa censurare alcunché. Le fonti e gli strumenti di informazione sono ormai tali e tanto variegati chè è difficile tenerli sotto controllo. E’ come quando ogni tanto le case cinematografiche annunciano nuovi sistemi di criptazione dei film in dvd e Blu-ray per sottrarli al file sharing. Appena loro criptano il segnale, ci sono quelli che decrittano. Inoltre quelli che decrittano sono persone intelligenti, capaci e sanno perfettamente votare alle elezioni per quelli che vorrebbero criptare i film in dvd o l’informazione politica e non.
Ciao Daniele.

oscar ferrari ha detto...

A me non fa paura la moria dei blog, fino a quando ci saranno quelli come Miss Kappa, l'unico posto dove vado per vedere veramente quel che succede nelle zone del terremoto

*Alidiluna* ha detto...

Daniele condivido con te..e per farti sorridere fai un giretto e cerca la maglietta che oggi sta spopolando nel napoletano,con su scritto: I ♥ Papi !!
Non finirò mai di sorprendermi!
Giulia

l'incarcerato ha detto...

Meglio i blog come il tuo che le stupidagini di Franceschini e Berlusconi.

"2) Morti sul lavoro: sarò noioso e ripetitivo proprio come forse lo saranno anche i lavoratori che muiono quasi ogni giorno ma credo se ne dovrebbe parlare più spesso..."

Bene caro Daniele, oggi ho fatto il seguito del post sulla 'ndrangheta e ho parlato delle morti bianche. Questo per dire che è un problema che ci riguiarda da molto vicino e lo Stato non fa nulla per arginarlo. Anzi, con il famoso "Piano Casa" di Berlusconi, aumenteranno sempre più ditte edili scadenti ove per vincere gli appalti risparmiano sulla sicurezza. Vincono con il sangue degli opera!

Un abbraccio e Resistiamo!

elena ha detto...

@miocapitano: non sono d'accordo, sullo stato della democrazia, perché democrazia vuol dire dare tutte le informazioni, o dare l'informazione NEUTRA (che, temo, non esiste) in modo che poi uno si faccia la sua idea. Non dare solo le informazioni che piacciono a qualcuno, o darle in modo che la gente sia indotta a pensare come il potere vuole... prendi l'immondizia di Napoli: tutto risolto, no? Stando ai TG. E invece, se si scava un po' in rete, si scoprono tante cosette interessanti... ma la rete chi la usa? innanzitutto chi ce l'ha, e poi chi supera la pigrizia del fatto che tanto ha già sentito il tiggì. Poi è vero: nessuno ti costringe a votare chi non vuoi. Ma è un discorso sottile, quello che non viene detto ma viene fatto: quello per cui se mi voti ti faccio avere un posto di lavoro, ad esempio... un po' come faceva la DC ai tempi, quando dava la scarpa dx e, a voto avvenuto, ti consegnava la sinistra... e non dirmi che non è vero: l'hanno fatto di recente con me. Ad esempio. A parte che magari, per millantare un voto cosciente, magari sarebbe necessario dare lo stesso tempo a tutti, e non privilegiare quelli che già stanno al governo.
Quanto alla rete, non è così difficile pensare che dia fastidio e che cercheranno tutti i modi per tapparci la bocca. Siamo in pochi a fare "informazione", ma bene o male tutti abbiamo subito qualche... tentativo di dissuasione? chiamiamolo così... a me hanno fatto saltare un blog senza motivazioni (e io non sono che una pulce, intendiamoci), ma Carlo Ruta viene sistematicamente oscurato... e mica è l'unico!
No, la democrazia non sta bene.
E le notizie che riporti, Daniele: dovrei sentirmi una spanna più alta (che non mi farebbe male...) perché sono proprio quelle che ho postato ultimamente (a parte la pillola del giorno dopo, di cui ammetto la quasi totale ignoranza). E invece mi sento solo più depressa. Ma non importa: "tiro avanti e non mi svesto / dei panni che son solita portare"...
ciao e grazie.

Giovanni Greco ha detto...

Franceschini e Berlusconi si stuzzicano a vicenda è vero e forse hanno rorro i gabbazisi a gli italiani che sono stanchi di queste cazzate è voglio i fatti e non le promesse.

Silvia ha detto...

Anche in me la speranza inizia un pò ad affievolirsi...Purtroppo.

La proposta di Lucien non è male però :)

Guernica ha detto...

Daniele, no.Non è reato!
Penalmente, civilmente...insomma giuridicamente.
Tuttavia un minimo di civismo urge!
In questa come nelle altre cose della vita.
La prima cosa che ci distingue dagli animali, o dovrebbe, è la ragione.
Bisogna tornare a risvilupparla!
Non siamo più nel Medioevo, quando anticipate soluzioni non esistevano.Ne siamo in un Paese dove queste non arrivano.
No no...non mi piace proprio questa deresponsabilizzazione.Lo ripeto!
Che poi debbano essere commercializzate e senza pressioni ideologiche o religiose, sono d'accordo.
Libero arbitrio e ognuno fa come crede!
Era una personale opinione.
Io non la prenderei neanche con una pistola puntata alla tempia!
Ne tantomeno abortirei.

E quindi infine mi pare che stiamo dicendo le stesse cose ^_^

Ti abbraccio!

Calliope ha detto...

salutino veloce Daniele.

Romina ha detto...

Ci sono blog e blog. Sono tanti i blog che trattano di politica e attualità in maniera molto superficiale, talvolta cialtronesca, e credo che questi non facciano paura a nessuno.
D'altra parte il web è lo specchio della vita reale e, proprio come in essa, la qualità non paga o paga poco, mentre più spesso vincono la mediocrità e la superficialità.
Le persone tendono poi a leggere molto in fretta, senza impegno, e spesso visitano gli altri blog solo per accaparrarsi a propria volta dei visitatori, cioè per "interesse". Lo si vede anche dai commenti che lasciano, che talvolta tradiscono in maniera ingenua l'estrema superficialità con cui hanno letto il post.

Mi sembra quindi che i blog davvero validi siano una netta minoranza.
Fra l'altro solo poco più del 2% circa della popolazione s'informa via internet.

Ma non credo che possano censurare i blog, più che altro perché è la natura stessa del web a renderlo difficile. Vorrebbero farlo, ma non potranno farlo o si scontreranno con tante difficoltà. Comunque, ad esempio ci sono i vari troll dei partiti politici che girano sui blog per inquinarli con i propri commenti.
Persino io ricevetti minacce fasciste e fui addirittura inserita in una lista nera di blog indesiderabili, per cui...

Saluti :)

yasmina ha detto...

Daniele, grazie come al solito per gli argomenti che metti in luce.
Morti bianche, hai ragione. non se ne parla abbastanza. leggo qui che 2 operai sono morti ieri ad imperia, la mia città... e non avevo avuto questa notizia da nessun'altra parte...
Energia pulita: io sono sempre stata favorevole al nucleare, ora vado a documentarmi sul fatto (che non conosco)
Pillola del giorno dopo: totalmente d'accordo con te, totalmente. e vorrei aggiungere che magari mettiamo pure casi come un preservativo che si rompe... non c'è solo sempre avventatezza nella vita... magari ogni tanto c'è anche un po' di sfiga. comunque dal momento che è legale è inaccettabile che un medico si dichiari obiettore e di fatto vieti al paziente di ricorrere ad un rimedio a cui ha legalmente diritto.
Su tutto il resto glisso.
un bacio
yas

gians ha detto...

Daniele sono giorni difficili, non non siamo per definizione degli editori e blog anche scrivendo tante verità hanno lo svantaggio d'essere poco visibili alla grande massa, noi sappiamo bene che l'informazione quella non pilotata è alla base di una vera capacità di critica e per questo continuiamo, anche purtroppo se rimaniamo in pochi. Un saluto.

progvolution ha detto...

come conosco bene quel sentirsi senza forze
Sussurri obliqui

Ormoled ha detto...

Il ping pong del presidente del consiglio e del capo dell'opposizione si e no che mi giungono alle orecchie. Mi interessano sicuramente di più le notizie che hai dato tu, sulle quali in pochi sembrano avere un vero interesse. Ciao